Sinistra, tavolo per cambiare l’Italicum. Boschi dice no

Pubblicato il 11 luglio 2016 da redazione

Il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante l'esame della riforma della Parte II della Costituzione, Camera dei Deputati, Roma, 13 febbraio 2015.  ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante l’esame della riforma della Parte II della Costituzione, Camera dei Deputati, Roma, 13 febbraio 2015.
ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Il Pd apra un tavolo in Parlamento per cambiare l’Italicum, “o meglio per fare una nuova legge elettorale”. E’ la richiesta della sinistra Dem, all’indomani dell’apertura di Matteo Renzi a modifiche parlamentari alla legge elettorale.

Ma poi arriva la frenata del ministro Maria Elena Boschi, che difende l’Italicum: “Garantisce un governo più stabile e consente ai cittadini di scegliere la maggioranza”, dichiara il ministro. E aggiunge che la riforma costituzionale “non riduce gli spazi di democrazia”.

Di ritorno dal vertice Nato, Renzi trascorre una domenica di riposo con moglie e figli in spiaggia a Viareggio. E si tiene alla larga dal dibattito politico. Anche perché dopo aver detto quello che pensava (“L’Italicum è una legge molto buona” ma cambiarlo è “nella disponibilità del Parlamento”) ha dichiarato il “silenzio stampa” sul tema della legge elettorale.

Certo, spiegano dalla maggioranza Pd, il dialogo sulle modifiche è aperto e porterà nei prossimi giorni a intensificare contatti e ‘sondaggi informali’. Ma in questo momento non si vedono i contorni di una maggioranza in grado di concordare modifiche. Dunque, è difficile che il Pd prenda l’iniziativa di aprire sedi di confronto ufficiale, come chiedono i bersaniani.

Anche perché al momento, come ha notato Renzi, non sembrano esserci i numeri e tra l’altro il 4 ottobre sulla costituzionalità della legge si pronuncerà la Consulta. In serata è il ministro Boschi, dalla festa del Pd a Imola, a frenare il pressing dei compagni di partito: “Quante volte ci siamo trovati in difficoltà, a iniziare dal 2013, perché non c’era la stessa maggioranza alla Camera e al Senato?”.

Bene, dunque, il superamento del bicameralismo perfetto e anche l’Italicum, che “anche grazie al sì al referendum sulla riforma sarà sottoposto al giudizio della Consulta”, dal momento che la riforma prevede il giudizio preventivo della Corte costituzionale sulle leggi elettorali. Tra l’altro, rivendica Boschi confermando un impegno preso con la minoranza Pd, i futuri senatori saranno scelti dai cittadini.

Quanto alle critiche al referendum, Boschi afferma che il voto sarà nel merito “e non sulla simpatia del governo” e che bisognerà spiegare la riforma ai cittadini perché dopo non ci sia il “rammarico” che c’è stato dopo la Brexit. A chi, come Massimo D’Alema caldeggia il “No” e una nuova riforma costituzionale, la replica pungente: “Farla in sei mesi? Hanno fallito per decenni, bisogna essere seri”.

Ma la minoranza Pd, bersaniani in testa, insiste. E se Federico Fornaro chiede “subito un tavolo di confronto nel merito”, Miguel Gotor afferma: “Il tempo per cambiare l’Italicum è ora, prima del referendum, altrimenti si rafforzeranno le ragioni del “no” al referendum”, incalza il senatore, che ricorda così come un pezzo di Pd potrebbe non votare “sì” se non cambierà la legge elettorale.

Benedice, naturalmente, l’apertura Ncd, che con Maurizio Sacconi chiede a Renzi di aprire “a testa alta dialogo e compromessi senza sotterfugi”. Da FI Maurizio Gasparri e Renato Brunetta attaccano il premier: “L’Italicum si deve modificare, ma prima Renzi deve andare a casa dopo la vittoria del ‘no’ al referendum. E poi la nuova maggioranza referendaria – afferma Brunetta – cambierà la legge elettorale”.

Se si cambiasse prima, Renzi, che ha messo la fiducia su quella legge, dovrebbe dimettersi da premier. Luigi Di Maio attacca a testa bassa: “Le priorità per il Paese sono altre. L’Italicum va abolito, non modificato”, sottolinea. Mentre Sinistra italiana e il comitato per il “No” al referendum si concentrano sull’ipotesi di spacchettamento dei quesiti: “Renzi – attacca l’ex Dem Alfredo D’Attorre – teme di perdere, perciò punta a rinviare il voto dei cittadini, che sarebbe l’effetto della richiesta di spacchettamento”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

00:05Calcio: Darmian, vittoria per le vittime di Manchester

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È stato un percorso lunghissimo e faticoso; la nostra presenza qui in finale non era scontata. È stata una partita difficile, ma abbiamo meritato di vincere questo trofeo che il club non aveva mai vinto nella sua storia. E poi con questo pubblico meraviglioso...". Lo ha detto Matteo Darmian a Sky Sport poco dopo la conquista dell'Europa League con lo United, nella finale di Stoccolma contro l'Ajax, a 48 ore dall'attentato terroristico di Manchester. "È stato un avvenimento drammatico che ci lascia un po' di amaro in bocca, nonostante questa fantastica serata - ha osservato il difensore - La vittoria è per tutte le vittime e per le persone che stanno soffrendo". Tornando a parlare di calcio, poi, Darmian ha dribblato la domanda sui suoi rapporti con il tecnico José Mourinho. "Io ho cercato sempre di lavorare - ha detto l'ex granata - Queste sono serate che ogni giocatore si augura di giocare: fortunatamente ne ho avuto l'opportunità e l'ho sfruttata. Ma l'importante è che la squadra abbia vinto".

Archivio Ultima ora