Rapporto Gb inchioda Blair: Iraq una guerra da evitare

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

blair

LONDRA. – Saddam Hussein non rappresentava “un pericolo imminente” per il mondo, la convinzione che avesse ancora armi di distruzione di massa “non era giustificata” e la guerra scatenata nel 2003 da Usa e Gran Bretagna in Iraq – “pianificata male” e conclusa peggio – non fu affatto decisa come “l’ultima risorsa” disponibile.

Ci sono voluti 13 anni di tempo, e sette d’inchiesta, per mettere su carta (fra milioni di parole) qualche punto fermo su una vicenda che l’opinione pubblica di mezzo mondo e la maggioranza degli osservatori ebbero chiara sin dall’inizio o quasi.

Ma alla fine il suggello della commissione indipendente britannica guidata da sir John Chilcot è arrivato: ed è un ‘timbro’ che, se non rappresenta una condanna legale per Tony Blair (“non siamo una Corte”, ha premesso Chilcot al Queen Elizabeth Centre), marchia tuttavia, forse in modo irreparabile, la figura del premier di allora, sorridente, modernizzatore e artefice del New Labour.

I fatti allineati dalla commissione, dopo aver ascoltato 180 testimoni, sono un macigno. Il rapporto non si spinge a usare l’espressione ‘guerra illegale’, ma liquida le basi giuridiche del conflitto come “lungi dall’essere soddisfacenti”, mentre accusa esplicitamente Washington e Londra di aver “minato l’autorità dell’Onu”.

E se non sentenzia che Blair abbia ingannato il parlamento, lo lascia di fatto presupporre. L’ex primo ministro laburista prova a parare il colpo dicendosi pronto ad assumere le sue “responsabilità, senza eccezioni né scuse”. Ma insiste di aver agito “in buona fede” e ammette solo quelli che chiama “errori”.

Alibi che non bastano certo ai familiari delle vittime di quella guerra e delle sue conseguenze (migliaia fra i militari di Sua Maestà fino al 2011, almeno mezzo milione fra gli iracheni), i quali annunciano a questo punto “possibili azioni legali”.

Mentre fanno ribollire il sangue al drappello di manifestanti pacifisti radunatosi, in rappresentanza del milione e mezzo di britannici che nel 2003 diede vita alla più grande protesta di piazza mai vista nel regno, per denunciare il rischio che tutto finisca in un delitto senza castigo per Tony Bliar (da ‘liar’, ‘bugiardo’): “criminale di guerra”, secondo la deputata Verde Caroline Lucas.

Nella sua veste di alto magistrato a riposo, sir John misura viceversa le parole nell’illustrare l’imponente lavoro d’indagine. Ma senza reticenze. Non esclude che una guerra si sarebbe potuta ritenere “necessaria a un certo punto”. Non quando fu proclamata’, però.

La verità è che Blair aveva promesso 8 mesi prima a George W. Bush che il Regno Unito sarebbe stato “comunque” al fianco dell’alleato americano: a prescindere dal minuetto sulle ispezioni Onu. Il vero movente ‘nascosto’ dell’invasione dell’Iraq fu dunque un cambio di regime.

E tutto si piegò in sostanza alla volontà d’infiocchettare un casus belli pur che fosse: con i rapporti ad hoc dei servizi segreti di MI5 o MI6; e i pareri giuridici ballerini di lord Goldsmith, Attorney general dell’epoca, che nel giro di pochi mesi passarono dall’invocare una nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza come necessaria, a derubricarla come raccomandabile, infine a ritenerla superflua.

Chilcot non fa sconti nemmeno agli 007 o ai comandi militari, descrivendo una pianificazione e una preparazione “inadeguate”. Ma in ultima analisi punta il dito sulla leadership politica. Il rapporto non individua “prove” che Blair abbia falsificato i dati d’intelligence, ma smentisce l’ex premier dicendo che egli fu avvertito delle conseguenze di un’avventura bellica in Iraq, con le potenziali minacce terroristiche di Al Qaida. Avventura rivelatasi in effetti fallimentare e incubatrice dell’Isis.

