Il Papa incontra 20 ragazze salvate dalla prostituzione

Pubblicato il 12 agosto 2016 da ansa

Il Papa incontra 20 ragazze salvate dalla prostituzione

Il Papa incontra 20 ragazze salvate dalla prostituzione

ROMA. – “Io vi chiedo perdono per tutti quegli uomini che vi hanno fatto soffrire”. Instancabile anche in questi giorni di metà agosto, papa Francesco ha voluto continuare le sue iniziative giubilari dei Venerdì della Misericordia incontrando a sorpresa, venti donne liberate dalla schiavitù del racket della prostituzione, in una struttura romana della Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi.

Sei di loro provengono dalla Romania, quattro dall’Albania, sette dalla Nigeria e le altre tre rispettivamente da Tunisia, Italia e Ucraina. Età media sui 30 anni. Tutte hanno subito gravi violenze fisiche e vivono protette. E con loro il Papa ha voluto quasi scusarsi personalmente per i torti subiti.

“Chiedo perdono per tutti quei cattolici e credenti che vi hanno sfruttato, abusato e violentato”, ha detto ancora, spiegando che l’incontro gli servirà per “bastonare chi di dovere”. “Vivete con speranza e gioia il futuro che vi attende”, ha poi aggiunto.

E’ stata una vera sorpresa per le venti ragazze che seguono il progetto di recupero della Comunità di don Benzi aprire la porta dell’appartamento privato, in un complesso condominiale nella periferia nord di Roma, in via di Pietralata, e che tutto oggi si aspettavano tranne che vedere il Papa.

Francesco, che è giunto dal Vaticano accompagnato dall’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione, si è intrattenuto per oltre un’ora con particolare affabilità, ascoltando le tristi esperienze delle ragazze e le ha incoraggiate a guardare avanti con fiducia.

“Se qualcuno ti dice che Cristo non è risorto, tu gli puoi dire che Cristo è risorto perché tu ne sei testimone”, ha detto il Papa a una ragazza, Stefania, che gli ha raccontato la sua storia di giovane arrivata dalla Romania per fare la baby-sitter e finita sulla strada, costretta dagli aguzzini a prostituirsi.

Con le ragazze ad accogliere il Papa c’erano il responsabile generale della Comunità, Giovanni Paolo Ramonda, l’assistente spirituale don Aldo Buonaiuto, due operatori di strada e la responsabile dell’appartamento. La visita di papa Bergoglio ha voluto essere un altro richiamo alle coscienze per combattere la tratta di esseri umani, che il Pontefice ha più volte definito come “un delitto contro l’umanità” e “una piaga nel corpo dell’umanità contemporanea, una piaga nella carne di Cristo”.

“In un momento di vacanza quando più forte si fa il senso del divertimento, spesso noncurante delle regole, il segno di papa Francesco è stato quello di voler restituire piena dignità a queste ragazze che hanno subito forti violenze, soprusi, e intimidazioni dal racket della prostituzione”, sottolinea una nota sul sito del Giubileo della Misericordia.

Con questo segno il Pontefice “ha voluto ribadire che la Misericordia non è una parola astratta ma un’azione concreta con la quale ci si impegna anche nel sociale per restituire dignità a persone sottoposte a nuove forme di schiavitù”.

Questo gesto si aggiunge ai Venerdì della Misericordia già vissuti dal Papa nel corso del Giubileo: a gennaio ha visitato una casa di riposo per anziani e una per malati in stato vegetativo a Torre Spaccata; a febbraio, una comunità per tossicodipendenti a Castelgandolfo; a marzo (Giovedì Santo) il Centro di accoglienza per profughi (Cara) di Castelnuovo di Porto; ad aprile la visita ai profughi e migranti nell’isola greca di Lesbo; a maggio la comunità del “Chicco” per persone con grave disabilità mentale a Ciampino; a giugno due comunità romane per sacerdoti anziani e sofferenti.

