Euro 2016: l’eredità di Conte, torni il primato azzurro

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Italy players Mattia De Sciglio (L), Graziano Pelle (R) and Emanuele Giaccherini react after losing the shoot-out during the UEFA EURO 2016 quarter final match between Germany and Italy at Stade de Bordeaux in Bordeaux, France, 02 July 2016. EPA/CAROLINE BLUMBERG

Italy players Mattia De Sciglio (L), Graziano Pelle (R) and Emanuele Giaccherini react after losing the shoot-out during the UEFA EURO 2016 quarter final match between Germany and Italy at Stade de Bordeaux in Bordeaux, France, 02 July 2016.
EPA/CAROLINE BLUMBERG

MONTPELLIER (FRANCIA). – “Al di là dei propri limiti” e persino “oltre la ragione”: le categorie dello spirito fissate da Antonio Conte come presupposto per un buon Europeo azzurro restituiscono una nazionale di nuovo amata dai tifosi italiani e un dubbio forte: saprà prescindere anche dal ct?

E’ questo il vero interrogativo all’epilogo di un’avventura esaltante ma dal finale amaro. Perché è chiaro a tutti il peso dell’ormai allenatore in carica del Chelsea nella rinascita del calcio azzurro dopo la disfatta del Mondiale in Brasile ma forse non sono così certi i confini tecnici di una squadra che teme di “essere dimenticata” fino a piangerne.

Certificata, e ammessa anche dagli interessati, è la mancanza di talento puro sul piano tecnico, ma ‘Francia 2016’ può rappresentare l’alba di una nuova generazione azzurra, e non solo per l’età. “Abbiamo scalato montagne e recuperato il rispetto di tutti: ora non dobbiamo disperdere questo patrimonio”, le parole del capitano Buffon.

Non esiste in questo momento una scuola di giocatori azzurri di livello internazionale, però paradossalmente i migliori tecnici al mondo sono gli italiani. Anche questo, oltre alla straordinaria e inattesa capacità di lavoro e sacrificio del gruppo della nazionale, è un punto importante da cui ripartire.

Paradigmatico il caso di Ancelotti, allenatore ormai di assoluta caratura mondiale, ma italianissimo di formazione, che i tedeschi dominatori del calcio attuale hanno chiamato per sostituire Guardiola nella loro squadra più titolata, il Bayern di Monaco.

Proprio la Germania ha indicato la strada da percorrere per rivitalizzare il movimento sul piano della qualità nel tocco di palla, che rimane il fondamentale determinante a fare la differenza: centri tecnici sparsi in tutti i Laender, e capillare selezione sin dalle scuole.

La Federcalcio italiana, pur con tutte le sue contraddizioni, sta provando a mettersi al passo: investirà nove milioni l’anno (quando, nel 2020, l’operazione andrà a regime) per 200 centri regionali di addestramento, sebbene venga a mancare a Tavecchio – con la rinuncia di Marcello Lippi – l’architrave del progetto per la casa azzurra del futuro.

Ma tra le fondamenta del calcio azzurro non può mancare il pilastro della collaborazione dei club: anche a loro, così interessati al business del calcio, non sarà sfuggita l’audience mostruosa per Buffon e compagni, con il conseguente ritorno di immagine e di valorizzazione del movimento in termini assoluti.

Detto questo il calcio resta un mistero gaudioso (ieri per gli azzurri non tanto): tra i giovani il giocatore italiano più dotato di talento puro (mix di qualità tecniche ed esplosività muscolare) è probabilmente Simone Zaza. Il rigore peggiore tirato dagli azzurri nella interminabile serie che ha regalato a Bordeaux la semifinale alla Germania, è il suo.

E invece, un ragazzo fino a un mese fa destinato a un ruolo di ennesima meteora tricolore, Mattia De Sciglio, annulla Thomas Mueller, rimandando – stavolta sì, per davvero – la memoria a Paolo Maldini.

E allora, forse le distanze qualitative tra l’Italia e il primo mondo calcistico non sono così nette e certe: per finire di colmarle – è questa la vera eredità ‘contiana’, la ‘legacy’ direbbero nella ‘sua’ Londra – basta lavorare, ponendo, come hanno fatto decine di milioni di italiani in questo mese, la Nazionale prima di ogni altra cosa.

(degli inviati Piercarlo Presutti e Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

15:24Calcio Gasperini, Spinazzola? Ora non gioca con noi

(ANSA) - ZINGONIA 8BERGAMO), 19 AGO - "Spinazzola in questo momento non gioca con la squadra: fosse per me sarebbe sempre convocato, se poi non viene è un altro discorso". Gian Piero Gasperini dice la sua sul caso dell'esterno in prestito che spinge per rientrare anticipatamente alla Juventus, separato in casa dopo aver rifiutato di partire per il test di Valencia l'11 agosto scorso: "Il Dio denaro esiste per tutti, anche per i procuratori. I giovani crescono con i valori che vengono loro trasmessi - osserva il tecnico dell'Atalanta - I casi di Conti e Spinazzola non erano prevedibili, per il resto la squadra era praticamente fatta già in primavera, dopo la fine dello scorso campionato. Ora dobbiamo inserire altri giocatori". Per la Roma probabile utilizzo di Gosens: "Non è l'unico giocatore pronto in rosa, lo sono tutti. Magari gli altri esterni sono più abituati a giocare a quattro e dovremo rivedere qualcosa".

15:16Calcio: Zidane, ora comincia grande impegno

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Stiamo attraversando un momento molto buono e dobbiamo approfittarne ma il campionato è molto lungo e ricordo che l'anno scorso l'abbiamo vinto all'ultima giornata. Di sicuro, dobbiamo cominciare bene e visto che contro di noi tutti vogliono fare bella figura sarà un grande impegno". Dopo le vittoria in Supercoppa europea e Supercoppa di Spagna, Zinedine Zidane parla così alla vigilia dell'esordio in Liga, che vedrà il suo Real Madrid affrontare il Deportivo a La Coruna Domani, e per altre tre partite, Cristiano Ronaldo non sarà in campo per la squalifica di 5 giornate inflittagli per aver spintonato l'arbitro al Camp Nou dopo il doppio giallo, sanzione che il tecnico non ha ancora digerito. "Ho già detto quello che pensavo sulla questione. Non mi lamento e non lo farò, ma la sanzione è stata troppo severa". Intanto Zidane inccensa Marco Asensio a cui, rileva Marca, sarà proposto un rinnovo del contratto, a un anno dall'ultimo ritocco, portando la clausola rescissoria a 500 milioni di euro.

15:12Finlandia: polizia, assalitore puntava alle donne

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - L'assalitore marocchino responsabile dell'attacco avvenuto a Turku, in Finlandia, puntava alle donne. E' quanto riferisce la tv finlandese, citando la polizia. Nell'attentato sono morte due donne mentre altre 8 persone sono rimaste ferite, tra cui l'italiana Luisa Biancucci. Intanto la polizia ha riferito che le quattro persone arrestate durante un blitz sono cittadini marocchini.

15:03Calcio: Di Francesco, voglio partire forte

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "L'obiettivo è partire forte, cercando di fare un'ottima prestazione a Bergamo dopo la tournee in Spagna dove i risultati sono venuti meno. Sono convinto che entreremo in campo con grande determinazione e voglia di fare bene". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, in vista della prima di campionato che i giallorossi giocheranno domani in trasferta con l'Atalanta. "Le favorite per il titolo? Griglie di partenza non ne faccio, non è il mio lavoro, ma tante squadre si sono rinforzate e sarà un campionato più competitivo rispetto al passato, con distacchi ridotti", assicura l'allenatore giallorosso.

15:01Iran:Amnesty,non cali attenzione su casi Karroubi e Moussavi

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Tenere alta l'attenzione sui casi di Mehdi Karrubi, Mir Hossein Mousavi e la moglie di quest'ultimo Zhara Rahnavard, da oltre sei anni agli arresti domiciliari senza accuse e processi formali, e nomi fra i piu' noti dei tanti attivisti per i diritti umani, giornalisti e oppositori perseguitati e in carcere in Iran. Lo chiede Amnesty International, poco dopo la decisione di Karrubi, come Mousavi anziano ex candidato alle presidenziali del 2009, di sospendere lo sciopero della fame che lo aveva portato in ospedale. A lui, visitato l'altro ieri dal ministro della Salute, sarebbe stato assicurato di non avere più agenti dell'intelligence a sorvegliarlo in casa, ma resta aperto l'interrogativo sulla seconda richiesta, quella di un processo pubblico.

14:57Terremoto: Laura Boldrini ad Arquata il 24 agosto

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 AGO - La presidente della Camera Laura Boldrini parteciperà il 24 agosto ad Arquata del Tronto alla messa in ricordo delle vittime del terremoto di un anno fa. La celebrazione, presieduta dal vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D'Ercole, si terrà alle 16:30 nella nuova chiesa di Pescara del Tronto e verrà trasmessa in diretta su Radio Maria. Sarà poi seguita da una visita nei cimiteri di Capodacqua, Pescara del Tronto e Borgo, dove sono sepolte le vittime del terremoto. Arquata ricorderà i propri morti con una lunga veglia (''E guarderemo ancora le stelle brillare in una notte di agosto'') che comincerà alle 23 del 23 agosto. Una fiaccolata silenziosa partirà da Trisungo verso Pescara del Tronto, la frazione rasa al suolo dal sisma, dove ci si raccoglierà in preghiera fino alle ore 3:36 del 24 agosto, l'ora della scossa che ha sconvolto l'Italia centrale. Alle 19 un concerto di Filiberto Caponi nella chiesa di Pescara concluderà la giornata.

14:47Terremoto: sindaco San Ginesio, con Errani ottimo rapporto

(ANSA) - SAN GINESIO (MACERATA), 19 AGO - "Un ottimo rapporto sotto il profili umano e tecnico" con il commissario alla ricostruzione Errani per il sindaco di San Ginesio Mario Scagnetti, che non vuole fare troppi commenti alle voci che Errani sta oper lasciare l'incarico, in scadenza a settembre. "Certo - osserva - siamo tutti legati al filo della burocrazia, ma le cose di cui abbiamo parlato con lui sono realizzate o in fase di realizzazione". Quanto all'ipotesi che le Regioni abbino più responsabilità, "il ritorno ad una modello simile a quello terremoto del 1997, più vicino ai territori, può essere una cosa positiva, ma - ammonisce- bisogna vedere come si muoveranno le Regioni, se cammineranno insieme o se vorranno essere libera di seguire ognuna la propria strada".(ANSA).

Archivio Ultima ora