L’Unione Europea alla prova del Brexit

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

brexit-800x500

di Lorenzo Di Muro

La lieve percentuale con cui ha avuto la meglio il fronte favorevole all’uscita del Regno Unito dall’Ue rischia di produrre effetti a catena in grado di alterare gli equilibri continentali e financo mondiali.

Durante la campagna referendaria molto si è speculato sulle implicazioni in termini di indipendenza, sia essa politica o economica, derivanti dalla permanenza nell’Unione Europea. Quest’ultima, vale la pena ricordare di questi tempi, è un’istituzione che nonostante gli indiscutibili limiti e le recenti involuzioni, ha donato pace e sviluppo senza precedenti a un continente la cui storia è caratterizzata da un susseguirsi di guerre egemoniche e conflittualità geopolitiche.

I potenziali colpi di coda del Brexit ci ricordano come nel mondo iper-globalizzato contemporaneo sia impossibile dividere sfera politico-economica interna ed esterna e dunque quanto le sorti di un paese dal respiro globale come il Regno Unito siano legate a doppio filo a quelle della comunità regionale ed internazionale.

Se è vero che la Gran Bretagna non si è mai sentita o non è mai stata considerata pienamente partecipe del progetto europeista – lo dimostrano la data del suo ingresso (1973) e la sua natura talassocratica, per non parlare dell’Efta, della mancata adozione dell’euro e dell’acquis di Shengen – è altrettanto vero che il regno di sua maestà, volente o nolente, è indissolubilmente legato alle vicende continentali.

Winston Churchill, icona della seconda guerra mondiale nonché tra i massimi protagonisti del dopoguerra nel Regno Unito, non a caso sostenne la creazione degli “Stati Uniti d’Europa”, in linea con gli auspici del Manifesto di Ventotene – quadro teorico-utopico del disegno europeista.

Il Regno Unito avrebbe integrato e controbilanciato la presenza di altri giganti come Francia e Germania, costituendone uno dei perni strategici. La scelta successiva di non aderire alla nascente Comunità Europea facendo leva sulla relazione speciale con gli Stati Uniti, salvo poi tornare sui propri passi e avviare un negoziato decennale per accedere al progetto comunitario in esponenziale sviluppo, rievoca gli stessi motivi che oggi Nigel Farage, Boris Johnson e più in generale l’Ukip assieme agli altri partiti euroscettici adducono sostenendo l’uscita dall’Unione.

Non inganni la legittimità dell’istituto referendario in quanto tale. La sovranità appartiene al popolo, ma tenendo conto del momento storico e della sua stessa natura non vincolante la sua voce non può e non deve essere strumentalizzata.

Scenario a cui fanno eco tutte le irrisolte questioni identitarie-territoriali finora congelate – si pensi in primis al revival delle questioni interne di Regno Unito e Spagna – che si intrecciano all’avversione per un’Europa trasfigurata, ostaggio della burocrazia e delle banche e lontana anni luce dalla cittadinanza, di cui è teatro la maggior parte dei paesi europei.

Mentre partiti nazionalisti, protezionisti e xenofobi fanno proseliti in tutta Europa cavalcando l’onda emotiva che si origina dalle misure di austerity sul piano economico e dalle ondate migratorie che si riversano nel Vecchio Continente, si rischia di trascurare i veri fronti verso cui dovremmo rivolgere la nostra attenzione in quanto Europa.

All’interno, il recupero di un’impronta democratico-economica complessiva volta a garantire lo sviluppo sociale ed economico di tutti, senza categorizzazioni in paesi e cittadini di serie A e B. All’esterno, l’adozione finalmente di una comune politica estera e di difesa, capace di rispondere all’emergenza che investe le sponde meridionale e orientale dell’Unione, in preda a una profonda instabilità.

I vari Front National in Francia, la Lega in Italia, il Partito della Libertà in Olanda – solo per citare alcuni dei paesi fondatori – che forti delle ultime elezioni amministrative già promettono nuove edizioni nazionali del Brexit, sono lampante riprova della cecità che, come nel romanzo futurista di José Saramago, sembra essersi diffusa alla stregua di un’inguaribile epidemia.

Ma il nostro non è un male improvviso e perciò inaspettato. È il frutto ultimo della deriva del processo di integrazione. Affonda le radici nella direzione che abbiamo impresso al tentativo di creare una casa condivisa, capace di limare vecchie rivalità garantendo pace e benessere. È facile sganciarsi tacciando “l’Europa” di esserne responsabile, sperando da una parte che sia la panacea di tutti i mali e dall’altro strumentalizzandola a fini elettorali. Ma cos’è l’Europa se non una nostra creatura?

