Dalla Turchia accuse agli Usa: golpe finanziato dalla Cia

Pubblicato il 25 luglio 2016 da ansa

turchia

ISTANBUL – Il tentativo di golpe in Turchia è stato finanziato dalla Cia e diretto da un generale americano. Covata per giorni da autorità e media locali, la clamorosa accusa finisce oggi sulla prima pagina di Yeni Safak, quotidiano vicinissimo al presidente Recep Tayyip Erdogan.

Con tanto di nome e cognome del presunto organizzatore del putsch: John Campbell. L’ex comandante della missione Isaf della Nato in Afghanistan viene definito senza mezzi termini come “l’uomo dietro il fallito colpo di stato in Turchia”, responsabile di averlo pianificato militarmente e finanziariamente.

Ai suoi ordini, scrive il giornale citando fonti dell’inchiesta, ci sarebbe stato uno stuolo di almeno 80 agenti della Cia a cospirare sin dal marzo 2015, corrompendo i militari turchi con oltre 2 miliardi di dollari messi in circolazione attraverso una filiale in Nigeria della United Bank of Africa.

Le infiltrazioni sarebbero arrivate fino alla base Nato di Incirlik, da cui partono i raid della Coalizione internazionale anti-Isis a guida Usa, e il cui responsabile locale, il generale Bekir Ercan Van, è già stato arrestato.

Dopo il suo pensionamento, nel maggio scorso, Campbell si sarebbe recato in Turchia almeno 2 volte per incontri segreti con alti ufficiali golpisti. Accuse pesantissime che piovono come un macigno sulle già tese relazioni diplomatiche tra Ankara e Washington per la richiesta di estradizione del magnate e imam Fethullah Gulen, la presunta mente del golpe.

Dopo che nei giorni scorsi era intervenuto direttamente Barack Obama, definendo “inequivocabilmente falsa” la voce secondo cui gli Stati Uniti fossero anche solo a conoscenza dei piani golpisti, il nuovo attacco personalizzato rischia di scatenare una crisi diplomatica.

E nelle stesse ore in cui si spara verso Washington, Ankara ringrazia Vladimir Putin per il suo “sostegno incondizionato”. Intanto, purghe e arresti proseguono senza sosta. Oggi 5 mila dipendenti sono stati sospesi dal ministero della Salute, 211 dalla compagnia di bandiera Turkish Airlines e 198 da quella delle telecomunicazioni Turk Telekom.

Il totale delle epurazioni dalle pubbliche amministrazioni supera così quota 50 mila, senza contare i 21 mila docenti cui è stata revocata la licenza per insegnare nelle scuole private.

Stamani è stato anche spiccato un mandato d’arresto nei confronti di almeno 42 giornalisti. Tra loro, la veterana Nazli Ilicak, da tempo critica nei confronti di Erdogan dopo un passato politico nella destra islamica e da giornalista nel quotidiano filo-governativo Sabah.

L’arresto è stato richiesto anche per giornalisti dell’opposizione liberale, come l’ex responsabile dei contenuti digitali di Hurriyet, Bulent Mumay. In manette sono finiti anche altri 31 accademici. Nel frattempo, Erdogan ha incontrato i leader dell’opposizione nel suo palazzo presidenziale di Ankara, escludendo però quelli del partito filo-curdo Hdp.

Dopo la manifestazione di ieri a piazza Taksim a Istanbul dei socialdemocratici, un nuovo segnale di unità nazionale per affrontare un’emergenza di cui in Turchia non si vede la fine.

(di Cristoforo Spinella/ANSAmed)

Ultima ora

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

14:25Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

(ANSA) - GROSSETO, 15 DIC - Un uomo di 40 anni è stato arrestato nella zona sud della provincia di Grosseto dove vive in flagranza per abusi sessuali sulla figlia di cinque anni. La notizia è riportata oggi dai giornali locali. L'uomo, da quanto si è appreso, è stato denunciato dalla moglie. I carabinieri hanno sistemato nell'abitazione dell'uomo delle telecamere nascoste: una volta visionato i video che riprendono l'uomo durante gli atti sessuali che uno degli investigatori ha definito "pesantissimi" è scattato il blitz che ha condotto all'arresto. Il padre è stato prelevato dai carabinieri e davanti al gip Marco Mezzaluna, durante l'interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso gli addebiti.(ANSA).

14:19Sci: cdm, interrotto per nebbia superG Val Gardena

(ANSA) - Val Gardena (Bolzano ), 15 dic - Il superG di cdm della Val Gardena è stato interrotto momentaneamente per l'arrivo di un banco di nebbia sulla parte centrale della pista Saslong, nella zona delle curve della Ciaslat. L'interruzione è arrivata dopo la discesa dell'undicesimo atleta e cioè dell'azzurro Dominik Paris che ha chiuso in ritardo.

Archivio Ultima ora