Rapporto Caritas e Migrantes, cinque milioni di migranti stabili nel 2015

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

migranti

ROMA. – Al di là delle emergenze, nei fatti, il numero degli immigrati in Italia rimane stabile. Nel corso del 2015 gli stranieri residenti nel nostro Paese sono aumentati di circa 11 mila unità, passando dai 5.014.437 di inizio anno ai 5.026.153 del 31 dicembre.

Crescita misurata anche nel 2014: nell’arco dei 12 mesi la popolazione non italiana è aumentata solo dell’1,9%. Eppure, sottolineano Caritas e Fondazione Migrantes che hanno presentato il Rapporto Immigrazione 2015 “La cultura dell’incontro”, il rischio è che il fenomeno migratorio venga raccontato sulla base della ‘percezione’ e non della realtà.

Il nostro Paese – insiste monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes – sta “perdendo attrazione”. E mentre si registrano “i primi cali di presenze straniere nel Nord Est, nelle Marche e in Umbria”, “si continua a parlare di ‘invasione inarrestabile’ in riferimento a 130 mila richiedenti asilo e rifugiati accolti nelle diverse città e regioni: falsificazioni che impediscono un’adeguata politica dell’immigrazione”.

L’assenza di vie regolari per l’ingresso in Italia – sottolineano gli autori del Rapporto – ha di fatto congelato il nostro Paese su numeri che vedono un’incidenza degli stranieri sulla popolazione totale di poco superiore all’8%.

L’unico “forte aumento” riguarda le acquisizioni di cittadinanza: 129.887 nel 2014, +29% rispetto al 2013. Ottenute per lo più da marocchini (22,3%) e albanesi (16,4%), due tra le nazionalità presenti da più tempo in Italia. Quasi il 40% dei nuovi cittadini ha meno di 18 anni e la maggior parte delle acquisizioni avviene per residenza (46,0%).

“Un segnale importante – osserva il direttore della Caritas Italiana, Francesco Soddu – dovrebbe arrivare ora dalla legge sulla cittadinanza, che giace da tanto tempo in Parlamento. Le nuove generazioni hanno bisogno di sentire l’appartenenza al paese in cui stanno crescendo e in cui vivono”.

Stop, poi, alle indebite equazioni, puntualizza il direttore generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino: “l’immigrazione, sul piano meramente economico, conviene”, non porta via posti di lavoro. Inoltre “la strage di Dacca ha inferto un colpo decisivo all’equazione, data per scontata dagli imprenditori della paura, tra immigrazione e terrorismo”.

Secondo i dati del rapporto, nel 2015 il 59,4% degli stranieri risiede al Nord. Le comunità più numerose sono la romena, l’albanese, la marocchina. Per quanto riguarda le persone in età da lavoro, al secondo semestre 2015 tra gli stranieri (4.067.145), rispetto agli italiani, vi è una maggiore percentuale di occupati (58,0% contro il 41,9%).

Emergono, però, diseguaglianze retributive: in generale la paga media degli stranieri è inferiore del 30% rispetto a quella degli italiani e i “lavoratori poveri” sono più numerosi tra gli immigrati (41,7% contro il 14,9%). Nell’anno scolastico 2014-15 gli studenti stranieri sono aumentati dell’1,4% e raggiungono il 9,2% (814.187) del totale degli alunni.

Per quanto riguarda i detenuti, sono stranieri il 33,24% (17.340). I reati più diffusi sono contro il patrimonio (8.192), contro la persona (6.599) o violazioni della legge sulla droga (6.266). Infine il Rapporto ricorda che nel 2015, nel mondo, sono 243,7 milioni le persone che vivono in un paese diverso da quello di origine.

Nell’area Ue-28 gli stranieri sono 35,2 milioni con un aumento del 3,6% rispetto al 2014. Di questi il 14,3% è ospitato in Italia, il 21,5% in Germania, il 15,4% nel Regno Unito. A livello mondiale le rimesse monetarie verso i paesi in via di sviluppo sono aumentate solo dello 0,4% nel 2015. In Italia il volume delle rimesse nel 2014 è stato di 5,3 miliardi, con un calo del 3,1% rispetto al 2013.

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora