Per la manovra si punta a flessibilità Ue. Nodo referendum

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

(LtoR) Dutch Prime minister Mark Rutte, German Chancellor Angela Merkel, EU Commission President Jean Claude Juncker, European Central Bank chief Mario Draghi, French President Francois Hollande, Spanish Prime minister Mariano Rajoy, Greek Prime Minister Alexis Tsipras and Italian Prime Minister Matteo Renzi attend to an Eurozone Summit meeting at the EU headquarters in Brussels on July 7, 2015. Eurozone nations showed the "political will" to help Greece reach a bailout deal at emergency talks in Brussels despite a referendum that rejected creditors' terms, new Greek finance minister Euclid Tsakalotos said. AFP PHOTO/ JOHN THYS        (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

(LtoR) Dutch Prime minister Mark Rutte, German Chancellor Angela Merkel, EU Commission President Jean Claude Juncker, European Central Bank chief Mario Draghi, French President Francois Hollande, Spanish Prime minister Mariano Rajoy, Greek Prime Minister Alexis Tsipras and Italian Prime Minister Matteo Renzi attend to an Eurozone Summit meeting at the EU headquarters in Brussels on July 7, 2015. Eurozone nations showed the “political will” to help Greece reach a bailout deal at emergency talks in Brussels despite a referendum that rejected creditors’ terms, new Greek finance minister Euclid Tsakalotos said. AFP PHOTO/ JOHN THYS (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

ROMA. – Il peggioramento del dato sulla crescita (ferma a zero a giugno) costringerà il governo a vedere al rialzo il deficit 2017 che dall’1,8% ipotizzato potrebbe arrivare oltre il 2%. Pur restando sotto il 3% si restringerebbe dunque il margine di manovra del governo che proprio sulla possibilità di ritoccare il deficit aveva iniziato a fare i suoi calcoli per la prossima Legge di Bilancio.

L’esecutivo punterebbe così ad ottenere nuovi margini di flessibilità dopo che già per il 2016 aveva utilizzato la clausola sui migranti e quella sull’output gap. E si parla di una cifra intorno ai 10 miliardi da recuperare (circa la metà dell’intera manovra che viaggerebbe così sui 20 miliardi).

Ma è piccola cifra considerato che solo per sminare la clausola di salvaguardia (che non ci sarà più con la riforma del bilancio) sull’Iva ci vorranno 15 miliardi circa.

Da Bruxelles prendono tempo e replicano alle voci di nuove richieste italiane con un laconico ‘no comment’ rinviando il giudizio ad ottobre quando la manovra arriverà sui tavoli europei nero su bianco.

“Non commentiamo su nessun potenziale impatto o annunci riportati sul bilancio” – dice un portavoce della Commissione Ue – perchè l’Italia come è il caso per tutti gli altri stati membri dell’eurozona, dovrà presentare la sua bozza di bilancio” per il 2017 più avanti, “a ottobre”.

E da qui ad ottobre ci sarà tempo per vedere gli spazi di manovra. Un primo contatto potrebbe essere già nei prossimi giorni a Ventotene quando il premier, Matteo Renzi, potrà sondare il terreno con la partner europea più rigida sulle richieste di flessibilità: Angela Merkel.

Ma più di ogni altra cosa in questo momento ciò che potrebbe del tutto cambiare le carte in tavola è il risultato del referendum costituzionale che dovrebbe tenersi a fine ottobre o al più tardi all’inizio di novembre. Cioè proprio mentre la manovra è incardinata in Parlamento.

E’ evidente che una sconfitta della riforma voluta dall’esecutivo ribalterebbe le carte in tavola. Anche perchè la manovra, dalle prime voci circolate, potrebbe essere declinata in diversi step. Come nel caso del corposo pacchetto pensioni: l’intero ‘pacchetto’ varrebbe fino a 2,5 miliardi. Risorse che però a questo punto appare difficile reperire subito visto il rallentamento dell’economia.

Per questo è sempre più probabile che le misure vengano realizzate in due tempi: una parte con la prossima manovra già a ottobre, per assicurarne l’operatività già da inizio 2017, e l’altra in primavera. Anche perchè il nodo da sciogliere è ancora politico con i sindacati che, sul fronte flessibilità in uscita, guardano di traverso l’ipotesi del prestito per l’uscita anticipata e che, soprattutto, chiedono molte più risorse degli 1,5 miliardi circolati in questi giorni.

Tra le misure si conferma un intervento sull’Ires per le aziende, diverse ipotesi anche sull’Irap (con sgravi selettivi per favorire l’innovazione) mentre, allo stato, nessuno parla più di un intervento sull’Irpef. Ma una nuova ‘rogna’ per l’esecutivo torna a far discutere: i rinnovi dei contratti della P.a. che da soli varrebbero circa 7 miliardi.

Ultima ora

18:36Auto: Ogier vince rally Montecarlo

(ANSA) - MONTECARLO, 22 GEN - Per il francese Sebastien Ogier il Mondiale rally, di cui è campione in carica, comincia nel migliore dei modi. Il quattro volte iridato ha infatti vinto l'85/a edizione del rally di Montecarlo, cogliendo anche il 39/o successo in carriera, il quarto consecutivo nel Principato e il primo con il suo nuovo team, la Ford Fiesta M Team 'griffata' Red Bull. Ogier riporta così riporta la Ford sul gradino più alto del podio a cinque anni dall'ultima vittoria in una prova del Mondiale rally. Sotto la neve e sulle strade ghiacciate delle Alpi francesi, al termine dell'ultima frazione il francese ha preceduto di 2'15'' il finlandese Jari-Matti Latvala con la Toyota, al debutto iridato con la Yaris, mentre al terzo posto si è piazzato l'estone Otto Tanak, su Ford Fiesta. Ad agevolare la vittoria di Ogier è stato il fatto che il leader della classifica fino a ieri, il belga della Hyundai Thierry Neuville, è uscito di strada nell'ultima 'speciale' rompendo una sospensione e quindi compromettendo la sua prova.

18:32Calcio: Serie A, Inter vince a Palermo e ora è quinta

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - L'Inter conquista a Palermo la sesta vittoria di fila in campionato grazie ad una rete di Joao Mario, che condanna il Palermo e porta i nerazzurri al quinto posto, davanti al Milan che però deve recuperare una partita. Vince in trasferta anche il Sassuolo, 3-1 a Pescara con una doppietta di Matri. Gli abruzzesi, come i rosanero, sono ormai in una situazione disperata che dividono col Crotone, nonostante il 2-2 conquistato dai calabresi sul campo del Genoa. Finisce 1-0 Empoli-Udinese. I toscani, quart'ultimi, hanno ben 11 punti di vantaggio sulla coppia Crotone-Palermo e 12 sul Pescara, ultimo.

18:32Pugilato:A ‘Faccia d’angelo’ Moncelli tricolore superwelter

(ANSA) - ANDRIA, 22 GEN - Il pugliese Felice 'Faccia d'angelo' Moncelli è il nuovo campione italiano dei pesi superwelter. Ha conquistato il titolo, che era vacante, battendo ai punti con verdetto unanime (95-94, 96-92, 96-92) il corregionale Francesco 'il Gladiatore' Lezzi nel match disputato ieri notte sul ring del Palasport di Andria. La decisione a favore di Moncelli è stata molto contestata da una parte del pubblico, visto che dalla terza alla quinta ripresa il pugile di Corato era stato in balìa di Lezzi che lo ha centrato più volte con precisi diretti. Poi però, nel 7/o round, l'arbitro Terlizzi ha ritenuto necessario dare due richiami ufficiali per trattenuta a Lezzi, condizionando inevitabilmente il futuro dell'incontro.

18:31Tennis: Australia, fuori anche la Kerber,ora rischia scettro

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Domenica nera e da dimenticare per i numeri 1 del mondo agli Australian Open di Melbourne. Dopo Andy Murray, infatti, torna a casa anche la tedesca Angelique Kerber, regina della racchetta, che oggi ha sbattuto contro il muro dell'americana Coco VandeWeghe, numero 35 del mondo, che ha vinto in un'ora e 8 minuti 6-2 6-3. La tedesca dai tempi dal trionfo agli Us Open del 2016 (con conseguente conquista del trono mondiale) non ha più vinto un torneo e ha giocato una sola finale, alle Wta Finals di Singapore lo scorso ottobre (battuta dalla Cibulkova). Se Serena Williams vincerà il suo settimo Australian Open si riprenderà lo scettro. Sorridono, invece, la spagnola Garbine Muguruza, l'americana Venus Williams e la russa Anastasia Pavlyuchenkova promosse ai quarti, con quest'ultima che si è aggiudicata un po' a sorpresa il derby russo contro Svetlana Kuznetsova.

18:30Palestra e golf, il primo giorno da ‘cittadino’ di Obama

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Palestra, golf e relax. Barack Obama trascorre la sua prima giornata da cittadino a praticare il suo sport preferito, il golf, nell'esclusivo Porcupine Creek Golf Club di Rancho Mirage, in California, dove si trova per due settimane di vacanza con la famiglia. Obama e Michelle sono ospiti dell'ambasciatore James Costos e di suo marito, Michael Smith. Il club di golf e' di proprieta' dell'amministratore delegato di Oracle, il miliardario Larry Ellison, ed e' super esclusivo: vi si puo' accedere solo su invito. Prima di dedicarsi alle 18 buche, Obama e' andato in palestra. L'ex presidente e Michelle sono partiti per la California poco dopo il giuramento di Donald Trump, a bordo del jet presidenziale che si chiama Air Force One solo quando c'e' il presidente a o bordo.

18:25Maltempo: recuperata famiglia 4 persone a Acquasanta Terme

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 22 GEN - Continuano le operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni dell'entroterra ascolano isolate dalla neve. La notte scorsa, vigili del fuoco, esercito e guide alpine hanno recuperato una famiglia di 4 persone in località San Gregorio, nel comune di Acquasanta Terme. Per raggiungerla sono stati impiegati una turbina, un gatto delle nevi, due campagnole, un mezzo cingolato. La famiglia è stata accompagnata intorno alle 3 di notte nella caserma dei vigili del fuoco di Ascoli, dove è stata rifocillata con bevande e cibo caldi e dove è stata poi raggiunta da parenti. Assistite altre due persone, che però hanno preferito restare nella loro abitazione. I vigili del fuoco stanno consegnando con l'elicottero Drago 60 medicinali e beni di prima necessità a chi preferisce non abbandonare la propria casa. Un uomo e una donna sono stati tratti in salco in mattinata dai vigili del fuoco a Fleno, frazione di Acquasanta. Per l'uomo, in precarie condizioni di salute, è stato necessario l'utilizzo di una barella.

18:07Maltempo: rischio slavina, evacuazione frazione

(ANSA) - ACQUASANTA TERME (ASCOLI PICENO), 22 GEN - Un rischio slavina viene segnalato lungo la strada all'altezza di Cagnano, frazione di Acquasanta Terme. Conseguentemente è iniziata l'evacuazione della vicina frazione di Pomaro, i cui abitanti resterebbero bloccati. Il sindaco Sante Stangoni li ha avvisati e in molti vengono trasferiti in alberghi della costa, a Porto d'Ascoli. L'esercito sta bloccando l'accesso alla strada.

Archivio Ultima ora