Di Fazio, alle Olimpiadi di tuffo in tuffo

Pubblicato il 19 agosto 2016 da redazione

Di Fazio, un esempio di persistenza

Di Fazio, un esempio di persistenza

CARACAS – “Tutti i sogni possono diventare realtà se solo abbiamo il coraggio di inseguirli” diceva
Walt Disney. Un personaggio che sembra aver trovato spunto in questo motto é l’italo-venezuelano Dario Di Fazio, nel suo caso non solo l’ha inseguito ma si é tuffato nel suo sogno: quello di partecipare ad una olimpiade. Lo sportivo di origine abruzzese grazie al suo impegno è riuscito a raggiungere la sua meta in un paio di occasioni: Barcellona 1992 ed Atlanta 1996 nella prova dei tuffi. Per conoscere meglio la sua storia lo abbiamo contattato via skype.

“Ho iniziato a praticare questo sport nel club Táchira, ma io non ero socio. A quell’epoca studiavo nella scuola Giacomo Leopardi che era nelle vicinanze del club, quando uscivo dal recinto scolastico mi recavo al club, ma saltando un muretto. Prima ho iniziato nel nuoto, poi ho visto delle persone che praticavano i tuffi, ne sono rimasto affascinato ed ho iniziato anch’io a praticarlo. – confessa il campione italo-venezuelano, aggiungendo –

Mi sono anche iscritto nella squadra del club Táchira senza essere socio e sono andato avanti cosí durante quasi un anno. La mamma mi dava i soldi per pagare l’iscrizione alle gare e le lezioni. Ad un certo punto mi inventata anche un numero di socio da esibire all’entrata, era il 12-22. Il portinaio, dato che mi vedeva spesso, mi faceva passare senza problemi.”

Poi con il passare del tempo, e vedendo le abilitá di Fabio Di Fazio, l’incaricato della parte sportiva gli regalò un pass per poter entrare ad allenarsi nello sport che tanto amava, sotto la guida esperta di José Julián Hernández, detto ‘Pepe’.

In questo club il tuffatore caraqueño fece i primi tuffi dai 13 fino ai 22 anni, per poi volare negli USA nel 1989. In Venezuela é stato diverse volte campione nazionale e vinto 3 medaglie d’oro nel Sudamericano in Argentina. Ma il sogno nel cassetto rimanevano le Olimpiadi, perciò decise di emigrare per prepararsi nel miglior modo possibile.

“Negli Stati Uniti ho iniziato ad allenarmi nell’Universitá di Miami, anche perché volevo ottenere una borsa di studio sportiva. Io me ne sono andato negli Usa con uno zainetto e 700 dollari in tasca. Mio papá mi disse: ‘guarda che non posso aiutarti’. Io gli dissi di stare tranquillo e che volevo migliorarmi su tutti gli aspetti e per questo motivo volevo andare. Neanche la mamma era contenta di questa mia decisione. Alla fine capirono che la mia meta era andare ai Giochi, e mi lasciarono partire”.

Ma prima Dario doveva far felice sua mamma prendendosi una laurea, che alla fine le regalò e così prese il primo volo per gli Stati Uniti. Qui Dario Di Fazio inizia ad allenarsi con Randy Ableman. Ma all’inizio non é stato facile: “Mi avevano offerto una borsa di studio, ma non sapevo parlare l’inglese. E poi i soldi stavano per finire, ma ebbi la fortuna di potermi iscrivere in un community college (una sorta di scuola técnica, dove studiavi per tre anni, ndr)”.

Il campione ha ricevuto una borsa di studio nella Miami Dade College, ma si allenava presso l’Universitá di Miami con il coach Ableman. Grazie a questi allenamenti il campione riuscirá a raggiungere la meta che si era proposto il giorno in cui era volato negli Stati Uniti.

“I giochi di Barcellona sono stati un sogno. E vedere realizzare lo sforzo fatto durante diversi anni. L’obiettivo che hai da quando ti alzi fino a quando vai a dormire. Quell’esperienza é stata il top del top, é stato incredibile. Poi rappresentare il tuo paese in giro per il mondo é il massimo.”

Nei Giochi che si svolsero nella cittá catalana, la prova del trampolino fu vinta dallo statunitense Mark Lenzi grazie ai suoi 676,53 punti. In quell’occasione il campione di origine abruzzese chiuse la gara al venticinquesimo posto.

