Papa alle suore di clausura: “Non perdetevi sui social network”

Pubblicato il 22 luglio 2016 da ansa

Papa alle suore di clausura: “Non perdetevi sui social network”

Papa alle suore di clausura: “Non perdetevi sui social network”

CITTA’ DEL VATICANO – C’è anche il monito alle suore di clausura a non disperdersi su Facebook o altri social network dedicandosi piuttosto alla preghiera, nella Costituzione apostolica “Vultum Dei Quaerere” sulla vita contemplativa femminile pubblicato oggi.

Papa Francesco riscrive le regole della vita monastica femminile, più di sessant’anni dopo l’ultimo testo a riguardo, la “Sponsa Christi” di Pio XII, con un documento che andrà ad incidere su 44mila suore contemplative residenti in quattromila monasteri sparsi nel mondo ma concentrati per lo più in Spagna ed Italia.

E lo fa prescrivendo che tutti i monasteri dovranno federarsi, o secondo il criterio della famiglia carismatica di appartenenza o secondo quello geografico, ma anche mettendo nero su bianco un concetto da lui più volte espresso a voce.

“Si deve assolutamente evitare – scrive Francesco all’articolo 3 della Costituzione – il reclutamento di candidate da altri Paesi con l’unico fine di salvaguardare la sopravvivenza del monastero”.

Una disposizione che non significa “chiudere le porte” alle vocazioni, ha chiarito mons. Josè Rodriguez Carballo, segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata, presentando il testo, ma “un attento discernimento” perchè rimpinguare i monasteri vuoti sfruttando le novizie di altri continenti “non è evangelico”.

Francesco aveva intimato lo stop alla “tratta delle novizie”, il fenomeno per cui giovani provenienti da paesi più poveri vengono avviate alla vita consacrata magari senza una reale vocazione ma più per la preoccupazione di riempire strutture vuote, in un suo colloquio con 120 superiori dell’Unione superiori generali nel novembre 2014.

Quindi, sullo stesso tema, al Giubileo dei consacrati nel febbraio scorso, era seguito ancora un suo avvertimento a non procedere a “inseminazioni artificiali”. Nel documento pubblicato oggi, formato da 14 articoli dispositivi e che avrà concreta attuazione con un’istruzione della Congregazione per la Vita Consacrata la cui uscita è prevista ad ottobre, Francesco riflette a fondo sulla vita monastica femminile.

Una “sfida alla mentalità di oggi”, la definisce, con le sue caratteristiche di “silenzio, ascolto e stabilità” e in cui fare largo all’ascesi, intesa come “sobrietà, distacco dalle cose mondane, consegna di se stessi nell’obbedienza e trasparenza nelle relazioni comunitarie”.

E’ qui che Francesco medita anche sul rapporto tra vita monastica e mondo digitale.
I social network sono “strumenti utili per la formazione e la comunicazione”, premette ma subito avverte:
– Non siano occasione di dissipazione o di evasione dalla vita fraterna, danno alla vocazione o ostacolo alla contemplazione.

Il Papa intende anche restituire più fiducia a suore e badesse nella gestione delle loro strutture, tanto che la Costituzione stessa è nata dopo aver inviato due questionari ai monasteri in cui le dirette interessate sono state interpellate su tutti i temi trattati.

– Il documento offre aria fresca per la missione nel mondo delle contemplative – ha detto mons. Carballo – venendo a colmare una lacuna degli anni post-conciliari. Le monache – ha aggiunto a proposito anche di quale deve essere con la nuova normativa il rapporto con il vescovo – non sono delle minorenni o delle persone non del tutto capaci, è il momento di credere alla loro responsabilità e alle loro scelte.

Così, starà a loro presentare proposte per come federarsi, salvo la decisione in ultimo della Congregazione vaticana sulla “rivitalizzazione del monastero o la sua chiusura”. Nel mondo, la comunità monastica femminile più numerosa è quella francescana, con 13.066 monache, ma ci sono anche famiglie piccolissime, a rischio estinzione, come le certosine, appena 32 monache, e le battistine, solo 13.

(Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

09:40F1: Australia, ultimo Gp vinto da Ferrari a Singapore 2015

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Ferrari non vinceva un Gran Premio di Formula 1 dal 20 settembre 2015 quando sul circuito di Singapore Sebastian Vettel vinse la sua terza gara al volante della Rossa. Nel 2016 la Rossa non aveva vinto nessun Gran Premio.

09:35F1:Australia,Vettel, oggi potevo guidare Ferrari per sempre

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - ''E' stato un Gp fantastico, è stato folle in senso positivo vedere tutte queste bandiere rosse, la macchina è divertente da guidare, è stata una giornata bellissima''. Parola di Sebastian Vettel sul podio di Melbourne tra una doccia di champagne, gli abbracci e le strette di mano con gli avversari. ''Noi ci siamo - ha detto il pilota tedesco della Ferrari - siamo qui per lottare. Abbiamo fatto un lavoro eccellente, la Ferrari ci permette di competere quest'anno, è molto divertente da guidare, oggi avrei potuto continuare a guidare per sempre''.

09:33Vettel esulta in italiano’grande Ferrari, è per noi’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - ''Questa è per noi, grande Ferrari, grazie ragazzi''. Gioia ed esultanza targata Sebastian Vettel che appena tagliato il traguardo per primo del Gran Premio d'Australia si lascia andare parlando in italiano con il box ad una gioia irrefrenabile. Poi sceso dall'abitacolo salta come un grillo andando ad abbracciare i suoi meccanici dando il via alla festa della Rossa sul podio di Melbourne, nella prima gara della stagione di Formula 1.

09:32Usa: Pence, ‘lotta all’Obamacare continuerà’

(ANSA) - WASHINGTON, 26 MAR - La lotta all'Obamacare "proseguirà" per mettere fine a "un incubo e dare al popolo americano l'assistenza sanitaria che merita". E' quanto ha sottolineato il vicepresidente americano Mike Pence, intervenendo ad un incontro di imprenditori in West Virginia, all'indomani del fallimento del tentativo Gop di abrogare la legge di assistenza sanitaria voluta da Barack Obama che non è riuscito a raccogliere il sostegno repubblicano sufficiente per essere approvato alla Camera.

09:31Usa: si barrica su bus a Las Vegas e spara, un morto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un uomo su un autobus a due piani nella zona dei casinò di Las Vegas, ha estratto una pistola e ha cominciato a sparare, uccidendo una persona e ferendone un'altra per poi barricarsi all'interno per diverse ore prima di arrendersi ed essere arrestato dalla polizia. Le due persone colpite sono state portate in ospedale ma per una di loro non c'era più niente a fare, ha fatto sapere una fonte del University Medical Centermorto. Per ore, i negoziatori, robot e veicoli blindati hanno circondato il bus con le autorità incerte se ci fossero altre vittime all'interno. Nel frattempo, gli ufficiali hanno fatto evacuare i casinò vicini, mettendo in guardia i turisti e i passanti di allontanarsi dalla zona.

09:31F1: Australia, Giovinazzi chiude suo primo Gp al 12/o posto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il pilota italiano della Sauber Antonio Giovinazzi ha chiuso al dodicesimo posto il Gran Premio d'Australia, il primo della sua carriera in Formula 1. Dopo 6 anni di assenza, dai tempi di Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi l'Italia, l'Italia rivede un suo driver passare sotto la bandiera a scacchi di un Gp della massima serie. Chiude al quinto posto la Red Bull di Verstappen davanti alla Williams di Massa e alla Force India di Perez. Ottava posizione per la Toro Rosso di Sainz che ha preceduto il compagno di scuderia Kvyat e la Force India di Ocon. Ritirata l'altra Red Bull dell'idolo di casa Daniel Ricciardo e stessa sorte per la McLaren di Fernando Alonso.

09:26Usa: scontri tra pro e anti-Trump in California, 4 arresti

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Tafferugli tra i sostenitori e gli oppositori di Donald Trump su una popolare spiaggia della California del Sud. Il bilancio è di 4 arresti. Lo riferiscono i media statunitensi. Un gruppo di sostenitori di Trump ha improvvisato un corteo sulla spiaggia di Bolsa Chica. Un gruppetto di oppositori - tutti vestiti in nero - era nei pressi. Si è scatenata una battaglia a colpi di pugni e spray al peperoncino.

Archivio Ultima ora