Olimpiade Roma 1960: quando Forcella regaló il bronzo al Venezuela

Pubblicato il 15 agosto 2016 da redazione

Olimpiade Roma 1960: quando Forcella regaló il bronzo al Venezuela

Olimpiade Roma 1960: quando Forcella regaló il bronzo al Venezuela

CARACAS – La XVII edizione dei giochi olimpici si svolsero a Roma dal 25 agosto all’11 settembre 1960. La cittá eterna si era già aggiudicata l’onore di organizzare i Giochi Olimpici del 1908, ma a seguito dell’eruzione del Vesuvio del 1906 rinunciò a tale evento, cedendo l’onore dell’organizzazione alla città di Londra.

La scelta della capitale italiana come città ospitante fu presa dal Comitato Olimpico Internazionale riunitosi il 15 giugno 1955 a Roma. Le altre candidate erano: Losanna, Detroit, Budapest, Bruxelles, Città del Messico e Tokyo. La cittá eterna ebbe la meglio nell’ultimo ballottaggio contro la città di Losanna.

Alle olímpiadi di Roma parteciparono 5.352 atleti, 36 di questi provenienti dal Venezuela, quattro di loro erano di origine italiana: Norma Santini nella scherma, Franco Bonato e Bram Zanella nel tiro dalla fossa ed Enrico Forcella.

Il Venezuela per tornare a salire sul podio ha dovuto attendere ben due edizioni dei giochi olimpici. Nel 1960, l’italo-venezuelano Enrico Forcella è diventato il secondo ‘criollo’ ad appendersi al collo una medaglia (il primo era stato Asnoldo Devonish, nel salto triplo a Helsinki nel 1952), una di bronzo nella prova di tiro sportivo grazie ai suoi 587 punti. La gara fu vinta dal tedesco Pete Kohnke con 590 punti, seguito dallo statunitense James Hill con 589.

Forcella era abile con la carabina e il 10 settembre del 1960 si rese protagonista di una prova formidabile nel tiro dai 50 metri. Un lancio della France Press dell’epoca e che fu pubblicato da molti giornali diceva: “La gara olimpica di tiro è finita oggi e nell’ultimo giorno è toccato al Venezuela salvare l’onore degli atleti iberoamericani, grazie ad un’ottima dimostrazione di precisione da parte di Enrico Forcella Pelliccioni, che con 587 punti si è piazzato al terzo posto”.

L’italo-venezuelano, dicono le cronache di allora, forse sarebbe riuscito a vincere una medaglia di un metallo più pregiato se non ci fosse stato un colpo di vento a deviare i suoi tiri nella seconda manche. In tutti i turni precedenti aveva ottenuto 98 punti tranne in quello del famoso colpo di vento, dimostrando di avere un’ottima precisione.

Il ‘pistolero criollo’ al momento della sua partecipazione ai giochi di Roma aveva quasi 53 anni. Nato da genitori italiani nel Principato di Monaco il 18 ottobre del 1907, Forcella emigrò poi in Venezuela negli anni ’50.

Il suo primo contatto con questo sport avvenne all’età di 12 anni, salvo poi abbandonarlo. Dopo il suo arrivo in Venezuela, dove lavorò come ebanista, ricominciò a praticarlo. Il ritorno all’attività agonistica coincise con la partecipazione al mondiale della specialità disputatosi a Mosca nel ’58 dove si piazzò al terzo posto.

“Questa medaglia, non è mia. Ma di tutto il Venezuela” dichiarò all’epoca l’olimpionico di origini italiane.

Pom Pom, soprannome con cui era noto il campione, ha regalato tante soddisfazioni alla sua terra adottiva. Negli almanacchi dello sport venezuelano troviamo la medaglia d’oro vinta nei ‘Juegos Panamericanos’ che si svolsero a San Paolo, in Brasile. Oltre all’edizione dei giochi dei cinque cerchi nella Città eterna, Forcella partecipò ad altre due olimpiadi: Tokyo 1964 (15° nella classifica finale) e Messico 1968 (44°).

L’italo-venezuelano sará ricordato anche come uno dei migliori tiratori della storia non solo nella sua terra d’adozione, ma anche nello stivale: nel 1960 fu ospitato a Garfagnana, in provincia di Lucca.

In vita, il campione toscano ha sempre detto che la sua medaglia piú importante sono stati i figli.
Forcella, muore un 25 ottobre del 1989 a causa di una broncopolmonite in appena 10 giorni, aveva 82 anni. Sfortunatamente, come accade spesso, non molti in Venezuela conoscono le gesta di questo campione che ha dato tanto per la crescita di questo sport nel paese che lo ha ospitato.

Tra gli altri italo-venezuelani che hanno rappresentato la terra di Bolívar a Roma troviamo: Norma Santini, la schermitrice arrivò settima nella terza fase del torneo olimpico di fioretto. Mentre nella categoria a squadre addirittura sfiorò il podio.

Bram Zanella prese parte alla prova di tiro dalla fossa ed chiuse la gara al ventiduesimo posto. Dal canto suo Franco Bonatto dopo essersi qualificato si ritirò dalla competizione.

Fioravante De Simone

Ultima ora

17:04Falso allarme per pacco sospetto in piazza Duomo a Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Allarme, poi rivelatosi falso, per un pacco sospetto trovato dalla polizia municipale in piazza Duomo a Firenze, all'incrocio con via dei Servi. L'area è stata isolata, mentre sul posto sono arrivati gli artificieri che hanno aperto il pacco, una busta per la spesa in tela, con un cannoncino ad acqua. All'interno niente di pericoloso, ma solo un sacco a pelo.

