Turchia, dopo il “golpe” epurazioni di massa

Pubblicato il 19 luglio 2016 da ansa

Turchia, dopo il “golpe” epurazioni di massa

Turchia, dopo il “golpe” epurazioni di massa

ISTANBUL – La furia di Erdogan non risparmia nessuno. Ora dopo ora, in Turchia si sgrana un rosario di oppositori cacciati o detenuti. A quattro giorni dal fallito golpe, le purghe del presidente colpiscono 60 mila persone tra arresti, sospensioni di dipendenti pubblici e licenze lavorative tolte ai privati.

Una deriva che spaventa il mondo e spinge Barack Obama a parlare direttamente con il presidente turco, per la prima volta dopo il putsch, invitandolo al rispetto dei valori democratici.

Ankara insiste però nel braccio di ferro con gli Stati Uniti, continuando a chiedere con forza l’estradizione di Fethullah Gulen, che accusa di essere la mente del tentato golpe. Non si ferma neppure il riavvicinamento alla pena di morte, costantemente invocata dalle folle islamiche nazionaliste che ogni sera invadono le strade della Turchia.

Le epurazioni-monstre, che in queste ore si aggiornano di continuo, hanno visto nel mirino il settore dell’istruzione, considerato una delle roccaforti della rete di Gulen.

Il ministero ha sospeso 15.200 insegnanti pubblici e tolto la licenza a 21 mila docenti privati, molti dei quali impiegati nelle ‘dershane’, le scuole vicine a Gulen, che più volte il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva già provato a chiudere.

Nel mirino anche l’università, con tutti i 1.577 decani degli atenei turchi a cui sono state chieste le dimissioni, a questo punto inevitabili. Molti, le hanno già rassegnate. Le purghe non risparmiano neppure gli imam e i professori di religione. La Diyanet, massima autorità islamica che dipende dallo Stato, ha annunciato di averne allontanati 492.

E poi, ancora: un centinaio di sospesi dai servizi segreti e 393 dal ministero della Famiglia, oltre ai 13 mila già cacciati dal ministero dell’Interno (per lo più poliziotti), da quello delle Finanze e dalla magistratura. Numeri spaventosi che fanno gridare da più parti a una sospensione totale dello Stato di diritto.

Continuano a crescere anche gli arresti. Le persone finite in manette con l’accusa di aver complottato con gli insorti sono salite a 9.322. Eppure, le responsabilità sul golpe si fanno sempre più oscure.

In un comunicato ufficiale, le Forze armate hanno ammesso di aver saputo dai servizi segreti della preparazione di un colpo di stato già alle 4 di venerdì pomeriggio, con diverse ore di anticipo. Ma perché i golpisti non siano stati bloccati, resta al momento un mistero.

In questo clima, Erdogan insiste per la pena di morte. Dopo aver promesso di ratificarne un’eventuale reintroduzione da parte del Parlamento, ha incassato l’appoggio dell’opposizione nazionalista. Ma su questo, l’Ue si mostra intransigente: in caso di ritorno alla pena capitale, i negoziati di adesione – in corso da più di dieci anni – possono considerarsi interrotti.

Resta serrato anche il braccio di ferro con gli Stati Uniti sull’estradizione di Gulen. Ankara ha fatto sapere di aver inviato 4 dossier con la documentazione relativa alle presunte attività terroristiche ed eversive dell’imam e magnate, che dal 1999 vive in auto-esilio in Pennsylvania.

Erdogan l’ha paragonato a Bin Laden, mentre il portavoce del governo turco lo ha definito portatore di un’ideologia “non diversa dall’Isis”.

Washington assicura però che sulle procedure di estradizione non farà sconti e continua a chiedere le prove del coinvolgimento di Gulen. Nonostante le purghe di massa, in Turchia la resa dei conti sembra appena cominciata.

A farlo capire, è stato lo stesso Erdogan, avvisando che dopo il Consiglio di Sicurezza Nazionale di domani verrà annunciata “un’importante decisione”.

(Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

14:22Calcio: De Rossi ‘orfani di Totti, più responsabilità’

(ANSA) - ROMA, 29 LUG - "Siamo un pò tutti vedovi del nostro capitano storico. Io ho fatto il capitano anche l'anno scorso, una volta i tifosi erano tutti quanti per lui, adesso ce li dividiamo. Una responsabilità in più per noi, per me in particolare". Daniele De Rossi commenta il passaggio di consegne della fascia di capitano della Roma dopo il ritiro di Francesco Totti. "Di Francesco? L'ho vissuto in tante forme diverse, sotto tanti punti di vista. E' una nuova esperienza, un ruolo nuovo, per me vedere lui è una cosa nuova ma se fosse arrivato un altro allenatore sarebbe stata comunque una novità. Conoscerlo - dice De Rossi a Roma Tv - non mi darà vantaggi o svantaggi, devo sudare come tutti gli altri e rispettarlo come tutti gli altri".

14:08Strage Bologna: ministro Galletti rappresenterà il Governo

(ANSA) - BOLOGNA, 29 LUG - Sarà il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, bolognese, a rappresentare il Governo in occasione delle cerimonie per il 37/o anniversario della strage alla stazione di Bologna (85 morti e 200 feriti), in programma il 2 agosto. Lo si è appreso da fonti della Prefettura. Ieri il presidente dell'Associazione familiari delle vittime, il deputato Paolo Bolognesi, presentando gli eventi legati alla commemorazione non aveva risparmiato critiche al Governo ("Si è comportato in maniera assurda e truffaldina nei confronti delle vittime della strage della stazione: la legge 206, la digitalizzazione delle carte, la direttiva Renzi sulla desecretazione non vanno avanti") e, sulla presenza di un rappresentante del Governo alla commemorazione di mercoledì prossimo, aveva ribadito: "Sono ancora sgraditi, non ho cambiato idea". (ANSA).

