Olimpiade Roma 1960: quando Forcella regaló il bronzo al Venezuela

Pubblicato il 15 agosto 2016 da redazione

Olimpiade Roma 1960: quando Forcella regaló il bronzo al Venezuela

Olimpiade Roma 1960: quando Forcella regaló il bronzo al Venezuela

CARACAS – La XVII edizione dei giochi olimpici si svolsero a Roma dal 25 agosto all’11 settembre 1960. La cittá eterna si era già aggiudicata l’onore di organizzare i Giochi Olimpici del 1908, ma a seguito dell’eruzione del Vesuvio del 1906 rinunciò a tale evento, cedendo l’onore dell’organizzazione alla città di Londra.

La scelta della capitale italiana come città ospitante fu presa dal Comitato Olimpico Internazionale riunitosi il 15 giugno 1955 a Roma. Le altre candidate erano: Losanna, Detroit, Budapest, Bruxelles, Città del Messico e Tokyo. La cittá eterna ebbe la meglio nell’ultimo ballottaggio contro la città di Losanna.

Alle olímpiadi di Roma parteciparono 5.352 atleti, 36 di questi provenienti dal Venezuela, quattro di loro erano di origine italiana: Norma Santini nella scherma, Franco Bonato e Bram Zanella nel tiro dalla fossa ed Enrico Forcella.

Il Venezuela per tornare a salire sul podio ha dovuto attendere ben due edizioni dei giochi olimpici. Nel 1960, l’italo-venezuelano Enrico Forcella è diventato il secondo ‘criollo’ ad appendersi al collo una medaglia (il primo era stato Asnoldo Devonish, nel salto triplo a Helsinki nel 1952), una di bronzo nella prova di tiro sportivo grazie ai suoi 587 punti. La gara fu vinta dal tedesco Pete Kohnke con 590 punti, seguito dallo statunitense James Hill con 589.

Forcella era abile con la carabina e il 10 settembre del 1960 si rese protagonista di una prova formidabile nel tiro dai 50 metri. Un lancio della France Press dell’epoca e che fu pubblicato da molti giornali diceva: “La gara olimpica di tiro è finita oggi e nell’ultimo giorno è toccato al Venezuela salvare l’onore degli atleti iberoamericani, grazie ad un’ottima dimostrazione di precisione da parte di Enrico Forcella Pelliccioni, che con 587 punti si è piazzato al terzo posto”.

L’italo-venezuelano, dicono le cronache di allora, forse sarebbe riuscito a vincere una medaglia di un metallo più pregiato se non ci fosse stato un colpo di vento a deviare i suoi tiri nella seconda manche. In tutti i turni precedenti aveva ottenuto 98 punti tranne in quello del famoso colpo di vento, dimostrando di avere un’ottima precisione.

Il ‘pistolero criollo’ al momento della sua partecipazione ai giochi di Roma aveva quasi 53 anni. Nato da genitori italiani nel Principato di Monaco il 18 ottobre del 1907, Forcella emigrò poi in Venezuela negli anni ’50.

Il suo primo contatto con questo sport avvenne all’età di 12 anni, salvo poi abbandonarlo. Dopo il suo arrivo in Venezuela, dove lavorò come ebanista, ricominciò a praticarlo. Il ritorno all’attività agonistica coincise con la partecipazione al mondiale della specialità disputatosi a Mosca nel ’58 dove si piazzò al terzo posto.

“Questa medaglia, non è mia. Ma di tutto il Venezuela” dichiarò all’epoca l’olimpionico di origini italiane.

Pom Pom, soprannome con cui era noto il campione, ha regalato tante soddisfazioni alla sua terra adottiva. Negli almanacchi dello sport venezuelano troviamo la medaglia d’oro vinta nei ‘Juegos Panamericanos’ che si svolsero a San Paolo, in Brasile. Oltre all’edizione dei giochi dei cinque cerchi nella Città eterna, Forcella partecipò ad altre due olimpiadi: Tokyo 1964 (15° nella classifica finale) e Messico 1968 (44°).

L’italo-venezuelano sará ricordato anche come uno dei migliori tiratori della storia non solo nella sua terra d’adozione, ma anche nello stivale: nel 1960 fu ospitato a Garfagnana, in provincia di Lucca.

In vita, il campione toscano ha sempre detto che la sua medaglia piú importante sono stati i figli.
Forcella, muore un 25 ottobre del 1989 a causa di una broncopolmonite in appena 10 giorni, aveva 82 anni. Sfortunatamente, come accade spesso, non molti in Venezuela conoscono le gesta di questo campione che ha dato tanto per la crescita di questo sport nel paese che lo ha ospitato.

Tra gli altri italo-venezuelani che hanno rappresentato la terra di Bolívar a Roma troviamo: Norma Santini, la schermitrice arrivò settima nella terza fase del torneo olimpico di fioretto. Mentre nella categoria a squadre addirittura sfiorò il podio.

Bram Zanella prese parte alla prova di tiro dalla fossa ed chiuse la gara al ventiduesimo posto. Dal canto suo Franco Bonatto dopo essersi qualificato si ritirò dalla competizione.

Fioravante De Simone

Ultima ora

11:37Netanyahu, ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 GEN - Benyamin Netanyahu ha definito "una buona cosa" la decisione Usa di tagliare i fondi all'Unrwa (l'agenzia Onu per i profughi palestinesi) e si è detto fiducioso che Trump sposterà l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme "molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno". La mossa Usa - ha detto in viaggio in India ai media israeliani - "è la prima volta di una sfida all'Unrwa, dopo 70 anni. Un'agenzia che perpetua la narrativa palestinese e la cancellazione del sionismo... E' una buona cosa che si siano mossi in avanti e che abbiano sfidato questa istituzione". Per quanto riguarda l'ambasciata, Netanyahu ha sottolineato che "si muoverà molto più velocemente di quanto si pensi, un anno da oggi". (ANSAmed).

11:31Ciclismo: Vuelta di San Juan, i convocati di Cassani

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Dal 21 al 28 gennaio, in Argentina, è in programma la 36/a Vuelta di San Juan. Per questa gara a tappe, il coordinatore delle squadre nazionali, Davide Cassani, su indicazione del ct Marino Amadori, ha convocato i seguenti corridori: Mattia Bais, Federico Burchio, Filippo Calderaro, Leonardo Fedrigo, Filippo Rocchetti, Attilio Viviani. Alla corsa argentina parteciperanno 26 team, sette dei quali fanno parte del World tour, cinque sono Uci Professional, sette Continental, oltre ad altrettante rappresentative nazionali. Al via anche Vincenzo Nibali.

11:27Maltempo: Livorno, vento forte,interrotti collegamenti isole

(ANSA) - LIVORNO, 17 GEN - Interrotti i collegamenti con le isole minori a causa del forte vento di Libeccio che sferza la costa Livornese, e numerosi interventi dei vigili del fuoco in città e all'isola D'Elba. A causa del forte vento in nottata lo Star Kinn, un cargo porta cellulosa ormeggiato all'alto fondale ha rotto gli ormeggi danneggiando nell'urto la banchina e lo scafo. La punta massima registrata a Livorno è stata di 65 nodi, circa 120 km/h alle 6.10 di stamani. Sospeso anche il collegamento con Capraia e alle 5.00, come confermano dalla capitaneria di Portoferraio, sono stati interrotti i collegamenti dei traghetti anche con l'isola d'Elba. Gli interventi dei vigili del fuoco al momento sono concentrati nel centro di Livorno, anche con disagi alla circolazione per la chiusura al traffico di un tratto del viale Italia, e sull'Isola d'Elba.

11:21Uccisa in parco Milano, c’è video e foto sospetto assassino

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre scorso. Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla decisione della Squadra mobile di diffondere il video e la foto che immortalano il killer. Un tentativo degli investigatori e della procura per accelerare le indagini con la speranza che qualcuno lo riconosca. Sarà fornita, inoltre, la foto della collanina strappata alla donna e che, secondo la ricostruzione, avrebbe spinto l'uomo ad aggredirla. L'autopsia sulla Negri ha decretato che l'assassino ha colpito una sola volta e di punta la carotide ma il medico legale si è riservato di spiegare nella relazione (da consegnerà entro 60 giorni) se la morte è avvenuta per dissanguamento, per soffocamento (il sangue avrebbe riempito i polmoni della vedova) o per infarto.

11:16Maltempo:pioggia e forti raffiche vento, disagi a Catanzaro

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Forti raffiche di vento e pioggia a tratti intensa stanno creando numerosi disagi a Catanzaro e in provincia. Tante le richieste di intervento giunte già dalla tarda serata di ieri alla sala operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco del capoluogo. In particolare le squadre sono impegnate per alberi abbattuti e finiti su auto in sosta, rimozione di ostacoli, cartelloni e pannelli pubblicitari divelti. Due squadre sono impegnate per la messa in sicurezza di alcune lamiere divelte sulla facciata del teatro Politeama. Sono segnalate anche delle mareggiate sulle coste. Precipitazioni si registrano un po' in tutta la regione anche se al momento, fa sapere la Protezione civile regionale, non si registrano criticità.(ANSA).

10:56Tennis: Australia, Seppi passa al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Passa al terzo turno Andreas Seppi agli Australian Open. Il 33enne altoatesino, numero 76 della classifica mondiale e fresco reduce dal successo nel challenger di Canberra, ha superato oggi in tre set il giapponese Yoshihito Nishioka, con il punteggio di 6-1 6-3 6-4 in poco meno di due ore di gioco. Un match sempre dominato in cui Andreas ha sempre tenuto a distanza il 22enne rivale, numero 168 del ranking. Nel terzo parziale Seppi ha annullato una pericolosa palla break sul 4-4, quindi sul 5-4 ha strappato il servizio al rivale chiudendo la pratica. Una buona notizia anche in chiave Davis visto che Nishioka potrebbe essere avversario dell'Italia nella sfida con il Giappone in programma nel primo week end di febbraio a Morioka.

10:51Mafia: sequestrate 5 aziende a Gela, per oltre 1 mln euro

(ANSA) - GELA (CALTANISSETTA), 17 GEN - La direzione investigativa antimafia di Caltanissetta sta eseguendo a Gela il sequestro di cinque aziende riconducibili, secondo l'accusa, alla famiglia mafiosa dei Rinzivillo. Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale nisseno su richiesta della procura. Indagini su operazioni bancarie e accertamenti patrimoniali hanno permesso, secondo i magistrati, di scoprire i prestanome e i ruoli svolti nelle cinque società che operavano "nella fornitura di manodopera altamente specializzata nel settore degli impianti petroliferi in tutta Italia e all'estero".

Archivio Ultima ora