Tanta Italia nella Convention repubblicana

Pubblicato il 20 luglio 2016 da redazione

di Flavia Romani

NEW York – Anche un po’d’Italia nell’acclamazione di Donald Trump, l’outsider, incoronato nella “Convention” di Cleveland candidato del Partito Repubblicano. E, infatti, sul palco, sono sfilati personaggi eccellenti dalle inconfondibili radici italiane. In “primis” Rudolph Giuliani, ex Sindaco di New York.

Figlio di Harold Angelo Giuliani, un gestore di case da gioco clandestine i cui genitori erano originari di Marliana piccola località della Toscana, e Helen D’Avanzo, casalinga, anche lei figlia di emigranti italiani, Rudolph non è ricordato solamente per aver liberato la “Grande Mela” dalla micro-criminalità; ma, soprattutto, per aver avuto il coraggio di opporsi alle “mafie” locali e per non aver dato tregua alle aziende con collegamenti mafiosi come ad esempio il Futton Fish Market e il Javits Center, attività della famiglia Gambino. Giuliani ebbe anche modo di collaborare con il giudice Falcone nell’operazione “IronTower”.

– Quello che io ho fatto per New York – ha detto Giuliani tra gli applausi – può farlo Donald Trump per il Paese.

Anche il Governatore del New Jersey e primo sfidante di Trump nella corsa alla Casa Bianca, Chris Christie, di madre siciliana, è salito sul palco per esaltare le doti del candidato alla Casa Bianca e sottolinearne le capacità di manager.

Non sono mancati esponenti del mondo dello spettacolo, anche se nessuno di grande rilievo. Scott Baio, nato da famiglia palermitana e noto al grande pubblico per il suo ruolo nella serie televisiva “Happy Days”, ha illustrato la situazione del Paese, definendola “in una posizione molto brutta”. Gli Stati Uniti, ha detto Baio, hanno bisogno di un personaggio come “Trump, capace di risolverne i problemi”.

Nella “Convention” c’era anche Antonio Sabato, attore (Beautiful e Melrose Place) e modello, naturalizzato americano, che ha chiesto provvedimenti severi contro l’immigrazione clandestina:

– In America sono venuto con i miei genitori, rispettando le regole.

Tra gli altri personaggi che sono sfilati sul palco, da ricordare lo speaker della Camera, Paul Ryan, rimasto fino all’ultimo indeciso se accettare o no l’invito del “Tycoon” di presentarsi alla “Convention”; i leader della maggioranza alla Camera, Kevin McCarthy, e al Senato, Mitch McConnel; Marcus Luttrell, ex Navy Seal, unico superstite di una missione in Afghanistan; Pat Smith, il cui figlio è morto in Bengasi; David Clarke, sceriffo del Wisconsin.

Hanno invece disertato la manifestazione il “clan” Bush; l’ex candidato alla Casa Bianca, ed eroe del Vietnam, John McCain; e MittRomney. Assenti anche le società che hanno sempre sponsorizzato la Convention Repubblicana, per paura di perdere la clientela ispanica, femminile e di colore: Coca Cola, Microsoft, JP Morgan e Hewlett-Packard.

Nonostante tutto, Donald Trump ce l’ha fatta. Ha superato la fatidica soglia dei 1.237 delegati grazie al sostegno manifestato da quelli di New York. E ora la sua candidatura alla presidenza per il Partito Repubblicano è ufficiale.

Non ci sono state sorprese d’ultim’ora. Nessuno, 13 mesi fa, avrebbe mai immaginato che la corsa dei candidati repubblicani alla Casa Bianca sarebbe andata a finire così. Trump ha raggiunto un traguardo che all’inizio appariva impossibile. L’outsider ha superato tutti.

Non solo non è uscito dalla porta di servizio, ma è entrato dalla porta grande.Il segreto del Tycoon newyorchese è stato l’aver saputo risvegliare l’America profonda, quella più conservatrice, reazionaria, conformista, xenofoba e nazionalista.

Il suo discorso è sempre stato molto elementare, fatto di promesse fantastiche che, alla fine, si riducono a semplici slogan: “costruiremo un muro alla frontiera col Messico”, “torneremo al passato glorioso”, “saremo temuti da tutti”.

Un cammino, quello percorso da Trump, in cui ha seminato odio; odio contro i musulmani, gli ispanoamericani, le donne, i neri. Ad aiutare “The Donald”, la crisi economica, gli attentati del radicalismo musulmano, le atrocità dell’Isis.

Trump ha concluso la sua corsa ad ostacoli sconfiggendo soprattutto la Grand Old Party. La destra tradizionale è ancora sotto shock. Ha dovuto subire, incredula, l’ondata del “The Donald” e ora teme che il magnate del mattone conduca il Partito verso la débâcle e il disastro.

Mentre Trump si gode questo momento di trionfo, prosegue l’aspra polemica esplosa dopo il discorso della moglie, Melania. Presentata dallo stesso candidato, rompendo la tradizione, e accompagnata dalle note di “We are the Champions”, Melania ha pronunciato un discorso che gli esperti hanno considerato insipido, pieno di luoghi comuni e vuoto di contenuti. Ma, soprattutto, frutto di un “copia e incolla” di quello pronunciato alla “Convention” democratica del 2008 da Michelle Obama, da cui sarebbero stati tratti interi paragrafi.

La modella di origine slovena, il cui accento ricorda quello di Henry Kissinger, non si è limitata a prendere spunto dal discorso dell’attuale First lady ma, in alcuni passaggi – forse troppi – l’ha copiato di sana pianta.
I primi a segnalare il “plagio” sono stati i social-media. Immediato il “tam-tam” sul twitter. Gli utenti della rete si sono scatenati e sbizzarriti con frasi impregnate di ironia e sarcasmo.

Per il Tycoon che voleva trasformare la “Convention” in uno show familiare è stata una stoccata mortificante. A pagare, con molta probabilità, sarà Paul Manafort, l’italo-americano “chiefstrategist” che, almeno in teoria, gestisce ogni dettaglio della Convention. Non si capisce come, un uomo esperto come Manafort, possa essere caduto in un errore così banale e plateale.

Si attende ora l’incoronazione ufficiale di Hillary Clinton. Quando manca appena qualche mese all’elezione del nuovo Presidente degli Stati Uniti, gli occhi sono puntati sui sondaggi. E questi, oggi, sono divisi. Alcuni danno un pareggio tecnico tra i due candidati, altri un piccolo vantaggio all’ex first lady. Ce ne sono anche di quelli che segnalano un sorpasso del magnate del mattone. In tutti emerge l’insoddisfazione degli americani per la realtà del paese, indubbiamente difficile soprattutto per i ceti medi.

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora