Theresa May in pole per i Tory, pronta alla Brexit

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Britain's Secretary of State for the Home Department Theresa May arrives for a cabinet meeting

Britain’s Secretary of State for the Home Department Theresa May arrives for a cabinet meeting

LONDRA. – L’ultimo colpo di teatro lo ha messo a segno scomparendo d’improvviso dalla scena, come un illusionista consumato. Boris Johnson l’istrione, dopo aver vinto il referendum sulla Brexit e costretto il suo amico-nemico David Cameron a fare i bagagli, si fa da parte.

BoJo cede il passo a Theresa May, ministro dell’Interno in fama di euroscettica, poi sostenitrice quasi invisibile del fronte referendario pro-Ue e oggi paladina d’un divorzio da Bruxelles che promette di portare a termine senza ripensamenti, ma con cautela, nella nuova veste di candidata favorita alla guida del Partito Conservatore e del governo.

Una candidata che incarna “stabilità”, come lei stessa sottolinea, e si propone quale garanzia di “unità”, fra i Tory e nel Paese, dopo le spaccature del voto e il caos che ne è seguito: un caos che non sembra aver risparmiato niente e nessuno, inclusa l’opposizione laburista di un sempre più traballante Jeremy Corbyn.

Il contrasto d’immagine non può essere più stridente: tanto l’ex sindaco di Londra appariva eccentrico e scapigliato, tanto la May è grigia, ma affidabile agli occhi dell’establishment come dell’elettorato attento all’ordine costituito.

“Sono Theresa May e penso di essere la persona migliore per diventare primo ministro di questo Paese”, ha proclamato senza giri di parole. “Io non faccio show, lavoro”, ha aggiunto con una stoccata implicita a BoJo.

Veterana del governo, 60 anni, la titolare dell’Home Office dovrà vedersela soprattutto con il collega Michael Gove, ministro della Giustizia, di una dozzina d’anni più giovane, che – altra sorpresa dell’ultim’ora – ha rinnegato il tandem con Johnson, decisivo nella campagna referendaria, si è rimangiato le innumerevoli smentite di ogni ambizione di premiership e ha presentato la sua sfida in questi termini:

“Sono giunto alla conclusione, con riluttanza ma con fermezza, che malgrado le sue grandi qualità Boris non è capace di unire un team e guidare il partito e il Paese nel modo in cui avrei sperato”. Amen.

Poche parole per assestare quella che Norman Smith, commentatore della Bbc, ha definito “una pugnalata”. Ora non resta che attendere il responso degli iscritti di casa Tory, previsto entro il 9 settembre. Poi sarà il tempo di avviare i difficili negoziati con l’Ue.

Negoziati che May è impegnata a condurre con l’obiettivo di spuntare “le migliori condizioni possibili di uscita”, evocando l’obiettivo caro ai brexiters di ridurre l’immigrazione “a livelli accettabili”, ma al contempo evidenziando la necessità di trattare con gli altri Paesi europei “sulla libertà di movimento” per garantire il mantenimento dell’accesso del regno al lucroso mercato unico. E che Gove ha invece detto di voler impostare con “durezza e attenzione”.

In sostanza l’attivazione dell’articolo 50 del trattato di Lisbona, per formalizzare il divorzio, è rinviata comunque di alcuni mesi: di fatto al 2017. Ma intanto bisogna vedere chi vincerà. In lizza ci sono anche tre outsider: l’unico europeista convinto del lotto, il giovane ministro gallese del Lavoro, Stephen Crabb, e due reduci del fronte Leave, l’ex ministro della Difesa Liam Fox e la sottosegretaria al Tesoro Andrea Leadsom.

I pronostici si concentrano però su May e Gove, con una prevalenza per la prima. Theresa May ha reso omaggio a Cameron rivendicandone l’eredità politica, ma si è scelta come capo dello staff uno degli alfieri della Brexit ribellatisi al premier uscente all’interno dell’esecutivo, il compostissimo ministro dei Rapporti con il Parlamento, Chris Grayling. Mentre Gove può contare sul sostegno di una Remainer di spicco, la titolare dell’Istruzione, Nicky Morgan.

