Renzi, o con me o tutti a casa. Ma è scontro aperto nel Pd

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Renzi_5

ROMA. – Matteo Renzi proietta il video del discorso di Giorgio Napolitano, quando alla rielezione sferzò il Parlamento per le mancate riforme. “Lo avete applaudito voi in quell’Aula, io ero a Palazzo Vecchio”, dice ai dirigenti del Pd riuniti per la direzione.

Ma non riesce a impedire che i mal di pancia che, alla vigilia dell’appuntamento “cruciale” del referendum costituzionale, emergano non più solo dalla minoranza ma anche – questa la novità – dalla maggioranza del partito. E si trasformino in direzione in un durissimo scontro. Con uno scambio reciproco di accuse, come quella di Gianni Cuperlo che attacca così il premier. “Esci dal talent dell’Italia stereotipata”.

In un’ora e mezza di discorso il premier avverte i colleghi che non si farà logorare né ‘mangiare’ come è successo in passato ad altri leader. E sul referendum avverte: “In caso di ‘no’ il premier, il governo e – ma non spetta a me dirlo – anche il Parlamento, dovrebbe prenderne atto”. Tradotto: Andare tutti a casa.

La direzione, convocata dopo i ballottaggi e rinviata causa Brexit, dura cinque ore e per la prima volta in ‘era renziana’ vede salire sul palco tutti i capi delle aree che compongono il partito. Il segretario se lo aspetta e li anticipa con un lungo discorso: dal terrorismo, fino alla necessità di cambiare l’Europa (“La flessibilità non è una concessione ma dovere di buon senso per l’Ue”).

Un passaggio delicato è quello sulle banche: “Noi i risparmi li salviamo nonostante le regole Ue” ma anche dal Pd sono giunte, osserva, “polemiche ingiustificate e indecenti”. Anche sulle politiche del governo, il premier non accetta che gli si chieda un cambio di rotta perché, avverte, si può sempre “cambiare quello che non va”, ma “serve l’onestà intellettuale di riconoscere che da quando il Pd governa c’è qualche tassa in meno e qualche diritto in più”.

E ai bersaniani che hanno minacciato di non votare più la fiducia sui temi sociali, la risposta è netta: “Il Jobs act è la più grande legge di sinistra. E abbiamo aperto il più grande cantiere sociale”. Perché la legislatura possa completare le “riforme attese da venti anni” e proseguire, Renzi sottolinea che è necessario il sì alla referendum costituzionale: non con la “minaccia” (sia pur credibile, osserva) della recessione paventata da Confindustria in caso di vittoria del no ma come passaggio “cruciale non per il mio destino personale ma per la credibilità della politica”.

Il premier smentisce che il Pd abbia difficoltà a raccogliere le firme (“Ne abbiamo 400mila”) e rivendica di non avere “paura di metterci la faccia”. Ma, avverte, se la riforma viene bocciata l’intero Parlamento – ma su questo, è consapevole, decide il capo dello Stato – dovrebbe dimettersi. A chi, come Roberto Formigoni, da Ncd minaccia di togliere la fiducia al governo, Renzi replica: “Non tremiamo mica”.

E alle “correnti” che nel Pd si agitano, arriva una stoccata decisa: “Radio Transatlantico dice che i renziani dell’ultima ora scendono dal carro… quando cercheranno di risalire troveranno occupato. Qui nessuno è garantito, a partire da me. Finché ci sono io, le correnti non torneranno a guidare il partito. Girate sul territorio”, avverte.

Alla minoranza che chiede di separare il ruolo di segretario e premier: “Se volete cacciarmi vincete il congresso. La stagione in cui qualcuno dall’alto della sua intelligenza si diverte ad abbattere il leader è finita; no alla strategia del Conte Ugolino”. E in platea più d’uno guarda Massimo D’Alema, che torna in direzione dopo lunga assenza.

Ma le parole di Renzi non bastano a placare gli animi agitati della vigilia. Piero Fassino, sconfitto a Torino, invita a “tenere insieme riforme e quotidianità”. E Dario Franceschini, leader di Area dem, apre il tema delle legge elettorale, non toccato dal segretario, chiedendo di introdurre il premio alla coalizione per contrastare i populismi.

Non è d’accordo il collega Graziano Delrio, che difende la legge elettorale e invita anche i colleghi a “non vergognarsi del lavoro fatto” dal governo. Mentre Matteo Orfini e Andrea Orlando, leader dei Giovani Turchi, pur difendendo l’Italicum chiedono a Renzi risposte più decise sul partito: “Non bastano le politiche del governo”, dice Orfini e critica la scelta del premier di discutere di Europa nell’assemblea del 23 luglio.

Quanto alla minoranza, Roberto Speranza e Gianni Cuperlo presentano un documento (che sarà bocciato nettamente, con solo 8 voti a favore) per chiedere che anche le posizioni del “no” possano avere residenza nel partito. Tornano poi sulla richiesta di dividere i ruoli di segretario e premier: “Non è un dibattito lunare”, dice Pier Luigi Bersani. Mentre Cuperlo annuncia che la minoranza presenterà al congresso un “ticket” tra candidato segretario e candidato premier”.

Di Cuperlo l’attacco più duro a Renzi: “Così condannerai la sinistra alla sconfitta. Esci dal talent di un’Italia patinata”, dice. “Gianni – replica Renzi – io sono fuori dal ‘talent’. Voglio uscire dal racconto stereotipato del governo di arroganti del Giglio magico”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:56Consiglio Liguria unito nel dire sì all’autonomia

(ANSA) - GENOVA, 23 GEN - Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato all'unanimità dei votanti (Rete a sinistra /LiberaMente Liguria, gruppo di opposizione, non ha partecipato al voto) una risoluzione per chiedere una maggiore autonomia della Liguria dallo Stato. Il documento, sottoscritto da maggioranza e opposizione, impegna la Giunta Toti a "proseguire il confronto con il Governo per definire i contenuti di un'intesa, con il coinvolgimento del Consiglio regionale". "Abbiamo approvato all'unanimità il documento sull'autonomia - dice il governatore Giovanni Toti - Siamo in marcia, tutti insieme, verso un futuro di maggiore efficienza, libertà e vicinanza della politica ai cittadini". "Prendiamo atto della mancanza di volontà da parte di Toti a dare la parola ai cittadini attraverso un referendum sull'autonomia", commenta il M5S. Il Pd ha espresso soddisfazione per "l'approvazione all'unanimità di una sua mozione sull'autonomia finanziaria dei porti liguri che consentirà di finanziare opere infrastrutturali strategiche".

21:48Strage bus ungherese su A4:presentata denuncia contro ignoti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Una piastra di ferro in disuso, con pezzi sporgenti, che sarebbe stata presente sull'autostrada al di la' del guardrail, è l'elemento che ha portato l'Associazione Italiana familiari vittime della strada a presentare in Procura a Verona una denuncia contro ignoti, per disastro colposo, in relazione all'incidente del 20 gennaio 2017 che vide 16 studenti ungheresi morire nel rogo del loro pullman. Basandosi su un documento redatto da esperti ungheresi, sarebbero state individuate - sostiene l'Aifvs - presunte responsabilità "da parte del gestore del tratto autostradale, dei progettisti e dei manutentori". Stando a questa ipotesi, la piastra di ferro in disuso, presente sul luogo dell'incidente, potrebbe aver causato l'esplosione degli pneumatici del bus, che contribuì a modificarne la traiettoria in uscita di strada, portandolo a schiantarsi contro il pilone della A4 e incendiandosi. Per quel disastro è indagato per omicidio stradale l'autista del pullman, un 52enne ungherese, che sopravvisse all'incidente.

21:42Tramvia: Firenze, tratto nuove linee da rifare, già smontato

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Un tratto dei binari delle nuove linee tramviarie in corso di realizzazione a Firenze nell'area vicina alla stazione, dovrà essere smontato e ricostruito da capo: ne dà notizia Tram spa, la società che sta curando i lavori, spiegando che lo "smontaggio, iniziato oggi, si è reso necessario perché le procedure di qualità hanno verificato difformità rispetto al progetto nell'esecuzione dei lavori". Si tratta di un segmento di circa 25 metri tra via Valfonda, Villa Vittoria e piazza Bambine e Bambini di Beslan. La difformità riscontrata, informa Tram spa, "consiste in un dislivello di circa 10 centimetri che dovrà essere riportato alla quota di progetto. In concreto i binari saranno smontati, si procederà alla demolizione puntuale della soletta che poi sarà rifatta alla giusta quota". Le operazioni dureranno due settimane. Per l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti: "ci preoccupa molto. Ma abbiamo chiesto e ricevuto rassicurazione sul rispetto dei tempi dei lavori".

