Rapporto Sprar, nel 2015 accolti 29.761 migranti nel Sud Italia

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

rapporto-2015

ROMA. – Il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar) è il “cuore del nostro sistema d’accoglienza”. Nel 2015 ha dato assistenza a 29.761 persone, su 21.613 posti disponibili. Circa 800 i Comuni coinvolti, 430 i progetti.

Ora “indietro non si torna – assicura il sottosegretario all’Interno, Domenico Manzione – l’obiettivo condiviso non può che essere quello di ampliare lo Sprar”, anche attraverso “incentivi ai Comuni che fanno accoglienza” e, come annunciato dal prefetto Mario Morcone, con un decreto che snellirà le procedure di avvio dei progetti.

Secondo il Rapporto Sprar 2015, presentato nella sede dell’Anci, l’anno scorso Lazio e Sicilia hanno accolto insieme oltre il 40% del totale delle persone (rispettivamente 22,4% e 20,1%); seguono Puglia (9,4%) e Calabria (8,9%).

Il 58% dei beneficiari è richiedente di protezione internazionale, il 42% ne è già titolare. Gli assistiti vengono per lo più da Nigeria (15,2%), Pakistan (12,5%) e Gambia (12,2%) e l’88% sono maschi. La metà ha un livello di formazione più alto dell’istruzione elementare (il 22% ha la licenza media, il 19% quella superiore e il 7% un titolo universitario) e il 75,5% è arrivato via mare.

I minori stranieri non accompagnati sono stati 1.640, su una rete di 977 posti: più di un terzo è originario del Gambia (35,5%), il 59% è richiedente protezione internazionale e il 52,7% ha da poco compiuto 18anni.

I progetti Sprar hanno erogato complessivamente 259.965 servizi, che riguardano principalmente assistenza sanitaria (20,7%), formazione (16,6%), attività multiculturali (15%), alloggio (14,9%), istruzione/formazione (10,9%) e inserimento scolastico dei minori (9,5%).

Le attività di inserimento socio-lavorativo acquisiscono un peso maggiore rispetto agli anni passati, quando prevalevano i servizi riconducibili alla presa in carico dei beneficiari.

Le figure professionali impiegate nei progetti sono nel complesso 8.291, tra operatori di accoglienza (22%), mediatori culturali (12,1%), personale amministrativo (10,1%), operatori legali (6,9%), personale ausiliario (5,6%), insegnanti di italiano (5,1%) e coordinatori di équipe (5%). Lo Sprar si rivela così un sistema di seconda accoglienza “su cui bisogna puntare”, ha osservato Morcone:

“Entro fine mese – ha detto – faremo arrivare in Conferenza unificata un decreto per semplificare l’avvio dei progetti Sprar; faremo saltare le vecchie procedure, come i bandi, e avvieremo una sorta di accredito permanente per gli enti che li hanno attivati, con verifiche periodiche. L’accesso alla rete sarà possibile in ogni tempo attraverso una commissione di valutazione permanente”.

In generale, ha aggiunto, l’idea è “trovare un equilibrio che permetta di andare verso il progressivo superamento del circuito di accoglienza straordinario” a favore del sistema Sprar.

Posizione condivisa anche dal presidente dell’Anci, Piero Fassino, che ha ribadito come “il dato sull’immigrazione sia strutturale”. “In futuro poi crescerà – ha concluso – e bisogna mettere in campo politiche per gestirlo. Al centro del sistema dell’accoglienza ci sono i Comuni. Sosteniamo quindi la necessità di un aumento di progetti Sprar e la riduzione del canale prefettizio”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

17:12Corea Sud: processo Park, ex presidente in aula con manette

(ANSA) - PECHINO, 23 MAG - L'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye è comparsa dinanzi alla Corte centrale distrettuale di Seul nel processo a suo carico dove deve rispondere di 18 capi d'accusa, tra cui corruzione, abuso di potere e divulgazione di segreti di stato, in aumento sui 13 contestati che portarono al suo arresto a fine marzo, appena due settimane dopo il via libera all'impeachment convalidato dalla Corte costituzionale. Park è giunta in aula, scortata dalla polizia e con le manette ai polsi, indossando la divisa blu carceraria su cui si leggeva chiaramente il numero 503. "La mia posizione è la stessa espressa dal mio avvocato", ha detto l'ex presidente, 65 anni, prendendo la parola dopo che il suo difensore aveva respinto gli addebiti che includono i 59 miliardi di won (circa 52 milioni di dollari) promessi o ricevuti dalle grandi aziende del Paese.