La postura del presidente della Commissione Junker, che ha dichiarato che non saranno ammesse ulteriori negoziati invitando dunque la Gran Bretagna ad affrettare le procedure, non fa che inasprire il clima e rendere la divisione più netta. Ma a vantaggio di chi? Senza dubbio le istituzioni europee non possono essere à la carte, ma davvero in un contesto di profonde incertezza e instabilità Unione Europea e Regno unito saranno più forti nella loro solitudine?

Non dimentichiamo che assieme a quasi la metà del paese (48%) che ha votato per rimanere nell’Ue, Stati Uniti, Cina, Monarchie del Golfo e lo stesso Commonwealth si sono espressi contro la fuoriuscita del Regno Unito, per non parlare degli altri stati membri.

Se il primo pensiero è corso agli effetti sui mercati, peraltro immediatamente evidenti – oltre 2 mila miliardi di dollari bruciati globalmente all’indomani del voto; gli stessi inglesi invocano il mantenimento dell’accesso mercato unico europeo, il più grande del mondo e il principale partner economico del Regno Unito – poco risalto è stato dato al significato profondo di questo voto.

Il segnale che giunge d’oltremanica va interpretato per quello che è, un segnale appunto. Non vi è nulla di ineluttabile in un referendum non vincolante (Grecia docet), tranne la necessità di riformare un sistema europeo che è arrivato all’idiosincrasia più spinta.

Occorre (ri)costruire il demos europeo, rendere realmente democratico il processo elettivo e decisionale dei massimi organi istituzionali per riprendere il cammino dell’integrazione ormai sotto il giogo di logiche tecno-burocratiche lontane dalle esigenze reali dei 500 milioni di persone che abbraccia l’Unione. Magari evitando gli errori commessi nella conduzione della crisi greca.

Per farlo sarebbe prudente tenere le distanze da quanti, feriti dall’ennesimo voltafaccia britannico, chiudono le porte a nuove forme di concertazione. Parimenti da quelli che, schiavi degli appuntamenti elettorali, sfruttano a proprio uso e consumo l’approfondimento del sentimento antieuropeista.

Le ragioni del malcontento non sono in discussione, ma sarebbe quantomeno poco lungimirante farsi trascinare in un vortice centrifugo che vanificherebbe le conquiste, anch’esse innegabili, cui l’Unione Europea ha fatto da traino. La casa comunitaria va profondamente riformata, ma dall’interno.

Ultima ora

01:33Calcio: Mondiali 2018, Colombia-Bolivia 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - La Colombia ha battuto la Bolivia 1-0 in una gara valida per le qualificazioni mondiali dell'America del sud. Decide la rete su rigore dell'attaccante del Real, James Rodriguez, al 38' del secondo tempo. Si fa male invece Muriel: il giocatore della Samp è stato infatti costretto a uscire per un infortunio dopo mezzora di gioco.

00:41Iraq: tv curda, almeno 200 uccisi in raid a Mosul

(ANSA) - BEIRUT, 23 MAR - La televisione curdo-irachena Rudaw afferma che almeno 200 persone, la maggior parte civili, sono state uccise in raid aerei nell'ovest di Mosul ancora controllato dall'Isis. L'emittente non precisa se i raid siano stati compiuti dall'aviazione irachena o da jet della Coalizione internazionale a guida Usa, che appoggia l'offensiva lealista con pesanti bombardamenti. La settimana scorsa l'ong Osservatorio iracheno per i diritti umani aveva parlato di almeno 299 civili già uccisi dai raid della Coalizione a guida americana a Mosul ovest da febbraio, quando ha avuto inizio l'offensiva governativa per strapparla allo Stato islamico. L'inviato di Rudaw a Mosul, Hevidar Ahmed, ha detto che i raid hanno colpito il quartiere di Al Jadida e fino a 230 persone potrebbero essere state uccise. Di queste, 130 si trovavano in un solo edificio e 100 in un altro.

00:35Basket: l’ex Melli condanna l’EA7, Bamberg passa a Milano

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Nicolò Melli applaudito e poi giustiziere dell'EA7 Milano in Eurolega (76-84). L'ala italiana del Brose Bamberg, protagonista con l'Olimpia dello scudetto 2014, prima viene omaggiato con un video emozionale proiettato sul cubo del Forum che si chiude con la scritta "Nick uno di noi" e accolto con un standing ovation da parte di tutto il pubblico, poi sale in cattedra e abbatte come una furia la sua ex squadra che ancora lo rimpiange. I numeri non dicono tutto (9 punti e 8 rimbalzi), ma è enciclopedica, seppur viziata da un'infrazione di passi, la gestione del possesso che porta alla decisiva tripla di Causeur (72-80 al 39'), migliore in campo con 17 punti e 8 rimbalzi. Per Milano si tratta della settima sconfitta consecutiva in Eurolega, la ventunesima complessiva: a due turni dal termine lo spettro dell'ultimo posto aleggia sinistro al Forum.

00:34Argentina: ex presidente Kirchner a processo

(ANSA) - BUENOS AIRES, 23 MAR - Un magistrato argentino ha deciso che l'ex presidente Cristina Fernandez de Kirchen sarà processata per amministrazione fraudolenta, dopo essere stata accusata di aver ordinato vendite di futures sul dollaro a prezzi più bassi di quelli del mercato negli ultimi mesi del suo mandato, causando così perdite per poco meno di 10 milioni di dollari allo Stato. Il giudice Claudio Bonadio ha emesso un'ordinanza in base alla quale Kirchner dovrà essere processata insieme al suo ex ministro dell'Economia, Axel Kicillof, l'ex presidente della Banca Centrale, Alejandro Vanoli e altri dirigenti della sua ultima amministrazione. E' la prima volta che l'ex presidente deve affrontare un processo giudiziario, ma Kirchner è anche sotto indagine in altre inchieste, riguardanti tra l'altro l'aumento del suo patrimonio famigliare durante i suoi anni al governo e le presunte tangenti pagate da imprenditori vicini alla sua famiglia per aggiudicarsi contratti ed appalti di opere pubbliche.

00:32Colloqui esplorativi a quattro per nuovo governo in Olanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - Il partito conservatore Vvd del premier olandese Mark Rutte e altre tre formazioni politiche (cristiani democratici, i socialdemocratici D66 e i verdi dei GroenLinks) hanno raggiunto un'intesa per avviare dei colloqui per la formazione del nuovo governo. Colloqui solo esplorativi, per ora, con il premier Rutte che sottolinea: "Le differenze politiche tra questi partiti sono significative". "Terremo dei colloqui per vedere se queste divergenze possono essere superate", spiega il leader di GroenLinks, Jesse Klaver, ribattezzato il 'Trudeau olandese' dalla stampa.

00:31Calcio: 2-1 alla Polonia, buon test europei per Italia U21

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Buon test in vista degli europei per l'Italia Under 21. Gli azzurrini di Gigi Di Biagio hanno battuto a Cracovia la Polonia 2-1 (1-1), nella penultima amichevole prima del torneo continentale in programma a giugno. Italia in vantaggio al 30' con Pellegrini, i polacchi pareggiano al 43' con Kownacki. In avvio di ripresa, al 5', è Benassi a riportare in vantaggio gli azzurrini. Per l'Italia anche un calcio di rigore (Di Francesco atterrato da Kedziora), ma Cerri dal dischetto prende il palo. A Cracovia ha esordito da titolare Federico Chiesa, che ha giocato un tempo. "Abbiamo fatto risultato e prestazione - dice soddisfatto Gigi Di Biagio - in tanti si sono messi in mostra e molti li ho trovati in ottime condizioni. Sono molto contento di questi ragazzi. Chiesa era programmato che giocasse un tempo, ho preferito preservarlo e sostituirlo, nonostante avesse fatto molto bene". L'Under 21 torna in campo lunedì a Roma nell'amichevole con la Spagna.

00:02Attacco al Shabaab, ’17 soldati somali uccisi’

(ANSA) - MOGADISCIO, 23 MAR - E' di almeno 17 soldati somali uccisi e 22 feriti il bilancio di un attacco organizzato dai fondamentalisti islamici al Shabaab nel sudovest del Paese. Lo ha reso noto il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, precisando che il gruppo terrorista, legato ad al Qaida, ha rivendicato l'attacco su Facebook. Gli estremisti hanno anche aggiunto di avere bombardato una base dell'Unione africana (Ua) nella notte di ieri nella città di Barawe. Il governo di Mogadiscio ha confermato l'assalto precisando che è stato respinto con un bilancio di due persone.

Archivio Ultima ora