Sulla lezione da trarre, intanto, ai Comuni va in scena un singolare rovesciamento di ruoli. Il segretario laburista Jeremy Corbyn, che ha ereditato il partito di Blair, fu 13 anni fa un oppositore inflessibile della guerra e oggi non vuole scuse: la Chilcot Inquiry – taglia corto – certifica che “l’invasione e l’occupazione dell’Iraq ” furono “un atto di aggressione sotto falso pretesto”.

Mentre il premier dimissionario conservatore, David Cameron, che nel 2003 votò a favore, parla più genericamente di “responsabilità da prendere”, assicura d’aver cambiato le regole e che un primo ministro non può più agire come un uomo solo al comando in circostanze analoghe, ma rivendica il dogma della ‘special relationship’ contro l’idea di Corbyn di “un rapporto più aperto e più indipendente” con Washington, sfuma le colpe di Blair e soprattutto difende altri interventi militari, dall’Afghanistan alla Libia: concludendo che in fin dei conti “non tutto si può prevedere”.

Giustificazioni che forse non consolano Baghdad, all’indomani dell’ennesima carneficina d’un infinito dopoguerra inondato di sangue. Se è vero, e lo riporta la Bbc, che persino l’iracheno che inscenò una decina d’anni orsono l’abbattimento della statua di Saddam – in favore di telecamere e nel tripudio dei media occidentali – si dice ora pentito e rimpiange il feroce rais. Qualcosa come: si stava meglio quando si stava peggio.

Ultima ora

00:45Calcio: Barcellona-Eibar 6-1, Messi ne fa quattro

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Barcellona ha travolto l'Eibar nel secondo anticipo della Liga, battendolo per 6-1. Un successo che, dopo cinque turni, proietta momentaneamente i blaugrana a 15 punti, +5 sul Siviglia. Protagonista della goleada al Camp Nou è stato Lionel Messi, autore di quattro reti (la prima su rigore). A segno anche Paulinho e Denis Suarez. Per l'Eibar gol della bandiera dell'Eibar con Sergi Enrich.

00:28Ucciso pregiudicato, partecipò a tentato furto salma Ferrari

(ANSA) - NUORO, 19 SET - Uno dei presunti componenti della banda che tentò di trafugare la salma di Enzo Ferrari, con un ruolo definito marginale dagli inquirenti, è stato ucciso questa sera nel suo paese, Orani, in provincia di Nuoro. L'uomo, Luca Carboni, operaio forestale di 45 anni, è stato freddato con alcuni colpi di arma da fuoco in via Delitala, nella periferia del paese, vicino al cimitero. Poco dopo gli spari, intorno alle 21.45, è arrivata sul posto un'ambulanza del 118, ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso: l'uomo è morto sul colpo. Sul posto, gli uomini della Squadra Mobile di Nuoro e il loro capo Paolo Guiso stanno tentando di ricostruire la dinamica dell'omicidio e di risalire al movente. Luca Carboni, pluripregiudicato, è un nome conosciuto alle forze dell'ordine. Varie le vicende giudiziarie che lo hanno riguardato: coltivazione di sostanze stupefacenti attentati e traffico di armi e droga. In passato l'uomo era stato coinvolto nell'inchiesta che aveva portato in carcere l'ex sindaco di Buddusò Giovanni Satta. In una telefonata intercorsa tra i due, Carboni aveva chiesto a Satta di procurargli dell'esplosivo. Più di recente nel marzo 2017 era stato coinvolto nell'inchiesta su un traffico di droga e armi fra la Sardegna ed il nord Italia. Secondo gli inquirenti, Luca Carboni faceva parte del sodalizio criminale che stava progettando tra l'altro il furto a scopo di estorsione della salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. Quarantacinque complessivamente le persone indagate fra quelle arrestate, ai domiciliari, con obbligo di dimora e denunciate. Per l'operaio forestale gli inquirenti avevano applicato l'obbligo di dimora. (ANSA).

00:16Calcio: Donadoni, Bologna superiore all’Inter

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "I ragazzi hanno fatto una gara di grande qualità e di grande intensità. Dal punto di vista del risultato ci sentiamo 'derubati' ma questa è la strada giusta e se interpreteremo le gare così arriveranno i tre punti". Roberto Donadoni non nasconde il rammarico per non aver trovato la vittoria contro l'Inter, nonostante il vantaggio del Bologna con il gol di Verdi. "Siamo stati superiori all'Inter che è una grandissima squadra, li abbiamo costretti a difendersi perché siamo stati molto aggressivi. Sono soddisfatto della prova dei ragazzi: l'unica amarezza è non aver conquistato i tre punti". Sul rigore fischiato ad Eder Donadoni è stato polemico: "Mi auguro che queste circostanze capiteranno anche noi contro la Juve, la Roma, il Milan, il Napoli o le altre grandi squadre. Perché a parti invertite mi viene sempre il dubbio, se dovesse capitarci a noi devono darcelo. All'inizio dell'azione Mbaye viene sbilanciato, poi cade, la palla stava andando da un'altra parte e dare un rigore così mi sembra ingiusto".

00:11Calcio: Spalletti, subita la pressione del Bologna

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Queste partite bisogna provare a giocarle, non a subirle, come è successo nel primo tempo. Loro sono stati bravi a pressarci, non abbiamo trovato sbocchi ed insistito troppo con il palleggio centrale. Se la palla gira così lentamente diventa difficile. Bisogna avere più qualità nello stretto". Luciano Spalletti legge così l'1-1 in casa del Bologna. "La partita precedente non fa acquisire meriti per quella che segue - ha detto il tecnico, riferendosi ai quattro successi di fila da cui venivano i nerazzurri - Noi siamo l'Inter e dobbiamo giocare un calcio di intenzioni coraggiose. Siamo andati meglio nel secondo tempo, anche se la qualità sulla trequarti è mancata lo stesso. E loro avevano sempre tempo di ricomporsi. Però almeno le intenzioni sono state diverse".

23:45Bambini intrappolati in scuola crollata

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 19 SET - "Per favore, silenzio! Stiamo lavorando per salvare i piccoli!": questo il grido dei responsabili della protezione civile messicana mentre, circondati dalla folla, tentano di trarre in salvo bambini rimasti sepolti sotto le macerie di una scuola di Città del Messico. I media locali trasmettono in diretta dall'esterno della scuola Enrique Rebsamen, nella zona di Coyoacan, completamente crollata per il terremoto. Almeno uno dei piccoli è stato tratto in salvo ma non si sa quanti altri siano ancora intrappolati sotto le macerie.

23:32Calcio: serie B, Frosinone solo in testa

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Risultati della quinta giornata del campionato di calcio di Serie B: Ascoli-Frosinone 0-1; Avellino-Venezia 1-1 (giocata ieri); Bari-Cremonese 1-0; Carpi-Foggia 1-3; Cittadella-Cesena 4-0; Palermo-Perugia 1-0; Parma-Empoli 1-2; Pescara-Entella 2-2; Pro Vercelli-Salernitana 1-1; Spezia-Novara 1-0; Ternana-Brescia 0-0 rinviata. Classifica: Frosinone 13; Empoli 11; Perugia e Carpi 10; Palermo 9; Cittadella, Cremonese, Venezia, Avellino e Spezia 7; Pescara, Bari, Novara e Parma; Brescia, Ternana, Entella e Foggia 5; Salernitana e Cesena 4; Ascoli 3; Pro Vercelli 1.

23:30Calcio: Eder, col Bologna due punti persi

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Su questi campi è sempre difficile, il Bologna ha messo in difficoltà il Napoli per 70 minuti, ma noi siamo l'Inter e questi sono due punti persi. Dovevamo vincere, ma quando non si vince è importante non perdere". Eder a fine partita ha espresso il rammarico per l'1-1 che ha interrotto la strisce vincente dei nerazzurri. "Dovevamo partire meglio anche se nel secondo tempo abbiamo fatto bene. Juventus e Napoli hanno qualcosa in più? Non lo so, noi dobbiamo guardare il nostro obiettivo - ha aggiunto l'attaccante - che è quello della Champions. Dobbiamo dare il massimo per questo". Quanto al rigore conquistato "sì, quando è passato mi ha toccato sulla caviglia, era rigore".

Archivio Ultima ora