Ap, si temono nuovi addii

Pubblicato il 20 luglio 2016 da ansa

Alfano e Schifani

Alfano e Schifani

ROMA – Il centro è sempre più in fibrillazione. La debacle del governo alle amministrative e l’avvicinarsi del referendum sulle riforme hanno riacceso lo scontro all’interno di Area Popolare: Udc e Ncd sono ai ferri corti ed il gruppo parlamentare al Senato rischia nuove uscite creando non pochi malumori nella risicata maggioranza di Palazzo Madama.

Dopo le dimissioni di Renato Schifani da capogruppo al Senato, Angelino Alfano è corso ai ripari: i senatori hanno eletto “per acclamazione” Laura Bianconi nuova capogruppo. Un tentativo per ricompattare immediatamente i ranghi e rispondere “a coloro che ci lanciano il malocchio, dicendo che siamo morti fin dalla fondazione del partito”.

– Siamo un gruppo fondamentale per la sopravvivenza di questo governo – ha sottolineato la nuova presidente dei senatori lasciando intendere che – con loro alleati – non ci sono problemi di numeri a Palazzo Madama. Ma la scelta della Bianconi ha portato alle dimissioni di Luigi Marino da vice capogruppo: il senatore, proveniente da Scelta Civica, puntava infatti al salto di ruolo.

A riaccendere i malumori interni, in ogni caso, sono state le dimissioni annunciate ieri da Schifani. L’ex fedelissimo di Berlusconi anche oggi è tornato a criticare Angelino Alfano, colpevole di aver “assunto una posizione eccessivamente filo-governativa” ed essersi appiattito sulla sinistra.

– Quando Alfano ha detto che Ncd avrebbe dovuto costruire un nuovo partito con Casini e Tosi per decidere in seguito quali alleanze stringere senza alcuna progettualità – sottolinea Schifani – non me la sono sentita di guidare il gruppo sulla base di questa proposta.

E poi ci sono le “offese” al Cavaliere:
– Mi hanno disturbato molto. Ho assistito a vere e proprie metamorfosi da parte di chi era stato eletto sotto il simbolo di Berlusconi ma poi non ha esitato ad attaccarlo.

L’obiettivo di Schifani è “recuperare forze e soggetti politici che possano dare un contributo a ricostruire un nuovo centrodestra”. L’ex presidente del Senato si dice pronto anche a dialogare con Matteo Salvini. E’ evidente che le sue intenzioni divergono da quelle di Alfano.

Tra i centristi sono tanti i punti di rottura. L’Udc lamenta una “sotto-rappresentanza” nel governo rispetto ai colleghi di Ncd; tra gli stessi senatori del Nuovo Centrodestra c’è una spaccatura interna tra chi, come Sacconi e Formigoni, chiede una virata a destra e chi, come la Chiavaroli o lo stesso Marino, auspicano un ulteriore avvicinamento a Renzi.

I senatori Di Biagio e De Poli, seppur giustificati, non hanno partecipato alle votazioni del nuovo capogruppo. Anche Pier Ferdinando Casini non ha partecipato all’elezione della Bianconi ma sostiene le posizioni filo-governative.

Sulla posizione di Schifani sarebbero i senatori Azzollini ed Esposito. Ma il malcontento sarebbe generale. In realtà, si attende di capire quali possano essere i movimenti nel centrodestra. Soprattutto a ridosso del referendum che potrebbe segnare la fine del governo Renzi.

Berlusconi per il momento tace. Nel Palazzo restano in posizione attendista anche gli “ex” come Gaetano Quagliariello e Mario Mauro che hanno abbandonato il progetto di Alfano già da tempo. Dal canto suo, il leader centrista non appare preoccupato ma è attento a ricompattare i suoi per evitare sorprese.

L’obiettivo – spiega chi gli è vicino – sarebbe arrivare all’approvazione del referendum per poi fare un check all’esecutivo e modificare l’Italicum con l’inserimento del premio di maggioranza per la coalizione e non più per il partito: una soluzione – viene spiegato – che potrebbe far rientrare molte posizioni critiche.

(Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

23:23Calcio: Inter, Vecino “stasera un punto importante”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Abbiamo fatto una partita importante, sapevamo che sarebbe stato difficile contro quella che al momento è la squadra più forte. Nel secondo tempo abbiamo sofferto un po', ma questo punto è importante per la classifica e per il morale". Queste le parole del centrocampista dell'Inter Matias Vecino dopo il pareggio senza reti al San Paolo di Napoli. "Inter da scudetto? Noi ci sentiamo forti, ma abbiamo ancora molto da crescere: dobbiamo guardare partita dopo partita", ha concluso Vecino.

23:20Calcio: serie A, Napoli-Inter 0-0

(ANSA) - NAPOLI, 21 OTT - L'Inter blocca il Napoli, finisce 0-0 il secondo anticipo della nona giornata di serie A. Al San Paolo i partenopei ci provano subito con Hamsik, l'Inter risponde con un cross di Perisic fermato da Koulibaly. La squadra di Sarri va vicina al gol al 20': tiro di Callejon respinto da Handanovic che ribatte anche la successiva conclusione di Mertens. Fiammata Inter al 41' con un destro di Borja Valero deviato in calcio d'angolo da Reina. Nerazzurri vicinissimi al vantaggio al 47' con Vecino che dopo aver scambiato con Icardi salta Reina e prova il tiro, Albiol salva sulla linea. Al 56' Callejon serve Hamsik la cui conclusione finisce a lato di un soffio. Al 76' Insigne, la cui presenza è stata in dubbio fino all'ultimo, tenta il tiro a giro da fuori area, palla di poco fuori. Handanovic ancora protagonista all'84' quando respinge un tiro da fuori di Zielinski e al 90' quando evita l'autogol di Miranda. Napoli sempre primo in classifica con 25 punti, l'Inter insegue a quota 23.

