Rapporto Caritas e Migrantes, cinque milioni di migranti stabili nel 2015

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

migranti

ROMA. – Al di là delle emergenze, nei fatti, il numero degli immigrati in Italia rimane stabile. Nel corso del 2015 gli stranieri residenti nel nostro Paese sono aumentati di circa 11 mila unità, passando dai 5.014.437 di inizio anno ai 5.026.153 del 31 dicembre.

Crescita misurata anche nel 2014: nell’arco dei 12 mesi la popolazione non italiana è aumentata solo dell’1,9%. Eppure, sottolineano Caritas e Fondazione Migrantes che hanno presentato il Rapporto Immigrazione 2015 “La cultura dell’incontro”, il rischio è che il fenomeno migratorio venga raccontato sulla base della ‘percezione’ e non della realtà.

Il nostro Paese – insiste monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes – sta “perdendo attrazione”. E mentre si registrano “i primi cali di presenze straniere nel Nord Est, nelle Marche e in Umbria”, “si continua a parlare di ‘invasione inarrestabile’ in riferimento a 130 mila richiedenti asilo e rifugiati accolti nelle diverse città e regioni: falsificazioni che impediscono un’adeguata politica dell’immigrazione”.

L’assenza di vie regolari per l’ingresso in Italia – sottolineano gli autori del Rapporto – ha di fatto congelato il nostro Paese su numeri che vedono un’incidenza degli stranieri sulla popolazione totale di poco superiore all’8%.

L’unico “forte aumento” riguarda le acquisizioni di cittadinanza: 129.887 nel 2014, +29% rispetto al 2013. Ottenute per lo più da marocchini (22,3%) e albanesi (16,4%), due tra le nazionalità presenti da più tempo in Italia. Quasi il 40% dei nuovi cittadini ha meno di 18 anni e la maggior parte delle acquisizioni avviene per residenza (46,0%).

“Un segnale importante – osserva il direttore della Caritas Italiana, Francesco Soddu – dovrebbe arrivare ora dalla legge sulla cittadinanza, che giace da tanto tempo in Parlamento. Le nuove generazioni hanno bisogno di sentire l’appartenenza al paese in cui stanno crescendo e in cui vivono”.

Stop, poi, alle indebite equazioni, puntualizza il direttore generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino: “l’immigrazione, sul piano meramente economico, conviene”, non porta via posti di lavoro. Inoltre “la strage di Dacca ha inferto un colpo decisivo all’equazione, data per scontata dagli imprenditori della paura, tra immigrazione e terrorismo”.

Secondo i dati del rapporto, nel 2015 il 59,4% degli stranieri risiede al Nord. Le comunità più numerose sono la romena, l’albanese, la marocchina. Per quanto riguarda le persone in età da lavoro, al secondo semestre 2015 tra gli stranieri (4.067.145), rispetto agli italiani, vi è una maggiore percentuale di occupati (58,0% contro il 41,9%).

Emergono, però, diseguaglianze retributive: in generale la paga media degli stranieri è inferiore del 30% rispetto a quella degli italiani e i “lavoratori poveri” sono più numerosi tra gli immigrati (41,7% contro il 14,9%). Nell’anno scolastico 2014-15 gli studenti stranieri sono aumentati dell’1,4% e raggiungono il 9,2% (814.187) del totale degli alunni.

Per quanto riguarda i detenuti, sono stranieri il 33,24% (17.340). I reati più diffusi sono contro il patrimonio (8.192), contro la persona (6.599) o violazioni della legge sulla droga (6.266). Infine il Rapporto ricorda che nel 2015, nel mondo, sono 243,7 milioni le persone che vivono in un paese diverso da quello di origine.

Nell’area Ue-28 gli stranieri sono 35,2 milioni con un aumento del 3,6% rispetto al 2014. Di questi il 14,3% è ospitato in Italia, il 21,5% in Germania, il 15,4% nel Regno Unito. A livello mondiale le rimesse monetarie verso i paesi in via di sviluppo sono aumentate solo dello 0,4% nel 2015. In Italia il volume delle rimesse nel 2014 è stato di 5,3 miliardi, con un calo del 3,1% rispetto al 2013.

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora