Louisiana in ginocchio per le alluvioni, almeno 10 morti

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

A handout picture provided by the US Coast Guard on 16 August 2016 shows members of the Coast Guard rescuing residents, during the flooding in Baton Rouge, Louisiana, USA, 14 August 2016. At least six people died and over 20,000 people had to be evacuated from their homes as 'historic' flooding hits large parts of Louisiana, media reported.  EPA/BRANDON GILES/US COAST GUARD/HANDOUT

A handout picture provided by the US Coast Guard on 16 August 2016 shows members of the Coast Guard rescuing residents, during the flooding in Baton Rouge, Louisiana, USA, 14 August 2016. At least six people died and over 20,000 people had to be evacuated from their homes as ‘historic’ flooding hits large parts of Louisiana, media reported. EPA/BRANDON GILES/US COAST GUARD/HANDOUT

NEW YORK. – La Louisiana è di nuovo vittima del clima killer, con il peggior disastro dai tempi dell’uragano Katrina, che ha devastato New Orleans nel 2005. A mettere in ginocchio lo stato del sud è un’alluvione, secondo gli esperti la più grave degli ultimi decenni, che ha già causato la morte di almeno dieci persone, mentre altre 20mila sono state costrette ad abbandonare le proprie case e 30mila sono state tratte in salvo dai soccorritori.

“E’ un disastro enorme”, ha detto Craig Fugate, il capo della Fema, la protezione civile americana. Le inondazioni sono iniziate giovedì scorso, ma la situazione può ancora peggiorare, poiché i meteorologi prevedono piogge e temporali per tutto il resto della settimana. E il presidente Barack Obama ha già dichiarato lo stato di emergenza federale.

Secondo i dati forniti dal governatore della Louisiana, John Bel Edwards, sono in tutto 40mila le case colpite in modo più o meno grave. Le contee nella zona meridionale dello Stato sono state sommerse da più di 50 centimetri di pioggia, e nella sola capitale Baton Rouge il 12% delle abitazioni è stato dichiarato inagibile.

Il disastro ha costretto la chiusura delle scuole a East Baton Rouge, Livingston, St. James e Tangipahoa, oltre alla Louisiana State University. Il governatore ha schierato la Guardia Nazionale dello Stato, mobilitando 1.700 soldati per aiutare nelle operazioni di ricerca e soccorso.

Tra gli sfollati c’è anche Jessica May, che nel 2005 era stata costretta a fuggire da New Orleans a causa dell’uragano Katrina e aveva deciso di rifarsi una vita a Baton Rouge. La donna viveva nella casa dei genitori del fidanzato con lui e i sei figli dopo che un incendio aveva distrutto la loro abitazione, ma il 13 agosto è stata costretta a scappare di nuovo per l’alluvione.

“I vicini ci hanno svegliato alle sei del mattino e siamo dovuti fuggire senza preavviso – ha spiegato alla Cnn – Avevo paura, ho pensato ‘come faremo a uscire da questa situazione?’ “.

Intanto, sulla costa orientale degli Stati Uniti, è il caldo a creare problemi in numerosi stati, da New York alla Pennsylvania. Proprio in quest’ultimo sono già morte quattro persone, e secondo il National Weather Service le temperature rimarranno bollenti almeno sino a tutta la giornata.

I media statunitensi hanno confermato che tre persone sono decedute durante il fine settimana, mentre un’altra vittima ha perso la vita ieri: sono due uomini di 72 e 59 anni, e due donne di 82 e 67 anni. Pare che queste ultime soffrissero di malattie cardiovascolari, mentre il 72enne di diabete, ipertensione e obesità.

(di Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

17:35Oltre 1000 migranti nel gelo di Belgrado

(ANSA) - BELGRADO, 16 GEN - Il commissariato serbo per l'assistenza ai profughi ha rinnovato oggi l'appello ai migranti che restano accampati al gelo a Belgrado e nel resto della Serbia ad accettare la sistemazione nei centri di accoglienza dove, ha sottolineato, c'è posto per tutti e nei centri vengono garantiti un posto al caldo, tre pasti al giorno e assistenza medica. A Belgrado, secondo il commissariato, sono ancora oltre mille i migranti e profughi che bivaccano praticamente all'aperto e al gelo nella zona della stazione degli autobus, a ridosso del centro della capitale, accampati in locali e magazzini abbandonati, parcheggi coperti e tende malmesse. Gran parte di loro non accetta di andare nei centri di accoglienza per timore di essere registrati e trasferiti a sud al confine con Macedonia e Bulgaria, e di essere quindi poi rimandati nei Paesi di provenienza. In soccorso dei migranti che ancora resistono al freddo a Belgrado sono mobilitate ong e organizzazioni umanitarie internazionali.