13:59F.1: Gp Ungheria, di Resta sulla Williams

(ANSA) - ROMA, 29 LUG - Lo scozzese Paul di Resta sostituirà Felipe Massa al volante di una delle due Williams nelle imminenti qualifiche del Gp d'Ungheria e nella gara di domani. Lo ha reso noto la stessa scuderia inglese. Massa non si era sentito bene ieri dopo la disputa della seconda sessione di libere e si era recato in ospedale per controlli. Il brasiliano aveva avuto il via libera dal delegato medico della Fia ed era tornato al circuito per disputare la terza e ultima sessione di libere, ma dopo una dozzina di giri è dovuto rientrare ai box e dare forfait per le prove ufficiali e per la gara di domani. In un comunicato la Williams appoggia la decisione di Massa e gli augura una pronta guarigione in attesa di rivederlo al prossimo Gran Premio, in Belgio il 27 agosto Di Resta, pilota di riserva della Williams, torna così a disputare un Gp dopo quattro anni. Dal 2010 e fino al 2013 ha guidato una Force India.

13:54Auto esce di strada al rally: morto commissario gara

(ANSA) - BRESCIA, 29 LUG - Tragedia al rally su strada Malegno-Ossimo-Borno, nel Bresciano. Un'auto in gara è uscita di strada in curva e ha travolto due commissari di gara, uno dei quali, Mauro Firmo, 50 anni, commissario Aci, è morto. L'incidente durante la prima tappa del 47/mo Trofeo Della Vallecamonica, un rally della montagna che attira ogni anno molti appassionati e curiosi. La gara, che avrebbe dovuto concludersi domani, è stata annullata. Secondo una prima ricostruzione nel corso della prima manche delle Prove Ufficiali di ricognizione del tracciato di gara, il concorrente numero 149 Christian Furloni su Peugeot 106, è uscito di strada in prossimità della Postazione Fissa Commissari di Percorso numero 21, nei pressi di Ossimo Inferiore. Qui sono stati travolti i due commissari preposti alla sicurezza di quella parte del tracciato di gara e impegnati nello svolgimento delle mansioni di servizio.

13:44Terrorismo: fermato lupo solitario, preparava attacco Svezia

(ANSA) - ROMA, 29 LUG - La polizia Svedese ha arrestato un individuo 38enne dalla doppia cittadinanza svedese ed afgana, di origine iraniana, sospettato di preparare un attentato terroristico nel paese scandinavo. La sua individuazione è avvenuta grazie alla tempestiva segnalazione dei Carabinieri del Ros, veicolata attraverso canale Europol alle autorità di intelligence di Stoccolma, dopo che l'uomo aveva ripetutamente tentato di acquistare via internet 400 kg di sostanze fertilizzanti che, opportunamente trattate, si trasformano in esplosivi ad alto potenziale, come quelli utilizzati dalle organizzazioni terroristiche jihadiste, tra gli altri, nei recenti attentati in Europa. Le attività investigative sono state coordinate dalla Dda di Bari. Le indagini hanno evidenziato l'efficacia della cooperazione transnazionale degli organi antiterrorismo impegnati nel contrasto alla minaccia dei "lupi solitari", che agiscono in nome della strategia di matrice confessionale collegata alle organizzazioni islamiste.

13:38Polonia: Bruxelles avvia procedura di infrazione

(ANSA) - BRUXELLES, 29 LUG - La Commissione europea ha lanciato formalmente la procedura di infrazione contro la Polonia annunciata il 26 luglio, dopo che ieri la Gazzetta ufficiale polacca ha pubblicato la legge sui tribunali ordinari. Le autorità polacche hanno ora un mese di tempo per rispondere ai rilievi sollevati nella lettera di notifica. La legge firmata nei giorni scorsi dal presidente polacco Andrzej Duda, che invece ha posto il veto su altre due norme relative al sistema giudiziario, da' il potere discrezionale al ministro della Giustizia di prolungare il mandato dei giudici in età di pensione e di nominare o revocare i presidenti di Corte, elementi che per Bruxelles "minano l'indipendenza dei tribunali polacchi" consentendo al governo di "esercitare un'influenza sui giudici".

13:29‘Case pollaio’ per i turisti in Salento,scattano le sanzioni

(ANSA) - GALLIPOLI (LECCE), 29 LUG - In un'abitazione di 60 mq sono stati trovati 11 ragazzi, altri 8 erano in un garage trasformato in appartamento, provvisto di un bagno senza finestra: sono alcuni dei risultati dei controlli della Guardia di Finanza contro gli affitti in nero ai turisti giunti in Salento. I proprietari e gli intermediari delle agenzie turistiche sono stati multati ciascuno con 350 euro per ogni affittuario in eccesso. L'operazione ha riguardato tutta la Puglia: su 305 interventi sono state registrate 105 infrazioni. In Salento i controlli hanno riguardato le maggiori località turistiche: Capo di Leuca, Porto Cesareo e Gallipoli. In due giorni sono stati controllati 57 immobili e 42 sono risultati irregolari. Il riproporsi del fenomeno è stato al centro della riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica voluta dal prefetto di Lecce, Claudio D'Onofrio, e dai sindaci di Gallipoli e Porto Cesareo. Proprio il sindaco di Gallipoli aveva emesso un'ordinanza per prevenire le 'case pollaio'. (ANSA).

Archivio Ultima ora