Rouen, si allunga scia di sangue degli attentati in Europa

Pubblicato il 26 luglio 2016 da ansa

French riot police patrol near the Eiffel Tower, rear, prior to the twenty-first stage of the Tour de France cycling race over 113 kilometers (70.2 miles) with start in Chantilly and finish in Paris, France, Sunday, July 24, 2016. (ANSA/AP Photo/Thibault Camus)

French riot police patrol near the Eiffel Tower, rear, prior to the twenty-first stage of the Tour de France cycling race over 113 kilometers (70.2 miles) with start in Chantilly and finish in Paris, France, Sunday, July 24, 2016. (ANSA/AP Photo/Thibault Camus)

ROMA – Venerdì scorso l’attacco nel centro commerciale di Monaco, la notte tra domenica e lunedì il kamikaze che si è fatto esplodere davanti ad un locale di Ansabch in Germania, stamattina i fatti nella chiesa di Rouen in Normandia: si allunga la lunga scia di sangue legata agli attacchi terroristici nel cuore dell’Europa. Ecco una breve scheda degli attacchi negli ultimi anni:

11 MARZO 2004 – 191 morti e quasi 2.000 feriti in una serie di attentati con bombe nascoste in bagagli su diversi treni pendolari in tre stazioni di Madrid, fra cui Atocha e dintorni;

7 LUGLIO 2005 – 56 morti (fra cui 4 kamikaze) in 4 attentati suicidi sulla metropolitana e su un autobus a Londra. Circa 700 feriti. Il 21 luglio seguono altre quattro esplosioni sulla metropolitana e su un autobus, ma solo detonatori, e non ci sono vittime;

19 MARZO 2012 – Un uomo apre il fuoco davanti una scuola ebraica a Tolosa, uccidendo un rabbino e tre studenti. Una settimana prima lo stesso killer aveva compiuto due agguati contro militari a Tolosa e a Montauban: tre morti e un ferito;

24 MAGGIO 2014 – Un uomo uccide quattro persone a colpi di kalashnikov al museo ebraico di Bruxelles. Gli inquirenti arrestano un 29enne francese di origini arabe sospettato di essere stato in Siria nel 2013 come volontario nelle file dei jihadisti dell’Isis;

7 GENNAIO 2015 – 12 morti nell’attacco compiuto da due terroristi islamici nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo, a Parigi. Il 9 gennaio il terrorista Coulibaly prende in ostaggio una decina di persone e ne uccide quattro in un supermercato kosher a Vincennes;

14 FEBBRAIO 2015 – Sparatoria in un caffé di Copenaghen con un morto e tre feriti ad un convegno sulla libertá d’espressione organizzato dall’artista Lars Vilks, autore di numerose caricature del profeta Maometto nel 2007. Poche ore dopo una seconda sparatoria vicino a una sinagoga: 3 feriti;

20 LUGLIO 2015 – Attentato a Suruc, in Turchia, vicino alla frontiera siriana. 34 morti e un centinaio di feriti tra giovani attivisti della causa curda. Attacco attribuito all’Isis;

10 OTTOBRE 2015 – 103 uccisi e piú di 500 feriti per due kamikaze davanti alla stazione centrale di Ankara durante una manifestazione filo-curda. Sotto accusa l’Isis.

13 NOVEMBRE 2015 – 130 le vittime di tre attacchi coordinati a Parigi e dintorni. Tre kamikaze si fanno esplodere vicino allo Stade de France, morto un passante; 39 vittime nell’11/o arrondissement, uccise a colpi di kalashnikov sparati contro diversi bar e ristoranti; 90 uccisi da un commando kamikaze nella sala concerti Bataclan.

22 MARZO 2016 – 31 morti e circa 300 feriti in una raffica di attentati compiuti a Bruxelles e rivendicati dall’Isis: due all’aeroporto Zaventem e uno alla stazione della metro di Maalbeek.

14 LUGLIO 2016: decine di morti (almeno 74 secondo un primo bilancio), circa 130 feriti di cui una quarantina gravissimi a Nizza per l’attacco di un pesante camion che ha falciato la folla per 2 km sul lungomare della Promenade del Anglais, poi ucciso dalla polizia.

18 LUGLIO 2016: un giovane profugo di nazionalitá afghana o pachistana attacca i passeggeri di un treno in Baviera a colpi di accetta e coltello. Il bilancio è di cinque feriti, di cui quattro in modo grave. Il ragazzo, che era stato affidato ad una famiglia, fugge ma viene ucciso dalla polizia.

22 LUGLIO 2016: un 18 enne ossessionato dalle stragi entra nel centro commerciale Olympia di Monaco e spara all’impazzata, uccidendo 9 ragazzi prima di puntarsi la pistola alle tempio e suicidarsi.

24 LUGLIO 2016: poco prima della mezzanotte un rifugiato siriano di 27 anni che aveva giurato fedeltà all’Isis prova a fare esplodere un ordigno artigianale ad un concerto cui assistevano 2.500 persone. Poteva essere una strage, evitata solo dal fatto che il suo zainetto imbottito di esplosivo salta in aria all’ingresso, uccidendo solo l’attentatore.

26 LUGLIO 2016: in una piccola chiesa di Rouen in Normandia, due assalitori fanno irruzione durante la messa del mattino, prendono ostaggi e sgozzano il sacerdote 85enne mentre un altro fedele in gravissime condizioni rischia la vita. I due aggressori vengono poi uccisi.

Ultima ora

21:37Bimba ferita a Napoli: convalida fermi e ordinanze custodia

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Convalidati i fermi e emesse le ordinanze di custodia nei confronti delle quattro persone accusate del raid camorristico, avvenuto il 4 gennaio scorso al mercatino della Maddalena a Napoli contro venditori ambulanti senegalesi per il rifiuto di pagare il pizzo, durante il quale fu ferita una bambina di 10 anni. Lo hanno deciso, al termine delle udienze di convalide, i gip dei tribunali di Napoli e Napoli Nord che hanno accolto le richieste dei pm della Dda Francesco De Falco e Henry John Woodcock, che avevano emesso i provvedimenti di fermo eseguiti dalla polizia. Restano pertanto in carcere Gennaro Cozzolino e Valerio Lambiase, ritenuti contigui al clan Mazzarella: il primo avrebbe esploso i colpi di pistola, mentre Lambiase avrebbe aggredito gli ambulanti con una mazza da baseball. Il gip ha confermato gli arresti domiciliari per i venditori ambulanti Luciano Rippa e Gennaro Vicedomine, ritenuti complici degli aggressori.

21:21Yemen: Onu, 10.000 civili morti in 2 anni conflitto

(ANSA) - SANAA, 16 GEN - Solo negli ultimi due anni di guerra, nello Yemen il numero di civili morti ha superato, secondo una stima ottimistica, i 10.000: lo fa sapere l'Onu, che quantifica i feriti in circa 40.000. Secondo quanto riferito ai cronisti da Jamie McGoldrick, dell'Ufficio per il Coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite, la stima sui civili morti è basata sulla conta delle vittime raccolte dalle strutture sanitarie del disastrato Paese, e la cifra reale potrebbe essere anche molto più elevata.

21:14Moro: domani Morucci davanti Commissione, possibili novità

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Domani sera Valerio Morucci dovrà spiegare davanti la Commissione parlamentare sul caso Moro perché diversi fatti accertati sulla vicenda vanno in un verso e invece il 'racconto' del dissociato va in tutt'altro. E ciò a cominciare dalla dinamica di Via Fani, da quanti fossero i componenti del commando, chi in effetti sparò, dove avvenne e con che modalità il trasbordo del "prigioniero" e dove fu portato. La Commissione d'inchiesta ipotizza, con diversi riscontri, che la prima prigione fosse collocata al piano attico di un immobile al tempo dello Ior in via Massimi 91, a poche centinaia di metri da via Fani. Non ci sarebbe stato quindi solo lo stretto cunicolo dove, secondo le Br, Moro fu rinchiuso da subito, il 16 marzo del 1978, e per tutti i 55 giorni in via Montalcini. Domani a Morucci saranno contestate, foto e dati alla mano, elementi che contraddicono gran parte del suo 'racconto' su via Fani e la prima prima fase del rapimento.

