Centrodestra attacca, ora reato di integralismo islamico

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

Centrodestra attacca, ora reato integralismo islamico

Centrodestra attacca, ora reato integralismo islamico

ROMA. – In Italia, come in Francia dove l’opposizione rigetta l’unità nazionale, lo strazio per il nuovo attentato di Nizza riattizza pulsioni xenofobe e riaccende l’animo ai fautori di una stretta legislativa sull’ingresso dei migranti e leggi speciali. E, soprattutto, si studiano norme contro l’integralismo islamico.

La destra è all’attacco, con Matteo Salvini che spopola sui social: “Le preghiere non bastano più, occorrono le maniere forti”, “questa è una guerra dichiarata” e “l’Europa è governata da smidollati, rimbambiti e conigli…”, afferma il leader della Lega Nord che detta la sua ricetta: “Bisogna tagliare subito i finanziamenti ai terroristi che campano vendendo il petrolio e con il commercio degli immigrati”.

Servono “leggi speciali a livello globale. Controlli, trattenimento di sospetti, verifiche capillari nelle comunità islamiche, iniziative militari internazionali per porre fine allo Stato islamico, ovunque”, avverte il senatore di FI Maurizio Gasparri anche lui certo che la strada da seguire sia quella di “bloccare flussi incontrollati di immigrazione”.

Ma il Pd cerca di mantenere i nervi saldi: “Il valore dell’integrazione è più forte dell’odio” ripete il presidente del Pd, Matteo Orfini. Dobbiamo “riaffermare i valori della libertà, dell’uguaglianza e della fratellanza. È dura. Ma è l’unica strada”, gli fa eco anche Roberto Speranza, deputato che guida l’area di minoranza Pd Sinistra riformista.

Ma intanto Fratelli d’Italia ha pronta anche una proposta di legge contro l’integralismo islamico. “Non basta intervenire militarmente contro lo Stato Islamico. Occorre dichiarare guerra al nemico interno con l’introduzione del reato di integralismo islamico”, sostiene il capogruppo alla Camera Fabio Rampelli.

La proposta punta a far diventare reato la predicazione dell’islam fondamentalista che prevede la pena di morte per l’apostasia o per la blasfemia. “Chi viene in Italia, o vi nasce – prosegue Rampelli – deve rispettare i nostri valori irrinunciabili. Chi non intende farlo deve essere rispedito a casa o perseguito”.

E la proposta prevede che la pena sia la reclusione da quattro a sei anni, anche nei confronti di chi finanzia organizzazioni o luoghi di culto che svolgono attività dirette a commettere il reato. Insomma, dobbiamo “spazzare via l’Isis dalla faccia della terra; controllare le moschee e gli imam; combattere la diffusione dell’integralismo islamico e smetterla con la l’accoglienza incontrollata”, sintetizza Giorgia Meloni.

Perché, è l’allarme che lancia soprattutto il centrodestra, “in Italia non possiamo dormire sonni tranquilli”. Il leghista Grimoldi fa l’elenco dei “segnali che confermano che anche noi siamo a forte rischio”.

“Siamo in guerra e alla guerra si risponde con leggi speciali”, incalza il presidente del Veneto, Luca Zaia. Roberto Calderoli chiede invece di bloccare la legge sullo jus soli, già approvata alla Camera e ora al Senato: “Da quasi un anno riesco a tenerla ferma. In questo momento di guerra dovremmo irrigidire controlli e procedure per l’acquisizione della cittadinanza e invece questo Governo sta facendo esattamente il contrario”, commenta.

Anche dal centrosinistra i toni iniziano ad essere più alti: “Vinceremo la nostra battaglia contro i nazisti islamici”, annuncia Sandro Gozi, sottosegretario alle politiche europee. Edmondo Cirielli, deputato di FdI-AN, non ci crede: “I governi europei sono nelle mani di imbelli incapaci di difenderci. Dobbiamo affidarci a chi ha gli attributi. In Europa abbiamo bisogno di persone come Marine Le Pen e Vladimir Putin”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora