Papa alle suore di clausura: “Non perdetevi sui social network”

Pubblicato il 22 luglio 2016 da ansa

Papa alle suore di clausura: “Non perdetevi sui social network”

Papa alle suore di clausura: “Non perdetevi sui social network”

CITTA’ DEL VATICANO – C’è anche il monito alle suore di clausura a non disperdersi su Facebook o altri social network dedicandosi piuttosto alla preghiera, nella Costituzione apostolica “Vultum Dei Quaerere” sulla vita contemplativa femminile pubblicato oggi.

Papa Francesco riscrive le regole della vita monastica femminile, più di sessant’anni dopo l’ultimo testo a riguardo, la “Sponsa Christi” di Pio XII, con un documento che andrà ad incidere su 44mila suore contemplative residenti in quattromila monasteri sparsi nel mondo ma concentrati per lo più in Spagna ed Italia.

E lo fa prescrivendo che tutti i monasteri dovranno federarsi, o secondo il criterio della famiglia carismatica di appartenenza o secondo quello geografico, ma anche mettendo nero su bianco un concetto da lui più volte espresso a voce.

“Si deve assolutamente evitare – scrive Francesco all’articolo 3 della Costituzione – il reclutamento di candidate da altri Paesi con l’unico fine di salvaguardare la sopravvivenza del monastero”.

Una disposizione che non significa “chiudere le porte” alle vocazioni, ha chiarito mons. Josè Rodriguez Carballo, segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata, presentando il testo, ma “un attento discernimento” perchè rimpinguare i monasteri vuoti sfruttando le novizie di altri continenti “non è evangelico”.

Francesco aveva intimato lo stop alla “tratta delle novizie”, il fenomeno per cui giovani provenienti da paesi più poveri vengono avviate alla vita consacrata magari senza una reale vocazione ma più per la preoccupazione di riempire strutture vuote, in un suo colloquio con 120 superiori dell’Unione superiori generali nel novembre 2014.

Quindi, sullo stesso tema, al Giubileo dei consacrati nel febbraio scorso, era seguito ancora un suo avvertimento a non procedere a “inseminazioni artificiali”. Nel documento pubblicato oggi, formato da 14 articoli dispositivi e che avrà concreta attuazione con un’istruzione della Congregazione per la Vita Consacrata la cui uscita è prevista ad ottobre, Francesco riflette a fondo sulla vita monastica femminile.

Una “sfida alla mentalità di oggi”, la definisce, con le sue caratteristiche di “silenzio, ascolto e stabilità” e in cui fare largo all’ascesi, intesa come “sobrietà, distacco dalle cose mondane, consegna di se stessi nell’obbedienza e trasparenza nelle relazioni comunitarie”.

E’ qui che Francesco medita anche sul rapporto tra vita monastica e mondo digitale.
I social network sono “strumenti utili per la formazione e la comunicazione”, premette ma subito avverte:
– Non siano occasione di dissipazione o di evasione dalla vita fraterna, danno alla vocazione o ostacolo alla contemplazione.

Il Papa intende anche restituire più fiducia a suore e badesse nella gestione delle loro strutture, tanto che la Costituzione stessa è nata dopo aver inviato due questionari ai monasteri in cui le dirette interessate sono state interpellate su tutti i temi trattati.

– Il documento offre aria fresca per la missione nel mondo delle contemplative – ha detto mons. Carballo – venendo a colmare una lacuna degli anni post-conciliari. Le monache – ha aggiunto a proposito anche di quale deve essere con la nuova normativa il rapporto con il vescovo – non sono delle minorenni o delle persone non del tutto capaci, è il momento di credere alla loro responsabilità e alle loro scelte.

Così, starà a loro presentare proposte per come federarsi, salvo la decisione in ultimo della Congregazione vaticana sulla “rivitalizzazione del monastero o la sua chiusura”. Nel mondo, la comunità monastica femminile più numerosa è quella francescana, con 13.066 monache, ma ci sono anche famiglie piccolissime, a rischio estinzione, come le certosine, appena 32 monache, e le battistine, solo 13.

(Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

11:13Attacco hacker ai conti di un’azienda piemontese, un arresto

(ANSA) - TORINO, 24 SET - Gli esperti informatici l'hanno battezzato 'man in the middle' ed è uno degli attacchi hacker più comuni e diffusi ai danni delle aziende con rapporti commerciali online. Bastano un indirizzo e-mail e un conto apocrifi ed è possibile dirottare flussi di denaro. E' il caso di una azienda piemontese che si è vista sottrarre il pagamento dall'estero di una ingente fornitura. Il denaro, quasi 40 mila euro, è stato recuperato dalla polizia postale, che ha arrestato un camerunense di 40 anni e indagato la moglie. L'uomo, sorpreso a prelevare in banca, è ora in carcere con l'accusa di riciclaggio; la moglie deve invece rispondere del reato di ricettazione. La polizia è risalita alla loro identità seguendo i movimenti del denaro, dirottato dal conto dell' azienda su un altro deposito e poi versato su un terzo conto per occultarne le tracce. Queste frodi sono ormai frequenti, dicono gli esperti, che invitano le aziende a verificare la correttezza delle comunicazioni online e dei dati scambiati via mail. (ANSA).

11:07Afghanistan: kamikaze a Kabul contro mezzo Nato

(ANSA) - KABUL, 24 SET - E' di almeno tre feriti, secondo la polizia afghana, il primo bilancio di un attacco kamikaze oggi contro un veicolo Nato a Kabul, vicino una sede del Dipartimento nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Lo riferisce 1TvNews. Secondo un'altra emittente afghana, Tolo Tv, l'attentatore suicida avrebbe preso di mira un convoglio militare danese. La zona dell'attentato è stata isolata dalle forze di sicurezza, mentre alcuni elicotteri la stanno sorvolando. Il ministero dell'Interno a Kabul ha confermato all'inizio del pomeriggio che l'esplosione nell'area di Afshar è stata causata da un'automobile imbottita di esplosivo che si è schiantata contro due veicoli blindati appartenenti a militari stranieri. In un breve comunicato si precisa solo che "tre civili feriti sono stati trasportati in un vicino ospedale".

10:46Afghanistan: kamikaze a Kabul, almeno tre feriti

(ANSA) - KABUL, 24 SET - E' di almeno tre feriti secondo la polizia afghana il primo bilancio dell'attacco oggi di un kamikaze ad un veicolo della Nato a Kabul, vicino una sede del Dipartimento nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Lo riferisce 1TvNews. Secondo un'altra emittente afghana, Tolo Tv, l'attentatore suicida avrebbe preso di mira un convoglio militare danese. La zona dell'attentato è stata isolata dalle forze di sicurezza, mentre alcuni elicotteri la stanno sorvolando.

10:44Arabia Saudita: abbattuto missile balistico da Yemen

(ANSA) - DUBAI, 24 SET - L'Arabia Saudita ha annunciato di aver abbattuto un missile balistico lanciato dai ribelli sciiti e dai loro alleati dello Yemen durante la Giornata Nazionale del Regno. Una dichiarazione riportata al mattino presto dall'agenzia statale Saudi Press dice che il missile mirava Khamis Mushait, una città nel sud-ovest dell'Arabia Saudita che ospita la base aerea King Khalid.

10:22Morta a Milano Rosilde Craxi, sorella di Bettino

(ANSA) - MILANO, 24 SET - E' morta a Milano, all'età di 77 anni, Rosilde Craxi, sorella dell'ex leader del Psi, Bettino. Era l'ultima dei fratelli Craxi in vita ed era moglie dell'ex sindaco di Milano, Paolo Pillitteri. Lo ha reso noto all'ANSA la famiglia.

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

Archivio Ultima ora