17:01Tennis: Australia, Federer vince al rientro contro Melzer

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Sei mesi dopo la semifinale persa contro Raonic a Wimbledon, ultimo match ufficiale giocato, Roger Federer è rientrato nel circuito e lo ha fatto superando all'esordio l'austriaco Jurgen Melzer in quattro set (7-5, 3-6, 6-2, 6-2) dopo due ore e 5' di gioco. "Sono contendo di essere di nuovo su un campo da tennis - ha detto il fuoriclasse elvetico, vincitore di 17 Slam in carriera - Ogni partita è una partita positiva, indipendentemente dal risultato. In questi mesi mi sono riposato, ho visto persone che non vedevo da tanto, ho seguito i miei figli per casa". Prossimo avversario per lui lo statunitense Noah Rubin, 19enne di Long Island, numero 197 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni.

16:57Calcio: Zaza riparte da Valencia “Mi ha voluto più di tutti”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Dopo il "periodo difficile" in Inghilterra, Simone Zaza ha scelto la Liga e il Valencia ("la squadra che mi ha voluto più di tutti") per rilanciarsi. "Sono felice di essere qui - dice durante la presentazione - so che Prandelli mi voleva ma anche il club". Questo dopo l'esperienza in Premier, "dove - dice - sono andato con entusiasmo ma poi tutto è andato male fin dall'inizio con il West Ham. Ho pensato che fosse il calcio adatto alle mie caratteristiche ma la colpa è solo mia. Non ci sono andato con la testa giusta, è stata un'esperienza che ho vissuto molto male". Adesso però l'attaccante di proprietà della Juve (che lo ha girato in prestito al Valencia per 2 milioni, con obbligo di acquisto a 16 una volta superate le 10 presenze in campionato, e fermo restando che la squadra, oggi quart'ultima, non retroceda) volta pagina: "La cosa più importante ora è partire bene, concentrato, poi le cose vengono da sole e mettere punti in cascina".

16:53Maltempo: clochard trovato morto nell’Agrigentino

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 16 GEN - Il maltempo fa una vittima a Canicattì, nell'Agrigentino, dove un uomo di 53 anni, che da tempo viveva in strada, è stato trovato senza vita dai carabinieri allertati da alcuni passanti che in piazza Vespri avevano notato il corpo esanime. La causa più accreditata è quella del decesso per il freddo: a Canicattì, che si trova in un'area interna, a una trentina di chilometri dalla costa, la temperatura è abbastanza rigida. La salma è stata trasportata alla camera mortuaria.

16:53Disincagliata nave Livorno, in bacino per riparazione

(ANSA) - LIVORNO, 16 GEN - È ormeggiata dalle 3.45 di oggi in bacino al porto di Livorno la nave Sigma, che si era incagliata venerdì su un basso fondale di fronte alla spiaggia dei Tre ponti. La nave rimarrà in bacino fino a quando non saranno ripristinate tutte le eventuali avarie, dopo che sarà esaminato lo scafo con l'ausilio di sommozzatori. Spetterà poi agli ispettori per la sicurezza della navigazione e al registro di classifica dare il nullaosta per la navigabilità della nave che in ogni caso è sotto sequestro e a disposizione dell'autorità giudiziaria che ha aperto un fascicolo, in parallelo alla inchiesta amministrativa coordinata dalla capitaneria di porto che dovrà stabilire, svolte le indagini e sentito anche l'equipaggio, le cause dell'incidente e accettare le eventuali responsabilità. (ANSA).

16:43Mafia Roma, Salvatore Romeo potrà testimoniare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il tribunale di Roma ha ammesso come testimone nel processo a Mafia Capitale, l'ex capo della segreteria politica della sindaca Raggi, Salvatore Romeo, mentre si è riservato al termine all'esito dell'istruttoria dibattimentale per quanto riguarda la citazione di Paola Muraro, ex assessore all'ambiente della giunta guidata dagli M5S. e indagata in un altro procedimento. La richiesta di citazione per i due era stata sollecitata dai difensori di Salvatore Buzzi, gli avvocati Pier Gerardo Santoro e Alessandro Diddi.

16:33Maltempo: scuole chiuse nel sassarese per gelo e neve

(ANSA) - SASSARI, 16 GEN - L'ondata di neve e gelo che sta attanagliando la Sardegna in queste ore, costringe le scuole alla chiusura in molti centri della provincia di Sassari. In seguito all'estensione dell'allerta meteo fino a mercoledì 18 gennaio, numerosi sindaci del nord dell'Isola hanno deciso di tenere chiusi gli istituti scolastici per evitare ulteriori disagi e rischi alla popolazione. In particolare, oggi e per i prossimi due giorni, l'attività è stata sospesa nei comuni di Bono, Bultei, Villanova Monteleone, Nughedu San Nicolò, Romana. I sindaci di questi paesi hanno emesso delle ordinanze specifiche con cui dispongono la chiusura delle scuole in seguito alle nevicate di ieri e al perdurare dell'allerta che interesserà il territorio anche nelle giornate di domani e di mercoledì, quando sono previste ulteriori gelate e nevicate, anche a basse quote. (ANSA).

Archivio Ultima ora