Si riapre partita Italicum, a settembre torna alla Camera

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Il Tribunale di Messina ha rinviato alla Corte Costituzionale l'Italicum, facendo propri i motivi di incostituzionalità presentati in più tribunali italiani. Cosa prevede la nuova legge elettorale Italicum

Il Tribunale di Messina ha rinviato alla Corte Costituzionale l’Italicum, facendo propri i motivi di incostituzionalità presentati in più tribunali italiani. Cosa prevede la nuova legge elettorale Italicum

ROMA. – L’Italicum, la nuova legge elettorale approvata un anno fa, non è mai stata testata nelle urne, anche perché diventerà utilizzabile solo domani, il primo luglio 2016. Ma già in Parlamento si discute di come modificarlo. E se nelle ultime settimane il dibattito si era svolto sotto traccia, a partire dal Pd, è adesso una mossa di Sinistra italiana a riportare il tema nelle Aule parlamentari: con una mozione, inserita nel programma dei lavori di settembre della Camera, che impegna il Parlamento a cambiare alcuni aspetti ritenuti incostituzionali.

Fin dalla sua approvazione l’Italicum è osteggiato da un fronte trasversale che va da Forza Italia alla minoranza Pd. Tanto che, per evitare che si potesse andare al voto anticipato con questa legge, si è stabilito che fosse ‘utilizzabile’ solo dal primo luglio di quest’anno.

Ma, ironia della sorte, il giorno prima da quella data la richiesta di Sinistra Italiana riapre ufficialmente il dibattito su come cambiarla. Un’iniziativa che viene inserita nel programma dei lavori di settembre in quota opposizione e di cui i capigruppo di Montecitorio prendono atto in giornata.

Perché approdi davvero in Aula, sottolineano dal ministero delle Riforme guidato da Maria Elena Boschi, il testo dovrà però poi essere calendarizzato. Dunque “ad oggi nulla è stato deciso”. Inoltre, viene fatto notare, in Aula non si discuterebbe la legge o le sue modifiche ma solo un “atto di indirizzo”.

“Tutte le leggi, compresa quella elettorale, si possono cambiare se si vuole. Di certo non si cambiano con una mozione…”, sottolinea il capogruppo Pd Ettore Rosato. Ma l’ex Dem Alfredo D’Attorre (ora in Si) rivendica che “la mozione farà chiarezza prima del referendum costituzionale” e il capogruppo Arturo Scotto sostiene che Boschi, “forse molto nervosa”, non può impedire che approdi in Aula a settembre.

Comunque sia, il dibattito è ufficialmente riaperto. I Cinque stelle, che sarebbero i più favoriti dall’Italicum, assicurano che non cambia la loro posizione di contrarietà: il testo, concordano con Si, è incostituzionale.

Ma nella maggioranza più d’uno si dice pronto a scommettere che al momento decisivo lavoreranno sottotraccia per lasciarlo così com’è.

La modifica più richiesta è al momento l’introduzione del premio di maggioranza alla coalizione e non alla lista. Lo chiedono Forza Italia, gli alfaniani e anche una proposta di legge depositata dal presidente del gruppo Misto Pino Pisicchio.

E l’idea sarebbe condivisa anche da un pezzo di maggioranza Pd, in particolare dai ‘franceschiniani’. Mentre i renziani continuano a sostenere la bontà del testo. Ma, nell’attesa che si pronunci Matteo Renzi, anche loro ormai ammettono che “una riflessione” sulle modifiche è possibile e già avviata.

Ma chi vuole realizzarle, osserva Andrea Marcucci, deve trovare una maggioranza che le voti in Parlamento. La minoranza Pd si augura che un’apertura netta sia fatta dal premier nella direzione del partito convocata per lunedì. Anche perché, ricorda Gianni Cuperlo, “un atto di apertura sulla legge elettorale renderebbe anche più semplice il percorso del referendum costituzionale”.

La sinistra Dem ha sempre affermato infatti che è il “combinato disposto” di Italicum e riforma costituzionale a non funzionare. Dunque, afferma Davide Zoggia, se Renzi non apre a modifiche alla legge elettorale un pezzo della sinistra potrebbe non sostenere il referendum.

Quanto invece alla mozione di Si, dalla sinistra Pd emerge qualche perplessità: “A che serve la mozione? Il Pd e la maggioranza non potrebbero che votare contro, per dire che la legge è costituzionale. E poi le modifiche sarebbero ancora più difficili”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

11:10‘Usa vieteranno agli americani viaggi in Corea del Nord’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Gli Stati Uniti intendono proibire agli americani di viaggiare in Corea del Nord. Lo sostengono i tour operator Koryo Tours e Young Pioneer Tours, secondo quanto riportato dalla Bbc. Le due agenzie di viaggio sostengono che il divieto sarà annunciato il 27 luglio e comincerà a valere un mese dopo. Dalla Casa Bianca non è arrivata alcuna conferma della notizia. Young Pioneer Tours è il tour operator con il quale viaggiò lo studente americano Otto Warmbier morto a giugno dopo aver trascorso 15 anni in un carcere nordcoreano.