Il messaggio, in entrambi i casi, vuol essere innanzi tutto unitario. Ma la signora dell’Home Office, pur lontana dal carisma e dalla caratura dell’unica donna premier della storia del regno, la ferrea Margaret Thatcher (rispetto alla quale ha prudentemente respinto ogni paragone) appare forse più solida.

E se la sua posizione sul referendum è stata meno coerente, le sue indicazioni ora sono nette: “Brexit significa Brexit, nessun secondo referendum”. Che ce la faccia o meno, una cosa è sicura. Non sarà il vero vincitore della partita referendaria, Boris Johnson, al di là di qualche poltrona di consolazione che May potrebbe offrirgli, a raccogliere la posta più alta.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

14:59Stupri Rimini: ”così ho ricostruito identikit Butungu”

(ANSA) - ANCONA, 23 SET - E' una poliziotta, l'assistente capo del Gabinetto interregionale di Polizia scientifica Marche-Umbria Elena Pagani, laureata anche all'Accademia di Brera, l'autrice dell'identikit attendibile come una fotografia che ha consentito alla Polizia di Stato di arrestare Guerlin Butungu, il capo 'branco' degli stupratori di Rimini, che nella notte fra il 25 e il 26 agosto ha violentato una turista polacca, picchiato un amico di lei e stuprato una prostituta transessuale peruviana. Elena Pagani, inviata a Rimini dallo Sco il primo settembre, è rimasta per 6 ore con la trans, traducendo in un disegno perfetto la descrizione accuratissima della vittima. Due giorni dopo, ha ricordato il dirigente del Gips Massimiliano Olivieri, Butungu è stato bloccato a bordo di un treno mentre tentava la fuga: la corrispondenza del suo volto all'identikit è risultata pari al 98%. ''Ma io - minimizza Pagani, da 25 anni in Polizia - sono solo il braccio tecnico dei ricordi del testimone che mi offre la sua fiducia''.

14:58Calcio: Inzaghi, sconfitta con Napoli ci fortifica

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La sconfitta con il Napoli secondo me ci fortifica. Abbiamo dimostrato di non essere inferiori al Napoli in campo. Contraccolpi? Penso di no, dopo un primo tempo del genere la squadra ha acquisito certezze. Abbiamo perso, ma tutti, compresi i tifosi, hanno visto che partita stavamo facendo". Lo dice Simone Inzaghi alla vigilia della trasferta di Verona, gara alla quale la Lazio arriva dopo il ko con il Napoli e senza quattro difensori, tutti infortunati. "E' successo un caso più unico che raro e ne abbiamo pagato il prezzo", ha precisato il tecnico biancoceleste, che domani avrà a disposizione un Mauricio in più nel reparto arretrato dopo il reintegro del brasiliano in rosa. "Mauricio l'ho trovato bene, conosco il ragazzo, l'ho allenato il primo anno nelle mie prime 7 partite, è un ragazzo disponibile, ci tornerà utile, l'ho visto motivato. Poi vediamo domani se utilizzarlo", ha concluso Inzaghi, anticipando che per la sfida di domani non saranno convocati nemmeno Milinkovic-Savic e Nani.

14:57Omicidio e tentato omicidio nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 23 SET - Omicidio e tentato omicidio stamane a Bagnoli di Sopra, nel padovano. Una vicenda dai contorni ancora oscuri, sulla quale stanno indagando i Carabinieri di Padova. L'allarme è stato lanciato da uomo, pare straniero, che si è presentato per chiedere aiuto al distributore del paese, con una ferita da arma da fuoco allo stomaco. Ai carabinieri ha raccontato di una lite con altre persone in un capannone nella zona industriale di Bagnoli. Sul posto gli investigatori hanno trovato il cadavere di un uomo. Ancora sconosciuta l'identità della vittima.

