Guerriglia Renzi-minoranza Pd, ma per ora no al congresso

Pubblicato il 10 agosto 2016 da ansa

Guerriglia Renzi-minoranza Pd, ma per ora no al congresso

Guerriglia Renzi-minoranza Pd, ma per ora no al congresso

ROMA – Non una guerra di nervi ma una vera e propria guerriglia che, se le parti non cambieranno atteggiamento, sfocerà in una guerra a ridosso del referendum di novembre. La minoranza Pd non fa sconti alla “bufala populista” di Matteo Renzi che ieri, dalle feste emiliane dell’Unità, ha rilanciato annunciando che i risparmi della riforma, “500 milioni”, andranno al fondo povertà.

Uno scontro che spinge Roberto Speranza a chiedere l’anticipo del congresso che però a questo punto potrebbe slittare rispetto all’intesa di farlo nei primi mesi nel 2017.

A parte Beppe Grillo che attacca “un premier senza vergogna che fa propaganda sulla pelle dei poveri”, la battaglia referendaria è soprattutto dentro il Pd. La minoranza contesta sia la cifra “inesistente” dei risparmi sia lo stile “populista” della campagna referendaria.

E dopo l’affondo del leader Pd sulla sinistra “alla Bertinotti” pronta a dire solo no e a picchettare la sua leadership, obietta che forse “il premier, a corto di argomenti più convincenti pensa di riproporre anche per la campagna referendaria lo schema del ‘nemico interno’. la replica dei renziani è la stessa illustrata dal palco da Renzi: la minoranza non sa quel che vuole, prima chiede cambiamenti e poi dice che non basta come – è l’hashtag di Andrea Marcucci – “alla fiera dell’est”.

Toni congressuali più che referendari da entrambi le parti che spingono Roberto Speranza a chiedere di fissare la data della resa dei conti interna.

– Di un congresso del Pd – sostiene il leader della minoranza – c’è particolarmente bisogno, perché molte scelte sono andate fuori sia dal mandato del congresso, sia da quello delle primarie per la premiership.

Ma Lorenzo Guerini ricorda che da Statuto il congresso si deve tenere entro dicembre 2017 e quindi ora il dibattito sembra “surreale”. In realtà nella penultima direzione Renzi stesso si era reso disponibile, chiedendo una tregua interna, ad anticipare il congresso dopo il referendum.

Ma i tempi del congresso se, come sembra, il referendum sarà a fine novembre e non più ad ottobre, sembrano slittare. Se è prematuro parlare di sfida congressuale, sembra ancora più agostano il dibattito sullo sfidante di Matteo Renzi con una girandola di nomi che arriva fino all’ex direttore del Tg3 Bianca Berlinguer.

– Il nostro popolo crede nella buona politica, non nelle polemiche – taglia corto il leader Pd che fino al referendum non ha alcuna intenzione di fare concessioni alla sinistra interna.

(Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

23:03Basket: Dinamo crolla a Montecarlo, 87-55 per Monaco

(ANSA) - SASSARI, 16 GEN - La Dinamo Banco di Sardegna Sassari si arrende all'evidenza e cede il passo alla Salle Gaston-Medecin Arena di Montecarlo allo schiacciasassi As Monaco, capolista del girone a punteggio pieno, che conclude la "passeggiata" contro i ragazzi di Federico Pasquini con un eloquente 87-55. Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia, la sconfitta odierna complica il cammino del Banco anche in Europa. Un vero peccato, perché Sassari nel primo quarto ha illuso i suoi tifosi, chiudendo sotto solo di un punto: 18-17. Ma poi l'offensiva monegasca si è fatta insostenibile e il 24-8 parziale del secondo quarto ha messo fine a ogni discorso. Domani la squadra raggiungerà Cantù dove i biancoblù prepareranno il match della prima giornata di ritorno di campionato, in programma sabato sera.

23:02Trump: il caso dei Dreamer finisce alla Corte suprema

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - La vicenda dei cosiddetti 'Dreamer' negli Stati Uniti finisce davanti alla Corte suprema. In una rara decisione l'amministrazione Trump ha infatti deciso di scavalcare la Corte d'appello e di chiedere l'intervento del massimo organo del sistema giudiziario americano. Questo dopo che un giudice federale della California giorni fa ha fermato lo smantellamento voluto da Trump del programma per proteggere gli immigrati entrati irregolarmente negli Stati Uniti quando erano minorenni. Uno stop che ha costretto l'amministrazione a ripristinare il programma che è stato introdotto dall'amministrazione Obama.

