Per la manovra si punta a flessibilità Ue. Nodo referendum

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

(LtoR) Dutch Prime minister Mark Rutte, German Chancellor Angela Merkel, EU Commission President Jean Claude Juncker, European Central Bank chief Mario Draghi, French President Francois Hollande, Spanish Prime minister Mariano Rajoy, Greek Prime Minister Alexis Tsipras and Italian Prime Minister Matteo Renzi attend to an Eurozone Summit meeting at the EU headquarters in Brussels on July 7, 2015. Eurozone nations showed the "political will" to help Greece reach a bailout deal at emergency talks in Brussels despite a referendum that rejected creditors' terms, new Greek finance minister Euclid Tsakalotos said. AFP PHOTO/ JOHN THYS        (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

(LtoR) Dutch Prime minister Mark Rutte, German Chancellor Angela Merkel, EU Commission President Jean Claude Juncker, European Central Bank chief Mario Draghi, French President Francois Hollande, Spanish Prime minister Mariano Rajoy, Greek Prime Minister Alexis Tsipras and Italian Prime Minister Matteo Renzi attend to an Eurozone Summit meeting at the EU headquarters in Brussels on July 7, 2015. Eurozone nations showed the “political will” to help Greece reach a bailout deal at emergency talks in Brussels despite a referendum that rejected creditors’ terms, new Greek finance minister Euclid Tsakalotos said. AFP PHOTO/ JOHN THYS (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

ROMA. – Il peggioramento del dato sulla crescita (ferma a zero a giugno) costringerà il governo a vedere al rialzo il deficit 2017 che dall’1,8% ipotizzato potrebbe arrivare oltre il 2%. Pur restando sotto il 3% si restringerebbe dunque il margine di manovra del governo che proprio sulla possibilità di ritoccare il deficit aveva iniziato a fare i suoi calcoli per la prossima Legge di Bilancio.

L’esecutivo punterebbe così ad ottenere nuovi margini di flessibilità dopo che già per il 2016 aveva utilizzato la clausola sui migranti e quella sull’output gap. E si parla di una cifra intorno ai 10 miliardi da recuperare (circa la metà dell’intera manovra che viaggerebbe così sui 20 miliardi).

Ma è piccola cifra considerato che solo per sminare la clausola di salvaguardia (che non ci sarà più con la riforma del bilancio) sull’Iva ci vorranno 15 miliardi circa.

Da Bruxelles prendono tempo e replicano alle voci di nuove richieste italiane con un laconico ‘no comment’ rinviando il giudizio ad ottobre quando la manovra arriverà sui tavoli europei nero su bianco.

“Non commentiamo su nessun potenziale impatto o annunci riportati sul bilancio” – dice un portavoce della Commissione Ue – perchè l’Italia come è il caso per tutti gli altri stati membri dell’eurozona, dovrà presentare la sua bozza di bilancio” per il 2017 più avanti, “a ottobre”.

E da qui ad ottobre ci sarà tempo per vedere gli spazi di manovra. Un primo contatto potrebbe essere già nei prossimi giorni a Ventotene quando il premier, Matteo Renzi, potrà sondare il terreno con la partner europea più rigida sulle richieste di flessibilità: Angela Merkel.

Ma più di ogni altra cosa in questo momento ciò che potrebbe del tutto cambiare le carte in tavola è il risultato del referendum costituzionale che dovrebbe tenersi a fine ottobre o al più tardi all’inizio di novembre. Cioè proprio mentre la manovra è incardinata in Parlamento.

E’ evidente che una sconfitta della riforma voluta dall’esecutivo ribalterebbe le carte in tavola. Anche perchè la manovra, dalle prime voci circolate, potrebbe essere declinata in diversi step. Come nel caso del corposo pacchetto pensioni: l’intero ‘pacchetto’ varrebbe fino a 2,5 miliardi. Risorse che però a questo punto appare difficile reperire subito visto il rallentamento dell’economia.

Per questo è sempre più probabile che le misure vengano realizzate in due tempi: una parte con la prossima manovra già a ottobre, per assicurarne l’operatività già da inizio 2017, e l’altra in primavera. Anche perchè il nodo da sciogliere è ancora politico con i sindacati che, sul fronte flessibilità in uscita, guardano di traverso l’ipotesi del prestito per l’uscita anticipata e che, soprattutto, chiedono molte più risorse degli 1,5 miliardi circolati in questi giorni.

Tra le misure si conferma un intervento sull’Ires per le aziende, diverse ipotesi anche sull’Irap (con sgravi selettivi per favorire l’innovazione) mentre, allo stato, nessuno parla più di un intervento sull’Irpef. Ma una nuova ‘rogna’ per l’esecutivo torna a far discutere: i rinnovi dei contratti della P.a. che da soli varrebbero circa 7 miliardi.

Ultima ora

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

22:15Calcio: Rafinha, voglio vincere dei titoli con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "Sono davvero molto felice, è una grande soddisfazione arrivare qui. E' una tappa importante della mia vita e ho tanta voglia di affrontare questa nuova fase della mia carriera. All'Inter sono passati tanti giocatori importanti, che hanno fatto la storia. Voglio fare del mio meglio e dare tutto per arrivare il più in alto possibile e vincere titoli con questi colori". Sono le prime parole di Rafinha da giocatore, rilasciate a Inter TV. "Cerco sempre di ottenere il massimo, voglio vincere più partite possibili e aiutare la squadra a raggiungere il nostro obiettivo, la Champions League", ha aggiunto. Rafinha, che vestirà la maglia numero 8, ritrova anche Mauro Icardi, compagno ai tempi della Cantera del Barcellona: "È sempre bello avere nel gruppo chi parla la tua lingua, conosco anche Mauro, ho giocato con lui. Mi ha dato subito una mano facendomi visitare il Centro Sportivo di Appiano Gentile".

22:12Calcio: 40 anni Buffon, France Football gli dedica copertina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Un regalo per i 40 anni di Gianluigi Buffon, che li compirà domenica prossima. France Football, nel suo numero in edicola domani, dedica la copertina e uno speciale di 16 pagine al portiere juventino e della Nazionale, definito, tra l'altro, un monumento del calcio. Lo speciale rievoca la lunga carriera del giocatore "fenomeno di longevità e di successo", che "pur ancora in piena attività è già diventato una leggenda del football mondiale" e un "modello per i colleghi, per le prestazioni e il comportamento". Non manca nello speciale una carrellata di auguri, a volte sorprendenti, di colleghi di tutto il mondo e l'interrogativo se il portiere azzurro sia da inserite tra i cinque più forti della storia.

Archivio Ultima ora