Continuerà a operare la coalizione anti-Isis in Turchia

Pubblicato il 18 luglio 2016 da ansa

Turchia: coalizione anti-Isis regge

Turchia: coalizione anti-Isis regge

BEIRUT – La Coalizione anti-Isis guidata dagli Stati Uniti e in cui la Turchia svolge un ruolo logistico cruciale continuerà a operare in Siria e in Iraq, ma la ridefinizione degli equilibri interni alle leadership turca nel dopo-tentato golpe e le frizioni tra Ankara e Washington, anche alla luce del riavvicinamento tra Turchia e Russia, potranno spingere il presidente Tayyep Recep Erdogan a chiedere maggiori quote di influenza regionale, in cambio di mantenere il sud della Turchia operativo nella lotta contro lo Stato islamico.

Nello stesso tempo, l’azione francese di contenimento dell’Isis in Siria e in Iraq riprende vigore dopo che il ministro della difesa francese Jean-Yves Le Drian ha annunciato l’avvio di nuovi raid aerei contro postazioni jihadiste nei due Paesi mediorentali.

Come già accaduto nel dopo-Bataclan, anche nel post-Nizza la dirigenza francese individua – prima di ogni conclusione delle inchieste in corso – un presunto filo rosso che collegherebbe gli attentati in Francia con decisioni della leadership irachena dello Stato islamico.

Mentre le decisioni di Parigi sembrano esser prese più per cercare di dare risposte all’opinione pubblica interna ancora sotto choc, le manovre politiche di Erdogan appaiono mirate a stabilire, ora più di prima, una reale influenza nel nord di Siria e Iraq.

Questo ad appena due giorni del vertice, convocato per mercoledì negli Usa, dei Paesi membri della Coalizione. Sono intanto in corso sforzi diplomatici tra Mosca e Washington per trovare una formula di accordo sulla questione siriana. Ieri, le forze di Damasco hanno chiuso il cerchio attorno ad Aleppo est, controllata da insorti sostenuti anche dalla Turchia.

Proprio nei giorni scorsi, Ankara aveva però aperto a Damasco per la prima volta dopo cinque anni. Un segnale delle pressioni del presidente Vladimir Putin su Erdogan in cambio del disgelo. D’altro canto, sempre Erdogan aveva concesso un anno fa alla Coalizione la base aerea Nato di Incirlik solo dopo forti pressioni americane.

La carta Incirlik – il cui comandante è stato arrestato perché si sarebbe schierato con i golpisti – potrebbe tornare sul tavolo. Anche perché i russi da tempo chiedono agli Stati Uniti una maggiore collaborazione nella “lotta al terrorismo”.

Il post-tentato golpe potrebbe mettere al centro la Turchia come elemento cruciale per una soluzione diplomatica di alto livello alla crisi siriana. E anche alla tanto attesa offensiva irachena su Mosul, la capitale del ‘Califfato’ nel nord dell’Iraq.

La Turchia ha da tempo inviato suoi soldati in una base militare a nord-est della città. In una zona al limite tra controllo delle forze curdo-irachene, alleate di Ankara, e lo Stato islamico. A nord dell’Iraq, l’aviazione turca ha da tempo ripreso a bombardare postazioni del Pkk. E l’azione turca si inquadra nel tentativo di Erdogan di assicurarsi l’influenza indiretta – politica ma soprattutto economica e commerciale – da Aleppo nel nord-ovest della Siria, fino al nord-Iraq.

(Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

19:43Brexit: Merkel, progressi insufficienti

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Ci sono stati progressi" ma "insufficienti per passare alla seconda fase" dei negoziati sulle relazioni future tra Ue e Gran Bretagna dopo la Brexit. L'obiettivo è "poter avviare la seconda fase a dicembre". Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel all'arrivo al vertice Ue, dove la questione è sul tavolo. "Voglio continuare a condurre questi negoziati con uno spirito costruttivo e allo stesso tempo prendendo in considerazione e rispettando il desiderio dei britannici di lasciare l'Ue pur conservando una buona relazione" con noi. Entrando nella sala dei lavori al vertice c'è stata una breve conversazione a tre tra la cancelliera, il presidente francese Emmanuel Macron e la premier britannica Theresa May.

Archivio Ultima ora