Dallas: uccisi 5 poliziotti alla marcia di protesta degli afroamericani

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

Usa: Dallas, 5 gli agenti uccisi, altri gravi

Usa: Dallas, 5 gli agenti uccisi, altri gravi

NEW YORK. – Dallas rivive l’incubo John Fitzgerald Kennedy. Colpi di arma da fuoco sono sparati contro la polizia a pochi passi da Dealey Plaza, dove Kennedy è stato assassinato: il bilancio è di cinque agenti uccisi e 12 feriti, inclusi due civili.

Un attacco calcolato – una “piccola guerra” l’hanno descritta alcuni testimoni – andato in scena al termine di quella che doveva essere una pacifica marcia per manifestare contro le violenze della polizia contro i neri. I contorni dell’accaduto non sono ancora chiari.

In base alle prime ricostruzioni a sparare sarebbero stati alcuni cecchini, almeno due, appostati su vari edifici di Dallas, in quella che appare come un’imboscata calcolata e coordinata. Secondo il New York Times, il killer invece è uno solo: Micah X. Johnson, 25 anni, nero, incensurato, riservista dell’esercito che ha servito in Afghanistan e che, secondo indiscrezioni, simpatizzava per i Black Panther, il movimento militante nero contro la brutalità della polizia e il razzismo.

Johnson abitava con la madre e la polizia è in queste ore impegnata a perquisire l’abitazione in cerca di indizi e spiegazioni. L’uomo in fuga si era barricato in un garage: dopo ore di negoziati senza esito, la polizia ha deciso di usare per la prima volta un robot killer, armato di bomba, che esplodendo l’ha ucciso.

“Era turbato dalle recenti sparatorie” in Minnesota e Louisiana, afferma David Brown, il capo della polizia di Dallas. “Diceva di voler uccidere i bianchi, soprattutto gli agenti bianchi” aggiunge Brown, continuando comunque a parlare di più sospetti per l’esecuzione del massacro. Tre persone, tra cui una donna, sono infatti sotto custodia delle forze dell’ordine, che le interrogano per far luce su quella che sarà ricordata come la giornata più nera per la polizia americana dopo gli attentati dell’11 settembre 2001.

L’attacco a Dallas arriva al termine di una settimana all’insegna della violenza, durante la quale due afroamericani sono stati uccisi da poliziotti. E, come già accaduto nel caso di Ferguson dopo la morte dell’afroamericano Michael Brown, manifestazioni spontanee si sono avute in tutti gli Stati Uniti. A Dallas però la marcia pacifica ha lasciato il posto alla violenza, a un’imboscata di cui si cerca una spiegazione.

E’ stato un “attacco violento e premeditato”, dichiara il presidente americano Barack Obama da Varsavia, dove si trova per il vertice della Nato. “Gli Stati Uniti sono inorriditi. Non ci sono giustificazioni” aggiunge Obama che, da quando ha assunto la presidenza, si è trovato più volte, “troppe” come ha ribadito, a intervenire sulla violenza con le armi da fuoco, ma anche sul riaccendersi delle tensioni razziali con rapporti sempre più tesi fra polizia e minoranze.

“La violenza non è mai la risposta” gli fa eco il ministro della Giustizia, Loretta Lynch, assicurando alla polizia di Dallas tutto l’appoggio necessario alle indagini. “E’ una tragedia incomprensibile” aggiunge Lynch, rassicurando coloro che manifestano pacificamente. “La vostra voce è importante”.

A fronte della tragedia di Dallas, la politica si ferma e abbassa i toni mostrandosi compatta. Hillary Clinton e Donald Trump cancellano gli appuntamenti elettorali in programma. “Tutti insieme dobbiamo combattere la cultura dell’odio e del disprezzo.

Respingere l’odio, l’insulto, la discriminazione” afferma il premier Matteo Renzi, commentando i fatti di Dallas, una città in queste ore paralizzata. Il centro è stato chiuso: è una scena del crimine. Ma questo non basta a fermare le centinaia di persone in queste ore nelle strade della città in una veglia per ricordare gli agenti uccisi mentre erano in servizio.

L’attacco fa salire la tensione in tutti gli Stati Uniti: a New York l’allerta è alta e agli agenti è stato chiesto di essere vigili e fare attenzione quando vengono avvicinati anche solo per chiedere informazioni.

(Serena di Ronza/Ansa)

Ultima ora

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

22:32Sciatore disperso ad Abetone, ritrovato da Soccorso Alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - E' stato ritrovato e sta bene lo sciatore disperso dal tardo pomeriggio di oggi ad Abetone. Si tratta di un 20enne di Massa e Cozzile (Pistoia), che con attrezzatura non idonea (normali sci da pista), si era avventurato in una zona impervia e particolarmente scoscesa, per la quale sarebbero serviti almeno sci da alpinismo e molta esperienza. Intorno alle 17 la batteria del telefono che aveva con sé si è scaricata ed ha perso i contatti con gli amici. A ritrovarlo intorno alle 20.30 sono stati i volontari del Soccorso alpino e gli agenti della polizia di stato in servizio sulle piste da neve.

22:13Sciatore disperso ad Abetone, lo cerca il Soccorso alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - Il Soccorso alpino ha avviato le ricerche di uno sciatore che sarebbe disperso nella zona dell'Alpe delle Tre Potenze, in Val di Luce, ad Abetone (Pistoia). Gli amici, dopo averlo sentito per l'ultima volta alle 17 hanno perso i contatti con l'uomo ed hanno dato l'allarme ai soccorsi. E' partita una squadra di volontari del Soccorso alpino e speleologico toscano per le ricerche. Secondo le prime indicazioni, lo sciatore, avrebbe intrapreso il percorso che va dall'Alpe Tre Potenze (1940 m) verso il Lago Nero.

22:05Calcio: Juventus, Real e Barcellona contro discriminazione

(ANSA) - TORINO, 24 GEN - I presidenti di Juventus, Real Madrid e Barcellona hanno partecipato oggi nella capitale spagnola al lancio dell'iniziativa 'Sin respecto no hay huego', la nuova campagna a favore dell'inclusione e contro ogni forma di discriminazione nel calcio, varata dal Gruppo Prisa in collaborazione con Unesco e alla quale hanno aderito i tre club calcistici. Andrea Agnelli ha ricordato come il 27 novembre 2015 a Parigi la Juventus aveva presentato nella sede dell'Unesco il dossier 'Colour? What colour?', incentrato sui fenomeni legati al razzismo in campo internazionale, progetto che lo stesso club bianconero ha finanziato. "Il documento - ha sottolineato il presidente della Juventus - propone delle misure e degli strumenti volti a favorire l'integrazione. Necessità però dell'aiuto di tutti: istituzioni, club e media. Con l'appoggio di tutti sarà più facile dire 'No al razzismo' e favorire l'inclusione e il rispetto verso gli altri".

22:03F.1: la Fia ringrazia Ecclestone

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - La Fia ringrazia l'ad uscente della F1 management, Bernie Ecclestone, "per più di 40 anni di dedizione alla Federazione". "La Fia - si legge in un comunicato - è stata responsabile della creazione di una struttura normativa per la Formula 1 già nel 1946. La Federazione resta impegnata a regolamentare il Mondiale di F1 in modo equo, sicuro e nel migliore interesse dello sport, come ha cercato di fare sin dall'inizio, 67 anni fa". Il presidente della Fia, Jean Todt, si è congratulato con i nuovi proprietari del Gruppo Formula 1, Liberty media corporation. "Come organo di governo della Formula 1, la Fia dà il benvenuto al nuovo ad, Chase Carey, e a tutta la sua squadra per il campionato", prosegue la nota. "Tutta l'organizzazione della Fia - conclude - non vede l'ora di lavorare a stretto contatto, con l'obiettivo comune di migliorare e crescere ulteriormente lo sport con il supporto delle competenze altamente riconosciute di Liberty media corporation sui media e nel mondo della comunicazione sportiva".

21:35Usa: tabloid, Obama ora in vacanza ai Caraibi

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Gli Obama ora sarebbero in vacanza ai Caraibi. Lo riferisce Tmz secondo cui l'ex famiglia presidenziale avrebbe lasciato Palm Springs in California dopo soli tre giorni a causa del maltempo. Sempre secondo il tabloid, Barack e Michelle sarebbero prima ritornati a Washington, poi di li avrebbero preso un jet privato di Richard Branson, il businessman inglese proprietario della Virgin Atlantic, alla volta dell'isola di Necker, nelle isole Vergini britanniche. Il sito di Tmz mostra una foto in cui l'ex presidente e First Lady posano con delle persone che sembrano delle guardie. Ancora secondo indiscrezioni, Malia e Sasha non avrebbero seguito i genitori a Palm Spring ma probabilmente ora sono ai Caraibi anche se al momento non circola nessuna loro foto.

Archivio Ultima ora