Euro 2016: l’eredità di Conte, torni il primato azzurro

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Italy players Mattia De Sciglio (L), Graziano Pelle (R) and Emanuele Giaccherini react after losing the shoot-out during the UEFA EURO 2016 quarter final match between Germany and Italy at Stade de Bordeaux in Bordeaux, France, 02 July 2016. EPA/CAROLINE BLUMBERG

Italy players Mattia De Sciglio (L), Graziano Pelle (R) and Emanuele Giaccherini react after losing the shoot-out during the UEFA EURO 2016 quarter final match between Germany and Italy at Stade de Bordeaux in Bordeaux, France, 02 July 2016.
EPA/CAROLINE BLUMBERG

MONTPELLIER (FRANCIA). – “Al di là dei propri limiti” e persino “oltre la ragione”: le categorie dello spirito fissate da Antonio Conte come presupposto per un buon Europeo azzurro restituiscono una nazionale di nuovo amata dai tifosi italiani e un dubbio forte: saprà prescindere anche dal ct?

E’ questo il vero interrogativo all’epilogo di un’avventura esaltante ma dal finale amaro. Perché è chiaro a tutti il peso dell’ormai allenatore in carica del Chelsea nella rinascita del calcio azzurro dopo la disfatta del Mondiale in Brasile ma forse non sono così certi i confini tecnici di una squadra che teme di “essere dimenticata” fino a piangerne.

Certificata, e ammessa anche dagli interessati, è la mancanza di talento puro sul piano tecnico, ma ‘Francia 2016’ può rappresentare l’alba di una nuova generazione azzurra, e non solo per l’età. “Abbiamo scalato montagne e recuperato il rispetto di tutti: ora non dobbiamo disperdere questo patrimonio”, le parole del capitano Buffon.

Non esiste in questo momento una scuola di giocatori azzurri di livello internazionale, però paradossalmente i migliori tecnici al mondo sono gli italiani. Anche questo, oltre alla straordinaria e inattesa capacità di lavoro e sacrificio del gruppo della nazionale, è un punto importante da cui ripartire.

Paradigmatico il caso di Ancelotti, allenatore ormai di assoluta caratura mondiale, ma italianissimo di formazione, che i tedeschi dominatori del calcio attuale hanno chiamato per sostituire Guardiola nella loro squadra più titolata, il Bayern di Monaco.

Proprio la Germania ha indicato la strada da percorrere per rivitalizzare il movimento sul piano della qualità nel tocco di palla, che rimane il fondamentale determinante a fare la differenza: centri tecnici sparsi in tutti i Laender, e capillare selezione sin dalle scuole.

La Federcalcio italiana, pur con tutte le sue contraddizioni, sta provando a mettersi al passo: investirà nove milioni l’anno (quando, nel 2020, l’operazione andrà a regime) per 200 centri regionali di addestramento, sebbene venga a mancare a Tavecchio – con la rinuncia di Marcello Lippi – l’architrave del progetto per la casa azzurra del futuro.

Ma tra le fondamenta del calcio azzurro non può mancare il pilastro della collaborazione dei club: anche a loro, così interessati al business del calcio, non sarà sfuggita l’audience mostruosa per Buffon e compagni, con il conseguente ritorno di immagine e di valorizzazione del movimento in termini assoluti.

Detto questo il calcio resta un mistero gaudioso (ieri per gli azzurri non tanto): tra i giovani il giocatore italiano più dotato di talento puro (mix di qualità tecniche ed esplosività muscolare) è probabilmente Simone Zaza. Il rigore peggiore tirato dagli azzurri nella interminabile serie che ha regalato a Bordeaux la semifinale alla Germania, è il suo.

E invece, un ragazzo fino a un mese fa destinato a un ruolo di ennesima meteora tricolore, Mattia De Sciglio, annulla Thomas Mueller, rimandando – stavolta sì, per davvero – la memoria a Paolo Maldini.

E allora, forse le distanze qualitative tra l’Italia e il primo mondo calcistico non sono così nette e certe: per finire di colmarle – è questa la vera eredità ‘contiana’, la ‘legacy’ direbbero nella ‘sua’ Londra – basta lavorare, ponendo, come hanno fatto decine di milioni di italiani in questo mese, la Nazionale prima di ogni altra cosa.

(degli inviati Piercarlo Presutti e Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora