Euro 2016: l’eredità di Conte, torni il primato azzurro

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Italy players Mattia De Sciglio (L), Graziano Pelle (R) and Emanuele Giaccherini react after losing the shoot-out during the UEFA EURO 2016 quarter final match between Germany and Italy at Stade de Bordeaux in Bordeaux, France, 02 July 2016. EPA/CAROLINE BLUMBERG

Italy players Mattia De Sciglio (L), Graziano Pelle (R) and Emanuele Giaccherini react after losing the shoot-out during the UEFA EURO 2016 quarter final match between Germany and Italy at Stade de Bordeaux in Bordeaux, France, 02 July 2016.
EPA/CAROLINE BLUMBERG

MONTPELLIER (FRANCIA). – “Al di là dei propri limiti” e persino “oltre la ragione”: le categorie dello spirito fissate da Antonio Conte come presupposto per un buon Europeo azzurro restituiscono una nazionale di nuovo amata dai tifosi italiani e un dubbio forte: saprà prescindere anche dal ct?

E’ questo il vero interrogativo all’epilogo di un’avventura esaltante ma dal finale amaro. Perché è chiaro a tutti il peso dell’ormai allenatore in carica del Chelsea nella rinascita del calcio azzurro dopo la disfatta del Mondiale in Brasile ma forse non sono così certi i confini tecnici di una squadra che teme di “essere dimenticata” fino a piangerne.

Certificata, e ammessa anche dagli interessati, è la mancanza di talento puro sul piano tecnico, ma ‘Francia 2016’ può rappresentare l’alba di una nuova generazione azzurra, e non solo per l’età. “Abbiamo scalato montagne e recuperato il rispetto di tutti: ora non dobbiamo disperdere questo patrimonio”, le parole del capitano Buffon.

Non esiste in questo momento una scuola di giocatori azzurri di livello internazionale, però paradossalmente i migliori tecnici al mondo sono gli italiani. Anche questo, oltre alla straordinaria e inattesa capacità di lavoro e sacrificio del gruppo della nazionale, è un punto importante da cui ripartire.

Paradigmatico il caso di Ancelotti, allenatore ormai di assoluta caratura mondiale, ma italianissimo di formazione, che i tedeschi dominatori del calcio attuale hanno chiamato per sostituire Guardiola nella loro squadra più titolata, il Bayern di Monaco.

Proprio la Germania ha indicato la strada da percorrere per rivitalizzare il movimento sul piano della qualità nel tocco di palla, che rimane il fondamentale determinante a fare la differenza: centri tecnici sparsi in tutti i Laender, e capillare selezione sin dalle scuole.

La Federcalcio italiana, pur con tutte le sue contraddizioni, sta provando a mettersi al passo: investirà nove milioni l’anno (quando, nel 2020, l’operazione andrà a regime) per 200 centri regionali di addestramento, sebbene venga a mancare a Tavecchio – con la rinuncia di Marcello Lippi – l’architrave del progetto per la casa azzurra del futuro.

Ma tra le fondamenta del calcio azzurro non può mancare il pilastro della collaborazione dei club: anche a loro, così interessati al business del calcio, non sarà sfuggita l’audience mostruosa per Buffon e compagni, con il conseguente ritorno di immagine e di valorizzazione del movimento in termini assoluti.

Detto questo il calcio resta un mistero gaudioso (ieri per gli azzurri non tanto): tra i giovani il giocatore italiano più dotato di talento puro (mix di qualità tecniche ed esplosività muscolare) è probabilmente Simone Zaza. Il rigore peggiore tirato dagli azzurri nella interminabile serie che ha regalato a Bordeaux la semifinale alla Germania, è il suo.

E invece, un ragazzo fino a un mese fa destinato a un ruolo di ennesima meteora tricolore, Mattia De Sciglio, annulla Thomas Mueller, rimandando – stavolta sì, per davvero – la memoria a Paolo Maldini.

E allora, forse le distanze qualitative tra l’Italia e il primo mondo calcistico non sono così nette e certe: per finire di colmarle – è questa la vera eredità ‘contiana’, la ‘legacy’ direbbero nella ‘sua’ Londra – basta lavorare, ponendo, come hanno fatto decine di milioni di italiani in questo mese, la Nazionale prima di ogni altra cosa.

(degli inviati Piercarlo Presutti e Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

14:47Diritti tv: scaduto termine offerte, ora valutazioni Lega A

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' scaduto alle 13 il termine per la presentazione delle offerte per il bando domestico dei diritti tv della Lega Serie A del triennio 2018-21, che verranno valutate dall'assemblea dei club in programma alle 15. Alle 11 era convocata, ma non si è ancora aperta, un'altra assemblea, con all'ordine del giorno il rinnovo delle cariche e l'approvazione della modifica dello statuto che introduce per le elezioni il quorum a maggioranza semplice a partire dal terzo scrutinio. I dirigenti delle società sono riuniti informalmente e sul fronte della governance della Lega Serie A, commissariata da nove mesi, è atteso un nuovo rinvio.

14:44Calcio: Inter, visite mediche per Rafinha

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Rafinha sta svolgendo le visite mediche con l'Inter e, a ore, è attesa l'ufficialità del suo trasferimento in nerazzurro dal Barcellona con la formula del prestito con diritto di riscatto. Il centrocampista, arrivato a Milano nella serata di ieri, ha già svolto la prima parte delle visite alla clinica Humanitas e ora sta sostenendo quelle al Coni. Non è escluso che Rafinha raggiunga Appiano Gentile per una prima seduta di allenamento e per incontrare il tecnico Luciano Spalletti.

14:39Suicida dopo accusa abusi: impiccato davanti a una chiesa

(ANSA) CASSINO (FROSINONE), 22 GEN -Ha deciso di suicidarsi all'ingresso di una piccola chiesa di montagna, non distante da Cassino, l'agente della penitenziaria accusato di aver abusato della figlia 14enne. A notare il corpo dell'uomo è stato un passante che ha avvisato i carabinieri. Il corpo si trovava all'ingresso del luogo di culto, in uno spazio delimitato da una grata a protezione del portone. Per togliersi la vita ha utilizzato uno spago da imballaggio. Secondo una prima ricostruzione l'uomo non avrebbe lasciato nessun biglietto.

14:37Catalogna: Torrent, Puigdemont candidato presidente

(ANSA) - MADRID, 22 GEN - Il presidente del parlamento catalano Roger Torrent ha annunciato che presenterà il nome di Carles Puigdemont come candidato presidente della Catalogna che sarà sottoposto all'investitura della plenaria a fine mese. Quello di Puigdemont, appoggiato dal fronte indipendentista che ha la maggioranza assoluta, è il solo nome emerso dal giro di consultazioni con i gruppi politici degli ultimi giorni, ha precisato. La sessione di investitura del nuovo presidente catalano è prevista entro il 31 gennaio.

14:37Calcio: Sun, Raiola porterà Balotelli alla Juve

(ANSA) - LONDRA, 22 GEN - Calciomercato o fantacalcio? L'ultima clamorosa voce arriva dall'Inghilterra: al centro Mario Balotelli e il suo agente Mino Raiola. Secondo il tabloid inglese Sun, l'attaccante sarebbe vicino a un clamoroso ritorno in Italia, per vestire la maglia della Juventus. Il giornale scrive di un contratto già pronto a Torino per l'attuale punta del Nizza che a fine stagione sarà svincolato per scadenza contratto. Balotelli ha giocato nelle ultime due stagioni con la maglia del Nizza e quest'anno ha già messo a segno 17 reti, stabilendo il nuovo record personale. Secondo le indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra l'accordo, della durata di cinque anni, prevedrebbe per SuperMario un ruolo centrale nel progetto di Massimiliano Allegri, e non di semplice alternativa a Gonzalo Higuain.

14:23Tennis: Australia, Chung elimina Djokovic

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Sorpresa agli Open d'Australia di tennis, dove Novak Djokovic è stato eliminato negli ottavi di finale. Il serbo, ex numero 1 del mondo e vincitore per sei volte a Melbourne, si è arreso al giovane sudcoreano Hyeon Chung, che si è imposto in tre set con il punteggio di 7-6, 7-6, 7-6. Chung, 21 anni, vincitore a novembre nelle Next gen Atp Finals a Milano, e autore al turno precedente dell'eliminazione del tedesco Alexander Zverev, incontrerà adesso lo statunitense Tennys Sandgren che ha sconfitto per 6-2, 4-6, 7-6 (4), 6-7 (7), 6-3 l'austriaco Dominic Thiem, numero 5 del seeding.

13:58Calcio: Cagliari, arrivano Lykogiannis e Ceter

(ANSA) - CAGLIARI, 22 GEN - Ora è ufficiale: il greco Charalampos Lykogiannis, classe 1993 e il colombiano Damir Ceter, classe 1997 sono due giocatori del Cagliari. Lykogiannis arriva dallo Sturm Graz e si trasferisce in rossoblù a titolo definitivo legandosi al club rossoblù sino al 2022. È un difensore che gioca abitualmente sulla fascia sinistra, bravo in fase di copertura ma anche nelle ripartenze. È cresciuto nell'Olympiakos e con la squadra greca ha vinto un campionato nazionale, due coppe e ha esordito in Champions League. Lo scorso settembre ha anche esordito in nazionale. Nelle ultime due stagioni ha giocato nel campionato austriaco: 81 presenze e sei gol. In rossoblù e con contratto sino al 2022 anche Ceter (FOTO): attaccante centrale alto e fisicamente ben piazzato è considerato uno dei nomi emergenti del calcio sudamericano. Nell'ultima stagione ha giocato con l'Independiente di Santa Fè: 12 presenze e due gol. Alle 15.30 nella sala stampa della Sardegna Arena, la presentazione ufficiale dell'attaccante.

Archivio Ultima ora