Theresa May in pole per i Tory, pronta alla Brexit

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Britain's Secretary of State for the Home Department Theresa May arrives for a cabinet meeting

Britain’s Secretary of State for the Home Department Theresa May arrives for a cabinet meeting

LONDRA. – L’ultimo colpo di teatro lo ha messo a segno scomparendo d’improvviso dalla scena, come un illusionista consumato. Boris Johnson l’istrione, dopo aver vinto il referendum sulla Brexit e costretto il suo amico-nemico David Cameron a fare i bagagli, si fa da parte.

BoJo cede il passo a Theresa May, ministro dell’Interno in fama di euroscettica, poi sostenitrice quasi invisibile del fronte referendario pro-Ue e oggi paladina d’un divorzio da Bruxelles che promette di portare a termine senza ripensamenti, ma con cautela, nella nuova veste di candidata favorita alla guida del Partito Conservatore e del governo.

Una candidata che incarna “stabilità”, come lei stessa sottolinea, e si propone quale garanzia di “unità”, fra i Tory e nel Paese, dopo le spaccature del voto e il caos che ne è seguito: un caos che non sembra aver risparmiato niente e nessuno, inclusa l’opposizione laburista di un sempre più traballante Jeremy Corbyn.

Il contrasto d’immagine non può essere più stridente: tanto l’ex sindaco di Londra appariva eccentrico e scapigliato, tanto la May è grigia, ma affidabile agli occhi dell’establishment come dell’elettorato attento all’ordine costituito.

“Sono Theresa May e penso di essere la persona migliore per diventare primo ministro di questo Paese”, ha proclamato senza giri di parole. “Io non faccio show, lavoro”, ha aggiunto con una stoccata implicita a BoJo.

Veterana del governo, 60 anni, la titolare dell’Home Office dovrà vedersela soprattutto con il collega Michael Gove, ministro della Giustizia, di una dozzina d’anni più giovane, che – altra sorpresa dell’ultim’ora – ha rinnegato il tandem con Johnson, decisivo nella campagna referendaria, si è rimangiato le innumerevoli smentite di ogni ambizione di premiership e ha presentato la sua sfida in questi termini:

“Sono giunto alla conclusione, con riluttanza ma con fermezza, che malgrado le sue grandi qualità Boris non è capace di unire un team e guidare il partito e il Paese nel modo in cui avrei sperato”. Amen.

Poche parole per assestare quella che Norman Smith, commentatore della Bbc, ha definito “una pugnalata”. Ora non resta che attendere il responso degli iscritti di casa Tory, previsto entro il 9 settembre. Poi sarà il tempo di avviare i difficili negoziati con l’Ue.

Negoziati che May è impegnata a condurre con l’obiettivo di spuntare “le migliori condizioni possibili di uscita”, evocando l’obiettivo caro ai brexiters di ridurre l’immigrazione “a livelli accettabili”, ma al contempo evidenziando la necessità di trattare con gli altri Paesi europei “sulla libertà di movimento” per garantire il mantenimento dell’accesso del regno al lucroso mercato unico. E che Gove ha invece detto di voler impostare con “durezza e attenzione”.

In sostanza l’attivazione dell’articolo 50 del trattato di Lisbona, per formalizzare il divorzio, è rinviata comunque di alcuni mesi: di fatto al 2017. Ma intanto bisogna vedere chi vincerà. In lizza ci sono anche tre outsider: l’unico europeista convinto del lotto, il giovane ministro gallese del Lavoro, Stephen Crabb, e due reduci del fronte Leave, l’ex ministro della Difesa Liam Fox e la sottosegretaria al Tesoro Andrea Leadsom.

I pronostici si concentrano però su May e Gove, con una prevalenza per la prima. Theresa May ha reso omaggio a Cameron rivendicandone l’eredità politica, ma si è scelta come capo dello staff uno degli alfieri della Brexit ribellatisi al premier uscente all’interno dell’esecutivo, il compostissimo ministro dei Rapporti con il Parlamento, Chris Grayling. Mentre Gove può contare sul sostegno di una Remainer di spicco, la titolare dell’Istruzione, Nicky Morgan.

Il messaggio, in entrambi i casi, vuol essere innanzi tutto unitario. Ma la signora dell’Home Office, pur lontana dal carisma e dalla caratura dell’unica donna premier della storia del regno, la ferrea Margaret Thatcher (rispetto alla quale ha prudentemente respinto ogni paragone) appare forse più solida.

E se la sua posizione sul referendum è stata meno coerente, le sue indicazioni ora sono nette: “Brexit significa Brexit, nessun secondo referendum”. Che ce la faccia o meno, una cosa è sicura. Non sarà il vero vincitore della partita referendaria, Boris Johnson, al di là di qualche poltrona di consolazione che May potrebbe offrirgli, a raccogliere la posta più alta.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

12:09‘Sono 007 con licenza di fare reati’, condannato

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Sono un agente segreto e posso commettere i reati che voglio". Era più o meno di questo tenore, secondo l'accusa, il discorso che Gianluca P., 49 anni, commerciante originario di Rondissone (Torino) fece a due donne per intimidirle e farsi consegnare del denaro. Oggi la Corte d'appello di Torino, al termine di un processo in cui è stato difeso dall'avvocato Stefano Gubernati, ha ridotto a cinque anni e nove mesi di carcere la condanna a sette anni che in primo grado gli venne inflitta ad Aosta, dove si svolse la vicenda. Con le due vittime, ritenute 'credibili' dai giudici, P. aveva intrecciato relazioni sentimentali. Poi, "approfittando della loro fragilità", cominciò a chiedere denaro "millantando di far parte dei servizi segreti con conseguente immunità" da qualsiasi reato: con questa tattica minacciosa, fra il 2011 e il 2012, riuscì a ottenere in totale più di trentamila euro. (ANSA).

11:59Calcio: azzurri, convocati D’Ambrosio e Caprari

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Due nuove convocazioni per la Nazionale in ritiro da ieri sera al Centro Tecnico Federale di Coverciano: il Ct Gian Piero Ventura ha infatti aggregato al gruppo l'interista Danilo D'Ambrosio e il pescarese Gianluca Caprari che in nottata, al termine delle rispettive gare di campionato, hanno raggiunto i compagni. Oltre al forfait di Emerson, al quale Ventura ha fatto gli auguri di pronta guarigione dopo il grave infortunio subìto nell'incontro tra Roma e Genoa, il ct azzurro deve rinunciare a Verdi e Inglese, anche loro infortunati nell'ultima giornata di campionato di Serie A. Nel pomeriggio prima seduta di allenamento in vista dell'amichevole con San Marino in programma mercoledì alle 21.30 a Empoli.

11:58Stamina: filone bresciano, 4 condanne a Torino

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - E' terminato con quattro condanne a due anni di carcere, a Torino, il processo per il cosiddetto filone bresciano dell'inchiesta Stamina. Il processo si riferiva al periodo in cui la controversa terapia di Davide Vannoni venne sperimentata agli Spedali Civili della città lombarda. Gli imputati sono stati riconosciuti colpevoli solo di somministrazione di farmaci imperfetti e sono stati assolti da tutti gli altri capi d'accusa, fra i quali l'associazione per delinquere. La sentenza riguarda Ermanna Derelli, ex direttrice sanitaria, Carmen Terraroli, segretaria referente del comitato etico, Arnalda Lanfranchi, responsabile del laboratorio, Fulvio Porta, pediatra. Il tribunale ha accertato le responsabilità degli imputati solo per il periodo compreso fra il 2011 e il 15 maggio 2012. La Regione Lombardia, il Ministero della salute, l'Aifa, Medicina democratica e tre famiglie hanno ottenuto il diritto a un indennizzo, da quantificare in sede civile, e il rimborso delle spese legali.(ANSA).

11:51Calcio: Crotone gioia salvezza, festa e caroselli fino alba

(ANSA) - CROTONE, 29 MAG - Sono proseguiti fino all'alba a Crotone i festeggiamenti dei tifosi per la conquista della permanenza in Serie A. Caroselli di auto erano iniziati subito dopo la vittoria contro la Lazio. Il concomitante successo del Palermo sull'Empoli ha permesso ai rossoblù calabresi di superare in classifica i toscani e guadagnare la permanenza nella massima serie. Un obiettivo insperato solo a gennaio quando il Crotone aveva ben 11 punti di svantaggio rispetto alla quart'ultima. Dal 2 aprile, con la vittoria esterna contro il Chievo (0-2) in meno di un mese, i rossoblù hanno costruito un successo che, per tutta la notte, è stato omaggiato dai tifosi per le strade di Crotone. A notte fonda il pullman della squadra ha attraversato le strade cittadine ed è stato bloccato dai tifosi. Alcuni calciatori, tra cui il capitano Alex Cordaz e il centravanti Simy sono saliti sul tetto del bus per festeggiare insieme alle migliaia di tifosi che affollavano la piazza. (ANSA).

11:37Violentata per anni e sequestrata per punizione, lo denuncia

(ANSA) - MONZA, 29 MAG - Un 24enne albanese, residente in provincia di Monza, è stato arrestato dalla Polizia di Stato di Monza con le accuse di violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni personali e atti persecutori, di cui sarebbe stata vittima la sua ex fidanzata, sia durante la relazione sia successivamente. La giovane, una studentessa italiana di 21 anni, ha presentato denuncia nel febbraio scorso, raccontando di aver subito violenze psicologiche, fisiche e sessuali, iniziate quando era ancora minorenne, tra il settembre 2012 e la fine del 2013. In un'occasione il giovane l'avrebbe sequestrata e, per punizione dopo una lite, l'avrebbe rinchiusa per giorni nella cantina condominiale del suo palazzo. Una volta finita la relazione poi, avrebbe iniziato a perseguitarla.

11:26Riciclaggio: sequestrato 1 milione di euro a Fini

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - La Guardia di Finanza sta eseguendo un decreto di sequestro preventivo su richiesta della Dda di Roma per un valore di un milione di euro nei confronti dell'ex presidente della Camera Gianfranco Fini. Il sequestro riguarda due polizze vita, con un valore di riscatto di 495 mila euro l'una, ed è relativo all'indagine che ha portato in carcere l'imprenditore Francesco Corallo e nella quale Fini è indagato per concorso in riciclaggio. La misura è giustificata da inquirenti ed investigatori della Guardia di Finanza per il ruolo centrale di Fini in tutta la vicenda che ha portato in carcere Corallo e al sequestro di beni per un valore di sette milioni nei confronti della famiglia Tulliani.

11:13Macron riceve Putin oggi a Versailles

(ANSA) - PARIGI, 29 MAG - Emmanuel Macron riceve oggi a Versailles, vicino a Parigi, Vladimir Putin, con il quale inaugurerà un'importante mostra sui 300 anni delle relazioni franco-russe ma soprattutto tenterà di rilanciare il dialogo Parigi-Mosca dopo 5 anni di tensioni diplomatiche sulle questioni siriana e ucraina. Quattro giorni dopo la sua stretta di mano insistita con Donald Trump, il primo incontro del neopresidente francese con il capo del Cremlino rappresenta un nuovo test per il giovane capo dell'Eliseo. Nel programma della visita di Putin, un incontro di una quarantina di minuti al castello di Versailles, poi una colazione di lavoro e infine una conferenza stampa. Poi, la visita della mostra "Pietro il Grande, uno zar in Francia, 1717".

Archivio Ultima ora