Fuga di repubblicani da Trump. E Donald cala nei sondaggi

Pubblicato il 12 agosto 2016 da ansa

Fuga di repubblicani da Trump.

Fuga di repubblicani da Trump.

NEW YORK. – Donald Trump va avanti per la sua strada. E non intende cambiare lo stile della sua campagna elettorale, anche se questo – ammette per la prima volta – potrebbe costargli le elezioni: se perderà si concederà una lunga vacanza.

In difficoltà nei sondaggi e alle prese con la fuga sempre più numerosa degli esponenti del suo stesso partito, che chiedono di tagliargli i fondi, Trump però non molla. E anzi alza il tiro puntando il dito contro la stampa, soprattutto la Cnn, per non aver capito il suo “sarcasmo” quando parlava di Barack Obama fondatore dell’Isis.

“Hanno problemi di audience” afferma su Twitter in una retromarcia evidente che lo espone a nuove critiche, alimentate anche dalla pubblicazione della dichiarazione dei redditi di Hillary Clinton. Hillary e Bill Clinton hanno guadagnato 10,6 milioni di dollari nel 2015, pagandone 3,6 in tasse federali, con un’aliquota del 34,2%.

Con la dichiarazione dei redditi dello scorso anno ”i Clinton le hanno pubblicate tutte dal 1977” afferma con sicurezza la campagna dell’ex segretario di Stato, mettendo così indirettamente in evidenza la trasparenza di Hillary contro l’opacità di Trump, che finora non ha reso note le sue dichiarazioni dei redditi.

Ma il tycoon va avanti, e si lascia andare anche a una nuova provocazione. “I cittadini americani accusati di terrorismo dovrebbero essere processati davanti al tribunale militare di Guantanamo” afferma Trump, ignorando che la legge lo vieta e che l’ipotesi ha già incontrato in passato la contrarietà di buona parte dei repubblicani.

Il ritorno sul terrorismo in un’intervista al Miami Herald gli consente di attaccare di nuovo Obama per essere troppo morbido con i terroristi, facilitando anche il rilascio dal super carcere di Guantanamo di “persone cattive”.

L’atteggiamento di Trump gli sta creando il vuoto intorno: nei sondaggi è in forte calo, con Hillary che si rafforza in tre stati chiave, Colorado, Virginia e North Carolina. E il partito è sotto pressione per scaricarlo.

Dopo la lettera dei 50 esperti repubblicani alla sicurezza che lo definisce il ”presidente più incosciente della storia”, arriva ora la missiva di altri 70 esponenti del partito che chiedono al Republican National Committee di tagliare i fondi alla sua campagna e di destinarli ai candidati in Congresso.

”Le probabilità di vittoria di Trump stanno evaporando di giorno in giorno. La sua incompetenza e incoscienza rischiano di provocare una vittoria a valanga dei democratici”. Il timore dei repubblicani è quello di perdere anche la maggioranza in Congresso. Un’ipotesi possibile, come ammesso da Mitch McConnell, l’attuale leader della maggioranza repubblicana in Senato.

La campagna di Trump ammette indirettamente le sue difficoltà, soprattutto alla luce dei dieci giorni neri del tycoon, e chiede, secondo indiscrezioni, un incontro con gli esponenti del Comitato Nazionale repubblicano. ”Hanno finalmente realizzato di aver bisogno del Republican National Committee” affermano alcune fonti.

Ultima ora

17:02Migranti: Ungheria, l’Italia continua a ricattarci

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - ''L'Italia ci ha ricattati e continua a farlo facendo pressione politica su di noi e sul resto dei Paesi dell'Europa centro-orientale''. Lo ha detto il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, a Roma durante un incontro informale con alcuni media italiani, facendo riferimento alla ricollocazione dei migranti legata all'approvazione del bilancio Ue.

16:54Calcio: Juventus, rientrano primi sei nazionali

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Parte domani a Vinovo l''operazione Napoli' della Juventus che andrà al San Paolo per due sfide infuocate in campionato e Coppa Italia. Domani Massimiliano Allegri riavrà i primi sei dei 16 giocatori convocati nelle varie nazionali: Barzagli, che aveva lasciato il raduno azzurro sabato "per motivi personali", Pjanic, non chiamato per l'amichevole della Bosnia in Albania, Higuain, squalificato con l'Argentina, oltre a Dani Alves, Lichtsteiner e Mandzukic.

16:41Attacco Londra: il suv lanciato a 120 km all’ora sui pedoni

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Lanciato a 76 miglia, circa 122 km all'ora, sui passanti: è la velocità raggiunta dal suv guidato mercoledì scorso da Khalid Masood nel suo attacco terroristico sul Westminster Bridge di Londra. Lo riporta la Bbc, sulla base dei rilevamenti della polizia britannica.

16:41Spari P.Chigi: Giangrande e Fedeli incontrano studenti

(ANSA) - PRATO, 27 MAR - Un incontro sul tema della legalità nella scuola, sull'amore e sui valori che spingono le persone a compiere gesti eroici. Come quello del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che ha raccontato la sua storia a circa 140 studenti del liceo pratese "Cicognini-Rodari". Accanto a lui il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il militare circa 4 anni fa rimase vittima di un attentato di uno squilibrato nel giorno dell'insediamento del governo guidato da Enrico Letta. Nel suo discorso il maresciallo ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera, che sono raccolte nel libro di Roberto Riccardi "Il prezzo della fedeltà" (Mondadori), il cui ricavato delle vendite andrà in beneficenza. All'appuntamento hanno partecipato anche il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e la figlia di Giangrande, Martina, a cui il padre ha tributato una lunga e struggente lettera di ringraziamento nel suo libro.

16:38Russia: Navalni, nella sentenza nulla di vero

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexey Navalni si è detto innocente: "Tutto ciò che è scritto" sul dispositivo della sentenza "non è vero", ha affermato, sottolineando che "l'errore principale è che sulla via Tverskaya c'erano solo 4.000 persone" e ribadendo di non aver opposto resistenza alla polizia. Il suo avvocato, Olga Mikhailova, ha dichiarato che la versione dei fatti fornita dalla polizia è completamente inventata. Secondo il giudice che ha letto la sentenza, Navalni viene condannato per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata con 4.000 persone, per aver spronato i dimostranti a violare l'ordine pubblico e per essersi rifiutato di andare in un ufficio di polizia spintonando gli agenti.

16:30Berlusconi, prestito a Lele Mora un atto di generosità

(ANSA) - MILANO, 27 MAR - Silvio Berlusconi si è presentato in aula a Palazzo di Giustizia a Milano per il processo per bancarotta a carico dell'ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Berlusconi, accompagnato dai suoi legali Nicolò Ghedini e Federico Cecconi e dal suo medico personale, Alberto Zangrillo, è stato ascoltato come teste circa un prestito da circa 2,8 milioni di euro a Lele Mora nel 2010. "E' stato un mio atto di generosità" ha detto il Cavaliere. Secondo l'accusa, Emilio Fede avrebbe trattenuto oltre un milione di euro dei soldi che dovevano servire a salvare la società di Mora. Berlusconi ha risposto a tutte le domande del pm. Ha chiesto di non essere nè ripreso né fotografato durante la sua breve deposizione. Inoltre prima e dopo l'esame non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti. (ANSA).

16:25Sessione Cio 2019, Milano candidata unica

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Milano sarà candidata unica ad ospitare la 132ma Sessione del Cio nel settembre 2019. Lo rende noto il Cio. L'assegnazione ufficiale dell'evento è in programma a Lima il 17 settembre di quest'anno. Il Comitato olimpico internazionale ora nominerà una commissione di valutazione che sarà nel capoluogo lombardo il 23 e 24 maggio prossimi.

Archivio Ultima ora