21:29Uccide moglie e si spara: giorno dopo paese sotto choc

(ANSA) - CASERTA, 23 GEN - Conflitti in famiglia con radici lontane, ma anche un lavoro che non c'era più e che rendeva il futuro sempre più grigio. Questo avrebbe spinto il 48enne Davide Mango, ex attivista di Forza Nuova, a rendersi protagonista ieri di un pomeriggio di terrore a Bellona, nel Casertano. L'uomo, una ex guardia giurata, ha ucciso la moglie Anna Carusone e ferito alcune persone sparando dal balcone della sua abitazione; si è poi barricato in casa e dopo 4 ore di trattative con i carabinieri si è sparato un colpo alla testa ed è morto. Oggi la comunità del piccolo paesino ubicato nella campagna attorno a Capua, mai toccato da vicende di cronaca così clamorose e poco coinvolto anche in episodi di microcriminalità, è sotto choc. "E' una tragedia di cui nessuno sa spiegare i motivi - dice il sindaco Filippo Abbate - anche perché non c'è nessuna denuncia penale a carico di Mango, né segnalazioni ai servizi sociali del nostro Comune per quanto riguarda l'unica figlia minore della coppia che è riuscita a salvarsi".

21:25Sparatoria in scuola Kentucky, 2 morti e 19 feriti

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Due morti e 19 feriti, di cui 14 per colpi d'arma da fuoco: è l'ultimo bilancio fornito dal governatore del Kentucky Matt Bevin sulla sparatoria in una scuola superiore di Benton. La persona arrestata è uno studente di 15 anni.

21:19Calcio: Carnevali, battuta Sarri su Politano mi fa sorridere

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Le parole di Sarri su Politano "mi fanno sorridere. Era una battuta su cose che non esistono. Noi non cediamo giocatori a gennaio: lo abbiamo fatto in passato, anche con Zaza alla Juventus e Defrel alla Roma". Così Giovanni Carnevali, ad del Sassuolo, risponde all'allenatore del Napoli che domenica aveva punzecchiato la Juventus ("Marotta lo ha dichiarato incedibile, così abbiamo dovuto fare un passo indietro"), in merito alla trattativa sfumata tra Napoli e Politano. "Politano - aggiunge Carnevali, a margine della visita riservata al mondo del calcio al Memoriale della Shoah, a Milano - deve rendere al meglio; se ne riparlerà a giugno, ma non faccio nessuna promessa. Lui è un professionista, può avere per pochi giorni le idee confuse ma avrà occasioni per rifarsi". In uscita c'è invece Alessandro Matri. "È in scadenza - ricorda Carnevali - e noi gli abbiamo proposto il rinnovo di contratto. Ora tocca a lui decidere".

21:06Calcio: Juve, Sturaro “con Genoa non era scontato vincere”

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Abbiamo lavorato tanto dopo la sosta, eravamo appesantiti: non era scontato vincere". Così Stefano Sturaro, il giorno dopo la vittoria della Juventus contro il Genoa, nell'intervista a JTv. "Siamo molto soddisfatti - ha spiegato -, abbiamo saputo soffrire insieme, come ci chiede il mister, lavorando da squadra". Subentrato a partita in corso, Sturaro, ex Genoa, ha compiuto un intervento provvidenziale nella propria area, sventando il pericolo: "E' la mia principale caratteristica, mettermi a disposizione del gruppo e dell'allenatore, che crede che io possa sperimentarmi in qualche ruolo in più. Non è facile farlo alla mia età - ha concluso ma sono contento di dare il massimo dare la mia disponibilità per ripagare la fiducia".

Archivio Ultima ora