Rapporto Gb inchioda Blair: Iraq una guerra da evitare

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

blair

LONDRA. – Saddam Hussein non rappresentava “un pericolo imminente” per il mondo, la convinzione che avesse ancora armi di distruzione di massa “non era giustificata” e la guerra scatenata nel 2003 da Usa e Gran Bretagna in Iraq – “pianificata male” e conclusa peggio – non fu affatto decisa come “l’ultima risorsa” disponibile.

Ci sono voluti 13 anni di tempo, e sette d’inchiesta, per mettere su carta (fra milioni di parole) qualche punto fermo su una vicenda che l’opinione pubblica di mezzo mondo e la maggioranza degli osservatori ebbero chiara sin dall’inizio o quasi.

Ma alla fine il suggello della commissione indipendente britannica guidata da sir John Chilcot è arrivato: ed è un ‘timbro’ che, se non rappresenta una condanna legale per Tony Blair (“non siamo una Corte”, ha premesso Chilcot al Queen Elizabeth Centre), marchia tuttavia, forse in modo irreparabile, la figura del premier di allora, sorridente, modernizzatore e artefice del New Labour.

I fatti allineati dalla commissione, dopo aver ascoltato 180 testimoni, sono un macigno. Il rapporto non si spinge a usare l’espressione ‘guerra illegale’, ma liquida le basi giuridiche del conflitto come “lungi dall’essere soddisfacenti”, mentre accusa esplicitamente Washington e Londra di aver “minato l’autorità dell’Onu”.

E se non sentenzia che Blair abbia ingannato il parlamento, lo lascia di fatto presupporre. L’ex primo ministro laburista prova a parare il colpo dicendosi pronto ad assumere le sue “responsabilità, senza eccezioni né scuse”. Ma insiste di aver agito “in buona fede” e ammette solo quelli che chiama “errori”.

Alibi che non bastano certo ai familiari delle vittime di quella guerra e delle sue conseguenze (migliaia fra i militari di Sua Maestà fino al 2011, almeno mezzo milione fra gli iracheni), i quali annunciano a questo punto “possibili azioni legali”.

Mentre fanno ribollire il sangue al drappello di manifestanti pacifisti radunatosi, in rappresentanza del milione e mezzo di britannici che nel 2003 diede vita alla più grande protesta di piazza mai vista nel regno, per denunciare il rischio che tutto finisca in un delitto senza castigo per Tony Bliar (da ‘liar’, ‘bugiardo’): “criminale di guerra”, secondo la deputata Verde Caroline Lucas.

Nella sua veste di alto magistrato a riposo, sir John misura viceversa le parole nell’illustrare l’imponente lavoro d’indagine. Ma senza reticenze. Non esclude che una guerra si sarebbe potuta ritenere “necessaria a un certo punto”. Non quando fu proclamata’, però.

La verità è che Blair aveva promesso 8 mesi prima a George W. Bush che il Regno Unito sarebbe stato “comunque” al fianco dell’alleato americano: a prescindere dal minuetto sulle ispezioni Onu. Il vero movente ‘nascosto’ dell’invasione dell’Iraq fu dunque un cambio di regime.

E tutto si piegò in sostanza alla volontà d’infiocchettare un casus belli pur che fosse: con i rapporti ad hoc dei servizi segreti di MI5 o MI6; e i pareri giuridici ballerini di lord Goldsmith, Attorney general dell’epoca, che nel giro di pochi mesi passarono dall’invocare una nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza come necessaria, a derubricarla come raccomandabile, infine a ritenerla superflua.

Chilcot non fa sconti nemmeno agli 007 o ai comandi militari, descrivendo una pianificazione e una preparazione “inadeguate”. Ma in ultima analisi punta il dito sulla leadership politica. Il rapporto non individua “prove” che Blair abbia falsificato i dati d’intelligence, ma smentisce l’ex premier dicendo che egli fu avvertito delle conseguenze di un’avventura bellica in Iraq, con le potenziali minacce terroristiche di Al Qaida. Avventura rivelatasi in effetti fallimentare e incubatrice dell’Isis.

Sulla lezione da trarre, intanto, ai Comuni va in scena un singolare rovesciamento di ruoli. Il segretario laburista Jeremy Corbyn, che ha ereditato il partito di Blair, fu 13 anni fa un oppositore inflessibile della guerra e oggi non vuole scuse: la Chilcot Inquiry – taglia corto – certifica che “l’invasione e l’occupazione dell’Iraq ” furono “un atto di aggressione sotto falso pretesto”.

Mentre il premier dimissionario conservatore, David Cameron, che nel 2003 votò a favore, parla più genericamente di “responsabilità da prendere”, assicura d’aver cambiato le regole e che un primo ministro non può più agire come un uomo solo al comando in circostanze analoghe, ma rivendica il dogma della ‘special relationship’ contro l’idea di Corbyn di “un rapporto più aperto e più indipendente” con Washington, sfuma le colpe di Blair e soprattutto difende altri interventi militari, dall’Afghanistan alla Libia: concludendo che in fin dei conti “non tutto si può prevedere”.

Giustificazioni che forse non consolano Baghdad, all’indomani dell’ennesima carneficina d’un infinito dopoguerra inondato di sangue. Se è vero, e lo riporta la Bbc, che persino l’iracheno che inscenò una decina d’anni orsono l’abbattimento della statua di Saddam – in favore di telecamere e nel tripudio dei media occidentali – si dice ora pentito e rimpiange il feroce rais. Qualcosa come: si stava meglio quando si stava peggio.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora