Mattarella: “Sulla data del referendum surreale caccia a Pokemon”

Pubblicato il 27 luglio 2016 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rivolge il suo indirizzo di saluto in occasione della cerimonia di consegna del "Ventaglio" da parte dell'Associazione Stampa Parlamentare, Roma, 27 luglio 2016. ANSA / US QUIRINALE - PAOLO GIANDOTTI

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rivolge il suo indirizzo di saluto in occasione della cerimonia di consegna del “Ventaglio” da parte dell’Associazione Stampa Parlamentare, Roma, 27 luglio 2016. ANSA / US QUIRINALE – PAOLO GIANDOTTI

ROMA – Mentre “il demone della violenza” riconquista l’Europa e “il terrorismo islamista” punta a scatenare una guerra di religione globale, purtroppo in Italia si assiste a dibattiti a volte surreali “quasi sulla scia della caccia ai Pokemon”, come quello che da settimane si avviluppa sulla data del referendum confermativo delle riforme costituzionali. Sergio Mattarella, alla vigilia della pausa estiva e in previsione di un autunno bollente, cerca di raffreddare i toni e riportare le regole al centro del dibattito politico.

Il presidente costituzionalista non si sottrae al tema e in punta di diritto lo affronta con decisione basandosi su una premessa:
– In un momento di crisi profonda e diffusa come questo un grande Paese come il nostro ha il dovere di essere unito, per infondere fiducia e forza.

Stragi continue, attacchi nel cuore dell’Europa, sgozzamenti anche nei luoghi sacri devono far riflettere tutti, dai media ai politici. Tornare con i piedi per terra, dice in sostanza Mattarella incontrando i giornalisti al Quirinale per la tradizionale cerimonia della consegna del “ventaglio”. Quindi ripulire lo strumento del referendum da scorie dannose e inutili.

Per il capo dello Stato il confronto tra sostenitori del No e del Sì si deve svolgere “sul merito della riforma sottoposta al voto popolare perché l’elettorato si esprima con piena consapevolezza, nella sua sovranità”.
Niente sovrapposizioni strumentali, fibrillazioni improprie o, ancora peggio, risibili dimenticanze delle regole che sono chiare. E Mattarella le snocciola per gli smemorati evocando i simpatici mostriciattoli – vera mania dell’estate – per rendere bene il distacco tra parole e realtà.

– In queste settimane a proposito della data e del cosiddetto spacchettamento, mi è parso di assistere a discussioni un po’ surreali, quasi sulla scia della caccia ai Pokemon. Si è detto – spiega il presidente – che vi sarebbe stato uno spostamento della data di celebrazione del Referendum. Qualcuno ha anche invitato perentoriamente a comunicarne la data. Ma la data non è stabilita per il semplice fatto che non è ancora possibile farlo.

La procedura è regolata dalla legge e l’iter per la fissazione della sua data può essere avviato soltanto dopo che la Corte di Cassazione avrà comunicato quali sono le richieste ammesse a referendum. La Cassazione, che ha il compito di valutare la loro regolarità, secondo la legge, ha tempo fino al 15 agosto per comunicarlo. Fino a quando non vi sarà questa comunicazione la procedura per fissare la data non può partire.

Discorso chiuso? Non sembra a leggere le prime dichiarazioni dei grillini e di Salvini che addirittura lo prende in giro per il suo riferimento ai Pokemon. Ma il presidente non scherza e il ragionamento lega politica interna e politica estera a doppio filo. Proprio sottolineando la gravità della situazione mondiale il presidente chiede maggiore attenzione ai giornalisti e senso della realtà ai politici.

– L’allarme più alto è per la violenza che nasce dalla propaganda terroristica di ispirazione islamista e questa è, inutile nasconderlo, la minaccia più grave e l’emergenza più importante per l’intera comunità internazionale.
Ma bisogna reagire con calma, uniti, chiedendo anche la collaborazione delle comunità islamiche moderate.

– Quel che dobbiamo impedire è che la paura ci vinca. Non possiamo consentire – è l’appello di Mattarella – che il nostro Paese, che l’intera Europa, entri nell’età dell’ansia. Questo deve essere il tempo della responsabilità. E la responsabilità richiede impegni comuni al di sopra delle divisioni. Sul piano continentale e su quello interno.

Per questo la politica lasci i Pokemon liberi di passeggiare nel pianeta virtuale e si concentri sui propri doveri. E tra questi c’è il senso del limite, il rispetto:

– Non è accettabile insultare ripetutamente un avversario politico, farne bersaglio di una vera e propria campagna di denigrazione o di livore. Contrastare anche le forme di violenza presenti nel linguaggio costituisce, a pieno titolo, una esigenza di sicurezza.

(Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

10:33Attacco Londra: Bbc, sette arresti in diversi raid

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sono almeno sette, secondo quanto riporta il sito della BBc, i fermi effettuati dalla polizia nei raid legati all'attacco di ieri a Westminster. Secondo la Cnn, i sette arresti sarebbero stati compiuti in almeno sei diversi indirizzi in varie località del Paese.

09:59Attacco Londra: premier Cina, insieme contro il terrorismo

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Il premier cinese Li Keqiang ha detto che l'attacco avvenuto a Londra davanti a Westminster, con vittime e feriti, è stato il primo tema di discussone nell' incontro avuto questa mattina col premier australiano Malcolm Turnbull. "Insieme inviamo le condoglianze al premier britannico, insieme condanniamo il terrorismo e insieme ci schieriamo contro tutte le forme di terrorismo", ha detto Li, a Canberra in visita ufficiale. "Non ci può essere un'instabilità continua nel mondo, ma dobbiamo apprezzare pace e stabilità", ha aggiunto.

09:52Corea Sud: riportato in superficie scafo traghetto Sewol

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Lo scafo del traghetto sudcoreano Sewol, affondato ad aprile 2014 al largo dell'isola di Jindo, è riaffiorato questa mattina in superficie, come primo passo delle attività di sollevamento e stabilizzazione dello scafo di 6.825 tonnellate, finito sul fondale a 44 metri di profondità. Il governo di Seul ha reso noto che le operazioni finiranno con ogni probabilità nella notte: il relitto sarà trasportato nel porto di Mokpo per permettere il riconoscimento degli ultimi dispersi (ufficialmente 9) e ricostruire le cause della tragedia, la peggiore del suo genere nella storia della Corea del Sud, in cui morirono 295 persone, quasi tutti studenti in gita. L'operazione ha un costo di 85,1 miliardi di won (72 milioni di dollari) ed è guidata da un consorzio cinese capeggiato da Shanghai Salvage, un'azienda statale. I sommozzatori hanno finora lavorato all'iniezione di aria nello scafo e alla sistemazione di grandi boe di galleggiamento.

09:47Attacco Londra: media, raid polizia a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Reparti della polizia britannica hanno condotto nella notte un raid in un appartamento al piano di sopra di un negozio poco ad ovest del centro della città di Birmingham, attorno al quale le strade sono rimaste chiuse per diverse ore. Lo riferisce il quotidiano the Guardian nel suo sito online, notando che ieri sera la Bbc aveva reso noto che il suv usato per l'attacco, un Hyundai i40, potrebbe essere stato noleggiato a Birmingham. Secondo altre fonti, almeno una persona sarebbe stata arrestata.

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

Archivio Ultima ora