22:33Rep.Ceca ha scelto il populista Babis

(ANSA) - PRAGA, 21 OTT - Le elezioni parlamentari nella Repubblica Ceca sono finite con il trionfo di Andrej Babis, il magnate populista leader del movimento Ano 2011, che si è affermato con un grande distacco dagli altri otto partiti entrati in Parlamento. In una tornata elettorale che segna la debacle per i socialdemocratici, che potrebbero uscire dal governo per andare all'opposizione, definendo un nuovo flop della sinistra europea. Volano, piazzandosi al secondo posto, i populisti di un partito anti-islam ed euroscettico. Babis, controverso imprenditore messo alla porta dal governo uscente per le accuse di frode che lo hanno travolto mentre occupava il dicastero alle finanze, è affidabile per il 30% dei cechi e adesso può diventare premier. E' contro i migranti islamici, contro l'adozione dell'euro, contro il diktat di Bruxelles. Come il capo di Stato, Milos Zeman. E lo stesso Zeman ha più volte dichiarato di volergli dare la possibilità di formare il governo.

22:33Calcio: Giampaolo ‘squadra matura, bravi a gestire gara’

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - Non soffre di vertigini la Sampdoria che con il successo sul Crotone vola in classifica. La quarta vittoria consecutiva casalinga da inizio campionato permette alla Samp attuale di eguagliare il record di un'altra Sampdoria, quella dello scudetto. "Ci fa piacere - ha detto Giampaolo -e rende merito alla squadra e a quello che ha saputo fare in queste prime partite in casa. Però manca quella contro la Roma (rinviata per maltempo) e non possiamo sapere in realtà come sarebbe finita, diciamo che è andata bene così". Record a parte, il 5-0 finale è una dimostrazione di forza innegabile. "Andando subito in vantaggio la partita si è messa bene e il secondo gol è arrivato poco dopo - ha spiegato il tecnico blucerchiato -. Il Crotone da par suo ha fatto fatica ad abbozzare una reazione e nell'intervallo ho detto alla squadra che il salto di qualità sarebbe stato nel non concedere niente e nel non abbassare il livello della tensione''.

22:17Turista morto in S.Croce, c’è un quarto indagato

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - C'è un quarto indagato nell'inchiesta della procura di Firenze sulla morte del turista spagnolo Daniel Testor Schnell nella basilica di Santa Croce: si tratta della titolare della ditta specializzata che ha operato per ultima nella manutenzione dell'area interessata dalla caduta del capitello, architetto Laura Mannucci. L'intervento risalirebbe parecchio indietro nel tempo, sembra a diversi anni fa. Anche in questo caso si tratta di un avviso di garanzia per omicidio colposo. Gli altri tre indagati sono i dirigenti dell'Opera di Santa Croce, il presidente Irene Sanesi, il segretario generale Giuseppe De Micheli e il tecnico responsabile, geometra Marco Pancani. La basilica di Santa Croce, intanto, resta ancora chiusa al pubblico per sopralluoghi e verifiche.

21:33Ghiaccio: Kostner seconda a Mosca

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Si chiude con un exploit per l'Italia la Rostelecom Cup di Mosca, prima tappa del Grand Prix 2017-18 di pattinaggio sul ghiaccio. Nella seconda e ultima giornata, Carolina Kostner (Fiamme Azzurre) chiude la gara al secondo posto con 215.98 punti, lo stesso risultato che aveva ottenuto nella sua ultima apparizione al Grand Prix, proprio alla Rostelecom Cup, nel 2013. La gardenese si arrende solo alla campionessa del mondo russa Evgenia Medvedeva, tenendosi alle spalle la giapponese Wakaba Higuchi. Reduce dai due podi conquistati al Lombardia Trophy di Bergamo e al Finlandia Trophy di Espoo, Carolina Kostner ne centra subito un altro, regalandosi un grande esordio sul circuito internazionale, dove tornerà a pattinare all'NHK Trophy di novembre, in Giappone.

21:28Calcio: esami Belotti ok, ginocchio in via guarigione

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Hanno dato "esiti confortanti" gli esami a cui nel pomeriggio si è sottoposto l'attaccante del Torino, e della Nazionale, Andrea Belotti. Lo rende noto, sul suo sito internet, il club granata al termine degli accertamenti cui il giocatore è stato sottoposto a Perugia dal professor Giuliano Cerulli. La lesione capsulo-legamentosa del ginocchio destro sta guarendo e l'attaccante può procedere con i lavori di recupero stabiliti. Belotti si era infortunato il primo ottobre, durante Torino-Verona, ed era stato costretto a saltare anche gli impegni con la Nazionale. Alla luce degli esami di oggi, a cui si è sottoposto accompagnato dal responsabile sanitario Rodolfo Tavana e dal riatletizzatore Paolo Solustri, non è escluso che Belotti possa essere in campo il 5 novembre per Inter-Torino e, quindi, che possa essere convocato dal ct azzurro, Gianpiero Ventura, per gli spareggi Mondiali.

Archivio Ultima ora