Pressing sindacati, minaccia autunno caldo su contratti

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

sindacati

ROMA. – A fine anno i dipendenti che andranno a lavoro in base a vecchie regole e salari congelati saranno “oltre 12 milioni”, avvertono Cgil, Cisl e Uil. A settembre tireranno le fila e non è escluso il ricorso allo sciopero, stavolta generale, almeno nello scenario più buio, di stallo su tutti i fronti.

I sindacati lanciano un ultimatum a imprese e governo per rinnovare i contratti scaduti. Due sono le partite considerate decisive: i rinnovi per i pubblici e per i metalmeccanici.

La richiesta che arriva dall’attivo unitario, con circa mille delegati presenti, è chiara: chiudere al più presto gli accordi. E altrettanto esplicita è la minaccia che incombe, quella di un autunno caldo. L’intenzione è creare una linea comune, trasversale a categorie e sigle.

La trattativa per le tute blu, 1,5 milioni di lavoratori, è partita in salita e anche il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, usa toni forti, definendo la posizione di Federmeccanica “regressiva”, “intransigente” e “inammissibile”.

Alla domanda se basterà un invito per convincere esecutivo e aziende, Furlan risponde che “assolutamente” sì, visto che in questi mesi gli scioperi non sono mancati.

La numero uno della Cgil, Susanna Camusso, assicura che “la mobilitazione”, che qualifica come “confederale”, andrà avanti. Lo snodo sarà rappresentato, ancora una volta, dalla legge di Stabilità, decisiva per il pubblico impiego: si aspettano risorse aggiuntive rispetto ai 300milioni già stanziati.

Invece la Uil di Carmelo Barbagallo si spinge in avanti, facendo intravedere la possibilità di uno stop generalizzato: “il nostro obiettivo è fare contratti e non lo sciopero”, ma senza rinnovi “c’è lo sciopero”. Insomma, annuncia Barbagallo, “se non ci saranno risposte chiare e nette, a partire da Federmeccanica, uno sciopero se lo beccano”.

Il quadro è però più complesso, perché in contemporanea sta proseguendo il confronto sul modello contrattuale. Furlan che “intravede una possibilità di dialogo” con Confindustria, posto che “il contratto nazionale non è sostituibile”. Non solo, in autunno ci sarà anche il referendum costituzionale, su cui i sindacati iniziano a prendere posizione e non sempre tutto coincide. La Uil per la prima volta dice la sua in merito, proclamandosi favorevole a uno spacchettamento. Ma anche su questo l’ultima parola è rimandata a settembre.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

Archivio Ultima ora