11:09Calcio: Dzeko assicura ‘sarà una Roma ancora più forte’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Siamo ancora all'inizio della preparazione. Qualche giocatore importante è andato via, ma ne sono arrivati altri forti. E magari ne arriveranno ancora. Sono sicuro che la Roma sarà forte anche più dello scorso anno". Parola di Edin Dzeko. Il capocannoniere del passato campionato rassicura i tifosi e manda un messaggio alle rivali. Da Boston, seconda tappa del tour estivo che sta affrontando la formazione allenata da Di Francesco, l'attaccante bosniaco ricorda come l'obiettivo della Roma sia quello di "fare bene in tutte le competizioni, dalla Champions al campionato passando per la Coppa Italia". "Quella scorsa - dice a RomaTv - è stata una stagione molto bella per me, con tanti gol, e voglio ripartire da lì. Voglio continuare così, segnare ancora tanto anche se so che è difficile. Mi voglio preparare bene per farmi trovare pronto". E a dargli una mano ci sarà l'ultimo acquisto del ds Monchi, Defrel: "È forte, mi piace. Deciderà il tecnico, ma penso che possiamo anche giocare insieme, non è un problema''

10:53Strangolato Valencia: omicidio aggravato a presunto omicida

(ANSA) - FERRARA, 21 LUG - Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio aggravato è stata notificata dai carabinieri di Ferrara a Eder Guidarelli, il 32enne accusato di avere strangolato con una corda l'amico Marcello Cenci il 2 luglio a Valencia. Guidarelli, arrestato a Ventimiglia mentre rientrava in Italia dalla Spagna, è stato poi trasferito nel carcere di Imperia. La misura cautelare - spiegano i militari del Reparto Operativo-Nucleo investigativo estense - segue "mirati accertamenti tecnici, specifici riscontri e attività investigative", condivisi dall'autorità giudiziaria di Ferrara, che lo indicano come unico autore della morte di Cenci. Secondo l'accusa, Guidarelli avrebbe covato una forte gelosia nei confronti di Cenci per via di una donna. Gelosia sfociata in tre aggressioni a Ferrara e Valencia. Per questi episodi pendeva un processo per stalking, fissato per ottobre: erano in corso trattative per il patteggiamento e il risarcimento danni, possibile causa scatenante dell'omicidio. (ANSA).

10:50Terremoto: Kos, Farnesina verifica presenza italiani

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "In relazione al terremoto che ha colpito l'isola di Kos, l'Unità di crisi della Farnesina e l'ambasciata d'Italia ad Atene sono al lavoro da questa notte per escludere la presenza di connazionali tra le vittime del sisma". Lo ha riferito la Farnesina.

10:47Turchia: ‘legami Gulen’, altri 188 mandati di cattura

(ANSA) - ISTANBUL, 21 LUG - Nuova ondata di arresti stamani in Turchia per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Istanbul ha emesso 168 mandati di cattura nei confronti di persone accusate di aver utilizzato ByLock, l'app di messaggistica che, secondo gli inquirenti, veniva utilizzata dai 'gulenisti' per scambiarsi informazioni criptate. Almeno 115 sono già state arrestate in operazioni condotte nei quartieri di Uskudar e Umraniye, sulla sponda asiatica di Istanbul. I blitz sono ancora in corso. Altri 20 mandati di cattura sono stati emessi dalla procura di Ankara nei confronti di dipendenti del ministero delle Risorse Forestali.

10:44Calcio:in Spagna insistono,è accordo fra padre Neymar e Psg

(ANSA) - MADRID, 21 LUG - Neymar sarebbe sempre più vicino a lasciare il Barcellona per vestire la maglia del Paris Saint-Germain. Secondo l'emittente pubblica catalana Catalunya Radio, citata da Marca online, il padre dell'asso brasiliano avrebbe già raggiunto un accordo con il Psg per il passaggio della stella del Barcellona al club parigino. Catalunya Radio, che si definisce la "radio nazionale catalana", ritiene che la cessione di Neymar al Paris Saint Germain sia cosa fatta "al 95%". As scrive che il club catalano inizia a prendere sul serio il rischio di perdere il brasiliano, e che il Psg pagherà i 222 milioni della clausola rescissoria. Una possibilità che "sta provocando il panico nel Barca".

10:36Golf: Belgian International, Farina in vetta

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Ludovica Farina ha preso il comando con 136 (69 67, -8) colpi nel secondo giro del Belgian International Amateur Golf Championship National Stroke Play Championship, che si sta disputando sul tracciato del Golf Club d'Hulencourt (par 72), a Vieux-Genappe in Belgio. E' all'ottavo posto con 141 (69 72, -3) Ludovica Scandroglio e al nono con 143 (74 69, -1) Alessia Avanzo ed è rimasta in gara dopo il taglio anche Alessia Fornara, 21ª con 148 (74 74, +4). Il trio italiano composto da Farina, Scandroglio e Avanzo ha vinto con 274 (138 136, -14) colpi la Nations Cup precedendo la Germania (278, -10), Belgio 1 (282, -6) e Belgio 2 (283, -5).

Archivio Ultima ora