22:42Banca Marche: Bankitalia parte civile nel processo per crac

(ANSA) - ANCONA, 16 GEN - La Banca d'Italia sarà parte civile nel procedimento ad Ancona per il crac da un miliardo di euro della vecchia Banca Marche contro 16 ex manager dell'istituto di credito. Al termine di un'udienza fiume terminata in serata il gup di Ancona Carlo Cimini ha ammesso, insieme a Bankitalia, oltre 2.800 parti civili tra cui azionisti, obbligazionisti che hanno visto azzerati i valori dei titoli, rappresentati da varie associazioni di consumatori tra cui Unione nazionale consumatori (2.683 assistiti), Adusbef, Adiconsum e Federconsumatori. Il giudice ha accolto la richiesta di chiamata in causa come responsabile civile della vecchia BM in liquidazione che, a sua volta, aveva avviato un'azione civile contro il vecchio management. Non sarà responsabile civile invece Ubi Banca che ha acquisito la Nuova Banca Marche nata dopo la risoluzione del vecchio istituto di credito. Il gup ha rinviato al 13 febbraio e ha fissato diverse udienze fino al 27 marzo quando dovrebbe emettere la sentenza.

22:38Verme in Coca Cola, 12enne ricoverata ad Andria

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - Una ragazzina di 12 anni è ricoverata in osservazione all'ospedale 'Bonomo" di Andria dopo avere bevuto una Coca Cola da una lattina ed essersi accorta di avere in bocca un verme. "La bambina sta bene - sottolinea il responsabile del presidio ospedaliero, Stefano Porziotta - e viene tenuta in osservazione solo per precauzione". "Stando ad un primo esame macroscopico del verme - aggiunge - non vi sono elementi che destino preoccupazioni ma invieremo il campione all'istituto zooprofilattico di Foggia per approfondimenti da parte di esperti". "La bambina - conclude il medico - non ha avuto né vomito, né diarrea o altri sintomi che possano allarmarci, resterà per qualche ora in ospedale". Intanto, sul posto, sono giunti agenti del commissariato di polizia che, con l'ufficio igiene di Andria e il Sian, il Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione della Puglia, hanno sequestrato la lattina e stanno cercando di individuare il lotto per risalire alla provenienza. (ANSA).

21:55Doping: avvocato Lucioni, “nessuna responsabilità atleta”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il collegio ha riconosciuto tutte le attenuanti previste dalla normativa, ma non si è sentito di applicare la norma sull'assoluta mancanza di responsabilità, che era quello che chiedevamo in via principale". L'avvocato di Fabio Lucioni, Saverio Sticchi Damiani, ha commentato così la sentenza del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia che ha comminato al difensore del Benevento una squalifica di un anno (4 anni di inibizione per il medico sociale Walter Giorgione) per l'uso del Clostebol. "Dispiace, perché si poteva arrivare a una decisione del genere in tempi meno lunghi e senza illudere il ragazzo - aggiunge il legale - che è rientrato in campo e ora è stato squalificato. Era opportuna una gestione più attenta dei tempi del processo". Sicuro il ricorso in appello: "Andremo avanti, perché questo è uno dei pochi casi nei quali si può davvero escludere completamente la responsabilità dell'atleta".

21:52Incidente Milano: i morti salgono a tre, quarto gravissimo

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Sale a tre morti il bilancio dell'incidente avvenuto oggi pomeriggio in una fabbrica di materiali ferrosi alla periferia di Milano, in via Rho. In serata è deceduto infatti all'ospedale San Raffaele un altro dei 6 dipendenti che sono rimasti intossicati nello stabilimento dopo aver inalato gas tossici. Un quarto lavoratore è in condizioni gravissime. Sono rimasti intossicati da esalazioni tossiche durante le operazioni di pulizia di un forno. All'arrivo del 118 le loro condizioni erano già disperate.

Archivio Ultima ora