Bangladesh: L’Italia alza le difese. Attenzione massima

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

dacca

ROMA. – Gli attentati dell’Isis contro l’Occidente continueranno e gli interessi italiani sono un possibile obiettivo, anche all’estero, come si è visto a Dacca. Intelligence ed Antiterrorismo sono così al lavoro per adeguare costantemente le misure di sicurezza. Il dispositivo è già al massimo, al ‘Livello 2’.

Si tratta quindi di moltiplicare gli sforzi per captare in tempo segnali di pericolo. Sul territorio nazionale, occhio alle carceri, luogo privilegiato di radicalizzazione ed al possibile ritorno di foreign fighters dai teatri siriani ed iracheni.

All’estero, l’obiettivo è rafforzare le alleanze e gli scambi di informazione con i Paesi alleati per meglio tutelare i connazionali presenti.

Confronti ci sono stati tra i vertici della sicurezza, il sottosegretario ai servizi Marco Minniti, i direttori di Dis, Aise ed Aisi, Alessandro Pansa, Alberto Manenti e Mario Parente, il capo della polizia, Franco Gabrielli. I primi rapporti su quanto accaduto a Dacca sono stati mandati dagli 007 inviati sul posto per verificare la dinamica dell’attacco al ristorante ed il discutibile blitz delle forze speciali bengalesi.

Ma c’è anche da discutere con le autorità locali su come proteggere meglio gli italiani che vivono lì: in Bangladesh, prima della strage di due giorni fa, nello scorso ottobre era stato ucciso il cooperante Cesare Tavella, mentre a novembre era stato gravemente ferito il missionario Pietro Parolari.

Più in generale, una riflessione è in atto su come più efficacemente si potrebbe organizzare la rete di agenti Aise all’estero (in Bangladesh erano assenti). Anche di questo probabilmente parlerà il direttore del Dis Pansa nel corso di un’audizione programmata per giovedì prossimo al Copasir.

Sono tanti gli italiani che vivono ed operano in contesti difficili e che l’aggravarsi della minaccia di Isis e al Qaeda mette in pericolo. Sono poi quotidiani i ‘warnings’ che dall’intelligence arrivano alle forze di polizia. La valutazione è affidata al Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa).

A quanto si apprende, per ora si tratta di minacce generiche, che non riguardano obiettivi definiti. Nondimeno l’allerta è al massimo livello. Solo lo scorso 29 giugno, dopo gli attacchi all’aeroporto di Istanbul, c’è stato – con un’ordinanza dei questori – un rafforzamento dei dispositivi di vigilanza e controllo del territorio e delle misure a tutela degli obiettivi sensibili a Roma e Milano.

E tra gli obiettivi sensibili, sono stati inseriti anche ‘soft target’ come i “luoghi pubblici, punti di ritrovo dei tifosi per gli eventi relativi a Euro 2016 anche con l’allestimento dei maxischermi”. Sono 7mila i militari impegnati a presidio dei siti a rischio nell’operazione ‘Strade sicure’ in diverse città.

A preoccupare sono in particolare le carceri: si stimano in 3-400 i detenuti ad alto tasso di radicalizzazione islamica. Soggetti che vanno monitorati con attenzione una volta usciti dagli istituti di pena. Ci sono poi i combattenti ‘italiani’ (una novantina) che possono ritornare da Iraq e Siria. E c’è la rete, usata con grande efficacia dallo Stato islamico per fare proseliti e chiamare alla “guerra agli infedeli”.

Vanno inoltre tenuti d’occhio i soggetti di religione islamica che improvvisamente cambiano abitudini, dando segno – a livello esteriore, di abbigliamento e aspetto – di radicalizzarsi. Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, è fermo sulla strategia delle espulsioni dei sospetti: nel 2016 in 30 sono stati allontanati dal territorio nazionale per motivi di sicurezza dello Stato.

L’ultimo, lo scorso 29 giugno, proprio un bengalese di 30 anni, che aveva abitato a Bologna e dopo si era spostato a Grado e che sui social network aveva dimostrato simpatie per l’Isis.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

Archivio Ultima ora