Per la manovra si punta a flessibilità Ue. Nodo referendum

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

(LtoR) Dutch Prime minister Mark Rutte, German Chancellor Angela Merkel, EU Commission President Jean Claude Juncker, European Central Bank chief Mario Draghi, French President Francois Hollande, Spanish Prime minister Mariano Rajoy, Greek Prime Minister Alexis Tsipras and Italian Prime Minister Matteo Renzi attend to an Eurozone Summit meeting at the EU headquarters in Brussels on July 7, 2015. Eurozone nations showed the "political will" to help Greece reach a bailout deal at emergency talks in Brussels despite a referendum that rejected creditors' terms, new Greek finance minister Euclid Tsakalotos said. AFP PHOTO/ JOHN THYS        (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

(LtoR) Dutch Prime minister Mark Rutte, German Chancellor Angela Merkel, EU Commission President Jean Claude Juncker, European Central Bank chief Mario Draghi, French President Francois Hollande, Spanish Prime minister Mariano Rajoy, Greek Prime Minister Alexis Tsipras and Italian Prime Minister Matteo Renzi attend to an Eurozone Summit meeting at the EU headquarters in Brussels on July 7, 2015. Eurozone nations showed the “political will” to help Greece reach a bailout deal at emergency talks in Brussels despite a referendum that rejected creditors’ terms, new Greek finance minister Euclid Tsakalotos said. AFP PHOTO/ JOHN THYS (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

ROMA. – Il peggioramento del dato sulla crescita (ferma a zero a giugno) costringerà il governo a vedere al rialzo il deficit 2017 che dall’1,8% ipotizzato potrebbe arrivare oltre il 2%. Pur restando sotto il 3% si restringerebbe dunque il margine di manovra del governo che proprio sulla possibilità di ritoccare il deficit aveva iniziato a fare i suoi calcoli per la prossima Legge di Bilancio.

L’esecutivo punterebbe così ad ottenere nuovi margini di flessibilità dopo che già per il 2016 aveva utilizzato la clausola sui migranti e quella sull’output gap. E si parla di una cifra intorno ai 10 miliardi da recuperare (circa la metà dell’intera manovra che viaggerebbe così sui 20 miliardi).

Ma è piccola cifra considerato che solo per sminare la clausola di salvaguardia (che non ci sarà più con la riforma del bilancio) sull’Iva ci vorranno 15 miliardi circa.

Da Bruxelles prendono tempo e replicano alle voci di nuove richieste italiane con un laconico ‘no comment’ rinviando il giudizio ad ottobre quando la manovra arriverà sui tavoli europei nero su bianco.

“Non commentiamo su nessun potenziale impatto o annunci riportati sul bilancio” – dice un portavoce della Commissione Ue – perchè l’Italia come è il caso per tutti gli altri stati membri dell’eurozona, dovrà presentare la sua bozza di bilancio” per il 2017 più avanti, “a ottobre”.

E da qui ad ottobre ci sarà tempo per vedere gli spazi di manovra. Un primo contatto potrebbe essere già nei prossimi giorni a Ventotene quando il premier, Matteo Renzi, potrà sondare il terreno con la partner europea più rigida sulle richieste di flessibilità: Angela Merkel.

Ma più di ogni altra cosa in questo momento ciò che potrebbe del tutto cambiare le carte in tavola è il risultato del referendum costituzionale che dovrebbe tenersi a fine ottobre o al più tardi all’inizio di novembre. Cioè proprio mentre la manovra è incardinata in Parlamento.

E’ evidente che una sconfitta della riforma voluta dall’esecutivo ribalterebbe le carte in tavola. Anche perchè la manovra, dalle prime voci circolate, potrebbe essere declinata in diversi step. Come nel caso del corposo pacchetto pensioni: l’intero ‘pacchetto’ varrebbe fino a 2,5 miliardi. Risorse che però a questo punto appare difficile reperire subito visto il rallentamento dell’economia.

Per questo è sempre più probabile che le misure vengano realizzate in due tempi: una parte con la prossima manovra già a ottobre, per assicurarne l’operatività già da inizio 2017, e l’altra in primavera. Anche perchè il nodo da sciogliere è ancora politico con i sindacati che, sul fronte flessibilità in uscita, guardano di traverso l’ipotesi del prestito per l’uscita anticipata e che, soprattutto, chiedono molte più risorse degli 1,5 miliardi circolati in questi giorni.

Tra le misure si conferma un intervento sull’Ires per le aziende, diverse ipotesi anche sull’Irap (con sgravi selettivi per favorire l’innovazione) mentre, allo stato, nessuno parla più di un intervento sull’Irpef. Ma una nuova ‘rogna’ per l’esecutivo torna a far discutere: i rinnovi dei contratti della P.a. che da soli varrebbero circa 7 miliardi.

Ultima ora

16:07Incendi: fiamme in Valle di Susa, evacuate alcune borgate

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un incendio è divampato a Bussoleno, in Valle di Susa, nella frazione Campo Benetton. Le fiamme hanno raggiunto i 1.900 metri di quota, bruciando un centinaio di ettari di vegetazione. I vigili del fuoco, impegnati a domare il rogo, anche con l'ausilio di due canadair, hanno evacuato alcune borgate e tratto in salvo un'anziana da un casolare di Chianocco. La donna è stata prelevata dalla sua abitazione e portata via su un'auto dei carabinieri, costretta ad attraversare la strada in fiamme. Sul posto anche i carabinieri forestali di Bussoleno, impegnati a verificare l'eventuale presenza negli alpeggi della zona di allevatori. Ancora da stabilire le cause dell'incendio, alimentato dal forte vento.(ANSA).

16:01Calcio: Milan-Genoa, Bonucci espulso con la Var

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La prima volta di un cartellino rosso deciso dalla Var costa l'espulsione a Leonardo Bonucci. Il capitano del Milan è stato sanzionato al 23' pt dall'arbitro Giacomelli per una gomitata, inizialmente non vista, nell'area del Genoa al difensore rossoblu Aleandro Rosi.

15:58Renzi, spero sia scelto migliore, se vogliono Visco facciano

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Nella mozione Pd c'è un giudizio sul passato, ma per il futuro sceglierà Gentiloni. Io non ho nomi. Ho un profilo: vorrei che chiunque fosse scelto sia il migliore o la migliore possibile". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più". "Volete nominare Visco? Fatelo. Volete nominare un altro? Fatelo. Ma il giudizio su quanto accaduto deve essere il più laico possibile", sottolinea.

15:57Bankitalia: Renzi, rivendico sia merito che metodo

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Sia nel merito che nel metodo rivendico quanto fatto" con la mozione Pd su Bankitalia. Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più".

15:52Gb: all’asta l’ultimo quadro dipinto da Winston Churchill

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - Va all'asta l'ultimo dipinto realizzato da Winston Churchill: lo annuncia l'agenzia Pa citando un dirigente della celebre casa d'aste Sotheby's. L'opera, raro esempio d'arte 'astratta' nella produzione di sir Winston, s'intitola 'The Goldfish Pool At Chartwell'. Fu completata nel 1962 e donata poco prima della morte del primo ministro britannico della Vittoria (nel '65) al sergente Edmund Murray, sua storica guardia del corpo. Rievoca il luogo che Churchill definì "il più speciale al mondo" per rilassarsi durante la II guerra mondiale. Stando alle previsioni, dovrebbe essere aggiudicata per una cifra attorno alle 80.000 sterline, circa 90.000 euro. Pittore dilettante quanto prolifico, oltre che statista, storico, giornalista e premio Nobel per la letteratura, Churchill dipinse in un quarantennio - dopo essersi appassionato all'hobby del pennello a partire dagli anni '20, come strumento per uscire dalla depressione in un momento politico e personale buio - 544 fra acquerelli e altre opere.

15:38Catalogna: Dastis,molte immagini violenza polizia sono false

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Finora, molte delle immagini diffuse sono dei fake, se c'è stato uso della forza da parte della polizia è stato limitato e comunque rispettava le disposizioni delle autorità" per il rispetto della legge. Lo ha detto il ministro degli Esteri spagnolo Alfonso Dastis alla Bbc, rispondendo ad una domanda sulla violenza della polizia il primo ottobre in Catalogna, durante le operazioni di voto del referendum indipendentista. "Se c'è stato uso della forza, e alcune immagini in effetti lo testimoniano, non è stato deliberato, ma è stato provocato", ha aggiunto Dastis.

15:36Namibia: rivincita del rinoceronte, azzoppato un bracconiere

(ANSA) - IL CAIRO, 22 OTT - Un cacciatore di frodo ha avuto la peggio in una battuta al rinoceronte in un parco nazionale del nord della Namibia: è stato gravemente ferito ad una gamba dall'animale e poi arrestato. La vittoria del rinoceronte sul suo persecutore consumatasi nell'Etosha National Park è stata descritta dal sito del quotidiano "The Namibian" basandosi su informazioni della polizia di Kunene. L'uomo, Luteni Muharukua, di età imprecisata, era penetrato nel parco assieme ad altri bracconieri per cacciare rinoceronti. Mentre erano sulle tracce di un esemplare, l'altrimenti mansueto mammifero è "sbucato dal nulla e ha caricato" i criminali: nella fuga, Muharukua è caduto e il rinoceronte "lo ha gravemente ferito alla gamba". A minacciare l'esistenza di questi animali imponenti ma "dall'indole pacifica" è il commercio di corni che ha causato la morte della metà dei rinoceronti durante gli anni Settanta.

Archivio Ultima ora