Venezuelani hanno attraversato la frontiera per acquistare alimenti e medicine

Pubblicato il 11 luglio 2016 da redazione

Venezolanos cruzando la frontera con Colombia para comprar medicinas y comida

Venezolanos cruzando la frontera con Colombia para comprar medicinas y comida

di Mauro Bafile

CARACAS – Certo, non ce n’era bisogno. D’altronde non è solo “vox populi” ma anche una realtà tangibile. Qualora ce ne fosse stato bisogno, quanto accaduto lo scorso fine settimana ne è la riprova. La riapertura della frontiera con la Colombia ha cancellato ogni dubbio.

Il Venezuela vive una crisi umanitaria di proporzioni mai viste in precedenza. Migliaia di venezuelani si sono riversati nel vicino paese affollando farmacie, botteghe, piccoli e grandi generi alimentari, negozi d’ogni specie.

Per il “Puente Internacional Simón Bolívar”, e il “Puente Francisco de Paula Santander”, che comunicano i municipi del “Norte de Santander” (Colombia) con lo Stato Táchira, e il “Puente José Antonio Páez”, punto d’incontro tra il Municipio Arauca (Colombia) e lo Stato Apure sarebbero circolati circa 35mila venezuelani, stando alle autorità del vicino paese.

E’ impossibile, per il momento, quantificare l’ammontare degli introiti ottenuti dai commercianti colombiani. Ma senz’altro è stata una cifra importante in un weekend anomalo.

Fenomeno inatteso. Sicuramente sottovalutato. Forse il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e i suoi ministri non si aspettavano che fossero tanti i venezuelani in attesa della riapertura della frontiera con la Colombia.

Quanto accaduto domenica scorsa è stato un duro colpo alla credibilità e reputazione internazionale del governo. Lo è stato anche per la sua politica economica. Fino a ieri i ministri, pur ammettendo alcune difficoltà, hanno sempre smentito che il Venezuela vivesse una “una crisi umanitaria”. E hanno costantemente sottolineato che comunque i venezuelani hanno accesso a qualunque genere alimentare o bene di prima necessità.

Ebbene, domenica scorsa, chi si è recato in Colombia non l’ha fatto per acquistare merci di lusso o articoli dotati di tecnologie sofisticate ma per reperire prodotti legati alla quotidianità. Ovvero, latte in polvere, burro, olio, pasta, farina, biscotti, pannolini per i più piccoli, pannoloni per i più anziani, assorbenti per le giovani, tanto per nominarne alcuni.

Per quel che riguarda le medicine, pare che le più richieste siano state quelle per il controllo della febbre e del diabete, per i malati di Parkinson e Alzheimer, per l’ipertensione arteriosa e per gli infermi di cuore.

Insomma, in molti casi, medicine delle quali non si può fare a meno. Non è mancato chi ha approfittato per acquistare pezzi di ricambio per automobile o moto che in Venezuela sono reperibili solo nel mercato dell’usato o nel mercato nero a prezzi inaccessibili e anche, troppe volte, di procedenza illegale.

E’ vero che il valore del peso colombiano è di gran lunga superiore al “bolívar”, ma lo è anche che, a conti fatti, acquistare un chilo di farina o di pasta, o una saponetta e uno shampoo, in Colombia, è stato alla fine molto più economico che comprarlo dai “bachaqueros”, gli unici ad avere i prodotti che, tante volte, sono anche adulterati. Le testimonianze dei venezuelani che hanno passato la frontiera non per piacere, ma per necessità non lasciano spazio a dubbi.

Il problema, in Venezuela, non è solo il potere d’acquisto, severamente eroso dall’inflazione che corre ormai a livelli di “quasi iper-inflazione”, ma l’accesso ai beni essenziali. Questi sono diventati “uccel di bosco”. Fare lunghe file alle porte dei supermarket o delle farmacie non assicura l’acquisto del prodotto di cui si ha bisogno.

Fino a ieri, i ministri del governo Maduro hanno negato una verità che, con la riapertura parziale della frontiera, conseguenza dell’irruenza con la quale le donne “tachirenses” hanno rotto il cordone della Guardia Nazionale e sfidato la proibizione del Governo, è emersa in tutta la sua gravità. La realtà, dopo mesi di frontiere blindate, ha dimostrato che non era il “contrabbando” a provocare la mancanza di alimenti, medicine e articoli per l’igiene, ma ben altro.

In Venezuela la mancanza di cifre ufficiali rende impossibile quantificare la crisi. I punti di riferimento, il più delle volte, sono dati da organismi internazionali o di categoria. Il Fondo Monetario Internazionale, ad esempio, stima che l’inflazione a fine anno si aggiri attorno al 700 per cento e la contrazione del Pib sia del 9 per cento. Sono queste, comunque, cifre che verranno sicuramente corrette nei prossimi mesi.

Dal canto suo, Conindustria, l’organizzazione degli industriali, ha manifestato con preoccupazione che ormai la capacità di produzione impiegata nei complessi fabbrili, piccoli o grandi, si aggira attorno al 36 per cento. Nel 2015 era del 43 per cento. La produzione ha subito una contrazione del 7 per cento. Ed è oggi insufficiente per coprire il fabbisogno della popolazione. Lo era anche prima, a dir la verità, ma almeno soddisfaceva il 70 per cento circa del mercato nazionale.

L’irrigidimento della produzione industriale, stando ai manager, è provocato dalla mancata assegnazione della valuta necessaria per importare la materia prima. Il controllo dei cambi ha dato allo Stato il controllo della valuta.

Oggi, nelle arche dello Stato, con l’incremento delle importazioni e la riduzione drastica del prezzo del barile di petrolio, valuta straniera ve n’è assai poca. Non si sa se il Governo, come ha fatto negli anni precedenti, potrà rispettare gli impegni internazionali o se, per favorire questi, sarà disposto a castigare il consumatore.

Il Paese è ogni giorno più isolato. Le personalità di spicco di altri governi preferiscono restare al margine delle rivalità che scuotono la politica venezuelana e ritengono che una loro visita ufficiale potrebbe eventualmente essere interpretata come una manifestazione di solidarietà verso l’uno o l’altro bando.

D’altro canto, l’Unione Europea, gli Stati Uniti, e ora anche dell’Osa e il Mercosur promuovono un dialogo pero al tempo stesso esigono il rispetto delle istituzioni, la libertà dei prigionieri politici e la realizzazione del Referendum Revocatorio.

E’ proprio a seguito di questo isolamento e dei reclami della comunità internazionale che il Tavolo dell’Unità condiziona la propria partecipazione al dialogo alla soddisfazione di richieste ben precise. Ovvero, realizzazione del Referendum Revocatorio, libertà dei prigionieri politici, rispetto per il Parlamento e fine della repressione contro chi manifesta simpatie per l’Opposizione.

Nei prossimi giorni si vedrà se effettivamente la mediazione di Unasur e dell’ex premier José Luis Zapatero avrà un seguito.

Ultima ora

14:47Bus ungherese:polizia,non si sa autista morto o ferito

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - "Non sappiamo ancora se l'autista è morto o ferito": Girolamo Lacquaniti, dirigente della polizia stradale di Verona, ha risposto così alla domanda sul conducente del pullman ungherese che si è schiantato in A4 e ha preso fuoco, con un bilancio di 16 vittime. A rendere difficile una possibile certezza sull'autista alla guida - a bordo ce n'erano due e pare si dessero il cambio ogni tre ore - il fatto che ci sono ancora vittime da identificare e ci sono due feriti gravi ricoverati all'ospedale Borgo Trento a Verona ancora senza nome.

14:44Maltempo: nel Cagliaritano dopo bufera ora conta dei danni

(ANSA) - CAGLIARI, 22 GEN - Si lavora ancora a Cagliari e in tutta la provincia per ripulire le strade e in alcuni casi riaprirle, dopo l'ondata di maltempo con forti raffiche di vento, anche a 100 chilometri orari e la pioggia che ieri hanno messo in ginocchio tutto il cagliaritano. Sono oltre 200 gli interventi portati a termine o in fase di completamento da parte dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Cagliari. Alberi e rami caduti su strade o dentro giardini, cornicioni, pali, cartelloni pubblicitari finiti sulle auto. Una vera e propria emergenza, con danni ingenti ancora da quantificare. Attualmente in città sono ancora chiuse una parte di via Dante, in pieno centro, e via Fra Ignazio a causa della caduta di alcuni alberi. Problemi e disagi anche in via Copernico, via della Pineta, via Stoccolma e via Costantinopoli. Al lavoro gli agenti della polizia locale e gli uomini del verde pubblico. Si cerca di intervenire al più presto anche vicino ad alcuni edifici scolastici. Rami caduti e detriti potrebbero infatti mettere a rischio l'apertura delle scuole domani. Difficilissima ancora la situazione al Poetto, ieri sommerso dalla mareggiata. Le strade sono ancora allagate e le pompe di sollevamento dell'acqua non stanno funzionando al meglio, visto che il mare le ha sommerse. Ancora chiusa anche la Statale 195 dal chilometro 3 al chilometro 11 da Cagliari verso Capoterra. La mareggiata di ieri ha trasportato sull'asfalto sabbia, alghe e detriti, "mangiando" in alcuni punti il guardrail. Si lavora anche a Capoterra dove la tromba d'aria di ieri ha causato molti danni, così come nel Sulcis Iglesiesente, dove ci sono state mareggiate e pericolose cadute di alberi e rami.(ANSA).

14:4127 bimbi intossicati monossido in festa in sala parrocchia

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - 27 bambini intossicati da monossido di carbonio durante una festa di compleanno. E' accaduto ieri sera a Sant'Andrea a Pigli, frazione del comune di Arezzo. I bambini, tutti tra i dieci e gli undici anni tranne uno di appena un anno e mezzo, si trovavano in una sala parrocchiale della locale chiesa dove si stava tenendo la festa di compleanno di uno di loro, riscaldata da stufe a gas. Nessuno dei bimbi sarebbe in pericolo di vita. 23 su 27 sono stati ricoverati ad Arezzo e a Firenze. Gli altri non hanno avuto bisogno di ricovero perché i sintomi erano lievissimi. Secondo una prima ricostruzione, improvvisamente due undicenni e il piccolo di un anno e mezzo hanno avvertito nausea e mal di testa perdendo per un attimo conoscenza. I genitori hanno chiamato subito il 118. All'ospedale di Arezzo si sono resi conto che la concentrazione di monossido di carbonio nell'emoglobina era alta e li hanno trasferiti immediatamente all'ospedale fiorentino di Careggi per essere curati in camera iperbarica.

14:39Calcio: Prandelli, ho detto no a un’offerta dalla Cina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - L'ex ct azzurro Cesare Prandelli ha rifiutato una proposta per allenare in Cina, sarebbe "come staccare definitivamente". L'ha detto lo stesso tecnico che all'ipotesi di un suo ritorno sulla panchina della Fiorentina è netto: "ho sempre detto che non me ne sarei mai andato, non aggiungo altro perché non voglio che si inneschino polemiche". Dalle cose viste in campionato, Prandelli promuove i suoi colleghi Sarri e Montella, e rispetto al tecnico del Napoli afferma che "è uno scandalo che un allenatore così bravo sia arrivato così tardi nel grande calcio. Devo fargli i complimenti, perché è sempre riuscito a migliorare squadre già forti prima del suo arrivo". Di Montella dice che "è un un innovativo: sa trasmettere le sue idee e ora il Milan è una delle squadre che quest'anno ha subìto i più positivi miglioramenti".

14:16Calcio: Prandelli, a Valencia mi sono sentito umiliato

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "A Valencia mi sono sentito umiliato, perciò me ne sono andato". Così l'ex ct azzurro Cesare Prandelli torna sul suo addio alla panchina del Valencia dopo pochi mesi dal suo arrivo. "Quando sono mancati i presupposti per lavorare con trasparenza, ha detto Prandelli, mi sono sentito umiliato: mi hanno chiesto di fare l'allenatore e il dirigente, senza darmene la reale possibilità. Avevamo concordato che la priorità era l'acquisto di Zaza, con cui era tutto chiuso, e non ho potuto accettare il fatto che il presidente, dopo 20 giorni in cui eravamo d'accordo, mi fosse venuto a chiedere se volevamo un centrocampista. Come a voler ricominciare da zero. Mi sono sentito umiliato e ho preferito rescindere un contratto di un 18 mesi: con questi soldi risparmiati magari ora possono fare mercato, visto che hanno problemi di fair play finanziario. Poi Zaza, dopo la mia rescissione, è arrivato lo stesso: penso che abbia le possibilità per fare bene".

14:14Calcio: Juve, Marotta “nessun timore sul rinnovo di Dybala”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Rinnovo di Dybala colpo di mercato? No, perché non c'era alcun timore sul suo rinnovo: ha un contratto lungo, volevamo solo adeguarlo ai livelli dei giocatori della sua caratura". Giuseppe Marotta chiarisce così circa il futuro in bianconero dell'argentino. "Sul mercato abbiamo ultimamente agito per alzare la qualità - ha aggiunto Marotta - anche se forse ammetto che si sia persa un po' di solidità: stiamo cercando la quadratura in un settore, quello del centrocampo, dove comunque non è facile assorbire in poco tempo la partenza di tre giocatori come Pirlo, Vidal e Pogba".

14:03Maltempo: nubifragio nel Nuorese ma allarme dighe rientrato

(ANSA) - NUORO, 22 GEN - E' stata una notte di emergenza e duro lavoro per la Protezione civile nel Nuorese e in Ogliastra dove, dopo la nevicata eccezionale, è arrivato un violento nubifragio, accompagnato dal forte vento, che ha provocato frane, caduta di alberi, esondazioni di torrenti e allagamenti. Nella tarda serata sono state chiuse sette strade provinciali, questa mattina poi quasi tutte riaperte ad eccezione della provinciale Oliena-Dorgali e della Fonni-Desulo, ancora chiusa dopo Monte Spada. In queste ultime due strade, l'unità di crisi della Prefettura di Nuoro sta provvedendo alla messa in sicurezza: a Oliena, all'altezza del Ponte di Oloè - dove nell'alluvione del 2013 era morto il poliziotto Luca Tanzi - e sulla Desulo-Fonni dove si sono riversate diverse frane. Riaperte invece le strade di accesso ad Orgosolo, Oliena, Dorgali, Mamoiada. Allagamenti anche in Ogliastra a causa dell'esondazione del rio Flumineddu che ha causato la chiusura di diverse strade, stamattina riaperte. E' rientrato anche il pericolo dell'ondata di piena per le dighe, in particolare la diga Maccheronis a Torpè, e i fiumi Cedrino nella bassa Baronia e Flumendosa in Ogliastra. Al lavoro per tutta la notte anche il Comitato Operativo, presieduto dall'assessore della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano e composto dal direttore regionale della Protezione civile Graziano Nudda, dal Comandante del Corpo forestale e di Vigilanza ambientale Gavino Diana e dal direttore generale di Forestas Antonio Casula. "Abbiamo lavorato tutta la notte insieme ai sindaci dei paesi interessati per l'eventuale evacuazione delle abitazioni in caso di necessità - ha detto il viceprefetto Vincenzo D'Angelo che ha coordinato gli interventi dell'Unità di crisi - ma non c'è stato bisogno. Il livello di sicurezza è stato di poco superato ed è intervenuto subito il sistema di scarico. La situazione del tempo è migliorata e possiamo ormai dire che siamo fuori dall'emergenza. Raccomandiamo tuttavia la massima prudenza per chi si mette in auto: le strade non sono state liberate del tutto dai detriti per cui è meglio procedere con cautela". (ANSA).

Archivio Ultima ora