14:54Calcio: Montella, guardando i numeri è un grandissimo Milan

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "Il Milan, dopo il Napoli, è la squadra che ha più possesso palla, è quella che ha fatto più tiri e ne ha subiti di meno; e inoltre siamo la squadra più giovane dell'intero campionato, la sesta in Europa". Vincenzo Montella elenca i dati positivi registrati dai rossoneri, definendo "un luogo comune" quello secondo cui il Milan in campionato non starebbe dominando nel possesso palla. "I numeri non dicono tutto ma, se dovessimo giudicare in base ad alcuni di essi, si parlerebbe di un grandissimo Milan - sottolinea l'allenatore alla vigilia della trasferta con la Sampdoria - I dati che ho elencato sono veri ma parziali, si riferiscono alle prime giornate e servono poco a dare una dimensione reale. È normale che avremo alti e bassi, perché la squadra è nuova e molto giovane. Serve ancora una crescita tattica costante e siamo sulla buona strada".

14:43Calcio: derby Mole, striscione granata “Dal 1897 padrini”

(ANSA) - TORINO, 23 SET - Mani ignote di tifosi granata hanno esposto la scorsa notte, nelle vicinanze dello stadio della Juventus lo striscione con la scritta "Dal 1897 padrini a Torino", che è poi stato rimosso dalla Digos. Il 1897 è l'anno di nascita del club bianconero e i tifosi granata malevoli autori dell'iniziativa hanno probabilmente voluto parafrasare le parole pronunciate ieri da Sinisa Mihajlovic, "il derby di Torino è tra padroni e popolo...". Lo striscione era stato appeso sul cavalcavia del sottopasso di corso Grosseto, a poche centinaia di metri dall'Allianz Stadium. L'immagine è stata ripresa su molti profili di tifosi del Torino.

14:41Operatrice violentata: convalidato il fermo dell’aggressore

(ANSA) - BERGAMO, 23 SET - Il gip di Bergamo Federica Gaudino ha convalidato il fermo del ventenne richiedente asilo, nativo della Sierra Leone, accusato di lesioni e violenza sessuale nei confronti dell'educatrice di un centro di accoglienza di Fontanella, come richiesto dal pm Davide Palmieri. Per il giovane è stato altresì disposta la custodia cautelare in carcere. Nell'interrogatorio di garanzia il giovane ha ammesso l'aggressione, ma ha negato gli abusi sessuali.

14:40Rave party non autorizzato in Valdarno, 633 denunciati

(ANSA) - SAN GIOVANNI VALDARNO (AREZZO), 23 SET - Sono 633 i denunciati dopo il rave party non autorizzato nel Parco Enel della zona mineraria del Valdarno iniziato dalla primissima mattina del 16 settembre ed arrivato sino alla sera del 19. I denunciati dai carabinieri di San Giovanni Valdarno (Arezzo) devono rispondere di invasione di terreni ed edifici, reato per il quale tutti gli identificati sono stati denunciati. Il controllo dei militari ha anche evitato che persone in palese stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti si mettessero alla guida. Complessivamente nei vari turni, sono stati più di 100 i carabinieri impegnati. Il "rave" abusivo ha visto il suo picco massimo tra sabato e domenica, quando si sono largamente superati i 2.000 partecipanti, anche da diverse regioni italiane ma pure da Inghilterra, Francia e Germania. Tra i denunciati due sono stati deferiti per avere due manganelli estraibili della lunghezza di 30 centimetri, altri due per aver guidato in stato di ebbrezza mentre uno per essersi rifiutato di sottoporsi ai test in ospedale per verificare l'eventuale guida sotto effetto di stupefacenti. Diversi anche i sequestri di stupefacenti: i militari hanno segnalato amministrativamente 15 persone quali assuntori. (ANSA).

Archivio Ultima ora