Rio 2016: Italvolley d’argento, contro il Brasile l’oro resta un tabù

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Ivan Zaytsev of Italy (C) spikes the ball against Lucas Saatkam (L) and Bruno Mossa Rezende (R) of Brazil during the men's Volleyball gold medal match of the Rio 2016 Olympic Games at Maracanazinho indoor arena in Rio de Janeiro, Brazil, 21 August 2016.  EPA/JAVIER ETXEZARRETA

Ivan Zaytsev of Italy (C) spikes the ball against Lucas Saatkam (L) and Bruno Mossa Rezende (R) of Brazil during the men’s Volleyball gold medal match of the Rio 2016 Olympic Games at Maracanazinho indoor arena in Rio de Janeiro, Brazil, 21 August 2016. EPA/JAVIER ETXEZARRETA

RIO DE JANEIRO. – Niente luci tricolori sul Cristo del Corcovado. L’Italvolley non sfata il suo tabù d’oro, e nella finale più affascinante – contro il Brasile a Rio, con tutta la torcida contro – cede ai verdeoro. E’ un argento prezioso, ma fa piangere comunque in campo tutti gli azzurri, che avevano coltivato il sogno. Finisce invece 0-3, e le luci del Corcovado rimangono quelle gialle e verdi, perché al successo del calcio si aggiunge l’altro oro più atteso dai brasiliani a Rio 216, nella pallavolo secondo sport nazionale, in cui la squadra di casa tiene fede al ruolo di favorita sotto gli occhi di Neymar.

A farne le spese è l’Italia, arrivata con merito in finale (e infatti la torcida, sportivamente, l’ha molto applaudita dopo la premiazione) dove sognava di ripetere il successo ottenuto contro la Selecao nella fase a gironi. Invece è ancora argento, come nel 1996 e nel 2004, perché è finita 3-0 e Juantorena, Zaytsev e soci hanno dovuto asciugarsi gli occhi lucidi.

Anche se, a dire il vero, piangevano di più i giocatori di casa, in particolare Bruno e il libero Serginho, ex ‘italiano’ (ha giocato a Piacenza) al quale vengono le convulsioni dopo che ha giocato la sua quarta finale olimpica di fila e vinto il suo secondo oro. Il pubblico molto ‘caldo’ del Maracanazinho gli rende omaggio gridando “O Rei, o rei, Serginho è o nosso Rei”.

Ma se la Selecao del volley temeva un’altra beffa dopo le finali perse a Pechino contro gli Usa e a Londra con la Russi, l’Italia davvero credeva al suo possibile oro: il 3-0 dice meno dei meriti azzurri, che hanno tenuto testa a una squadra superiore tecnicamente ma hanno pagato passaggi a vuoto in momenti chiave dell’incontro.

In particolare, fa male a tutti gli azzurri una frazione del terzo set: in svantaggio 0-2 e con 17 punti contro 15 a proprio favore, l’Italia si è vista invertire con la prova tv il punto nonostante l’invasione di campo brasiliana. Dal possibile 18-15 si e’ passati al 17-16, e a quel punto il Brasile ha ripreso, superato e tenuto a distanza gli azzurri fino al punto dell’oro.

La nazionale azzurra inseguiva il suo Gral che le sfugge dagli anni ’90 quando gli azzurri di Velasco e poi Bebeto erano i dominatori del mondo ma mai di un’Olimpiade. A Rio gli uomini di Pippo Blengini perdono ogni set di misura, e il risultato li condanna anche se sono stati all’altezza dei rivali. Ma sono forse troppo nervosi fin dal primo set quando sbagliano otto battute mostrando che la tensione di una finale olimpica si sente.

La Selecao, trascinata dal pubblico, tiene botta e qualche ace lo mette a segno, in particolare con il mulatto Lucarelli. Le schiacciate dello Zar Zaytsev tengono a galla l’Italvolley in cui anche Juantorena cerca di fare la propria parte, anche se oggi non gli funziona la battuta.

Il Brasile mette la testa avanti per la prima volta con Lipe, sul 12-13, mentre un altro pezzo pregiato azzurro, il n.10 Lanza, non riesce a entrare in partita. I verdeoro prendono fiducia e vanno fino al 14-19 anche se l’Italia risale fino al 21-22 prima di prenderne tre di fila: 22-25.

L’Italia lotta anche nel secondo set, a Zaytsev entra un ace a 112 Km all’ora, Birarelli piazza un muro in faccia all’ottimo Wallace, trascinatore del Brasile, ma non basta: ancora errori, di Lanza e Giannelli, e anche il secondo set se lo aggiudica la squadra di casa, per 26-28.

Si lotta anche nel terzo set, in cui Wallace è grandissimo, e si va procede punto a punto con il Brasile quasi sempre avanti fino al match-ball del 23-24, che non entra. Poi pero ce n’è un altro sul 24-25 e stavolta è Lipe non fallire: mura Zaytsev e mette Ko l’Italia per lo 0-3 poi festeggiato dalla torcida sulle note ‘sparate’ dagli altoparlanti di ‘Pais Tropical’ e ‘Cidade Maravilhosa’, due classici del Carnevale.

Inevitabilmente carioca, purtroppo per gli azzurri dell’Italvolley.

(dell’inviato Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

18:45Usa: accordo al Congresso per nuove sanzioni Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Il Congresso ha raggiunto un accordo bipartisan su un pacchetto di nuove sanzioni nei confronti della Russia da adottare come punizione per le presunte interferenze nelle elezioni americane del 2016 e per le sue aggressioni militari in Ucraina e Siria. Una circostanza che prefigura uno showdown tra Capitol Hill e il presidente Donald Trump, contrario a procedere in questa direzione. La decisione giunge inoltre in un momento di particolare tensione per gli sviluppi sul cosiddetto 'Russiagate'.

18:44Incendi: carabinieri arrestano piromane nell’avellinese

(ANSA) - AVELLINO, 22 LUG - Un uomo di 30 anni è stato arrestato dai carabinieri ad Atripalda (Avellino) per aver dato fuoco a delle sterpaglie all'interno di un'area boschiva demaniale. I militari lo hanno colto in flagranza di reato nel corso dei controlli sul territorio, intensificati dopo l'emergenza incendi. Le fiamme hanno interessato una zona di Atripalda che costeggia il raccordo autostradale per Salerno e la linea ferroviaria. Negli ultimi giorni, i carabinieri hanno denunciato 8 persone alla Procura di Avellino per aver acceso roghi di sterpaglie e rifiuti vegetali.

18:42Iraq: Ap, 26 stranieri arrestati a Mosul, c’è anche Linda W.

(ANSA) - BEIRUT, 22 LUG - C'è anche la giovane ragazza tedesca, Linda W., tra ventisei stranieri arrestati a Mosul, ex roccaforte Isis nel nord dell'Iraq, durante l'offensiva governativa irachena. Lo riferisce l'Associated Press che cita fonti dell'intelligence irachena. Le fonti precisano che dei 26 stranieri, 16 sono donne, otto sono minori e due sono uomini. Sono stati tutti trasferiti a Baghdad. Le stesse fonti riferiscono che alcuni dei fermati sono ceceni, e che tra le donne ci sono russe, iraniane, siriane, francesi, belghe e tedesche. Alcune di queste donne, come Linda W., sembra che lavorassero nella polizia dell'Isis. La storia di Linda è venuta alla ribalta nei giorni scorsi dopo la diffusione della notizia sull'arresto di alcune donne tedesche a Mosul. Convertita all'Islam a 16 anni quando era ancora a scuola in Germania, era partita dalla Sassonia verso la Turchia e da lì era entrata in Siria, unendosi all'Isis. Per riuscire nell'impresa, l'anno scorso Linda aveva falsificato una procura dei genitori.

18:37Incendi: Balcani, proseguono roghi lungo costa adriatica

(ANSA) - BELGRADO, 22 LUG - In Montenegro continuano gli incendi lungo e a ridosso della costa adriatica, che sono tuttavia stati posti sotto controllo. Come riferiscono i media locali, le regioni più colpite dalle fiamme, alimentate dal caldo torrido e dal vento, sono intorno a Podgorica, Danilovgrad, Cetinje, Herceg Novi, Bar. Nonostante continuino a bruciare ettari di boschi e macchia mediterranea, non sembrano esserci minacce per i centri abitati. Determinante si e' rivelato l'intervento di diversi aerei antincendio inviati da Croazia, Bulgaria e altri Paesi. Non destano preoccupazioni gli incendi residui che restano sulla costa dalmata della Croazia, mentre nella vicina Bosnia-Erzegovina la zona più colpita dai roghi e' quella di Mostar, nel sud del Paese. Nelle ultime 24 ore, hanno riferito i media, intorno alla città sono stati registrati almeno 13 focolai di vaste dimensioni.

18:31Tour: Aru “soddisfatto, ho lottato contro ogni avversità”

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Considerando com'è andata l'ultima settimana, oggi posso solo essere soddisfatto. In relazione a quello che è accaduto negli ultimi mesi, in questa corsa ho lottato sempre con i migliori, ho fatto un passo in avanti rispetto all'anno scorso". Così, ai microfoni di Raisport, Fabio Aru commenta il 5/o posto ottenuto al 104/o Tour de France che si concluderà domani a Parigi. "Tutti hanno visto che noi dell'Astana abbiamo perso uomini importanti, da Fuglsang a Cataldo, per via delle cadute. Anche al Giro avevamo avuto delle perdite, è difficile essere in tanti e io ringrazio i miei compagni per quello che sono riusciti a fare - aggiunge il sardo -. Le polemiche non devono esistere".

18:30Incendio su tratto A1 vicino a Roma, spento da vigili fuoco

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - E' stato spento l'incendio che ha interessato un ampio tratto dell'A1 tra Roma e Orte. A causa del denso fumo presente in carreggiata, sull'autostrada Milano-Napoli è stato necessario disporre la chiusura del tratto tra Orte e la Diramazione Roma nord verso Roma e tra il bivio per la A24 Roma-Teramo e Ponzano Romano in direzione Firenze. Sul posto sono intervenute, oltre alle squadre di terra dei vigili del fuoco, due elicotteri e un Canadair.

18:27Mondiali: Scherma, sciabola, bronzo amaro per Irene Vecchi

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Irene Vecchi ha vinto il bronzo nella sciabola femminile ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia. Ma è un podio amaro per la livornese, sconfitta in semifinale dalla tunisina Azza Besbes. Vecchi è partita fortissimo, concludendo il primo parziale con un netto 8-0. Alla ripresa, la tunisina ha iniziato una lenta rimonta che si è conclusa sul 14-14. A portare la stoccata decisiva è stata Azza Besbes. Per Irene Vecchi si tratta del secondo bronzo mondiale in carriera, dopo quello conquistato ai Campionati del Mondo di Budapest nel 2013.

Archivio Ultima ora