Usa: nuovo video shock, teenager nero ucciso da lla polizia

Pubblicato il 05 agosto 2016 da ansa

Un fermo immagine tratto da un video registrato dalla 'body camera' indossata da uno dei poliziotti coinvolti e diffuso dall'Independent Police Review Authority (Ipra) di Chicago il 5 agosto 2016 mostra un agente che spara durante l'inseguimento del diciottenne afroamericano Paul O'Nealy, colpito a morte il 28 luglio. ANSA/ IPRA

Un fermo immagine tratto da un video registrato dalla ‘body camera’ indossata da uno dei poliziotti coinvolti e diffuso dall’Independent Police Review Authority (Ipra) di Chicago il 5 agosto 2016 mostra un agente che spara durante l’inseguimento del diciottenne afroamericano Paul O’Nealy, colpito a morte il 28 luglio. ANSA/ IPRA

NEW YORK – Un altro teenager afroamericano disarmato ucciso dalla polizia, colpito alle spalle da un agente bianco mentre fuggiva. E ancora una volta quanto accaduto viene ripreso in un video-shock, questa volta registrato dalla ‘body camera’ indossata da uno dei poliziotti coinvolti. A pubblicare il filmato è lo stesso Dipartimento della polizia di Chicago.

La vittima è un diciottenne, Paul O’Neal, e i fatti sono avvenuti il 28 luglio scorso. Si vedono gli agenti che inseguono il giovane, accusato di aver rubato una macchina. Il colpo fatale non viene mostrato direttamente, ma dall’audio si sente il suono dei proiettili esplosi. Sharon Fairley, capo del consiglio di sorveglianza della polizia di Chicago, ha definito le immagini “scioccanti e preoccupanti”.

L’agente che ha esploso il proiettile fatale, riporta la Cnn, era in un’auto colpita dalla vettura su cui si trovava O’Neal, una Jaguar il cui furto era stato denunciato nel corso della giornata nel sobborgo di Bolingbrook.

I poliziotti hanno inseguito il ragazzo sparando alcuni colpi verso la macchina, che poi è andata a sbattere contro un’altra gazzella del Dipartimento. Quindi O’Neal è scappato a piedi seguito a distanza ravvicinata dagli agenti fino a dietro il cancello del retro di una casa. Qui gli hanno sparato il colpo che lo ha ucciso.

– Quel video è la cosa più orribile che abbia mai visto – ha commentato l’avvocato della famiglia O’Neal, Michael Oppenheimer, parlando di una vera e propria “esecuzione”.

Non è la prima volta che Chicago è teatro di un episodio del genere. In particolare a creare una mezza rivoluzione contro i metodi violenti della polizia era stata l’uccisione, il 20 ottobre 2014, del 17/enne Laquan McDonald. Il giovane fu freddato da un agente bianco con ben 16 colpi di pistola nel quartiere duro di Southwest Side. Il poliziotto disse che il ragazzo aveva un coltello e temeva per la sua incolumità, ma è stato incriminato ed ora attende il processo.

Per quell’episodio furono in molti a chiedere anche le dimissioni del sindaco Rahm Emanuel, ex braccio destro di Barack Obama alla Casa Bianca. Ma all’inizio di quest’anno, una task force istituita proprio dal sindaco ha pubblicato un rapporto in cui si accusa la polizia di Chicago di razzismo diffuso.

(Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

21:21Gb: zoo di Londra ‘battezza’ okapi in omaggio a Meghan

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - Lo zoo di Londra rende omaggio a modo suo a Meghan Markle, l'attrice americana che il 19 maggio prossimo sposerà il principe Harry a Windsor: 'battezzando' con il suo nome, Meghan, un esemplare cucciolo di okapi nato di recente in cattività. "E' una grande opportunità anche per attirare l'attenzione sulle okapi, una specie in estremo pericolo di estinzione", ha sottolineato Gemma Metcalf, un'addetta dello zoo che ha seguito le fasi della nascita di 'Meghan' e che la sta ora assistendo assieme alla madre Oni. L'okapi è un animale africano che ha il suo habitat naturale nella martoriata Repubblica Democratica del Congo. Assomiglia a una zebra, ma é imparentata con le giraffe.

21:17Pena morte: il boia tornerà in azione in Texas dopo un anno

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - La mano del boia torna in azione in Texas dopo un anno. A essere giustiziato oggi sarà Anthony Shore, 55 anni, detto 'Tourniquet Killer' (killer del laccio emostatico), serial killer e stupratore anche di minorenni reo confesso. L'uomo commise i suoi crimini tra gli anni '80 e '90 ma fu arrestato solo nel 2003, incastrato dal suo Dna trovato su una delle vittime. Shore stuprò e uccise ragazzine dai 9 ai 14 anni di età e una 21enne, in totale cinque persone. Shore è il primo a essere giustiziato da quando un anno fa si è insediato il nuovo procuratore della contea di Harris, la democratica Kim Ogg. Un precedente che non si verificava da oltre 30 anni. La Ogg non crede nella pena di morte come deterrente per i crimini, tuttavia nel caso di Shore ritiene sia la cosa giusta.

21:12Incidente Milano: morto anche il quarto operaio

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' terminato il periodo di accertamento della morte cerebrale per Giancarlo Barbieri, 62 anni, uno degli operai coinvolti nell'incidente alla Lamina avvenuto martedì, che ha provocato la morte di altre tre persone, compreso suo fratello Arrigo. I medici dell'ospedale San Raffaele hanno quindi decretato la morte dell'uomo anche dal punto di vista legale.

21:11Francia: oltre 100 detenuti rifiutano di rientrare in cella

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Ancora tensioni nelle carceri francesi. 123 detenuti di Fleury-Mérogis, il mega-carcere a sud di Parigi, rifiutano di rientrare nelle loro celle: è quanto riferisce Bfm-Tv, precisando che un intervento della polizia in corso. Il penitenziario di Fleury Mérogiis è tra i più grandi d'Europa. Qui è incarcerato in condizioni di massima sicurezza anche l'unico superstite del commando che perpetrò gli attentati parigini del 13 novembre, Salah Abdeslam.

Archivio Ultima ora