Rapporto Caritas e Migrantes, cinque milioni di migranti stabili nel 2015

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

migranti

ROMA. – Al di là delle emergenze, nei fatti, il numero degli immigrati in Italia rimane stabile. Nel corso del 2015 gli stranieri residenti nel nostro Paese sono aumentati di circa 11 mila unità, passando dai 5.014.437 di inizio anno ai 5.026.153 del 31 dicembre.

Crescita misurata anche nel 2014: nell’arco dei 12 mesi la popolazione non italiana è aumentata solo dell’1,9%. Eppure, sottolineano Caritas e Fondazione Migrantes che hanno presentato il Rapporto Immigrazione 2015 “La cultura dell’incontro”, il rischio è che il fenomeno migratorio venga raccontato sulla base della ‘percezione’ e non della realtà.

Il nostro Paese – insiste monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes – sta “perdendo attrazione”. E mentre si registrano “i primi cali di presenze straniere nel Nord Est, nelle Marche e in Umbria”, “si continua a parlare di ‘invasione inarrestabile’ in riferimento a 130 mila richiedenti asilo e rifugiati accolti nelle diverse città e regioni: falsificazioni che impediscono un’adeguata politica dell’immigrazione”.

L’assenza di vie regolari per l’ingresso in Italia – sottolineano gli autori del Rapporto – ha di fatto congelato il nostro Paese su numeri che vedono un’incidenza degli stranieri sulla popolazione totale di poco superiore all’8%.

L’unico “forte aumento” riguarda le acquisizioni di cittadinanza: 129.887 nel 2014, +29% rispetto al 2013. Ottenute per lo più da marocchini (22,3%) e albanesi (16,4%), due tra le nazionalità presenti da più tempo in Italia. Quasi il 40% dei nuovi cittadini ha meno di 18 anni e la maggior parte delle acquisizioni avviene per residenza (46,0%).

“Un segnale importante – osserva il direttore della Caritas Italiana, Francesco Soddu – dovrebbe arrivare ora dalla legge sulla cittadinanza, che giace da tanto tempo in Parlamento. Le nuove generazioni hanno bisogno di sentire l’appartenenza al paese in cui stanno crescendo e in cui vivono”.

Stop, poi, alle indebite equazioni, puntualizza il direttore generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino: “l’immigrazione, sul piano meramente economico, conviene”, non porta via posti di lavoro. Inoltre “la strage di Dacca ha inferto un colpo decisivo all’equazione, data per scontata dagli imprenditori della paura, tra immigrazione e terrorismo”.

Secondo i dati del rapporto, nel 2015 il 59,4% degli stranieri risiede al Nord. Le comunità più numerose sono la romena, l’albanese, la marocchina. Per quanto riguarda le persone in età da lavoro, al secondo semestre 2015 tra gli stranieri (4.067.145), rispetto agli italiani, vi è una maggiore percentuale di occupati (58,0% contro il 41,9%).

Emergono, però, diseguaglianze retributive: in generale la paga media degli stranieri è inferiore del 30% rispetto a quella degli italiani e i “lavoratori poveri” sono più numerosi tra gli immigrati (41,7% contro il 14,9%). Nell’anno scolastico 2014-15 gli studenti stranieri sono aumentati dell’1,4% e raggiungono il 9,2% (814.187) del totale degli alunni.

Per quanto riguarda i detenuti, sono stranieri il 33,24% (17.340). I reati più diffusi sono contro il patrimonio (8.192), contro la persona (6.599) o violazioni della legge sulla droga (6.266). Infine il Rapporto ricorda che nel 2015, nel mondo, sono 243,7 milioni le persone che vivono in un paese diverso da quello di origine.

Nell’area Ue-28 gli stranieri sono 35,2 milioni con un aumento del 3,6% rispetto al 2014. Di questi il 14,3% è ospitato in Italia, il 21,5% in Germania, il 15,4% nel Regno Unito. A livello mondiale le rimesse monetarie verso i paesi in via di sviluppo sono aumentate solo dello 0,4% nel 2015. In Italia il volume delle rimesse nel 2014 è stato di 5,3 miliardi, con un calo del 3,1% rispetto al 2013.

Ultima ora

19:14Insulti razzisti: verso inchiesta penale per agente

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Si profila l'apertura di un'indagine per il caso del video dell'extracomunitario in bicicletta sull'autostrada del Frejus girato da un agente della polizia stradale. I suoi colleghi della sezione di polizia giudiziaria del compartimento di Susa gli hanno infatti sequestrato il telefonino con un provvedimento che, in base a quanto si apprende, è di carattere penale e non amministrativo. L'agente si è rivolto a un avvocato torinese, Piefranco Bertolino. "Allo stato attuale - spiega il penalista - possiamo solo attendere eventuali sviluppi. Non sappiamo se ci sono o ci saranno iniziative da parte della procura. Cerchiamo però di non perdere di vista un aspetto fondamentale: i poliziotti, compiendo il loro dovere con il massimo scrupolo e la massima professionalità, hanno di fatto salvato la vita a quel malcapitato che stava percorrendo un'autostrada in bicicletta. Mettendo a repentaglio la loro stessa vita". (ANSA).

19:10Scherma: Mondiali, bronzo Italia nella sciabola uomini

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - L'Italia conquista la medaglia di bronzo nella prova di sciabola a squadre maschile ai Mondiali di scherma di Lipsia (Germania). La squadra azzurra, composta da Luca Curatoli, Luigi Samele, Enrico Berrè e Dario Cavaliere, che ha sostituito l'infortunato Aldo Montano, ha sconfitto gli Stati Uniti con il punteggio di 45-40.

19:07Ragazza denuncia, “sono stata violentata in spiaggia”

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - I carabinieri della Compagnia di Cagliari stanno lavorando per fare piena luce su una presunta violenza sessuale avvenuta sulla spiaggia del Poetto, due settimane fa, a Cagliari. La denuncia è stata presentata da una ragazza di 22 anni residente nell'hinterland cagliaritano che ha dichiarato ai militari di essere stata costretta ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà. Il fatto sarebbe avvenuto durante la notte, sulla spiaggia non troppo distante da una discoteca. La giovane avrebbe conosciuto il ragazzo proprio nel locale e poi si sarebbe allontanata con lui. Arrivata in spiaggia, dopo un primo approccio, sarebbe stata costretta ad avere un rapporto sessuale. I carabinieri hanno avviato una serie di accertamenti e sarebbero già sulle tracce dell'autore. La vicenda è coperta dalla massima riservatezza. (ANSA).

19:05Siccità: campagne a secco e restrizioni per cittadini sardi

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - La Sardegna, prima regione in Italia insieme alla Toscana a chiedere lo stato di calamità per la siccità, rischia di restare completamente a secco nelle campagne. Non va meglio nelle abitazioni, dove i cittadini sono alle prese con le restrizioni e chiusure notturne imposte da nord a sud dell'Isola per limitare gli sprechi dovuti alle reti colabrodo. Le situazioni più critiche, secondo l'ultimo monitoraggio del Distretto idrografico della Sardegna e del gestore idrico regionale, Abbanoa, si registrano nella zona nord occidentale, in particolare nel sassarese. Qui è già emergenza: l'invaso del Bidighinzu è al di sotto del 15% rispetto alla capienza massima. A soffrire maggiormente alcuni quartieri di Sassari e 14 Comuni limitrofi. Acqua agli sgoccioli anche nel Sulcis, con la città di Iglesias che sta subendo la chiusura dei rubinetti dalle 19 alle 5 del mattino. Ad Alghero l'erogazione non viene garantita per tutte le 24 ore a causa dei minori apporti in arrivo a Monte Agnese. Anche il Cedrino e il Posata, nel nord est dell'Isola, sono al limite minimo, ma l'acqua presente nel Coghinas, per ora, sta scongiurando le limitazioni. Il Distretto idrografico ricorda che per garantire le scorte dell'uso potabile, secondo quanto prevede la normativa, le restrizioni maggiori vengono subite nelle campagne. Per questo motivo la Regione ha già messo mano al provvedimento di stato di emergenza: secondo Coldiretti la siccità ha già provocato la riduzione del 40% delle produzioni agricole, pari a 120 milioni di euro di danni. Solo nel Sulcis, ricorda l'organizzazione, sono quattromila le aziende in ginocchio, mentre la produzione dei carciofi nel nord Sardegna è messa seriamente a rischio. L'assessore regionale dell'Agricoltura, Pier Luigi Caria, si augura che, insieme alle azioni messe in campo dal ministero, "riviste in base ai danni e alle reali esigenze delle Regioni, vengano garantiti anche gli impegni sui pagamenti da parte di Agea". L'amministratore unico di Abbanoa, Alessandro Ramazzotti, avverte: "è emergenza siccità in tutta Italia. In condizioni di scarsità, come dimostra l'esempio di Roma, sono necessarie le interruzioni della fornitura".(ANSA).

18:59F1: Renault conferma, Kubica proverà la RS17

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Con un tweet sul proprio profilo la Renault ha confermato che Robert Kubica proverà la RS17 durante i test che la Formula 1 svolgerà all'Hungaroring dopo il Gp d'Ungheria. La giornata prevista per i test del pilota polacco è la prima, martedì 1 agosto. Il 2 scenderà in pista Nicholas Latifi, test driver e guida di punta della Renault Academy. Cyril Abiteboul, direttore generale F1 di Renault, ha spiegato che il test permetterà alla scuderia di valutare pienamente le attuali capacità di Kubica e quante probabilità abbia "di tornare alle competizioni nei prossimi anni".

18:57Incendi, evacuato stabilimento Fiat Termoli, chiusa A14

(ANSA) - TERMOLI (CAMPOBASSO), 24 LUG - Lo stabilimento della Fiat Termoli è stato evacuato a causa di un vasto incendio che si è sprigionato tre le sterpaglie del Nucleo Industriale di Termoli. Ad andare a fuoco è stata una tensostruttura in plastica che conteneva materiale non produttivo. Le fiamme si sono propagate rapidamente lambendo numerose aziende del polo 'Valle Biferno'. Autostrada A14 chiusa per circa 20 km in entrambe le direzioni tra Vasto Sud (Chieti) e Poggio Imperiale (Foggia) a causa del fumo prodotto da un incendio divampato in aree adiacenti all'autostrada; chiusa la Ss 87, all'altezza dello svincolo dell'A/14 e tratti della ss 16 Adriatica e della ss 647 Fondo Valle del Biferno.

18:49Incendi: fiamme a Oristano, bloccata strada per spiagge

(ANSA) - ORISTANO, 24 LUG - Il denso fumo che si è levato da due distinti incendi, a distanza di pochi chilometri l'uno dall'altro, ha provocato la chiusura temporanea della strada provinciale che collega la borgata marina di Torregrande alle spiagge del Sinis di Cabras, nell'Oristanese. Le fiamme, alimentate anche dal forte vento di maestrale che da questa mattina sta spazzando la Sardegna, hanno interessato alcune decine di ettari di terreno incolto, canneti e siepi. Il rogo si è avvicinato pericolosamente a un agriturismo e a un impianto per la lavorazione del riso. La strada provinciale è stata chiusa per un tratto e il traffico veicolare è stato bloccato e deviato. Sul posto hanno operato diverse squadre dei Vigili del fuoco, del Corpo Forestale gli operatori di Forestas. (ANSA).

Archivio Ultima ora