Theresa May in pole per i Tory, pronta alla Brexit

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Britain's Secretary of State for the Home Department Theresa May arrives for a cabinet meeting

Britain’s Secretary of State for the Home Department Theresa May arrives for a cabinet meeting

LONDRA. – L’ultimo colpo di teatro lo ha messo a segno scomparendo d’improvviso dalla scena, come un illusionista consumato. Boris Johnson l’istrione, dopo aver vinto il referendum sulla Brexit e costretto il suo amico-nemico David Cameron a fare i bagagli, si fa da parte.

BoJo cede il passo a Theresa May, ministro dell’Interno in fama di euroscettica, poi sostenitrice quasi invisibile del fronte referendario pro-Ue e oggi paladina d’un divorzio da Bruxelles che promette di portare a termine senza ripensamenti, ma con cautela, nella nuova veste di candidata favorita alla guida del Partito Conservatore e del governo.

Una candidata che incarna “stabilità”, come lei stessa sottolinea, e si propone quale garanzia di “unità”, fra i Tory e nel Paese, dopo le spaccature del voto e il caos che ne è seguito: un caos che non sembra aver risparmiato niente e nessuno, inclusa l’opposizione laburista di un sempre più traballante Jeremy Corbyn.

Il contrasto d’immagine non può essere più stridente: tanto l’ex sindaco di Londra appariva eccentrico e scapigliato, tanto la May è grigia, ma affidabile agli occhi dell’establishment come dell’elettorato attento all’ordine costituito.

“Sono Theresa May e penso di essere la persona migliore per diventare primo ministro di questo Paese”, ha proclamato senza giri di parole. “Io non faccio show, lavoro”, ha aggiunto con una stoccata implicita a BoJo.

Veterana del governo, 60 anni, la titolare dell’Home Office dovrà vedersela soprattutto con il collega Michael Gove, ministro della Giustizia, di una dozzina d’anni più giovane, che – altra sorpresa dell’ultim’ora – ha rinnegato il tandem con Johnson, decisivo nella campagna referendaria, si è rimangiato le innumerevoli smentite di ogni ambizione di premiership e ha presentato la sua sfida in questi termini:

“Sono giunto alla conclusione, con riluttanza ma con fermezza, che malgrado le sue grandi qualità Boris non è capace di unire un team e guidare il partito e il Paese nel modo in cui avrei sperato”. Amen.

Poche parole per assestare quella che Norman Smith, commentatore della Bbc, ha definito “una pugnalata”. Ora non resta che attendere il responso degli iscritti di casa Tory, previsto entro il 9 settembre. Poi sarà il tempo di avviare i difficili negoziati con l’Ue.

Negoziati che May è impegnata a condurre con l’obiettivo di spuntare “le migliori condizioni possibili di uscita”, evocando l’obiettivo caro ai brexiters di ridurre l’immigrazione “a livelli accettabili”, ma al contempo evidenziando la necessità di trattare con gli altri Paesi europei “sulla libertà di movimento” per garantire il mantenimento dell’accesso del regno al lucroso mercato unico. E che Gove ha invece detto di voler impostare con “durezza e attenzione”.

In sostanza l’attivazione dell’articolo 50 del trattato di Lisbona, per formalizzare il divorzio, è rinviata comunque di alcuni mesi: di fatto al 2017. Ma intanto bisogna vedere chi vincerà. In lizza ci sono anche tre outsider: l’unico europeista convinto del lotto, il giovane ministro gallese del Lavoro, Stephen Crabb, e due reduci del fronte Leave, l’ex ministro della Difesa Liam Fox e la sottosegretaria al Tesoro Andrea Leadsom.

I pronostici si concentrano però su May e Gove, con una prevalenza per la prima. Theresa May ha reso omaggio a Cameron rivendicandone l’eredità politica, ma si è scelta come capo dello staff uno degli alfieri della Brexit ribellatisi al premier uscente all’interno dell’esecutivo, il compostissimo ministro dei Rapporti con il Parlamento, Chris Grayling. Mentre Gove può contare sul sostegno di una Remainer di spicco, la titolare dell’Istruzione, Nicky Morgan.

Il messaggio, in entrambi i casi, vuol essere innanzi tutto unitario. Ma la signora dell’Home Office, pur lontana dal carisma e dalla caratura dell’unica donna premier della storia del regno, la ferrea Margaret Thatcher (rispetto alla quale ha prudentemente respinto ogni paragone) appare forse più solida.

E se la sua posizione sul referendum è stata meno coerente, le sue indicazioni ora sono nette: “Brexit significa Brexit, nessun secondo referendum”. Che ce la faccia o meno, una cosa è sicura. Non sarà il vero vincitore della partita referendaria, Boris Johnson, al di là di qualche poltrona di consolazione che May potrebbe offrirgli, a raccogliere la posta più alta.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

04:28Bus ungherese si incendia in A4, 4 morti e alcuni feriti

VENEZIA - Sarebbero 4, secondo le prime informazioni, le persone decedute nell'incidente avvenuto poco prima di mezzanotte lungo la A4, a Verona est che ha coinvolto un autobus di nazionalità ungherese, pare con a bordo diversi ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Ci sarebbero anche alcuni feriti. Secondo una prima ricostruzione, l'autobus ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone dell'autostrada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Al momento il tratto autostradale é stato chiuso in direzione Venezia con uscita obbligatoria a Verona Sud.

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

01:00Calcio: rientro Balotelli non basta, Nizza fa 1-1 con Bastia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il ritorno di Mario Balotelli, al rientro dopo aver scontato due giornate di squalifica, non è bastato al Nizza per vincere sul campo dei 'rivali storici' del Bastia nell'anticipo di oggi della Ligue 1. Al vantaggio della squadra della Corsica con Oniangué ha risposto per il Nizza il difensore Souquet. Così adesso per il Nizza sono trascorsi 32 giorni dall'ultima vittoria, quella del 18 dicembre in casa per 2-1 contro il Digione, con doppietta di Balotelli (oggi poco assistito dai compagni). Da quel giorno la squadra rossonera ha ottenuto tre pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa di Francia. E ora il Nizza, che è in vetta con 46 punti con + 1 sul Monaco, rischia di perdere il primato ed essere staccato dalla squadra del Principato, in campo domenica contro il Lorient penultimo.

00:42Rugby: 6 Nazioni, lunedì 23 allenamento azzurri è aperto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La nazionale italiana di rugby apre subito le porte al proprio pubblico in vista dell'esordio nel 6 Nazioni 2017 fissato per domenica 5 febbraio all'Olimpico di Roma contro il Galles. Parisse e compagni si raduneranno al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma nella serata di domenica 22 gennaio, per una tre giorni di raduno in vista delle prime due gare del torneo (l'11 febbraio, sempre a Roma, è in calendario il secondo turno contro l'Irlanda). Lunedì 23 alle ore 14.30 svolgeranno sul prato dell'Onesti la prima sessione di allenamento, interamente aperta ai sostenitori azzurri. Per i tifosi ci sarà la possibilità di incontrare i giocatori, dopo il lavoro sul campo, per foto e autografi di rito.

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

Archivio Ultima ora