Industria 4.0: spinta del governo, un grande piano di investimenti

industria-

ROMA. – Il Governo presenterà il mese prossimo le prime misure per sostenere l’innovazione delle imprese con l’obiettivo di accelerare la quarta rivoluzione industriale e creare una catena della produzione interamente interconnessa e interattiva.

L’annuncio è arrivato nel corso della presentazione dell’indagine della Commissione Attività produttive della Camera sulla rivoluzione industriale 4.0 da parte del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha assicurato il suo impegno per un “grande piano di investimenti” da inserire nella legge di Stabilità.

Calenda comunque ha sottolineato l’intenzione di essere molto selettivo nelle iniziative da sostenere in modo da non disperdere le risorse. Il Governo metterà in campo una cabina di regia formata dalla presidenza del Consiglio dei ministri, ministero dello Sviluppo economico, ministero dell’Istruzione e ministero dell’Economia con i rappresentanti degli enti locali e l’Agenzia per l’Italia digitale ma aperta alle Università, ai sindacati e al mondo economico e imprenditoriale con l’obiettivo di far dialogare le parti e rimuovere gli ostacoli normativi alla crescita dell’innovazione.

La cabina di regia che partirà la prossima settimana, inizialmente gestita a livello centrale, ha detto Calenda avrà “neutralità tecnologica e settoriale”. In pratica, ha spiegato, il Governo non interverrà né sul tipo di tecnologia né sui settori da sostenere perché quando li ha indicati a priori “ha fatto disastri”.

L’impegno del Governo a sostenere un sistema industriale più avanzato piace alla Confindustria che con il presidente, Vincenzo Boccia, ha parlato di messaggio “condivisibile”. “Non è solo una questione tecnologica ma culturale – ha detto Boccia parlando alla presentazione dell’indagine che si è tenuta alla Camera – i clienti chiedono sempre di più prodotti personalizzati. Il cambiamento tecnologico ci consente di produrre prodotti sartoriali con dimensione industriale. Possiamo diventare la boutique del mondo. Ma serve anche la testa 4.0”.

Uno dei temi fondamentali da affrontare come sottolineato nell’indagine del Parlamento che comunque sarà utilizzata dal Governo per mettere a punto le prime misure, sarà quello delle infrastrutture con il piano della banda ultralarga, lo sviluppo delle reti wireless e 5G, le reti elettriche intelligenti e la pubblica amministrazione digitale, oltre ai digital innovation Hubs.