Rapporto Gb inchioda Blair: Iraq una guerra da evitare

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

blair

LONDRA. – Saddam Hussein non rappresentava “un pericolo imminente” per il mondo, la convinzione che avesse ancora armi di distruzione di massa “non era giustificata” e la guerra scatenata nel 2003 da Usa e Gran Bretagna in Iraq – “pianificata male” e conclusa peggio – non fu affatto decisa come “l’ultima risorsa” disponibile.

Ci sono voluti 13 anni di tempo, e sette d’inchiesta, per mettere su carta (fra milioni di parole) qualche punto fermo su una vicenda che l’opinione pubblica di mezzo mondo e la maggioranza degli osservatori ebbero chiara sin dall’inizio o quasi.

Ma alla fine il suggello della commissione indipendente britannica guidata da sir John Chilcot è arrivato: ed è un ‘timbro’ che, se non rappresenta una condanna legale per Tony Blair (“non siamo una Corte”, ha premesso Chilcot al Queen Elizabeth Centre), marchia tuttavia, forse in modo irreparabile, la figura del premier di allora, sorridente, modernizzatore e artefice del New Labour.

I fatti allineati dalla commissione, dopo aver ascoltato 180 testimoni, sono un macigno. Il rapporto non si spinge a usare l’espressione ‘guerra illegale’, ma liquida le basi giuridiche del conflitto come “lungi dall’essere soddisfacenti”, mentre accusa esplicitamente Washington e Londra di aver “minato l’autorità dell’Onu”.

E se non sentenzia che Blair abbia ingannato il parlamento, lo lascia di fatto presupporre. L’ex primo ministro laburista prova a parare il colpo dicendosi pronto ad assumere le sue “responsabilità, senza eccezioni né scuse”. Ma insiste di aver agito “in buona fede” e ammette solo quelli che chiama “errori”.

Alibi che non bastano certo ai familiari delle vittime di quella guerra e delle sue conseguenze (migliaia fra i militari di Sua Maestà fino al 2011, almeno mezzo milione fra gli iracheni), i quali annunciano a questo punto “possibili azioni legali”.

Mentre fanno ribollire il sangue al drappello di manifestanti pacifisti radunatosi, in rappresentanza del milione e mezzo di britannici che nel 2003 diede vita alla più grande protesta di piazza mai vista nel regno, per denunciare il rischio che tutto finisca in un delitto senza castigo per Tony Bliar (da ‘liar’, ‘bugiardo’): “criminale di guerra”, secondo la deputata Verde Caroline Lucas.

Nella sua veste di alto magistrato a riposo, sir John misura viceversa le parole nell’illustrare l’imponente lavoro d’indagine. Ma senza reticenze. Non esclude che una guerra si sarebbe potuta ritenere “necessaria a un certo punto”. Non quando fu proclamata’, però.

La verità è che Blair aveva promesso 8 mesi prima a George W. Bush che il Regno Unito sarebbe stato “comunque” al fianco dell’alleato americano: a prescindere dal minuetto sulle ispezioni Onu. Il vero movente ‘nascosto’ dell’invasione dell’Iraq fu dunque un cambio di regime.

E tutto si piegò in sostanza alla volontà d’infiocchettare un casus belli pur che fosse: con i rapporti ad hoc dei servizi segreti di MI5 o MI6; e i pareri giuridici ballerini di lord Goldsmith, Attorney general dell’epoca, che nel giro di pochi mesi passarono dall’invocare una nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza come necessaria, a derubricarla come raccomandabile, infine a ritenerla superflua.

Chilcot non fa sconti nemmeno agli 007 o ai comandi militari, descrivendo una pianificazione e una preparazione “inadeguate”. Ma in ultima analisi punta il dito sulla leadership politica. Il rapporto non individua “prove” che Blair abbia falsificato i dati d’intelligence, ma smentisce l’ex premier dicendo che egli fu avvertito delle conseguenze di un’avventura bellica in Iraq, con le potenziali minacce terroristiche di Al Qaida. Avventura rivelatasi in effetti fallimentare e incubatrice dell’Isis.

Sulla lezione da trarre, intanto, ai Comuni va in scena un singolare rovesciamento di ruoli. Il segretario laburista Jeremy Corbyn, che ha ereditato il partito di Blair, fu 13 anni fa un oppositore inflessibile della guerra e oggi non vuole scuse: la Chilcot Inquiry – taglia corto – certifica che “l’invasione e l’occupazione dell’Iraq ” furono “un atto di aggressione sotto falso pretesto”.

Mentre il premier dimissionario conservatore, David Cameron, che nel 2003 votò a favore, parla più genericamente di “responsabilità da prendere”, assicura d’aver cambiato le regole e che un primo ministro non può più agire come un uomo solo al comando in circostanze analoghe, ma rivendica il dogma della ‘special relationship’ contro l’idea di Corbyn di “un rapporto più aperto e più indipendente” con Washington, sfuma le colpe di Blair e soprattutto difende altri interventi militari, dall’Afghanistan alla Libia: concludendo che in fin dei conti “non tutto si può prevedere”.

Giustificazioni che forse non consolano Baghdad, all’indomani dell’ennesima carneficina d’un infinito dopoguerra inondato di sangue. Se è vero, e lo riporta la Bbc, che persino l’iracheno che inscenò una decina d’anni orsono l’abbattimento della statua di Saddam – in favore di telecamere e nel tripudio dei media occidentali – si dice ora pentito e rimpiange il feroce rais. Qualcosa come: si stava meglio quando si stava peggio.

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora