Dissidenti del Psuv e Marea Socialista esigono realizzazione del Referendum

Marea Socialista (Foto William Dumont)
Marea Socialista (Foto William Dumont)
Marea Socialista (Foto William Dumont)

CARACAS – Il Referendum Revocatorio è un diritto sancito dalla Costituzione del quale non si può privare i venezuelani. Lo hanno affermato a chiare lettere i dissidenti di Marea Socialista e del Psuv.

Il generale in pensione, Cliver Alcalà Cordones, accompagnato dalla dissidenza del “chavismo”, ha fatto pubblica la propria posizione su un tema oggi al centro del dibattito.

– Noi – ha detto Cliver Alcalà Cordones – siamo difensori dello stato di diritto e della Costituzione. Siamo convinti che bisogna permettere ai venezuelani di decidere il proprio futuro.

Dal canto suo, Freddy Gutièrrez, uno degli integranti dell’Assemblea incaricata di redigere la Costituzione del 1999, ha letto il documento che sarà consegnato al Consiglio Nazionale Elettorale e nel quale si sostiene che sarebbe una condotta impropria e antidemocratica ostacolare la realizzazione della consulta popolare.

Nel documento si sostiene che è un diritto dei cittadini, sancito dalla Costituzione, poter esprimere la prorpia valutazione sull’azione del Governo.