21:13Canoa:Antonio Rossi fa ricorso,annullare elezione Buonfiglio

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Antonio Rossi chiede l'annullamento delle elezioni che hanno portato alla conferma, alla presidenza della federcanoa, di Luciano Buonfiglio. L'ex campione, che era candidato nella corsa al rinnovo dei vertici federali, ha infatti presentato un ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport "avverso e per l'annullamento della decisione della Corte Federale d'Appello della Federazione Italiana Canoa Kayak del 16 dicembre 2016 con cui la stessa Corte ha deciso sul ricorso promosso dal sig. Rossi e volto ad ottenere l'annullamento dell'Assemblea Generale elettiva della FICK, nonché, per l'effetto, della elezione del sig. Luciano Buonfiglio alla carica di Presidente Federale". Rossi, si legge nella nota, "chiede al Collegio di Garanzia di annullare la decisione impugnata della Corte Federale e di annullare sia l'assemblea elettiva del 22 ottobre 2016, sia l'elezione del Presidente Federale".

21:04Sfregiata con acido: in 800 a manifestazione a Rimini

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Ottocento persone si sono strette in un abbraccio ideale a Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato Jorge Edson Tavares nella serata di martedì. Questo pomeriggio in piazza Tre Martiri a Rimini si è svolta la manifestazione per far sentire alla ragazza la vicinanza della città e dire basta alla violenza sulle donne. "Questa piazza - ha detto il sindaco di Rimini Andrea Gnassi - è la risposta all'acido gettato in faccia. Gessica si riprenderà. È una ragazza bella dentro e bella fuori. Chi le ha fatto questo è solo un vigliacco". (ANSA).

21:04Serbia: due rompighiaccio dall’Ungheria

(ANSAmed) - BELGRADO, 16 GEN - Due rompighiaccio ungheresi sono arrivati nel pomeriggio di oggi in Serbia per contribuire alle operazioni di rimozione degli enormi blocchi di ghiaccio che bloccano la navigazione lungo il Danubio e gli altri grandi fiumi del Paese. I rompighiaccio, chiesti a Budapest dal governo serbo, verranno impiegati inizialmente sul tratto del Danubio dal confine fino a Belgrado. L'ondata di freddo intenso abbattutasi dall'inizio dell'anno sull'Europa sudorientale, con temperature anche al di sotto dei meno 20 gradi, ha causato il congelamento di lunghi tratti anche dei grandi fiumi quali Danubio, Sava, Drina, Tisa, con uno strato di ghiaccio che oscilla fra i cinque e i 20 centrimetri.

20:56Crac Divania, Unicredit condannata a restituire 7,6 milioni

(ANSA) - BARI, 16 GEN - La quarta sezione civile del tribunale di Bari ha condannato la banca Unicredit spa al pagamento di 7,6 milioni di euro in favore della Curatela del Fallimento Divania, la società barese produttrice di divani dichiarata fallita nel 2011. Il Tribunale, dichiarando la propria incompetenza territoriale con riferimento ad alcune richieste risarcitorie, si è pronunciata nel merito accogliendo parzialmente le domande della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. I giudici civili hanno dichiarato la nullità di quei contratti. Per gli stessi contratti, oggi dichiarati nulli, Unicredit è stata condannata nel maggio scorso al pagamento di altri 12,6 milioni di euro corrispondenti alle presunte perdite dovute agli investimenti in derivati. Sulla vicenda pende inoltre dinanzi al Tribunale penale l'udienza preliminare relativa alla richiesta di rinvio a giudizio dei vertici Unicredit, imputati per concorso in bancarotta fraudolenta della società Divania.

Archivio Ultima ora