Si riapre partita Italicum, a settembre torna alla Camera

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Il Tribunale di Messina ha rinviato alla Corte Costituzionale l'Italicum, facendo propri i motivi di incostituzionalità presentati in più tribunali italiani. Cosa prevede la nuova legge elettorale Italicum

Il Tribunale di Messina ha rinviato alla Corte Costituzionale l’Italicum, facendo propri i motivi di incostituzionalità presentati in più tribunali italiani. Cosa prevede la nuova legge elettorale Italicum

ROMA. – L’Italicum, la nuova legge elettorale approvata un anno fa, non è mai stata testata nelle urne, anche perché diventerà utilizzabile solo domani, il primo luglio 2016. Ma già in Parlamento si discute di come modificarlo. E se nelle ultime settimane il dibattito si era svolto sotto traccia, a partire dal Pd, è adesso una mossa di Sinistra italiana a riportare il tema nelle Aule parlamentari: con una mozione, inserita nel programma dei lavori di settembre della Camera, che impegna il Parlamento a cambiare alcuni aspetti ritenuti incostituzionali.

Fin dalla sua approvazione l’Italicum è osteggiato da un fronte trasversale che va da Forza Italia alla minoranza Pd. Tanto che, per evitare che si potesse andare al voto anticipato con questa legge, si è stabilito che fosse ‘utilizzabile’ solo dal primo luglio di quest’anno.

Ma, ironia della sorte, il giorno prima da quella data la richiesta di Sinistra Italiana riapre ufficialmente il dibattito su come cambiarla. Un’iniziativa che viene inserita nel programma dei lavori di settembre in quota opposizione e di cui i capigruppo di Montecitorio prendono atto in giornata.

Perché approdi davvero in Aula, sottolineano dal ministero delle Riforme guidato da Maria Elena Boschi, il testo dovrà però poi essere calendarizzato. Dunque “ad oggi nulla è stato deciso”. Inoltre, viene fatto notare, in Aula non si discuterebbe la legge o le sue modifiche ma solo un “atto di indirizzo”.

“Tutte le leggi, compresa quella elettorale, si possono cambiare se si vuole. Di certo non si cambiano con una mozione…”, sottolinea il capogruppo Pd Ettore Rosato. Ma l’ex Dem Alfredo D’Attorre (ora in Si) rivendica che “la mozione farà chiarezza prima del referendum costituzionale” e il capogruppo Arturo Scotto sostiene che Boschi, “forse molto nervosa”, non può impedire che approdi in Aula a settembre.

Comunque sia, il dibattito è ufficialmente riaperto. I Cinque stelle, che sarebbero i più favoriti dall’Italicum, assicurano che non cambia la loro posizione di contrarietà: il testo, concordano con Si, è incostituzionale.

Ma nella maggioranza più d’uno si dice pronto a scommettere che al momento decisivo lavoreranno sottotraccia per lasciarlo così com’è.

La modifica più richiesta è al momento l’introduzione del premio di maggioranza alla coalizione e non alla lista. Lo chiedono Forza Italia, gli alfaniani e anche una proposta di legge depositata dal presidente del gruppo Misto Pino Pisicchio.

E l’idea sarebbe condivisa anche da un pezzo di maggioranza Pd, in particolare dai ‘franceschiniani’. Mentre i renziani continuano a sostenere la bontà del testo. Ma, nell’attesa che si pronunci Matteo Renzi, anche loro ormai ammettono che “una riflessione” sulle modifiche è possibile e già avviata.

Ma chi vuole realizzarle, osserva Andrea Marcucci, deve trovare una maggioranza che le voti in Parlamento. La minoranza Pd si augura che un’apertura netta sia fatta dal premier nella direzione del partito convocata per lunedì. Anche perché, ricorda Gianni Cuperlo, “un atto di apertura sulla legge elettorale renderebbe anche più semplice il percorso del referendum costituzionale”.

La sinistra Dem ha sempre affermato infatti che è il “combinato disposto” di Italicum e riforma costituzionale a non funzionare. Dunque, afferma Davide Zoggia, se Renzi non apre a modifiche alla legge elettorale un pezzo della sinistra potrebbe non sostenere il referendum.

Quanto invece alla mozione di Si, dalla sinistra Pd emerge qualche perplessità: “A che serve la mozione? Il Pd e la maggioranza non potrebbero che votare contro, per dire che la legge è costituzionale. E poi le modifiche sarebbero ancora più difficili”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

20:28Pd: Emiliano, con Renzi segretario elezioni già perse

(ANSA) - BOLOGNA, 30 MAR - "Il punto chiave lo ha detto anche oggi Andrea Orlando: se Renzi sarà il nostro segretario noi abbiamo già perso le elezioni. Per vincere le elezioni ed evitare governi improbabili bisogna che il Pd cambi la sua guida". L'ha detto il candidato alla segreteria del Pd, Michele Emiliano, arrivando a un appuntamento con i suoi sostenitori a Bologna. "Gli ultimi sondaggi ci danno molti punti sotto il Movimento 5 Stelle - ha aggiunto il governatore - sia al sud che al nord il Pd è fuori dalla cornice della fotografia degli italiani".

20:25Avvocato uccide cliente in studio legale

(ANSA) - ORIA (BRINDISI), 30 MAR - Un avvocato, Fortunato Calò, ha sparato con una pistola e ucciso un suo cliente. E' accaduto questo pomeriggio all'interno di uno studio legale di Oria. La vittima è Arnaldo Carluccio di Torre Santa Susanna, di 45 anni. A quanto ricostruito, subito dopo il fatto Calò avrebbe chiesto ai suoi colleghi di chiamare i carabinieri per consegnare l'arma e costituirsi. Sono numerosi i bossoli della cal. 9x21 utilizzata che sono stati trovati dai carabinieri all'interno dello studio. Il medico legale sta facendo una prima ricognizione necroscopica sulla vittima. Non è ancora chiaro il movente. I colleghi dei Calò avrebbero sentito che, poco prima degli spari, avvocato e vittima stavano discutendo per una pratica legale.

20:21Ppe:Berlusconi, in campo contro spostamento verso populismi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Tutti i leader che sono qui" al congresso del Ppe "sono contenti che ci sia ancora in Italia la mia presenza in campo per garantire che non ci sia uno spostamento verso partiti populisti". Lo afferma Silvio Berlusconi parlando a margine del congresso del Ppe a Malta.

20:19Pisapia,fare come Ulivo ’96, si accordò anche con Bertinotti

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "L'impegno mio e di Campo Progressista, è fare di tutto per far dialogare tutti i soggetti e le persone che credono o possono credere in un centrosinistra, con la speranza che si trovi quel minimo comune denominatore che ci porti a essere uniti". Lo ha detto Giuliano Piasapia a Cartabianca su Rai3. "Il Primo Ulivo - ha ricordato Piasapia - è stato fatto con un atto di desistenza di Prc dopo un atto di scissione dal Pci. Poi alla fine si è capito che era l' unico modo non solo per vincere ma anche per governare". Pisapia a detto di mirare a "un accordo con il Pd che unisca tutto il centrosinistra. Il Pd finora è stato costretto a fare accordi e mediazioni a destra, ora gli chiediamo di farli a sinistra. Non c'è dubbio che destra e sinistra non abbiano gli stessi valori" ha concluso il leader di Campo Progressista.

Archivio Ultima ora