Renzi, o con me o tutti a casa. Ma è scontro aperto nel Pd

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Renzi_5

ROMA. – Matteo Renzi proietta il video del discorso di Giorgio Napolitano, quando alla rielezione sferzò il Parlamento per le mancate riforme. “Lo avete applaudito voi in quell’Aula, io ero a Palazzo Vecchio”, dice ai dirigenti del Pd riuniti per la direzione.

Ma non riesce a impedire che i mal di pancia che, alla vigilia dell’appuntamento “cruciale” del referendum costituzionale, emergano non più solo dalla minoranza ma anche – questa la novità – dalla maggioranza del partito. E si trasformino in direzione in un durissimo scontro. Con uno scambio reciproco di accuse, come quella di Gianni Cuperlo che attacca così il premier. “Esci dal talent dell’Italia stereotipata”.

In un’ora e mezza di discorso il premier avverte i colleghi che non si farà logorare né ‘mangiare’ come è successo in passato ad altri leader. E sul referendum avverte: “In caso di ‘no’ il premier, il governo e – ma non spetta a me dirlo – anche il Parlamento, dovrebbe prenderne atto”. Tradotto: Andare tutti a casa.

La direzione, convocata dopo i ballottaggi e rinviata causa Brexit, dura cinque ore e per la prima volta in ‘era renziana’ vede salire sul palco tutti i capi delle aree che compongono il partito. Il segretario se lo aspetta e li anticipa con un lungo discorso: dal terrorismo, fino alla necessità di cambiare l’Europa (“La flessibilità non è una concessione ma dovere di buon senso per l’Ue”).

Un passaggio delicato è quello sulle banche: “Noi i risparmi li salviamo nonostante le regole Ue” ma anche dal Pd sono giunte, osserva, “polemiche ingiustificate e indecenti”. Anche sulle politiche del governo, il premier non accetta che gli si chieda un cambio di rotta perché, avverte, si può sempre “cambiare quello che non va”, ma “serve l’onestà intellettuale di riconoscere che da quando il Pd governa c’è qualche tassa in meno e qualche diritto in più”.

E ai bersaniani che hanno minacciato di non votare più la fiducia sui temi sociali, la risposta è netta: “Il Jobs act è la più grande legge di sinistra. E abbiamo aperto il più grande cantiere sociale”. Perché la legislatura possa completare le “riforme attese da venti anni” e proseguire, Renzi sottolinea che è necessario il sì alla referendum costituzionale: non con la “minaccia” (sia pur credibile, osserva) della recessione paventata da Confindustria in caso di vittoria del no ma come passaggio “cruciale non per il mio destino personale ma per la credibilità della politica”.

Il premier smentisce che il Pd abbia difficoltà a raccogliere le firme (“Ne abbiamo 400mila”) e rivendica di non avere “paura di metterci la faccia”. Ma, avverte, se la riforma viene bocciata l’intero Parlamento – ma su questo, è consapevole, decide il capo dello Stato – dovrebbe dimettersi. A chi, come Roberto Formigoni, da Ncd minaccia di togliere la fiducia al governo, Renzi replica: “Non tremiamo mica”.

E alle “correnti” che nel Pd si agitano, arriva una stoccata decisa: “Radio Transatlantico dice che i renziani dell’ultima ora scendono dal carro… quando cercheranno di risalire troveranno occupato. Qui nessuno è garantito, a partire da me. Finché ci sono io, le correnti non torneranno a guidare il partito. Girate sul territorio”, avverte.

Alla minoranza che chiede di separare il ruolo di segretario e premier: “Se volete cacciarmi vincete il congresso. La stagione in cui qualcuno dall’alto della sua intelligenza si diverte ad abbattere il leader è finita; no alla strategia del Conte Ugolino”. E in platea più d’uno guarda Massimo D’Alema, che torna in direzione dopo lunga assenza.

Ma le parole di Renzi non bastano a placare gli animi agitati della vigilia. Piero Fassino, sconfitto a Torino, invita a “tenere insieme riforme e quotidianità”. E Dario Franceschini, leader di Area dem, apre il tema delle legge elettorale, non toccato dal segretario, chiedendo di introdurre il premio alla coalizione per contrastare i populismi.

Non è d’accordo il collega Graziano Delrio, che difende la legge elettorale e invita anche i colleghi a “non vergognarsi del lavoro fatto” dal governo. Mentre Matteo Orfini e Andrea Orlando, leader dei Giovani Turchi, pur difendendo l’Italicum chiedono a Renzi risposte più decise sul partito: “Non bastano le politiche del governo”, dice Orfini e critica la scelta del premier di discutere di Europa nell’assemblea del 23 luglio.

Quanto alla minoranza, Roberto Speranza e Gianni Cuperlo presentano un documento (che sarà bocciato nettamente, con solo 8 voti a favore) per chiedere che anche le posizioni del “no” possano avere residenza nel partito. Tornano poi sulla richiesta di dividere i ruoli di segretario e premier: “Non è un dibattito lunare”, dice Pier Luigi Bersani. Mentre Cuperlo annuncia che la minoranza presenterà al congresso un “ticket” tra candidato segretario e candidato premier”.

Di Cuperlo l’attacco più duro a Renzi: “Così condannerai la sinistra alla sconfitta. Esci dal talent di un’Italia patinata”, dice. “Gianni – replica Renzi – io sono fuori dal ‘talent’. Voglio uscire dal racconto stereotipato del governo di arroganti del Giglio magico”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:06Gambia: ultimatum a Jammeh, lascia o intervento truppe

(ANSA) - DAKAR, 20 GEN - Il presidente sconfitto del Gambia, Yahya Jammeh, dovrà lasciare il Paese di sua spontanea volontà entro mezzogiorno ora locale (le 13:00 in Italia) o sarà costretto ad andarsene con la forza: lo ha detto Marcel Alain de Souza, presidente dell'Ecowas, l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale. Le truppe dell'Ecowas sono entrate in Gambia ieri sera, dopo il giuramento del presidente eletto Adama Barrow nell'ambasciata gambiana del vicino Senegal.

09:23Trump: viaggio e’ iniziato, voglio cambiamento reale

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - "Il viaggio e' iniziato, e' iniziato 18 mesi fa. Quello che voglio e' un cambiamento reale": cosi' Donald Trump intervenendo nel corso del concerto inaugurale. "Voglio unire il Paese e fare l'America di nuovo grande. Grande per tutti".

08:44Messico: ‘El Chapo’ estradato in Usa, in volo per NY

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 GEN - Joaquin 'El Chapo' Guzman, ex signore della droga messicano, è stato estradato verso gli Usa dove deve rispondere di accuse legate al narcotraffico. Lo ha annunciato il governo messicano, che lo ha trasferito all'aeroporto di Ciudad Juarez, dove è stato preso in consegna da agenti Usa. Funzionari statunitensi hanno confermato che l'ex capo del cartello di Sinaloa è atterrato in un aeroporto di periferia, dove lo aspettava una colonna di suv per portarlo via. Passerà la notte in una prigione di New York, prima della comparizione prevista oggi in un tribunale federale di Brooklyn. L'ex boss dei narcos si è reso protagonista di due arresti e altrettante fughe avventurose, fino a quando non è stato preso per la terza volta.

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

Archivio Ultima ora