Dallas: uccisi 5 poliziotti alla marcia di protesta degli afroamericani

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

Usa: Dallas, 5 gli agenti uccisi, altri gravi

Usa: Dallas, 5 gli agenti uccisi, altri gravi

NEW YORK. – Dallas rivive l’incubo John Fitzgerald Kennedy. Colpi di arma da fuoco sono sparati contro la polizia a pochi passi da Dealey Plaza, dove Kennedy è stato assassinato: il bilancio è di cinque agenti uccisi e 12 feriti, inclusi due civili.

Un attacco calcolato – una “piccola guerra” l’hanno descritta alcuni testimoni – andato in scena al termine di quella che doveva essere una pacifica marcia per manifestare contro le violenze della polizia contro i neri. I contorni dell’accaduto non sono ancora chiari.

In base alle prime ricostruzioni a sparare sarebbero stati alcuni cecchini, almeno due, appostati su vari edifici di Dallas, in quella che appare come un’imboscata calcolata e coordinata. Secondo il New York Times, il killer invece è uno solo: Micah X. Johnson, 25 anni, nero, incensurato, riservista dell’esercito che ha servito in Afghanistan e che, secondo indiscrezioni, simpatizzava per i Black Panther, il movimento militante nero contro la brutalità della polizia e il razzismo.

Johnson abitava con la madre e la polizia è in queste ore impegnata a perquisire l’abitazione in cerca di indizi e spiegazioni. L’uomo in fuga si era barricato in un garage: dopo ore di negoziati senza esito, la polizia ha deciso di usare per la prima volta un robot killer, armato di bomba, che esplodendo l’ha ucciso.

“Era turbato dalle recenti sparatorie” in Minnesota e Louisiana, afferma David Brown, il capo della polizia di Dallas. “Diceva di voler uccidere i bianchi, soprattutto gli agenti bianchi” aggiunge Brown, continuando comunque a parlare di più sospetti per l’esecuzione del massacro. Tre persone, tra cui una donna, sono infatti sotto custodia delle forze dell’ordine, che le interrogano per far luce su quella che sarà ricordata come la giornata più nera per la polizia americana dopo gli attentati dell’11 settembre 2001.

L’attacco a Dallas arriva al termine di una settimana all’insegna della violenza, durante la quale due afroamericani sono stati uccisi da poliziotti. E, come già accaduto nel caso di Ferguson dopo la morte dell’afroamericano Michael Brown, manifestazioni spontanee si sono avute in tutti gli Stati Uniti. A Dallas però la marcia pacifica ha lasciato il posto alla violenza, a un’imboscata di cui si cerca una spiegazione.

E’ stato un “attacco violento e premeditato”, dichiara il presidente americano Barack Obama da Varsavia, dove si trova per il vertice della Nato. “Gli Stati Uniti sono inorriditi. Non ci sono giustificazioni” aggiunge Obama che, da quando ha assunto la presidenza, si è trovato più volte, “troppe” come ha ribadito, a intervenire sulla violenza con le armi da fuoco, ma anche sul riaccendersi delle tensioni razziali con rapporti sempre più tesi fra polizia e minoranze.

“La violenza non è mai la risposta” gli fa eco il ministro della Giustizia, Loretta Lynch, assicurando alla polizia di Dallas tutto l’appoggio necessario alle indagini. “E’ una tragedia incomprensibile” aggiunge Lynch, rassicurando coloro che manifestano pacificamente. “La vostra voce è importante”.

A fronte della tragedia di Dallas, la politica si ferma e abbassa i toni mostrandosi compatta. Hillary Clinton e Donald Trump cancellano gli appuntamenti elettorali in programma. “Tutti insieme dobbiamo combattere la cultura dell’odio e del disprezzo.

Respingere l’odio, l’insulto, la discriminazione” afferma il premier Matteo Renzi, commentando i fatti di Dallas, una città in queste ore paralizzata. Il centro è stato chiuso: è una scena del crimine. Ma questo non basta a fermare le centinaia di persone in queste ore nelle strade della città in una veglia per ricordare gli agenti uccisi mentre erano in servizio.

L’attacco fa salire la tensione in tutti gli Stati Uniti: a New York l’allerta è alta e agli agenti è stato chiesto di essere vigili e fare attenzione quando vengono avvicinati anche solo per chiedere informazioni.

(Serena di Ronza/Ansa)

Ultima ora

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

Archivio Ultima ora