17:10Manchester: massima attenzione a ‘grandi eventi’ Roma

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Massima attenzione ai grandi eventi in programma nei prossimi giorni a Roma dopo l'attentato a Manchester. Sensibilizzata la sicurezza che già da tempo è ai "massimi livelli" per l'allerta terrorismo. Tra gli eventi a grande partecipazione il concerto Mtv Awards sabato sera a piazza del Popolo; domenica Roma-Genova all'Olimpico, con il saluto dei giallorossi al capitano Francesco Totti, in campo per l'ultima volta; le cerimonie del 2 giugno e un evento per la Pentecoste al Circo Massimo a cui parteciperà il Papa.

17:09Hayden: espiantati gli organi

(ANSA) - RIMINI, 23 MAG - Rispettando la volontà dello stesso pilota, i familiari di Nicky Hayden hanno acconsentito all'espianto degli organi per la donazione. Una volta restituita la salma partiranno per gli Stati Uniti. In queste ore stanno ultimando le pratiche per il rimpatrio, per il quale non è stata ancora fissata una data. Il desiderio dei familiari è di rientrare al più presto. La camera ardente non verrà allestita. Intanto prosegue l'indagine sull'incidente costato la vita al pilota. La procura ha conferito l'incarico ai consulenti che dovranno fare una perizia.

17:00++ Venezuela: sale a 5 il numero di morti ieri a Barinas ++

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - Un quinto giovane venezuelano è stato ucciso ieri durante le proteste antigovernative nello stato di Barinas, portando così a 57 il numero di persone morte dall'inizio delle manifestazioni contro Nicolas Maduro. Lo ha reso noto su Twitter il deputato oppositore Freddy Superlano.

16:53Calcio: morto Stefano Farina, designatore arbitri serie B

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' morto a Genova Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B. Farina aveva 54 anni ed aveva diretto 236 partite in serie A, oltre a due supercoppe italiane e la supercoppa europea del 2006. Lascia la moglie e un figlio. Farina era malato da tempo ma, per tutelarne la privacy così come richiesto dalla sua famiglia, non era trapelato nulla. Arbitro della sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina aveva debuttato in serie A nel gennaio 1995 e aveva diretto anche 117 partite di serie B. Osservatore Uefa, è stato rappresentante degli arbitri in attività e Responsabile della CAN D e della CAN PRO. Il presidente dell'AIA Marcello Nicchi ed il vice Narciso Pisacreta anche a nome dei 35.000 arbitri italiani - si legge in una nota dell'Aia - esprimono alla famiglia di Stefano Farina profondo cordoglio e vicinanza.

16:49Giro: Dumoulin perde terreno da big

(ANSA) - BORMIO (SONDRIO), 23 MAG - Colpo di scena a 32 chilometri e mezzo dall'arrivo della 16/a tappa del 100/o Giro d'Italia. La maglia rosa Tom Dumoulin è stato costretto a fermarsi per un problema intestinale, si è portato fuori dalla carreggiata per un problema fisiologico - forse dovuto a una cattiva alimentazione - e poi è risalito in sella, rimediando comunque diversi secondi di ritardo da Quintana, Pinot, Nibali e gli altri big. Un 'contrattempo' che potrebbe costringerlo a perdere la leadership.

16:47Francia:Macron riceve sindacati per spiegare riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Riforma ad alto rischio per Emmanuel Macron. Il presidente della Francia riceve oggi all'Eliseo i leader delle organizzazioni sindacali e imprenditoriali per illustrare la nuova riforma del codice del lavoro che il governo intende adottare per sbloccare l'economia del Paese. A poche settimane dalla sua elezione all'Eliseo e a meno di un mese dalle elezioni politiche di giugno il capo dello Stato intende accelerare la procedura della riforma anche "per dimostrare di essere in grado di "mantenere le proprie promesse ed inviare un 'segnale forte' ai connazionali", scrive Le Figaro, parlando di "guerra lampo". Obiettivo della riforma è rilanciare l'occupazione e attribuire più flessibilità alle imprese.

Archivio Ultima ora