Venerdì 29 luglio, infine, nel corso del viaggio in Polonia, il Papa ha compiuto il suo Venerdì della Misericordia con la preghiera silenziosa al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, la visita ai bambini malati all’ospedale pediatrico di Cracovia e la Via Crucis con i ragazzi della Gmg, presenti i giovani iracheni, siriani e provenienti da altre zone di guerra e disagio.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

  • Francostars

    In ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Ultima ora

18:29Elezioni: voto gay vale 6,2%,appello a partiti per programmi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il 69% degli italiani è favorevole ai diritti delle persone lesbiche, gay e trans, ed una eventuale lista gay ha una potenzialità del 6,2%, con particolare attenzione da parte degli under 25. E' quanto emerge da un sondaggio di EuromediaReserch illustrato a Montecitorio in una conferenza stampa da Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center (che ha commissionato la ricerca), che lancia un appello ai partiti affinché nei programmi elettorali inseriscano anche i temi legati ai diritti delle persone omosessuali. "Nel programma di M5s e in quello del centrodestra - ha detto Marrazzo - queste tematiche sono assenti, ora attendiamo quello del centrosinistra".

18:29Calcio: Conte fa catenaccio su Dzeko, non so nulla

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - Ore decisive per lo sbarco di Edin Dzeko a Londra, ma Antonio Conte preferisce fare catenaccio e non si sbilancia. Alla vigilia del ritorno della semifinale di Coppa di Lega contro l'Arsenal, il manager del Chelsea non ha voluto rivelare a che punto sia la trattativa per portare il bosniaco allo Stamford Bridge. "Non so nulla - si è schernito Conte -. Appena ci saranno novità sarà il club ad informarvi".

18:24Incidente Milano, domani lutto cittadino

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Domani in occasione della celebrazione dei funerali di Giuseppe Setzu, uno dei quattro operai morti nel tragico incidente alla 'Lamina Spa', a Milano sarà lutto cittadino. Lo ha reso noto Palazzo Marino. Alle esequie sarà presente il Civico Gonfalone e presso le sedi comunali le Bandiere Civiche saranno esposte a mezz'asta.(ANSA).

18:05Finmeccanica: caso Algeria, prosciolti Orsi e Spagnolini

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO, 23 GEN - Giuseppe Orsi, ex ad e presidente di Finmeccanica, e Bruno Spagnolini, ex numero uno di Agusta Westland sono stati prosciolti dall'accusa di frode fiscale riguardo alla vicende della fornitura di elicotteri al Governo dell'Algeria. Lo ha deciso il gup di Busto Arsizio Nicoletta Guerrero. "Dopo l'assoluzione in Appello a Milano nel processo per corruzione internazionale per la forniture al governo indiano - commenta la difesa - naufraga definitivamente anche l'ultima indagine promossa dalla procura bustese". (ANSA).

17:53Donna minaccia di darsi fuoco a Palazzo Giustizia La Spezia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - Una donna di origine albanese, a quanto risulta disperata per uno sfratto esecutivo, si è cosparsa di benzina e con un accendino tra le mani ha minacciato di darsi fuoco all'interno del Palazzo di Giustizia della Spezia. Gli agenti della polizia giudiziaria chiamati da alcuni avvocati sono riusciti a farla desistere. Il dramma è andato in scena al primo piano del palazzo, dove la donna si è cosparsa di liquido infiammabile ed è poi entrata nell'aula degli avvocati. Alcune persone presenti si sono subito accorte della situazione e hanno chiamato gli agenti di polizia giudiziaria che hanno iniziato a parlare alla donna cercando di farsi spiegare le ragioni del gesto. Alla fine, dopo alcuni interminabili momenti, la donna è stata convinta a desistere. E' stata quindi sottoposta ad un trattamento sanitario obbligatorio. (ANSA).

17:44Giorno memoria: danneggiata a Milano altra pietra inciampo

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - L'anno scorso successe alla pietra d'inciampo posata sul marciapiede di via Plinio a Milano per ricordare Dante Coen, deportato ad Auschwitz e ucciso a Buchenvald. Quest'anno ad essere danneggiata è stata la pietra d'inciampo posata in viale Lombardia 65 per Angelo Fiocchi, deportato a Mauthausen e assassinato nell'aprile 1945 ad Ebensee. La lastra in metallo che riporta il nome di Fiocchi, davanti alla sua casa, posizionata il 20 gennaio scorso, è stata graffiata a cercare di cancellare nome, deportazione e data della morte. (ANSA).

17:43Tennis: Australia, Wozniacki avanti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Caroline Wozniacki si è qualificata per le semifinali dell'Open d'Australia battendo per 6-0 6-7 6-2 la spagnola Carla Suarez Navarro. In semifinale la danese, testa di serie n.2 del torneo, affronterà la belga Elise Mertens che ha eliminato l'ucraina Elina Svitolina.

Archivio Ultima ora