Rio 2016: l’italo-venezuelano Milano pedala per una medaglia

Pubblicato il 17 agosto 2016 da redazione

L’italo-venezuelano Milano pronto per portare a casa una medaglia

L’italo-venezuelano Milano pronto per portare a casa una medaglia

CARACAS – Terza apparizione a cinque cerchi per la BMX che, dopo gli esordi di Pechino e la conferma di Londra si appresta a far vivere altre grandi emozioni anche ai tifosi che saranno alle Olimpiadi di Rio 2016. Sei le medaglie da assegnare: prova maschile e prova femminile.

Uno dei protagonisti che andrá a caccia di una medaglia sará indubbiamente l’italo-venezuelano Jefferson Milano. Stando ai pronistici dei bookmakers questa di Rio sembra essere l’Olimpiade di Niek Kimmann. L’olandese, 20enne da pochi mesi, ha bruciato le tappe negli ultimi anni e si è lanciato spedito verso l’obiettivo del quadriennio: la medaglia d’oro a Cinque Cerchi.

Campione del mondo l’anno scorso a Zolder, si è confermato su livelli altissimi anche in questa stagione, dove ha sfiorato il titolo iridato e vinto quello nella prova cronometrata (che non è specialità olimpica). Grande rivale sembra essere il transalpino Joris Daudet, che si è preso l’oro mondiale proprio ai suoi danni pochi mesi fa in Colombia a Medellin. Altro concorrente da tenere d’occhio assolutamente è il britannico Liam Phillips, detentore della Coppa del Mondo: da dimenticare la delusione di Londra 2012, a 27 anni ha la maturità giusta per agguantare il podio.

Ma c’é un campione che sogna d’intromettersi e appendersi al collo una delle medaglie messe in palio, é l’italo-venezuelano Jefferson Milano. Il campione nato 20 anni fa a Caracas, attualmente é al 43 posto nel ranking mondiale della UCI con 405, punteggio che gli ha permesso di entrare nell’olimpo del suo sport.

Milano si presenta sulla pista di Rio come fresco campione latinoamricano di BMX: titolo ottenuto a Santiago de Cile. Questo biglietto da visita fa ben sperare in un esito positivo nella gara che si svolgerá oggi nella cittá brasiliana.

“Quando sono stato buttato in mezzo alla fossa dei leoni, sono riuscito ad avanzare e ad avere piú fiducia in me. I 32 partecipanti lotteremo fino all’ultima pedalata per portare a casa la medaglia d’oro. Mi sono preparato al massimo per portare a casa una medaglia” ha dichiarato la giovane promessa in un cominicato stampa.

Milano, ha scoperto l’amore verso questo sport alla tenera etá di 4 anni, iniziando a pedalare sul circuito La Frauga del municipio San Antonio de los Altos sotto la guida esperta di suo fratello Franklin Milano, anche lui atleta ed allenatore della specialitá ciclistica.

“Ho iniziato a praticare il BMX quando avevo 4 anni grazie a mio padre e mio fratello. Prima lo facevo come hobby, poi quando avevo 10 anni ho deciso di dedicarmi a questo sport. Il BMX mi ha cambiato la vita sotto tutti gli aspetti.”

Nel 2011, quando aveva 15 anni, Jefferson Milano ha vinto i suoi primi giochi giovanili. “Lí ho capito che il BMX era il mio sport. Con il mio allenatore (su fratello ndr) ci alleniamo tutti i giorni per raggiungere nuove mete e portare il piu alto possibile il nome del Venezuela” confessa Milano ad una emittente televisiva.

Nel suo palmares sportivo troviamo un settimo posto nella cronometro BMX dei Juegos Bolivarianos del 2013, un quinto posto nei Centroamericanos y del Caribe 2014 e un decimo posto nei Panamericani del 2015. L’unica prova dove il ciclista capitolino ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di un’infortunio é stata quella dei Sudamericanos del 2014.

Nonostante, quell’infortunio che l’ha mantenuto lontano dalle piste per tre mesi, Milano non nasconde il suo amore per questo sport. “Il bello dalla BMX é l’adrenalina e la forza con cui la mia bici mi fa decollare. Se Dio vuole, ho ancora tanti chilometri da percorrere nei giochi olimpici del 2020 e 2024. Appena torneró da Rio presenterò un progetto al ministero dello sport per far costruire una pista di categoria mondiale che potrebbe aiutarmi a crescere e far crescere nuovi talenti in questo sport” ha confessato Milano.

Oltre a Jefferson Milano, il Venezuela sará ben rappresentato nella BMX de Stefany Hernández che é alla sua seconda esperienza olimpica. La Hernández prima della gara di oggi ha dichiarato: “Voglio far rimbombare il Gloria al Bravo Pueblo sulla pista di Deodoro. Mi sento al top della forma. La pista la conosco molto bene, è la quinta volta che correrò qui, mi sento come a casa”.

Fioravante De Simone

Ultima ora

15:45Siria: autobomba in campo profughi, almeno 5 morti

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Almeno 5 persone sono rimaste uccise e 30 ferite oggi da un'autobomba in un campo di sfollati siriani sul confine con la Giordania, secondo fonti della sicurezza di Amman. Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'esplosione è avvenuta nei pressi del mercato centrale del campo di Al Raqban. Nella struttura è ospitata una fazione armata siriana, l'Esercito Al Ashair, sostenuta dalla Giordania per controllare la sicurezza nel campo e l'afflusso di rifugiati verso il Regno hashemita.

15:44Calcio: Udinese, Thereau gioca a Empoli “vogliamo carisma”

(ANSA) - UDINE, 21 GEN - "Thereau sta bene. E' della partita". Il tecnico dell'Udinese, Gigi Delneri, nella conferenza stampa della vigilia scioglie qualsiasi dubbio su un possibile impiego dell'attaccante francese, domani a Empoli. In settimana Thereau si è sottoposto a sedute di allenamento differenziato ''per recuperare questo tipo di malanno'', quello al ginocchio che ormai lo affligge da qualche tempo. Ma ieri e oggi si è ''allenato bene'' in gruppo. E quindi il tecnico friulano non è intenzionato a privarsi di quella che considera una delle pedine fondamentali della sua Udinese. "Per noi è importante avere giocatori di carisma; la squadra ha bisogno di gente che abbia impatto sulla partita importante", ha indicato. Pochi i dubbi del tecnico anche sulla formazione: "Non si discosta molto da quello di domenica scorsa. Stiamo bene. I giocatori che abbiamo a disposizione possono giocare tutti dal primo minuto". Il ballottaggio è tra Hallfredsson e Kums a centrocampo. Plauso agli uomini al lavoro a Rigopiano.

15:44Trump: donne in piazza a Milano contro neo presidente

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Anche a Milano donne in protesta contro il nuovo presidente americano Donald Trump. Circa un centinaio di manifestanti si sono radunate in piazza della Scala, di fronte a Palazzo Marino sede del Comune di Milano, per l'iniziativa 'Women's March' che oggi si tiene a Washington e in varie parti del mondo contro il neo presidente Usa, che ieri si è insediato ufficialmente. Le donne hanno dei cartelli con le scritte: 'Love not hate' (amore non odio), oppure 'Dump Trump' (butta via Trump), su altri viene riportato uno degli slogan della campagna della candidata democratica sconfitta alle elezioni Hillary Clinton, 'Women rights are human rights'. Tra le donne presenti in piazza, che si sono ritrovate anche tramite un passaparola sui social, ci sono anche alcune americane che vivono a Milano, in piazza "per lottare contro le discriminazioni, per i diritti delle minoranze che Trump calpesta", ha spiegato una di loro. (ANSA).

15:24Calcio: sfogo Balotelli “razzismo legale a Bastia? Vergogna”

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Vergogna davvero, una vera vergogna". Si chiude così il messaggio postato oggi da Mario Balotelli sul suo profilo Instagram per denunciare il comportamento razzista dei tifosi del Bastia nei suoi confronti durante la partita di ieri di Ligue 1 tra la squadra corsa e il suo Nizza, finita 1-1. "E' normale che i tifosi del Bastia abbiano fatto versi da scimmia e 'uh uh' per l'intera partita e nessuno della commissione disciplinare dica nulla? - scrive l'attaccante del Nizza - Dunque il razzismo è legale in Francia? O lo è solo a Bastia? Il calcio è un bello sport, ma persone come i tifosi del Bastia lo rendono orribile! Vergogna davvero. Una vera vergogna", conclude Balotelli, che accompagna allo sfogo una foto completamente nera.

15:19Bus ungherese: inchiesta per omicidio colposo plurimo

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Omicidio colposo plurimo stradale: è il titolo di reato del fascicolo contro ignoti aperto dalla procura della repubblica di Verona sull'incidente che ha causato la morte di 16 persone che erano a bordo del pullman ungherese partito ieri mattina dalla Francia per fare ritorno a Budapest dopo una vacanza scolastica sulle nevi. La procura veronese, nel rispetto delle questioni giudiziarie legate a quella che si annuncia come un'inchiesta complessa per stabilire le cause e le eventuali responsabilità dell'incidente, ha espresso piena disponibilità a incontrare i familiari e le autorità ungheresi. (ANSA).

15:14Rigopiano: prefettura, 23 i dispersi per ora segnalati

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il bilancio della valanga che ha colpito l'hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara. I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.

15:13Bullismo, permanenza in casa per due minori

(ANSA) - PERUGIA, 21 GEN - Sono accusati di avere minacciato per mesi i loro compagni di classe, derubandoli di penne e quaderni, colpendoli con calci e pugni, ma anche deridendoli per il loro aspetto due minorenni stranieri ai quali i carabinieri di Gualdo Tadino hanno notificato un provvedimento di permanenza in casa per atti persecutori. Senza possibilità di uscire né di comunicare con alcuno. La misura cautelare è stata notificata inizialmente a un quindicenne e ora a un connazionale di 16 anni, considerato suo complice. Quest'ultimo è stato rintracciato - hanno spiegato gli investigatori - appena tornato in Italia dal suo Paese d'origine nel quale si era recato con la famiglia. Nel fascicolo d'indagine sono finiti i racconti di sei studenti ascoltati dai militari della stazione di Gualdo Tadino e le note disciplinari scritte sul registro dai docenti. Il magistrato ha imposto ai due indagati di frequentare un corso di recupero in cui verranno approfonditi i concetti di legalità e rispetto.

Archivio Ultima ora