Bombe in un resort in Thailandia, 1 morto e 20 turisti feriti

Pubblicato il 11 agosto 2016 da ansa

Bombe in un resort in Thailandia, 1 morto e 20 turisti feriti

Bombe in un resort in Thailandia, 1 morto e 20 turisti feriti

ROMA – Ancora sangue in Thailandia, dove un attentato terroristico, di matrice incerta, ha colpito una nota località balneare, uccidendo una donna thailandese e ferendo una ventina di altre persone, per lo più turisti stranieri, le cui nazionalità non sono ancora state rese note.

Due ordigni esplosivi, secondo quanto riferisce la polizia in base alle prime risultanze, sono esplosi a circa 25 minuti l’uno dall’altro in tarda serata nella zona del mercato di Hua Hin.

Si tratta di una rinomata località balneare a 150 km circa a sud-ovest di Bangkok, nella provincia di Prachuap Khiri Khan, apprezzata dai turisti stranieri come dai thailandesi e sede di un palazzo reale, il Klai Kangwon (il nome si traduce letteralmente con “Lontano dalle preoccupazioni”), dove l’anziano re Bhumibol Adulayadej, ha vissuto stabilmente in anni recenti insieme alla consorte, regina Sirikit, di cui, fra l’altro, domani ricorre il compleanno, che i thailandesi celebrano anche come Festa della mamma.

La prima delle due bombe, rivela la polizia, è esplosa in un vaso poco prima delle 22:00 locali, creando panico ma senza ferire nessuno. A uccidere la donna e a ferire le altre persone è stata la seconda bomba, esplosa alle 22:20 in un’altra fioriera a una cinquantina di metri di distanza dalla prima davanti a un affollato bar. Le foto pubblicate dai media mostrano chiazze di sangue in terra.

Sul sito dell’Unità di crisi della Farnesina, ‘Viaggiare Sicuri’, un aggiornamento dell’ultim’ora avverte che “si sono verificate esplosioni nella località di Hua Hin” e “si raccomanda ai connazionali di evitare la zona, di tenersi informati sugli sviluppi della situazione sui media e di seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità locali”.

“In caso di emergenza – si specifica – contattare l’Ambasciata d’Italia a Bangkok al numero 0066 81 825 61 03”.
Incerto il numero dei feriti, la loro nazionalità – alcuni tweet parlano di almeno due britannici fra essi – ma soprattutto la responsabilità dell’attentato, che non è stato rivendicato: secondo analisti, se fossero stati i ribelli musulmani dei vari gruppi separatisti che operano nelle tre province meridionali, al confine con la Malaysia, sarebbe la prima volta che questi colpiscono fuori dal territorio di cui rivendicano l’indipendenza.

L’attentato cade a una settimana dal referendum che ha approvato la nuova Costituzione di ispirazione militare e che costituisce una vittoria per il premier Prayuth Chan-ocha e alla vigilia del compleanno della regina, che da alcuni mesi assiste in ospedale l’88enne re Bhumibol, afflitto da un’infezione.

Qualunque sia la matrice, la Thailandia viene colpita dal terrorismo stragista per la seconda volta in un anno: il 17 agosto del 2015 a Bangkok ci fu un duplice attentato dinamitardo che uccise 20 persone nel tempio di Erawan e nel distretto di Pathum Wan.

In quel caso venne fuori che il sospetto responsabile, catturato sulla base di immagini video, era collegato agli ultranazionalisti turchi Lupi Grigi, che avrebbero così voluto vendicare la consegna alla Cina da parte della Thailandia di alcuni militanti Uighuri (l’etnia turcofona e musulmana che si considera oppressa da Pechino).

L’attentato di Hua Hin segue di poche ore un altro, compiuto con tecnica simile nella provincia meridionale di Trang, che ha ferito sei persone – tutti locali – ma che la polizia tende ad attribuire a vicende locali.

Ultima ora

13:12Migranti: sabato a Milano il contro-corteo, ‘no invasion’

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - Si chiama "No invasion" la manifestazione organizzata per il 27 maggio da Milano Sicura, comitato che si definisce apartitico e che ha deciso di scendere in piazza a una settimana dall'iniziativa "Insieme senza muri" a favore dei migranti. Sulla pagina Facebook che conta poco meno di duemila iscritti si legge: "L'evento, ideato e organizzato dal nostro comitato dichiaratamente apartitico di liberi cittadini, si propone di portare in piazza tutti coloro i quali si oppongono alla politica di dissennata accoglienza degli immigrati posta in essere dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Beppe Sala. I cittadini milanesi, esasperati da degrado, abusivismo e violenza che si verificano quotidianamente da parte dei clandestini che popolano ormai senza controllo la città, sfileranno lungo via Vittor Pisani per giungere al piazzale della stazione Centrale, simbolo dell'assoluta mancanza di sicurezza che domina oggi il capoluogo meneghino".

13:07Marra: Raggi, se chiamata andrò a testimoniare

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Se e quando mi chiameranno andrò perché è un dovere previsto dal codice e quindi si rispetta". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, risponde a chi le chiede se andrà a testimoniare, come richiesto dalla difesa, nel processo cominciato oggi a carico dell'ex capo del personale in Campidoglio, Raffaele Marra, e dell'imprenditore Sergio Scarpellini, accusati di concorso in corruzione.

13:01Migranti: “dateci cibo migliore”,200 protestano nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 25 MAG - Nuova protesta, che è durata poco più di un'ora, dei profughi ospiti al centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova). Intorno alle 8 di oggi circa 200 migranti di origine africana ospitati nel centro di accoglienza allestito nell'ex caserma di San Siro sono scesi nella piazza principale del paese, davanti al Municipio per chiedere una qualità maggiore del cibo e un incremento delle attività del centro di accoglienza. La protesta si è conclusa intorno alle 9,30. L'ultima manifestazione a Bagnoli risale alla fine dello scorso gennaio quanto un cinquantina di richiedenti asilo bengalesi aveva manifestato stamane, davanti al centro di accoglienza bloccando l'ingresso e l'uscita dal campo per una trentina di minuti.

13:00Manchester: May, livello allerta resta critico

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il livello dell'allerta anti-terrorismo resta "critico". Lo ha detto la premier britannica Theresa May parlando a Downing Street. Il primo ministro ha invitato i britannici a rimanere "vigili" contro la minaccia di nuovi attacchi.

12:56Nave Usa in mar Cinese meridionale, Pechino protesta

(ANSA) - PECHINO, 25 MAG - Il cacciatorpediniere Uss Dewey ha navigato entro le 12 miglia di una delle isole artificiali realizzate dalla Cina nelle Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, nella prima operazione sulla "libertà di navigazione" della presidenza Trump. La Cina ha inviato due fregate che hanno "messo in guardia e allontanato" la Dewey dopo l'ingresso nelle acque territoriali "senza permesso", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa. "Abbiamo presentato un grave reclamo alla parte americana", ha aggiunto.

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

Archivio Ultima ora