Nuovo scontro nel Pd, dieci Dem annunciano “No” al referendum

Pubblicato il 04 agosto 2016 da ansa

Minoranza del Pd non firma la richiesta di referendum costituzionale

Minoranza del Pd non firma la richiesta di referendum costituzionale

ROMA – Dieci parlamentari Pd annunciano che voteranno No al referendum costituzionale. Con un documento molto duro non solo sulla riforma ma anche sulla linea del partito, che rompe la ‘tregua’ tra i Dem sulla consultazione d’autunno e apre uno strappo che potrebbe, ammettono fonti di minoranza, allargarsi nei prossimi mesi. Ma la linea non cambia, avverte Lorenzo Guerini:

– Il Pd è per il Sì senza se e senza ma.

Non ci saranno sanzioni per i ‘dissidenti’, anticipa il vicesegretario. Ma non nasconde lo stupore:

– Alcuni tra i sette senatori e tre deputati avevano votato il testo in Aula.

L’atto di rottura si consuma nell’ultimo giorno di attività parlamentare prima delle vacanze estive, una giornata segnata anche dalle dimissioni dei due rappresentanti di minoranza in commissione di Vigilanza Rai, Federico Fornaro e Miguel Gotor, in dissenso rispetto alle nomine al vertice di Tg. Scelte che sollevano il dubbio, accusa Sinistra italiana, che si voglia “asservire la Rai al governo nella campagna per il Sì”.

– Sarebbe patetica – avverte anche Pier Luigi Bersani – una politica che pensasse di garantirsi lo storytelling attraverso i Tg.

Ma dalla maggioranza Pd respingono ogni accusa di ingerenza e definiscono la vicenda come l’ennesimo tentativo della sinistra di minare Renzi e il governo. Un lavoro quotidiano, sostengono i renziani, che potrebbe portare a una ‘escalation’ anche sul referendum costituzionale: i dieci – è il sospetto – potrebbero essere una ‘avanguardia’ e il numero dei ‘dissidenti’ potrebbe allargarsi a settembre. Del resto i bersaniani e cuperliani continuano a invocare modifiche all’Italicum, come condizione per superare i dubbi sulla riforma di un pezzo di Pd.

Tra i dieci parlamentari per il No al referendum si notano i nomi di esponenti della sinistra Dem ma anche di area bindiana: Paolo Corsini, Nerina Dirindin, Luigi Manconi, Claudio Micheloni, Massimo Mucchetti, Lucrezia Ricchiutti, Walter Tocci, Luisa Bossa, Angelo Capodicasa, Franco Monaco. Non si tratta, spiegano, di un “no al governo” ma del tentativo di dare voce ai Dem che dissentono su una riforma che porta un “bicameralismo confuso” e un “procedimento legislativo farraginoso”.

C’è anche il No a un referendum che, inteso come “plebiscito”, avrebbe come conseguenza un “partito unico di governo” (il partito della nazione), “posizionato al centro”. Ma aggiungono che in caso di vittoria del No il governo non dovrebbe dimettersi. Per il Nazareno risponde il vicesegretario Guerini: esprime “rispetto” per il dissenso ed esclude provvedimenti contro i dissidenti:

– Non siamo una caserma.

Ma aggiunge che “l’unica” linea politica del Pd è quella per il sì alla riforma. Mentre sulle conseguenze per il ‘dopo’ è il sottosegretario Benedetto Della Vedova ad avvertire:

– Il No sarebbe la nostra Brexit.

Intanto sul referendum il capogruppo di Si Arturo Scotto solleva il sospetto che il governo abbia messo da parte un “fondo” denominato “Boschi” da 1,5 miliardi da destinare anche al sostegno alla campagna per il sì.

– Un’accusa fantasiosa dovuta forse alla calura estiva – replica il capogruppo Pd Ettore Rosato – Non esiste nessun fondo Boschi ma un Fondo per far fronte ad esigenze indifferibili, a disposizione della presidenza del Consiglio, le cui cifre sono note.

Ma Scotto non si dichiara soddisfatto:

– Spieghino a che serve – replica.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:56Maltempo:allerta valanghe Marche ma per ora solo smottamenti

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Continua a essere attentamente monitorato nelle Marche il rischio di valanghe o slavine ma al momento, fa sapere la Protezione civile, ci sono solo piccoli fronti che si staccano lungo le scarpate e bisogna fare molta attenzione alla viabilità. Per quanto riguarda le dighe, erano già state 'attenzionate' a seguito del terremoto dal Servizio del ministero delle Infrastrutture che ha competenza in materia e dagli enti gestori. I livelli degli invasi erano già stati abbassati per le verifiche sismiche e si sono mantenuti bassi. Continuano intanto, soprattutto nell'Ascolano, gli interventi di vigili del fuoco, carabinieri forestali, esercito e soccorso alpino per prestare soccorso a famiglie e persone rimaste isolate a causa della neve nelle frazioni, che peraltro sono state tutte raggiunte. Diverse strade, però, devono essere ancora liberate. Continui gli interventi per togliere la neve dai tetti ed evitare crolli.

10:46Maltempo: identificato anziano morto nel Palermitano

(ANSA) - PALERMO, 23 GEN - E' Giovanni Mazzara, 67 anni, un pensionato di Campofranco (Cl), l'anziano morto ieri dopo essere stato travolto dal torrente Morello nella zona di Castronovo di Sicilia. La vittima è stata identificata dopo alcune ore dall'incidente avvenuto ieri al chilometro 15 della statale 189 Palermo-Agrigento. A causa delle forti piogge un'ondata di acqua e fango ha investito l'Audi Q5 sulla quale il pensionato viaggiava insieme ad altre tre persone che sono riuscite a mettersi in salvo. Giovanni Mazzara è stato invece trascinato e ritrovato dopo un'ora sommerso dall'acqua e dal fango. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e gli uomini della Polstrada che hanno partecipato alle ricerche. Il medico legale dopo l'ispezione sul corpo del pensionato, che era sposato, ha confermato la causa della morte per annegamento. La statale è stata riaperta alle 2 di notte. Sull'incidente indaga la Procura di Termini Imerese.

10:01Kuwait: perdita in giacimento petrolio, stato d’emergenza

(ANSA) - KUWAIT CITY, 23 GEN - L'ente del petrolio kuwaitiano ha dichiarato lo stato d'emergenza a causa di una perdita presso un giacimento nel sud ovest. Lo comunica l'ente in una nota ufficiale precisando che non sono fuoriusciti gas tossici ma senza fornire dettagli su quanti barili di petrolio siano andati perduti. La Kuwait Oil Co. non da' il nome del campo, secondo l'agenzia ufficiale Kuna si tratta di quello di Al Maqwa. Il Kuwait è uno dei maggiori produttori di petrolio con un totale di 2,7 milioni di barili di greggio al giorno ed è il sesto paese al mondo per riserve. E' già la terza volta in pochi mesi che nei giacimenti del paese si verificano delle perdite: lo scorso agosto fu la volta del campo di Ahmadi, mentre a febbraio un incendio scoppiò in seguito a una fuoriuscita di petrolio.

09:58Tunisia: riaperto il valico di Ras Jedir verso la Libia

(ANSAmed) - TUNISI, 23 GEN - Da ieri pomeriggio è tornato ad essere operativo al 100% il valico di frontiera tra Tunisia e Libia di Ras Jedir, dopo l'accordo raggiunto tra autorità tunisine e libiche la scorsa settimana. Lo ha confermato ai media locali il governatore della delegazione tunisina di Médenine, Tahar Matmati, che ha sottolineato tuttavia come la situazione sia da tenere sotto osservazione. Il valico era stato al centro di manifestazioni indette dai commercianti della regione di Ben Guerdane, ultima città tunisina prima della frontiera con la Libia, che ne chiedevano la riapertura permanente dopo alcuni blocchi da parte libica dovuti a questioni di tasse doganali. L'intera regione di Ben Guerdane vive principalmente di scambi commerciali con la Libia.

09:48Siria: oggi iniziano i negoziati di Astana

(ANSA) - MOSCA, 23 GEN - Iniziano oggi i colloqui di Astana sulla crisi siriana, a cui partecipano rappresentanti del governo di Damasco e di 15 gruppi dell'opposizione. Ieri, alla vigilia dell'incontro, esperti di Russia, Turchia e Iran, hanno discusso della situazione per oltre cinque ore. L'inviato speciale dell'Onu per la Siria Staffan de Mistura ha incontrato ieri una delegazione russa e stamane una del governo siriano. Gli Stati Uniti sono rappresentati dall'ambasciatore in Kazakistan, George Krol. L'inizio di nuove trattative sulla Siria a Ginevra sotto l'egida dell'Onu è previsto per l'8 febbraio.

04:29Samsung ammette: batterie causa incendi Galaxy Note 7

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Samsung Electronics ha individuato nel design e nelle manifattura delle batterie il problema dell' incendio che nei mesi scorsi ha colpito i suoi Galaxy Note 7, costringendo il gruppo a ritirarli dai mercati e a sospenderne a ottobre la produzione per i timori sulla sicurezza. "La nostra indagine, così come le altre completate da tre organizzazioni industriali indipendenti, ha concluso che le batterie sono state all'origine degli incidenti del Note 7", ha rilevato Samsung in una nota, a chiusura dell'istruttoria.

02:16Football Americano: Atlanta Falcons qualificati a Super Bowl

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono gli Atlanta Falcons la prima squadra qualificata al Super Bowl, la finalissima del campionato Nfl del football americano, che si giocherà domenica 5 febbraio (in Italia sarà l'alba di lunedì 6) a Houston. I Falcons hanno conquistato l'accesso alla sfida per il titolo battendo i Green Bay Packers per 44-21 nel match giocato al Georgia Dome. A Houston affronteranno la vincente dell'altra semifinale dei playoff, New England Patriots-Pittsburgh Steelers, che si giocherà in nottata. Atlanta torna a giocare un Super Bowl a 18 anni dall'ultima apparizione.

Archivio Ultima ora