Dario Di Fazio con Maria Elena Giusti alle Olimpiadi di Barcellona

Dario Di Fazio con Maria Elena Giusti alle Olimpiadi di Barcellona

“Il risultato non fu quello sperato, ma il semplice fatto di essere lí, per me fu come aver vinto la medaglia d’oro. Sapendo tutto quello che avevo dovuto fare ed i diversi inconvenienti con la federazione. Per questo motivo l’esperienza é stata piacevole”.

Ma il cammino verso Barcellona é stato difficilissimo: “Avevo appena vinto il Sudamericano in Colombia. Ma per qualificarmi ai giochi dovevo andare ai Panamericani che si sarebbero svolti a Cuba. E dalla federazione, mi dicevano di stare tranquillo che io avevo il mio pass in tasca. Tutto questo sette mesi prima dell’olimpiade. La delegazione venezuelana stava svolgendo uno stage a Fort Lauderdale e Tomas Vittoria mi disse: ‘loro non ti vogliono mandare’.

Io ricordo che dalla rabbia mandai un comunicato ai principali giornali del Venezuela per denunciare la situazione che stavo vivendo. Questo generó una piccola polemica. Mi contattò Fernando Romero e mi disse che c’erano due gare una in Austria ed una in Italia, se le avessi vinte mi avrebbero mandato a Barcellona. Nella gara austriaca chiusi all’ottavo posto, mentre in quella italiana sono riuscito a salire sul podio.

Ma ti devo dire, quel giorno non mi ero reso conto in che posto fossi arrivato. Poi vedevo che tutti mi salutavano e mi abbraciavano, ma io continuavo a non capire finché non ho visto il tabellone della vasca. Ma in Venezuela in un primo momento non ci credevano, hanno telefonato alle diverse federazioni per confermare il risultato della gara a Bolzano.”

Quattro anni dopo, i giochi si sono svolti ad Atlanta, negli Stati Uniti. “In questa edizione dei giochi la storia era ben diversa da quella di Barcellona. Qui la mia meta era arrivare in finale, ma ero cosí concentrato sul risultato che alla fine non mi sono espresso al meglio”. Qui Dario Di Fazio, chiuderá la gara al 23 posto.

Un altro dei momenti che é rimasto tatuato nella mente dell’italo-venezuelano é stata la ceremonia d’apertura: “E’ un momento unico. E’ una cosa inspiegabile, non sai se piangere, ridere: nella tua testa c’é un mix di sentimenti che non sai cosa fare. Inizi a ricordarti tutti i sacrifici che hai fatto per essere lí. Ci vogliono circa 8 anni al top per poter arrivare a vivere quell’esperienza”.

Si sa che alle olimpiadi c’é il meglio dello sport e non solo. Dario ci confessa: “Ho avuto la fotuna ed il piacere di potermi fotografare con il noto Dream Team della pallacanestro, con Carl Lewis e addirittura con Hillary Clinton. Ricordo anche di aver incontrato nella mensa Mohamed Alí, sono stato a pochi metri da lui, immagina il trambusto che c’era. Durante i giochi incontri i campioni che tu spesso vedi in TV e quando li conosci personalmente ti rendi conto che sono persone semplici come te. Ma una cosa ti dico, é un’esperienza unica ed indescrivibile”.

Poi dopo la seconda esperienza olimpica Dario Di Fazio ha deciso di ritirarsi: “E’ stata una decisione difficile, lasciare lo sport era come lasciare una fidanzata. I tuffi era uno sport che avevo svolto dall’81 fino al ’96, una attivitá a cui dedicavo tra le 5 e le 6 ore al giorno. Dopo il mio ritiro mi sono allenato ancora durante circa un anno. In un primo momento non volevo fare l’allenatore, non mi ci vedevo. Volevo mettere su una ditta di computer, dedicarmi a quello che avevo studiato.”

Di Fazio non aveva ancora le idee chiare su cosa volesse fare nell’era post atleta. Poi ci fu l’incontro con Randy Ableman (il suo coach) che lo convinse ad intraprendere la carriera di allenatore: “In un primo momento non volevo farlo. Ma poi devo ringraziare Dio per avermi mantenuto nel mondo dello sport, ormai sono passati giá 20 anni. La cosa piú bella del mio mestiere è aiutare questi ragazzi, farli crescere come atleti e come persone”.

Sotto la sua guida sono approdati o anzi hanno realizzato il sogno olímpico i seguenti atleti: il tedesco Stefan Ahrens (Sydney 2000), la statunitense Kyle Prandi (Atene 2004), la sudafricana Jenna Dreyer (Pechino 2008), il canadese Rueben Ross (Pechino 2008 e Londra 2012), la statunitense Brittany Viola (Londra 2012) e Sam Dorman (Rio 2016), quest’ultimo vincitore della medaglia d’argento.

Di Fazio é stato uno dei pionieri in questo sport, la sua perseveranza lo ha portato a realizzare il sogno di una vita: rappresentare il proprio paese in una gara olimpica.

Fioravante De Simone

Ultima ora

01:23Vela: Coppa del Mondo a Miami, italiani subito protagonisti

(ANSA) - MIAMI (USA), 24 GEN - È subito grande spettacolo a Miami dove, in condizioni praticamente perfette - tra gli 8 e i 15 nodi di vento e con un sole sempre presente - sono cominciate le regate della Coppa del Mondo di Vela, circuito itinerante riservato alle Classi Olimpiche che proprio in Florida, con oltre 400 velisti di 44 Nazioni in acqua, ha fatto il suo esordio stagionale. Se la Baia di Biscayne ha sfoderato il suo miglior azzurro, anche gli italiani non sono stati da meno, partendo subito bene in alcune classi: nel Catamarano per equipaggi misti Nacra 17, con Lorenzo Bressani e Caterina Marianna Banti, e nel Doppio 470 maschile con Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò. Bressani-Banti hanno dominato la flotta chiudendo con due vittorie e un secondo posto, risultati che li hanno proiettati subito al comando con 3 punti di vantaggio sugli inglesi Phipps-Boniface, mentre i due romani, vincitori la settimana scorsa del Campionato Nord Americano 470, sono secondi in classifica a tre punti dai giapponesi Doi-Kimura.

00:16Calcio: Coppa Italia, Napoli in semifinale

(ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - Il Napoli si è qualificato per le semifinali di Coppa Italia grazie al successo per 1-0 sulla Fiorentina. Partita molto vivace con occasioni da entrambe le parti e decisa al 71' da un colpo di testa di Callejon su cross dalla sinistra di Hamsik. Le squadre hanno finito l'incontro in 10 per le espulsioni nel finale di Hysaj e Maxi Olivera. In semifinale il Napoli incontrerà la vincente di Juventus-Milan, in programma domani.

00:12Rigopiano, estratta la diciottesima vittima

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - E' un uomo non ancora identificato la diciottesima vittima estratta dai Vigili del fuoco dall' hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), travolto da una valanga mercoledì scorso. Lo ha fatto sapere la Prefettura di Pescara. Il numero delle vittime sale così a 18; scende a 11 il numero dei dispersi.

23:59Calcio: Coppa d’Africa, Costa d’Avorio eliminata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Fuori i campioni in carica della Costa d'Avorio, vanno ai quarti la Repubblica Democratica del Congo e Marocco. Questo il responso della Coppa d'Africa dopo l'ultimo turno del gruppo C, le cui partite sono state giocate oggi. I Simba del Congo hanno battuto il Togo per 3-1, vincendo il girone. Reti di Kabananga (29' pt), Mubele (9' st) e M'Poku (35' st). A segno Laba (24' st) per gli Sparvieri togolesi, tra le cui file il portiere Agassa ha mantenuto il proposito di non giocare dopo che, in patria, dei teppisti gli avevano devastato la casa. Nell'altro match di oggi sconfitta degli Elefanti ivoriani contro il Marocco di capitan Benatia. è finita 1-0 con rete di Alioui. Questa la classifica finale del girone: RD Congo 7; Marocco 6; Costa d'Avorio 2; Togo 1.

23:56Calcio: Sampdoria, rescisso contratto Cassano

(ANSA) - GENOVA, 24 GEN - "La rescissione con Cassano è un epilogo amaro, il suo ritorno poteva essere diverso, ma alla fine dirsi addio è la soluzione migliore per entrambi visto che le posizioni sono differenti ma tutte e due legittime". Con queste parole all'emittente Primocanale, il braccio destro del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, l'avvocato Antonio Romei, ha confermato il divorzio tra la Sampdoria e Antonio Cassano. La rescissione del contratto che legava il giocatore alla Sampdoria sino a giugno, verrà ufficializzata probabilmente giovedì ma oggi a Bogliasco c'è stato l'incontro decisivo. Cassano, già in blucerchiato dal 2007 al gennaio 2011, era tornato alla Sampdoria nell'agosto 2015 ma dalla scorsa estate non rientrava più nei piani societari e dopo essere stato messo fuori rosa, solo a novembre aveva avuto il via libera per allenarsi con la Primavera. Ora per lui, che non vorrebbe lasciare la Liguria, c'è già l'offerta dell'Entella. Non verranno prese in considerazione le proposte dalla Cina.

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

Archivio Ultima ora