Tanta Italia nella Convention repubblicana

Pubblicato il 20 luglio 2016 da redazione

di Flavia Romani

NEW York – Anche un po’d’Italia nell’acclamazione di Donald Trump, l’outsider, incoronato nella “Convention” di Cleveland candidato del Partito Repubblicano. E, infatti, sul palco, sono sfilati personaggi eccellenti dalle inconfondibili radici italiane. In “primis” Rudolph Giuliani, ex Sindaco di New York.

Figlio di Harold Angelo Giuliani, un gestore di case da gioco clandestine i cui genitori erano originari di Marliana piccola località della Toscana, e Helen D’Avanzo, casalinga, anche lei figlia di emigranti italiani, Rudolph non è ricordato solamente per aver liberato la “Grande Mela” dalla micro-criminalità; ma, soprattutto, per aver avuto il coraggio di opporsi alle “mafie” locali e per non aver dato tregua alle aziende con collegamenti mafiosi come ad esempio il Futton Fish Market e il Javits Center, attività della famiglia Gambino. Giuliani ebbe anche modo di collaborare con il giudice Falcone nell’operazione “IronTower”.

– Quello che io ho fatto per New York – ha detto Giuliani tra gli applausi – può farlo Donald Trump per il Paese.

Anche il Governatore del New Jersey e primo sfidante di Trump nella corsa alla Casa Bianca, Chris Christie, di madre siciliana, è salito sul palco per esaltare le doti del candidato alla Casa Bianca e sottolinearne le capacità di manager.

Non sono mancati esponenti del mondo dello spettacolo, anche se nessuno di grande rilievo. Scott Baio, nato da famiglia palermitana e noto al grande pubblico per il suo ruolo nella serie televisiva “Happy Days”, ha illustrato la situazione del Paese, definendola “in una posizione molto brutta”. Gli Stati Uniti, ha detto Baio, hanno bisogno di un personaggio come “Trump, capace di risolverne i problemi”.

Nella “Convention” c’era anche Antonio Sabato, attore (Beautiful e Melrose Place) e modello, naturalizzato americano, che ha chiesto provvedimenti severi contro l’immigrazione clandestina:

– In America sono venuto con i miei genitori, rispettando le regole.

Tra gli altri personaggi che sono sfilati sul palco, da ricordare lo speaker della Camera, Paul Ryan, rimasto fino all’ultimo indeciso se accettare o no l’invito del “Tycoon” di presentarsi alla “Convention”; i leader della maggioranza alla Camera, Kevin McCarthy, e al Senato, Mitch McConnel; Marcus Luttrell, ex Navy Seal, unico superstite di una missione in Afghanistan; Pat Smith, il cui figlio è morto in Bengasi; David Clarke, sceriffo del Wisconsin.

Hanno invece disertato la manifestazione il “clan” Bush; l’ex candidato alla Casa Bianca, ed eroe del Vietnam, John McCain; e MittRomney. Assenti anche le società che hanno sempre sponsorizzato la Convention Repubblicana, per paura di perdere la clientela ispanica, femminile e di colore: Coca Cola, Microsoft, JP Morgan e Hewlett-Packard.

Nonostante tutto, Donald Trump ce l’ha fatta. Ha superato la fatidica soglia dei 1.237 delegati grazie al sostegno manifestato da quelli di New York. E ora la sua candidatura alla presidenza per il Partito Repubblicano è ufficiale.

Non ci sono state sorprese d’ultim’ora. Nessuno, 13 mesi fa, avrebbe mai immaginato che la corsa dei candidati repubblicani alla Casa Bianca sarebbe andata a finire così. Trump ha raggiunto un traguardo che all’inizio appariva impossibile. L’outsider ha superato tutti.

Non solo non è uscito dalla porta di servizio, ma è entrato dalla porta grande.Il segreto del Tycoon newyorchese è stato l’aver saputo risvegliare l’America profonda, quella più conservatrice, reazionaria, conformista, xenofoba e nazionalista.

Il suo discorso è sempre stato molto elementare, fatto di promesse fantastiche che, alla fine, si riducono a semplici slogan: “costruiremo un muro alla frontiera col Messico”, “torneremo al passato glorioso”, “saremo temuti da tutti”.

