Cenda, 226 mila bolívares per un carrello della spesa in Venezuela

canasta

CARACAS – Mentre gli esponenti del Tavolo dell’Unità esigono al Consiglio Nazionale Elettorale la collocazione di 14mila seggi per la raccolta del 20 per cento delle firme per avviare l’utlima tappa del Referendum Revocatorio, i venezuelani continuano a fare miracoli non solo per reperire i generi alimentari nei supermarket ma anche per affrontare il sacrificio economico che rappresenta l’acquisto del carrello della spesa.

Stando al “Centro de Documentación y Análisis” della Federazione dei maestri, infatti, a maggio una famiglia tipo di 5 persone spendeva circa 226 mila 462 bolívares. Un incremento del 22,5 %, se comparato con i 184 mila 906 bolívares del mese di aprile.

Il Cenda, nel suo consueto rapporto mensile, ha sottolineato che sono 58 i prodotti oggi “uccel di bosco”. Insomma, difficili da reperire.

E’ questa un’affermazione che smentisce le dichiarazioni del Vice-Presidente dell’area economica, Miguel Pèrez Abad che, da Miraflores, ha reiterato quanto giá affermato mesi fa. E cioè che i livelli di approvvigionamento miglioreranno prossimamente.

Condividi: