Bangladesh: L’Italia alza le difese. Attenzione massima

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

dacca

ROMA. – Gli attentati dell’Isis contro l’Occidente continueranno e gli interessi italiani sono un possibile obiettivo, anche all’estero, come si è visto a Dacca. Intelligence ed Antiterrorismo sono così al lavoro per adeguare costantemente le misure di sicurezza. Il dispositivo è già al massimo, al ‘Livello 2’.

Si tratta quindi di moltiplicare gli sforzi per captare in tempo segnali di pericolo. Sul territorio nazionale, occhio alle carceri, luogo privilegiato di radicalizzazione ed al possibile ritorno di foreign fighters dai teatri siriani ed iracheni.

All’estero, l’obiettivo è rafforzare le alleanze e gli scambi di informazione con i Paesi alleati per meglio tutelare i connazionali presenti.

Confronti ci sono stati tra i vertici della sicurezza, il sottosegretario ai servizi Marco Minniti, i direttori di Dis, Aise ed Aisi, Alessandro Pansa, Alberto Manenti e Mario Parente, il capo della polizia, Franco Gabrielli. I primi rapporti su quanto accaduto a Dacca sono stati mandati dagli 007 inviati sul posto per verificare la dinamica dell’attacco al ristorante ed il discutibile blitz delle forze speciali bengalesi.

Ma c’è anche da discutere con le autorità locali su come proteggere meglio gli italiani che vivono lì: in Bangladesh, prima della strage di due giorni fa, nello scorso ottobre era stato ucciso il cooperante Cesare Tavella, mentre a novembre era stato gravemente ferito il missionario Pietro Parolari.

Più in generale, una riflessione è in atto su come più efficacemente si potrebbe organizzare la rete di agenti Aise all’estero (in Bangladesh erano assenti). Anche di questo probabilmente parlerà il direttore del Dis Pansa nel corso di un’audizione programmata per giovedì prossimo al Copasir.

Sono tanti gli italiani che vivono ed operano in contesti difficili e che l’aggravarsi della minaccia di Isis e al Qaeda mette in pericolo. Sono poi quotidiani i ‘warnings’ che dall’intelligence arrivano alle forze di polizia. La valutazione è affidata al Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa).

A quanto si apprende, per ora si tratta di minacce generiche, che non riguardano obiettivi definiti. Nondimeno l’allerta è al massimo livello. Solo lo scorso 29 giugno, dopo gli attacchi all’aeroporto di Istanbul, c’è stato – con un’ordinanza dei questori – un rafforzamento dei dispositivi di vigilanza e controllo del territorio e delle misure a tutela degli obiettivi sensibili a Roma e Milano.

E tra gli obiettivi sensibili, sono stati inseriti anche ‘soft target’ come i “luoghi pubblici, punti di ritrovo dei tifosi per gli eventi relativi a Euro 2016 anche con l’allestimento dei maxischermi”. Sono 7mila i militari impegnati a presidio dei siti a rischio nell’operazione ‘Strade sicure’ in diverse città.

A preoccupare sono in particolare le carceri: si stimano in 3-400 i detenuti ad alto tasso di radicalizzazione islamica. Soggetti che vanno monitorati con attenzione una volta usciti dagli istituti di pena. Ci sono poi i combattenti ‘italiani’ (una novantina) che possono ritornare da Iraq e Siria. E c’è la rete, usata con grande efficacia dallo Stato islamico per fare proseliti e chiamare alla “guerra agli infedeli”.

Vanno inoltre tenuti d’occhio i soggetti di religione islamica che improvvisamente cambiano abitudini, dando segno – a livello esteriore, di abbigliamento e aspetto – di radicalizzarsi. Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, è fermo sulla strategia delle espulsioni dei sospetti: nel 2016 in 30 sono stati allontanati dal territorio nazionale per motivi di sicurezza dello Stato.

L’ultimo, lo scorso 29 giugno, proprio un bengalese di 30 anni, che aveva abitato a Bologna e dopo si era spostato a Grado e che sui social network aveva dimostrato simpatie per l’Isis.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora