Renzi, o con me o tutti a casa. Ma è scontro aperto nel Pd

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Renzi_5

ROMA. – Matteo Renzi proietta il video del discorso di Giorgio Napolitano, quando alla rielezione sferzò il Parlamento per le mancate riforme. “Lo avete applaudito voi in quell’Aula, io ero a Palazzo Vecchio”, dice ai dirigenti del Pd riuniti per la direzione.

Ma non riesce a impedire che i mal di pancia che, alla vigilia dell’appuntamento “cruciale” del referendum costituzionale, emergano non più solo dalla minoranza ma anche – questa la novità – dalla maggioranza del partito. E si trasformino in direzione in un durissimo scontro. Con uno scambio reciproco di accuse, come quella di Gianni Cuperlo che attacca così il premier. “Esci dal talent dell’Italia stereotipata”.

In un’ora e mezza di discorso il premier avverte i colleghi che non si farà logorare né ‘mangiare’ come è successo in passato ad altri leader. E sul referendum avverte: “In caso di ‘no’ il premier, il governo e – ma non spetta a me dirlo – anche il Parlamento, dovrebbe prenderne atto”. Tradotto: Andare tutti a casa.

La direzione, convocata dopo i ballottaggi e rinviata causa Brexit, dura cinque ore e per la prima volta in ‘era renziana’ vede salire sul palco tutti i capi delle aree che compongono il partito. Il segretario se lo aspetta e li anticipa con un lungo discorso: dal terrorismo, fino alla necessità di cambiare l’Europa (“La flessibilità non è una concessione ma dovere di buon senso per l’Ue”).

Un passaggio delicato è quello sulle banche: “Noi i risparmi li salviamo nonostante le regole Ue” ma anche dal Pd sono giunte, osserva, “polemiche ingiustificate e indecenti”. Anche sulle politiche del governo, il premier non accetta che gli si chieda un cambio di rotta perché, avverte, si può sempre “cambiare quello che non va”, ma “serve l’onestà intellettuale di riconoscere che da quando il Pd governa c’è qualche tassa in meno e qualche diritto in più”.

E ai bersaniani che hanno minacciato di non votare più la fiducia sui temi sociali, la risposta è netta: “Il Jobs act è la più grande legge di sinistra. E abbiamo aperto il più grande cantiere sociale”. Perché la legislatura possa completare le “riforme attese da venti anni” e proseguire, Renzi sottolinea che è necessario il sì alla referendum costituzionale: non con la “minaccia” (sia pur credibile, osserva) della recessione paventata da Confindustria in caso di vittoria del no ma come passaggio “cruciale non per il mio destino personale ma per la credibilità della politica”.

Il premier smentisce che il Pd abbia difficoltà a raccogliere le firme (“Ne abbiamo 400mila”) e rivendica di non avere “paura di metterci la faccia”. Ma, avverte, se la riforma viene bocciata l’intero Parlamento – ma su questo, è consapevole, decide il capo dello Stato – dovrebbe dimettersi. A chi, come Roberto Formigoni, da Ncd minaccia di togliere la fiducia al governo, Renzi replica: “Non tremiamo mica”.

E alle “correnti” che nel Pd si agitano, arriva una stoccata decisa: “Radio Transatlantico dice che i renziani dell’ultima ora scendono dal carro… quando cercheranno di risalire troveranno occupato. Qui nessuno è garantito, a partire da me. Finché ci sono io, le correnti non torneranno a guidare il partito. Girate sul territorio”, avverte.

Alla minoranza che chiede di separare il ruolo di segretario e premier: “Se volete cacciarmi vincete il congresso. La stagione in cui qualcuno dall’alto della sua intelligenza si diverte ad abbattere il leader è finita; no alla strategia del Conte Ugolino”. E in platea più d’uno guarda Massimo D’Alema, che torna in direzione dopo lunga assenza.

Ma le parole di Renzi non bastano a placare gli animi agitati della vigilia. Piero Fassino, sconfitto a Torino, invita a “tenere insieme riforme e quotidianità”. E Dario Franceschini, leader di Area dem, apre il tema delle legge elettorale, non toccato dal segretario, chiedendo di introdurre il premio alla coalizione per contrastare i populismi.

Non è d’accordo il collega Graziano Delrio, che difende la legge elettorale e invita anche i colleghi a “non vergognarsi del lavoro fatto” dal governo. Mentre Matteo Orfini e Andrea Orlando, leader dei Giovani Turchi, pur difendendo l’Italicum chiedono a Renzi risposte più decise sul partito: “Non bastano le politiche del governo”, dice Orfini e critica la scelta del premier di discutere di Europa nell’assemblea del 23 luglio.

Quanto alla minoranza, Roberto Speranza e Gianni Cuperlo presentano un documento (che sarà bocciato nettamente, con solo 8 voti a favore) per chiedere che anche le posizioni del “no” possano avere residenza nel partito. Tornano poi sulla richiesta di dividere i ruoli di segretario e premier: “Non è un dibattito lunare”, dice Pier Luigi Bersani. Mentre Cuperlo annuncia che la minoranza presenterà al congresso un “ticket” tra candidato segretario e candidato premier”.

Di Cuperlo l’attacco più duro a Renzi: “Così condannerai la sinistra alla sconfitta. Esci dal talent di un’Italia patinata”, dice. “Gianni – replica Renzi – io sono fuori dal ‘talent’. Voglio uscire dal racconto stereotipato del governo di arroganti del Giglio magico”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

13:55Renzi, se Gentiloni confermasse Visco prenderò atto

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema. Prenderò atto della decisione del governo e qualsiasi decisione sarà non intaccherà minimamente i nostri rapporti. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza e l'autonomia della Banca d'Italia sono giuste". Così Matteo Renzi in una intervista all'Avvenire di domani (anticipazioni sul sito del quotidiano).

13:55Calcio: Delneri, Buffon si ritira? Spero continui a giocare

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - "Buffon è un grande professionista; io sono onorato di averlo allenato e penso i tifosi di averlo visto all'opera". Lo ha detto oggi il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri a chi gli ha ricordato che quella di domani potrebbe essere l'ultima al Friuli per il numero uno della Juventus se veramente il campione bianconero dovesse decidere di ritirarsi nella prossima stagione. "Spero per lui non lo sia. Mi sembra che abbia lasciato una traccia importante per la visione di un ruolo come quello del portiere. E’ stato artefice del cambiamento strutturale del ruolo dei portieri. Credo abbia dimostrato come si possa diventare un attaccante pur essendo in porta", ha aggiunto ricordando anche la sua figura di uomo. "Un ragazzo a posto che ha dimostrato che in tutti gli ambienti bisogna avere professionalità, essere uomini, credere in quello che si fa. Un esempio per tutti, anche per i bambini".

13:47Sport e fair play: consegnati gli Award 2017 per videospot

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Sport e fair play: consegnati a Roma gli Award della quarta edizione del Video-spot Festival alle scuole superiori italiane sul tema 'Vivere da sportivi, a scuola di fair play'. Si tratta di una competizione multimediale inserita in una campagna di sensibilizzazione giovanile sul significato sociale dei valori etici dello sport. 12 le scuole finaliste, 6 i premi assegnati nella sezione Video, 7 per gli Spot, due alla sezione Speciale e 2 fuori concorso agli Ospedali Pediatrici. I best video 2017 sono 'Salviamo gli ultras' realizzato dagli studenti dell'istituto Tommaso D'Oria di Ciriè (Torino) e 'Si gioca solo con regole condivise' dei ragazzi del liceo sportivo Galilei di Siena. La cerimonia finale di premiazione si è svolta alla Scuola Superiore di Polizia. Tema della competizione multimediale 2017 lanciata da Monica Promontorio, sono stati in particolare i temi d'integrazione, inclusione, bullismo e cyber-bullismo, parità di genere, ambiente. (ANSA).

13:40Incendio Como: un mese fa il padre aveva scritto al giornale

(ANSA) - COMO, 21 OTT - Faycal Haitot, l'uomo che ieri a Como ha dato fuoco all'appartamento in cui è morto con i quattro figli, un mese fa aveva scritto a La provincia di Como una lettera in cui denunciava di non avere mai ricevuto la visita dei servizi sociali. "Ho chiesto l'aiuto economico e l'assistente: zero. Ho scritto al dirigente e diceva che il Comune paga l'affitto. Come fanno a mangiare questi bimbi, forse sono troppi. La scuola è gia cominciata e il primo giorno sono andato dai carabinieri per non prendere una denuncia, noi siamo a casa". Poi lamenta di non avere mai ricevuto "nessuna visita a casa dei servizi sociali per controllare la vita quotidiana dei bambini. Non vado via per paura del servizio sociale. Se ci sono problemi tra me e loro, cosa c'entrano i bambini?". Da parte sua il Comune di Como già ieri aveva specificato quali erano state le iniziative prese a sostegno della famiglia Haitot: housing sociale dal 2014, supporti all'assistenza scolastica, mensa gratuita, diurnato pomeridiano.

13:39Calcio: Lazio-Cagliari, Questura vieta cortei tifosi

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - No a cortei di tifosi verso lo stadio Olimpico domani in occasione della partita Lazio-Cagliari. Il questore di Roma Guido Marino ha emanato un'ordinanza di servizio con "contingenti della forza pubblica adeguatamente rinforzati con lo scopo di impedire qualsiasi forma di corteo non autorizzato o iniziative al di fuori delle regole". A quanto reso noto dalla Questura, nel corso del briefing di stamattina sono emerse "notizie informali" di possibili cortei che la tifoseria laziale avrebbe intenzione di organizzare per raggiungere il settore riservato nella zona sud dello stadio in seguito della chiusura della curva nord da parte del giudice sportivo. "L'invito alla tifoseria - sottolinea la Questura - è di recarsi direttamente ai settori riservati, accedendo allo stadio dai varchi di piazza de Bosis (obelisco), evitando di aderire a iniziative illegali rispetto alle quali non sarà adottata alcuna tolleranza".

Archivio Ultima ora