Renzi, se perdo vado via. Adesso gigantesca campagna per il referendum

Pubblicato il 29 giugno 2016 da redazione

Italian Premier Matteo Renzi during a press conference at Chigi Palace in Rome, Italy, 24 June 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

Italian Premier Matteo Renzi during a press conference at Chigi Palace in Rome, Italy, 24 June 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

BRUXELLES. – “Se perdo vado via, come accade in tutta Europa. Non divento un pollo di batteria che fa finta di niente, come loro”. Matteo Renzi conferma di volersi giocare tutto, governo e futuro politico, al referendum costituzionale di ottobre.

Prima a Bruxelles, poi sulla sua e-news, non cede di un millimetro annunciando una “gigantesca campagna di informazione”, “10 mila comitati liberi entro settembre” per promuovere un “tam-tam”, “un porta a porta” per convincere capillarmente tutti gli italiani della validità della sua riforma per il futuro dell’Italia “tornata in Europa non più come imputata o esaminanda”, ma come un Paese che dice la sua “senza prendere lezioni da nessuno”.

E a Massimo D’Alema, che gli chiede di lasciare la segreteria Pd, replica secco: “Non ditelo in Italia – commenta sarcastico – ma in Europa il leader del partito di maggioranza è anche il primo ministro: funziona così nelle democrazie occidentali, in Gran Bretagna, in Francia, in Germania, in Spagna. E funzionerà così anche in Italia”.

“Se perdo il referendum vado via: è una cosa normale e logica. Solo da noi – osserva dopo il summit europeo – chi perde resta e continua a fare carriera politica per 50 anni. Secondo voi io posso diventare un pollo da batteria che perde e fa finta di nulla?”.

Il premier ammette che è una partita a “rischio”, a maggior ragione dopo il trauma della Brexit. Si rende conto che esiste il pericolo che la furia populista, già vittoriosa nel Regno Unito, si possa saldare con il dissenso che viene anche all’interno della sinistra.

“In molti – osserva Renzi – hanno collegato il referendum britannico a quello italiano di ottobre. E tanti amici mi hanno scritto, preoccupati: ‘Matteo, attenzione. Il referendum è un rischio!’ Ehi, ragazzi, non scherziamo! Certo che è un rischio. Ma chi ha paura dei rischi non può fare politica”.

Il ragionamento che si fa a Palazzo Chigi è che la linea di Renzi non è assimilabile a quella di Cameron. Brexit non fa rima con Renxit. “Basta vedere al Parlamento europeo che i M5s stanno con Farage e Salvini sta con Le Pen. Auguri!”, osserva orgoglioso.

Al di là della propaganda, i due referendum, spiegano a Palazzo Chigi, trattano materie totalmente diverse. Inoltre, a differenza di Cameron, non è Renzi che ha voluto il referendum. La consultazione di ottobre è prevista dall’art.138 della Carta, ed è difficile, ragiona il premier, per i paladini della lotta alla casta votare contro una riforma che punta a “ridurre le poltrone e i costi della politica”.

Anzi, proprio chi vota no, “vuole salvare il posto”, “ed è preoccupato dalla fine dei giochi di palazzo”, quindi evita di parlare del contenuto della riforma. E su questo punto Renzi, pur senza citarlo, replica duramente alle critiche ricevute da Massimo D’Alema a Ballarò.

E lo fa, ribaltando sui suoi avversari l’accusa di aver personalizzato troppo la lotta referendaria. “Nei rari momenti in cui i contrari al referendum stanno in tv – commenta sarcastico – non parlano del merito delle riforme, ma di me. Io vorrei che si discutesse del merito. Pare che il 60% degli italiani non conosca su cosa si vota. Tocca informarli. Spiegate a tutti i vostri amici – è l’appello lanciato sulla e-news – di cosa si parla quando si parla di referendum. Raccontate la verità sul referendum. Perché la verità è fondamentale. Basta dire la verità e vinceremo questo referendum: la verità – conclude – è più forte delle bugie, sempre”.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora