Venezuelani hanno attraversato la frontiera per acquistare alimenti e medicine

Pubblicato il 11 luglio 2016 da redazione

Venezolanos cruzando la frontera con Colombia para comprar medicinas y comida

Venezolanos cruzando la frontera con Colombia para comprar medicinas y comida

di Mauro Bafile

CARACAS – Certo, non ce n’era bisogno. D’altronde non è solo “vox populi” ma anche una realtà tangibile. Qualora ce ne fosse stato bisogno, quanto accaduto lo scorso fine settimana ne è la riprova. La riapertura della frontiera con la Colombia ha cancellato ogni dubbio.

Il Venezuela vive una crisi umanitaria di proporzioni mai viste in precedenza. Migliaia di venezuelani si sono riversati nel vicino paese affollando farmacie, botteghe, piccoli e grandi generi alimentari, negozi d’ogni specie.

Per il “Puente Internacional Simón Bolívar”, e il “Puente Francisco de Paula Santander”, che comunicano i municipi del “Norte de Santander” (Colombia) con lo Stato Táchira, e il “Puente José Antonio Páez”, punto d’incontro tra il Municipio Arauca (Colombia) e lo Stato Apure sarebbero circolati circa 35mila venezuelani, stando alle autorità del vicino paese.

E’ impossibile, per il momento, quantificare l’ammontare degli introiti ottenuti dai commercianti colombiani. Ma senz’altro è stata una cifra importante in un weekend anomalo.

Fenomeno inatteso. Sicuramente sottovalutato. Forse il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e i suoi ministri non si aspettavano che fossero tanti i venezuelani in attesa della riapertura della frontiera con la Colombia.

Quanto accaduto domenica scorsa è stato un duro colpo alla credibilità e reputazione internazionale del governo. Lo è stato anche per la sua politica economica. Fino a ieri i ministri, pur ammettendo alcune difficoltà, hanno sempre smentito che il Venezuela vivesse una “una crisi umanitaria”. E hanno costantemente sottolineato che comunque i venezuelani hanno accesso a qualunque genere alimentare o bene di prima necessità.

Ebbene, domenica scorsa, chi si è recato in Colombia non l’ha fatto per acquistare merci di lusso o articoli dotati di tecnologie sofisticate ma per reperire prodotti legati alla quotidianità. Ovvero, latte in polvere, burro, olio, pasta, farina, biscotti, pannolini per i più piccoli, pannoloni per i più anziani, assorbenti per le giovani, tanto per nominarne alcuni.

Per quel che riguarda le medicine, pare che le più richieste siano state quelle per il controllo della febbre e del diabete, per i malati di Parkinson e Alzheimer, per l’ipertensione arteriosa e per gli infermi di cuore.

Insomma, in molti casi, medicine delle quali non si può fare a meno. Non è mancato chi ha approfittato per acquistare pezzi di ricambio per automobile o moto che in Venezuela sono reperibili solo nel mercato dell’usato o nel mercato nero a prezzi inaccessibili e anche, troppe volte, di procedenza illegale.

E’ vero che il valore del peso colombiano è di gran lunga superiore al “bolívar”, ma lo è anche che, a conti fatti, acquistare un chilo di farina o di pasta, o una saponetta e uno shampoo, in Colombia, è stato alla fine molto più economico che comprarlo dai “bachaqueros”, gli unici ad avere i prodotti che, tante volte, sono anche adulterati. Le testimonianze dei venezuelani che hanno passato la frontiera non per piacere, ma per necessità non lasciano spazio a dubbi.

Il problema, in Venezuela, non è solo il potere d’acquisto, severamente eroso dall’inflazione che corre ormai a livelli di “quasi iper-inflazione”, ma l’accesso ai beni essenziali. Questi sono diventati “uccel di bosco”. Fare lunghe file alle porte dei supermarket o delle farmacie non assicura l’acquisto del prodotto di cui si ha bisogno.

Fino a ieri, i ministri del governo Maduro hanno negato una verità che, con la riapertura parziale della frontiera, conseguenza dell’irruenza con la quale le donne “tachirenses” hanno rotto il cordone della Guardia Nazionale e sfidato la proibizione del Governo, è emersa in tutta la sua gravità. La realtà, dopo mesi di frontiere blindate, ha dimostrato che non era il “contrabbando” a provocare la mancanza di alimenti, medicine e articoli per l’igiene, ma ben altro.

In Venezuela la mancanza di cifre ufficiali rende impossibile quantificare la crisi. I punti di riferimento, il più delle volte, sono dati da organismi internazionali o di categoria. Il Fondo Monetario Internazionale, ad esempio, stima che l’inflazione a fine anno si aggiri attorno al 700 per cento e la contrazione del Pib sia del 9 per cento. Sono queste, comunque, cifre che verranno sicuramente corrette nei prossimi mesi.

Dal canto suo, Conindustria, l’organizzazione degli industriali, ha manifestato con preoccupazione che ormai la capacità di produzione impiegata nei complessi fabbrili, piccoli o grandi, si aggira attorno al 36 per cento. Nel 2015 era del 43 per cento. La produzione ha subito una contrazione del 7 per cento. Ed è oggi insufficiente per coprire il fabbisogno della popolazione. Lo era anche prima, a dir la verità, ma almeno soddisfaceva il 70 per cento circa del mercato nazionale.

L’irrigidimento della produzione industriale, stando ai manager, è provocato dalla mancata assegnazione della valuta necessaria per importare la materia prima. Il controllo dei cambi ha dato allo Stato il controllo della valuta.

Oggi, nelle arche dello Stato, con l’incremento delle importazioni e la riduzione drastica del prezzo del barile di petrolio, valuta straniera ve n’è assai poca. Non si sa se il Governo, come ha fatto negli anni precedenti, potrà rispettare gli impegni internazionali o se, per favorire questi, sarà disposto a castigare il consumatore.

Il Paese è ogni giorno più isolato. Le personalità di spicco di altri governi preferiscono restare al margine delle rivalità che scuotono la politica venezuelana e ritengono che una loro visita ufficiale potrebbe eventualmente essere interpretata come una manifestazione di solidarietà verso l’uno o l’altro bando.

D’altro canto, l’Unione Europea, gli Stati Uniti, e ora anche dell’Osa e il Mercosur promuovono un dialogo pero al tempo stesso esigono il rispetto delle istituzioni, la libertà dei prigionieri politici e la realizzazione del Referendum Revocatorio.

E’ proprio a seguito di questo isolamento e dei reclami della comunità internazionale che il Tavolo dell’Unità condiziona la propria partecipazione al dialogo alla soddisfazione di richieste ben precise. Ovvero, realizzazione del Referendum Revocatorio, libertà dei prigionieri politici, rispetto per il Parlamento e fine della repressione contro chi manifesta simpatie per l’Opposizione.

Nei prossimi giorni si vedrà se effettivamente la mediazione di Unasur e dell’ex premier José Luis Zapatero avrà un seguito.

Ultima ora

11:08Case, aziende e B&b, confiscati 50 mln a imprenditore barese

(ANSA) - BARI, 27 LUG - Beni due valore di 50 milioni sono stati confiscati dai Carabinieri al pregiudicato Giuseppe Cassone, 68enne di Gravina in Puglia. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di Prevenzione dal Tribunale di Bari su richiesta della Dda. Cassone, condannato negli anni scorsi per bancarotta fraudolenta, truffa e ricettazione, avrebbe costruito fra gli anni '70 e '90 e un vero e proprio impero basato soprattutto sul commercio di slot machine. Il provvedimento di confisca, che fa seguito al sequestro disposto nel maggio 2015, è stato notificato nelle province di Bari, Taranto, Messina e Matera. Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di documentare una sproporzione per decine di milioni di euro fra i redditi dichiarati e i beni accumulati. Tra i beni confiscati ci sono dieci società, un call center, un pub ad Altamura, un Bed & Breakfast a Gravina in Puglia, oltre a quattro ville, 12 appartamenti e sette locali commerciali.

11:06Basket: la Fiat Torino ingaggia Trevor Mbakwe

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - La Fiat Torino si rinforza sotto canestro ingaggiando Trevor Mbakwe. Alto 207 centimetri e dotato di ottima stazza, il centro statunitense, ma con passaporto nigeriano, ha già conosciuto il campionato italiano avendo vestito la maglia della Virtus Roma nella stagione 2013/14. In Europa ha giocato anche nel Bamberg Brose, Maccabi Tel Aviv e, lo scorso anno, Zenit San Pietroburgo.

11:02Calcio: Juve, Rincon ‘con Psg una buona partita’

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Abbiamo disputato una buona gara: fisicamente stavamo meglio rispetto alla sfida col Barcellona". Questo il bilancio di Tomas Rincon, centrocampista venezuelano della Juventus, dopo la vittoria a Miami contro il Paris Saint-Germain. "È stato un buon allenamento - prosegue Rincon sul sito della società bianconera -, utile per mettere minuti nelle gambe, nonostante il caldo e l'umidità". Una partita speciale per il portiere Carlo Pinsoglio, entrato in campo per sostituire Buffon a partita in corso e autore di interventi decisivi. "Un onore tornare alla Juve e avere avuto la possibilità di esordire in amichevole - sono le parole del numero uno, cresciuto nelle giovanili bianconere e lo scorso anno in prestito al Latina -. Le parate su Jesé e Lo Celso? La prima è stata più istintiva, diciamo che è andata bene. Lavorando con Buffon e Szczesny non si può che migliorare".

10:50Calcio: Dybala, felice alla Juventus darò il massimo

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Sono felice alla Juventus, mi trovo bene e mi allenerò al massimo per disputare una grande stagione". L'entusiasmo di Paulo Dybala al termine dell'amichevole vinta dalla Juventus sul Paris Saint-Germain spazza via le voci di mercato che lo coinvolgono. "È stata una bella partita, utile per allenarci fisicamente e per conoscere i compagni nuovi - spiega la 'Joya' sul sito della società bianconera -. Sono appena arrivati, ma il mister riuscirà a farli integrare nel gruppo".

10:47Capo polizia municipale spara a figlio e si uccide

(ANSA) - GROSSETO, 27 LUG - Il comandante della polizia municipale di Monte Argentario, Loredana Busonero, ha sparato al figlio di 17 anni e poi si è tolta la vita. Anche il ragazzo è morto per le gravi ferite riportate. È accaduto stamani a Porto Santo Stefano. Sul posto i carabinieri della compagnia di Orbetello.

10:45Nuoto: Mondiali, Pellegrini in semifinale

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Dopo il fantastico oro di ieri nei 200 sl, Federica Pellegrini è tornata in vasca stamattina ai Mondiali di nuoto di Budapest per le batterie dei 100 sl. La campionessa veneta ha ottenuto il nono tempo in 53"92 qualificandosi per le semifinali, in programma nel pomeriggio. Eliminata Silvia Di Pietro, 19/a in 54"74. Miglior tempo per la svedese Sarah Sjostrom in 53"01.

10:28Giappone: si dimette Renho, leader partito opposizione

(ANSA) - TOKYO, 27 LUG - La leader del partito democratico giapponese, la 49enne Renho, ha annunciato le proprie dimissioni. Conosciuta col solo nome di battesimo Renho, di padre taiwanese, è stata la prima donna eletta alla carica di presidente della principale forza all'opposizione nel settembre dello scorso anno, e la prima con doppia cittadinanza. Dopo l'abbandono nei giorni scorsi del segretario generale del partito, l'ex premier Yoshihiko Noda, a ridosso del deludente risultato delle elezioni a Tokyo, negli ambienti del partito già circolavano voci su un possibile cambio al vertice. La stessa Renho aveva espresso il desiderio di rinnovare la leadership del partito e creare una nuova generazione di politici all'interno dell'opposizione.

Archivio Ultima ora