Un cammino, quello percorso da Trump, in cui ha seminato odio; odio contro i musulmani, gli ispanoamericani, le donne, i neri. Ad aiutare “The Donald”, la crisi economica, gli attentati del radicalismo musulmano, le atrocità dell’Isis.

Trump ha concluso la sua corsa ad ostacoli sconfiggendo soprattutto la Grand Old Party. La destra tradizionale è ancora sotto shock. Ha dovuto subire, incredula, l’ondata del “The Donald” e ora teme che il magnate del mattone conduca il Partito verso la débâcle e il disastro.

Mentre Trump si gode questo momento di trionfo, prosegue l’aspra polemica esplosa dopo il discorso della moglie, Melania. Presentata dallo stesso candidato, rompendo la tradizione, e accompagnata dalle note di “We are the Champions”, Melania ha pronunciato un discorso che gli esperti hanno considerato insipido, pieno di luoghi comuni e vuoto di contenuti. Ma, soprattutto, frutto di un “copia e incolla” di quello pronunciato alla “Convention” democratica del 2008 da Michelle Obama, da cui sarebbero stati tratti interi paragrafi.

La modella di origine slovena, il cui accento ricorda quello di Henry Kissinger, non si è limitata a prendere spunto dal discorso dell’attuale First lady ma, in alcuni passaggi – forse troppi – l’ha copiato di sana pianta.
I primi a segnalare il “plagio” sono stati i social-media. Immediato il “tam-tam” sul twitter. Gli utenti della rete si sono scatenati e sbizzarriti con frasi impregnate di ironia e sarcasmo.

Per il Tycoon che voleva trasformare la “Convention” in uno show familiare è stata una stoccata mortificante. A pagare, con molta probabilità, sarà Paul Manafort, l’italo-americano “chiefstrategist” che, almeno in teoria, gestisce ogni dettaglio della Convention. Non si capisce come, un uomo esperto come Manafort, possa essere caduto in un errore così banale e plateale.

Si attende ora l’incoronazione ufficiale di Hillary Clinton. Quando manca appena qualche mese all’elezione del nuovo Presidente degli Stati Uniti, gli occhi sono puntati sui sondaggi. E questi, oggi, sono divisi. Alcuni danno un pareggio tecnico tra i due candidati, altri un piccolo vantaggio all’ex first lady. Ce ne sono anche di quelli che segnalano un sorpasso del magnate del mattone. In tutti emerge l’insoddisfazione degli americani per la realtà del paese, indubbiamente difficile soprattutto per i ceti medi.

Ultima ora

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

22:47Tennis: Laver Cup, si parte con Cilic-Tiafoe

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Saranno Marin Cilic e Frances Tiafoe a inaugurare domani la prima edizione della Rod Laver Cup, il nuovo format del tennis che vedrà a Praga i campioni della racchetta difendere i colori dell'Europa da una parte e del resto del mondo dall'altra, sulla falsariga della Ryder Cup golfistica. I capitani dei due team, Bjorn Borg per l'Europa e John McEnroe per il Resto del mondo hanno comunicato le loro scelte per la giornata d'esordio che, oltre al croato e allo statunitense, vedrà scendere in campo Dominic Thiem (Europa) e John Isner (Mondo) e nella sessione serale Alexander Zverev (Europa) contro Denis Shapovalov (Mondo) e il primo doppio, Tomas Berdych/Rafa Nadal (Europa) contro Nick Kyrgios/Jack Sock (Mondo). Roger Federer, tra i più attesi nel team Europa, riposerà nella prima giornata. Sede dei match, da domani a domenica, il veloce indoor della O2 Arena della capitale ceca. La formula del torneo prevede tre giorni di incontri, con 3 singolari e un doppio al dì, e un doppio decisivo in caso di parità.

22:44Tedesca violentata: ci sarebbe una foto del sospettato

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Ci sarebbe un sospettato per la violenza subita da una cittadina tedesca alcune notti fa a Villa Borghese, nel cuore di Roma. Secondo quanto si è appreso, durante un'attività di controllo nel parco sarebbe stata scattata una foto di un uomo con tratti e abbigliamento che coincidono con la descrizione della vittima.

Archivio Ultima ora