17:04Falso allarme per pacco sospetto in piazza Duomo a Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Allarme, poi rivelatosi falso, per un pacco sospetto trovato dalla polizia municipale in piazza Duomo a Firenze, all'incrocio con via dei Servi. L'area è stata isolata, mentre sul posto sono arrivati gli artificieri che hanno aperto il pacco, una busta per la spesa in tela, con un cannoncino ad acqua. All'interno niente di pericoloso, ma solo un sacco a pelo.

17:01Tennis: Australia, Federer vince al rientro contro Melzer

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Sei mesi dopo la semifinale persa contro Raonic a Wimbledon, ultimo match ufficiale giocato, Roger Federer è rientrato nel circuito e lo ha fatto superando all'esordio l'austriaco Jurgen Melzer in quattro set (7-5, 3-6, 6-2, 6-2) dopo due ore e 5' di gioco. "Sono contendo di essere di nuovo su un campo da tennis - ha detto il fuoriclasse elvetico, vincitore di 17 Slam in carriera - Ogni partita è una partita positiva, indipendentemente dal risultato. In questi mesi mi sono riposato, ho visto persone che non vedevo da tanto, ho seguito i miei figli per casa". Prossimo avversario per lui lo statunitense Noah Rubin, 19enne di Long Island, numero 197 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni.

16:57Calcio: Zaza riparte da Valencia “Mi ha voluto più di tutti”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Dopo il "periodo difficile" in Inghilterra, Simone Zaza ha scelto la Liga e il Valencia ("la squadra che mi ha voluto più di tutti") per rilanciarsi. "Sono felice di essere qui - dice durante la presentazione - so che Prandelli mi voleva ma anche il club". Questo dopo l'esperienza in Premier, "dove - dice - sono andato con entusiasmo ma poi tutto è andato male fin dall'inizio con il West Ham. Ho pensato che fosse il calcio adatto alle mie caratteristiche ma la colpa è solo mia. Non ci sono andato con la testa giusta, è stata un'esperienza che ho vissuto molto male". Adesso però l'attaccante di proprietà della Juve (che lo ha girato in prestito al Valencia per 2 milioni, con obbligo di acquisto a 16 una volta superate le 10 presenze in campionato, e fermo restando che la squadra, oggi quart'ultima, non retroceda) volta pagina: "La cosa più importante ora è partire bene, concentrato, poi le cose vengono da sole e mettere punti in cascina".

16:53Maltempo: clochard trovato morto nell’Agrigentino

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 16 GEN - Il maltempo fa una vittima a Canicattì, nell'Agrigentino, dove un uomo di 53 anni, che da tempo viveva in strada, è stato trovato senza vita dai carabinieri allertati da alcuni passanti che in piazza Vespri avevano notato il corpo esanime. La causa più accreditata è quella del decesso per il freddo: a Canicattì, che si trova in un'area interna, a una trentina di chilometri dalla costa, la temperatura è abbastanza rigida. La salma è stata trasportata alla camera mortuaria.

16:53Disincagliata nave Livorno, in bacino per riparazione

(ANSA) - LIVORNO, 16 GEN - È ormeggiata dalle 3.45 di oggi in bacino al porto di Livorno la nave Sigma, che si era incagliata venerdì su un basso fondale di fronte alla spiaggia dei Tre ponti. La nave rimarrà in bacino fino a quando non saranno ripristinate tutte le eventuali avarie, dopo che sarà esaminato lo scafo con l'ausilio di sommozzatori. Spetterà poi agli ispettori per la sicurezza della navigazione e al registro di classifica dare il nullaosta per la navigabilità della nave che in ogni caso è sotto sequestro e a disposizione dell'autorità giudiziaria che ha aperto un fascicolo, in parallelo alla inchiesta amministrativa coordinata dalla capitaneria di porto che dovrà stabilire, svolte le indagini e sentito anche l'equipaggio, le cause dell'incidente e accettare le eventuali responsabilità. (ANSA).

16:43Mafia Roma, Salvatore Romeo potrà testimoniare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il tribunale di Roma ha ammesso come testimone nel processo a Mafia Capitale, l'ex capo della segreteria politica della sindaca Raggi, Salvatore Romeo, mentre si è riservato al termine all'esito dell'istruttoria dibattimentale per quanto riguarda la citazione di Paola Muraro, ex assessore all'ambiente della giunta guidata dagli M5S. e indagata in un altro procedimento. La richiesta di citazione per i due era stata sollecitata dai difensori di Salvatore Buzzi, gli avvocati Pier Gerardo Santoro e Alessandro Diddi.

Archivio Ultima ora