Renzi, o con me o tutti a casa. Ma è scontro aperto nel Pd

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Renzi_5

ROMA. – Matteo Renzi proietta il video del discorso di Giorgio Napolitano, quando alla rielezione sferzò il Parlamento per le mancate riforme. “Lo avete applaudito voi in quell’Aula, io ero a Palazzo Vecchio”, dice ai dirigenti del Pd riuniti per la direzione.

Ma non riesce a impedire che i mal di pancia che, alla vigilia dell’appuntamento “cruciale” del referendum costituzionale, emergano non più solo dalla minoranza ma anche – questa la novità – dalla maggioranza del partito. E si trasformino in direzione in un durissimo scontro. Con uno scambio reciproco di accuse, come quella di Gianni Cuperlo che attacca così il premier. “Esci dal talent dell’Italia stereotipata”.

In un’ora e mezza di discorso il premier avverte i colleghi che non si farà logorare né ‘mangiare’ come è successo in passato ad altri leader. E sul referendum avverte: “In caso di ‘no’ il premier, il governo e – ma non spetta a me dirlo – anche il Parlamento, dovrebbe prenderne atto”. Tradotto: Andare tutti a casa.

La direzione, convocata dopo i ballottaggi e rinviata causa Brexit, dura cinque ore e per la prima volta in ‘era renziana’ vede salire sul palco tutti i capi delle aree che compongono il partito. Il segretario se lo aspetta e li anticipa con un lungo discorso: dal terrorismo, fino alla necessità di cambiare l’Europa (“La flessibilità non è una concessione ma dovere di buon senso per l’Ue”).

Un passaggio delicato è quello sulle banche: “Noi i risparmi li salviamo nonostante le regole Ue” ma anche dal Pd sono giunte, osserva, “polemiche ingiustificate e indecenti”. Anche sulle politiche del governo, il premier non accetta che gli si chieda un cambio di rotta perché, avverte, si può sempre “cambiare quello che non va”, ma “serve l’onestà intellettuale di riconoscere che da quando il Pd governa c’è qualche tassa in meno e qualche diritto in più”.

E ai bersaniani che hanno minacciato di non votare più la fiducia sui temi sociali, la risposta è netta: “Il Jobs act è la più grande legge di sinistra. E abbiamo aperto il più grande cantiere sociale”. Perché la legislatura possa completare le “riforme attese da venti anni” e proseguire, Renzi sottolinea che è necessario il sì alla referendum costituzionale: non con la “minaccia” (sia pur credibile, osserva) della recessione paventata da Confindustria in caso di vittoria del no ma come passaggio “cruciale non per il mio destino personale ma per la credibilità della politica”.

Il premier smentisce che il Pd abbia difficoltà a raccogliere le firme (“Ne abbiamo 400mila”) e rivendica di non avere “paura di metterci la faccia”. Ma, avverte, se la riforma viene bocciata l’intero Parlamento – ma su questo, è consapevole, decide il capo dello Stato – dovrebbe dimettersi. A chi, come Roberto Formigoni, da Ncd minaccia di togliere la fiducia al governo, Renzi replica: “Non tremiamo mica”.

E alle “correnti” che nel Pd si agitano, arriva una stoccata decisa: “Radio Transatlantico dice che i renziani dell’ultima ora scendono dal carro… quando cercheranno di risalire troveranno occupato. Qui nessuno è garantito, a partire da me. Finché ci sono io, le correnti non torneranno a guidare il partito. Girate sul territorio”, avverte.

Alla minoranza che chiede di separare il ruolo di segretario e premier: “Se volete cacciarmi vincete il congresso. La stagione in cui qualcuno dall’alto della sua intelligenza si diverte ad abbattere il leader è finita; no alla strategia del Conte Ugolino”. E in platea più d’uno guarda Massimo D’Alema, che torna in direzione dopo lunga assenza.

Ma le parole di Renzi non bastano a placare gli animi agitati della vigilia. Piero Fassino, sconfitto a Torino, invita a “tenere insieme riforme e quotidianità”. E Dario Franceschini, leader di Area dem, apre il tema delle legge elettorale, non toccato dal segretario, chiedendo di introdurre il premio alla coalizione per contrastare i populismi.

Non è d’accordo il collega Graziano Delrio, che difende la legge elettorale e invita anche i colleghi a “non vergognarsi del lavoro fatto” dal governo. Mentre Matteo Orfini e Andrea Orlando, leader dei Giovani Turchi, pur difendendo l’Italicum chiedono a Renzi risposte più decise sul partito: “Non bastano le politiche del governo”, dice Orfini e critica la scelta del premier di discutere di Europa nell’assemblea del 23 luglio.

Quanto alla minoranza, Roberto Speranza e Gianni Cuperlo presentano un documento (che sarà bocciato nettamente, con solo 8 voti a favore) per chiedere che anche le posizioni del “no” possano avere residenza nel partito. Tornano poi sulla richiesta di dividere i ruoli di segretario e premier: “Non è un dibattito lunare”, dice Pier Luigi Bersani. Mentre Cuperlo annuncia che la minoranza presenterà al congresso un “ticket” tra candidato segretario e candidato premier”.

Di Cuperlo l’attacco più duro a Renzi: “Così condannerai la sinistra alla sconfitta. Esci dal talent di un’Italia patinata”, dice. “Gianni – replica Renzi – io sono fuori dal ‘talent’. Voglio uscire dal racconto stereotipato del governo di arroganti del Giglio magico”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:34Calcio: Bernardo Silva dal Monaco al Manchester City

(ANSA) - MANCHESTER, 26 MAG - Bernardo Silva, nazionale portoghese di 22 anni, passa dal Monaco al Manchester City. Durata del contratto e costo dell'operazione non sono stati resi noti, ma i media inglesi ipotizzano una affare da circa 43 milioni di sterline. Con la maglia del Monaco, Silva ha vinto quest'anno il campionato francese e raggiunto le semifinali di Champions. E' un rinforzo fortemente voluto dal tecnico Pep Guardiola, che ha concluso la prima stagione al City senza vincere trofei. Il centrocampista ha già superato le visite mediche e dal primo luglio sarà a tutti gli effetti a disposizione di Guardiola.

22:31Egitto: autorità, colpite basi miliziani in est Libia

(ANSA-AP) - IL CAIRO, 26 MAG - Responsabili egiziani hanno riferito stasera che aerei da combattimento egiziani hanno compiuto raid e hanno colpito basi di miliziani nell'est della Libia. Si tratta, hanno detto, della risposta al sanguinoso attentato compiuto oggi contro i cristiani copti egiziani. Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha rivolto un appello al presidente Usa, Donald Trump, perché prenda la guida della lotta al terrorismo. "Rivolgo il mio appello al presidente Trump: io mio fido di te, della tua parola e della tua capacità di fare della lotta al terrorismo globale il tuo obiettivo principale". Sisi ha poi ripetuto il suo appello a punire i Paesi che finanziano, armano o addestrano i terroristi.

21:47Calcio: Mandzukic a riposo, col Bologna c’è Sturaro

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Niente Bologna per Mario Mandzukic, a cui mister Allegri dovrebbe concedere un turno di riposo in vista della finale Champions di Cardiff. Al suo posto al Dall'Ara dovrebbe esserci Sturaro. Questa l'indicazione emersa al termine dell'allenamento svolto dalla Juventus nel pomeriggio.

21:42Blue Whale: Procura Udine indaga su presunto caso in Friuli

(ANSA) - UDINE, 26 MAG - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale. E' stato lanciato dai genitori l'allarme sul quale stanno indagando la Procura della Repubblica di Udine e la Polizia Postale. La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia.

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

21:11Ariana Grande tornerà a Manchester per concerto beneficienza

(ANSA) - LONDRA, 26 MAG - La cantante americana Ariana Grande tornerà a Manchester per un concerto di beneficienza per le vittime dell'attacco avvenuto lunedì scorso all'Arena al termine di uno dei suoi concerti nella città britannica. Lo ha reso noto la stessa cantante su Twitter. "Ritornerò in questa incredibile e coraggiosa città di Manchester per passare del tempo con i miei fan e per un concerto di beneficienza in onore e per raccogliere soldi per le vittime e le loro famiglie", ha cinguettato la cantante. Grande ha poi precisato che sta lavorando sui dettagli del nuovo appuntamento e "appena saranno confermati li condividerà", aggiungendo che il suo "cuore, le preghiere e le sue più sincere condoglianze vanno alle vittime dell'attacco".

21:09Processo Juve: Pecoraro “Io non ho chiesto patteggiamento”

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "La Procura, costituendo l'accusa, non poteva fare alcuna proposta di patteggiamento": il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, precisa all'Ansa i termini di quanto avvenuto oggi nella prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e rapporti con gli ultras. "La Procura - spiega Pecoraro - si è esclusivamente confrontata con la Juventus per cercare una soluzione accoglibile da entrambe la parti. Il confronto è stato sospeso nel momento in cui la Juventus ha richiesto un rinvio per poter riflettere sulle varie soluzioni di carattere generale che la parti hanno prospettato", ha concluso.

Archivio Ultima ora