Renzi, Merkel e Hollande a Ventotene per recuperare l’Europa

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

 Italian Prime Minister Matteo Renzi  Germany (L-R), German Chancellor Angela Merkel, and French President Francois Hollande arrive at the start of an extraordinary EU Summit  on the current migration and refugees crisis in Europe, in Brussels, Belgium, 23 September 2015. EPA/OLIVIER HOSLET

Italian Prime Minister Matteo Renzi Germany (L-R), German Chancellor Angela Merkel, and French President Francois Hollande arrive at the start of an extraordinary EU Summit on the current migration and refugees crisis in Europe, in Brussels, Belgium, 23 September 2015. EPA/OLIVIER HOSLET

NAPOLI. – L’Europa dei simboli e di un’identità da ritrovare, l’Europa della crescita e non più dell’austerity, l’Europa di una difesa finalmente comune. Sono diversi, complessi e tutti da ultimare gli strati che compongono il vertice di Ventotene. Matteo Renzi, Angela Merkel e Francois Hollande si rivedranno, dopo il trilaterale post-Brexit del 27 giugno, nell’isola simbolo dell’Europa unita con il chiaro obiettivo di portare un’Ue fiaccata su più fronti fuori dallo status quo e provando così ad impostare quel rilancio che sarà al centro del vertice a 27 di settembre a Bratislava.

Per Renzi, Merkel e Hollande la posta in gioco è altissima, sia a livello europeo sia a livello nazionale: il premier italiano si avvia ad una nuova partita con Bruxelles sui margini di flessibilità sul deficit/Pil; Hollande punta al raddoppio del piano Juncker sugli investimenti e a rilanciarsi in tempo per le elezioni del 2017; Merkel deve far fronte alle esigenze dei Paesi membri dell’Est e alle spinte populiste interne che la insidiano in vista del turno elettorale del prossimo anno.

E poi ci sono i temi comuni, quelli già messi sul tavolo nelle frenetiche ore post-Brexit: sicurezza e difesa, crescita e investimenti, lavoro e giovani.

Saranno questi i tre binari sui quali navigherà un vertice che non potrà non toccare le emergenze dell’estate: il rapporto tra migrazione e terrorismo, il fronte libico e quello siriano. “Gli italiani devono essere orgogliosi che domani, in un luogo simbolo di un grande ideale dell’Europa, Merkel e Hollande verranno per rilanciare dal basso l’Unione europea”, sottolinea Renzi parlando ai Caffè della Versiliana e rimarcando come, a partire dalla questione dei migranti, l’Europa “abbia tanto bisogno dei valori dell’Italia”.

Per il premier, che oggi può contare sul rinnovato ruolo chiave dato all’Italia in campo europeo, gli obiettivi sono diversi. “Bisogna far ripartire gli investimenti, la parola austerity in Europa ha creato solo danni”, è la netta posizione di Renzi.

Una posizione che il premier ribadirà soprattutto alla Bundeskanzlerin – che rivedrà nel bilaterale del 31 agosto – per puntare a ottenere, per il 2017, quella flessibilità sul bilancio che vede proprio Berlino tra le cancellerie più scettiche.

E Renzi, allo stesso tempo, chiamerà i suoi interlocutori ad un’accelerazione sul Migration Compact. “Il problema dei migranti è europeo, non italiano”, scandisce il premier mentre il sottosegretario Sandro Gozi spiega: “prima l’Europa sui migranti era muta, ora si tratta di attuare, con coraggio quello che ha detto”.

A Ventotene Renzi potrebbe anche avanzare la proposta di un piano straordinario della cultura, svincolato dal patto di stabilità e legato al piano Juncker, che porti a recuperare e valorizzare i luoghi simbolo dell’Ue. Un’iniziativa che – rimarca il ministro della Cultura Dario Franceschini – “colmerebbe un vuoto di anni nelle politiche europee”.

E se la partita per un ministro europeo delle Finanze (che vede Italia e Francia in un convinto sostegno) appare difficile e di lungo periodo, passi avanti si potrebbero registrare sulla cosiddetta ‘Schengen della Difesa’: con primi esperimenti di battaglioni comuni, una più stretta collaborazione tra le intelligence, la cessione – che ha avuto già l’ok di Strasburgo – di maggiori poteri all’Europol.

La carne al fuoco, insomma, è tanta, per un vertice complesso nella sua stessa organizzazione, che vedrà Renzi accogliere Merkel e Hollande a Capodichino alle ore 16, volare con loro in elicottero a Ventotene per omaggiare la tomba di Altiero Spinelli e recarsi quindi sulla nave Garibaldi, flagship dell’operazione Ue ‘Sophia’.

Lì terranno una conferenza stampa davanti ai circa 300 giornalisti italiani e stranieri accreditati, prima di intrattenersi a cena. Attorno a loro, quel Mediterraneo che l’Italia vuole parte integrante dell’agenda e della rinnovata visione europea.

(dell’inviato Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

15:30Maltempo: agrumi distrutti, flash mob Coldiretti Puglia

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Per chiedere misure urgenti in favore dell'agrumicoltura pugliese la Coldiretti Puglia ha tenuto oggi a Bari davanti la sede del Consiglio regionale pugliese un flash mob, alla presenza, tra gli altri, dei presidenti della Regione, Michele Emiliano, e dell'assemblea legislativa, Mario Loizzo. Nell'occasione i rappresentanti della confederazione agricola hanno presentato un 'dossier sul crac agrumi' in provincia di Taranto, con una situazione aggravata dal maltempo e dal calo dei consumi, scesi sotto i 15 chili a persona l'anno, per effetto - è stato spiegato - di una diminuzione che negli ultimi 15 anni varia da oltre il 20% per le arance ad oltre il 50% per i mandarini. "E' ciclico il grave problema della risposta dei mercati e dei prezzi - ha spiegato il presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - con clementine vendute in campagna a 0,25 - 0,30 euro al chilo, aggravato nell'ultima settimana dall'ondata di maltempo che ha investito le campagne tarantine".

15:24Sci: Cdm, stagione finita per Aksel Svindal

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 17 GEN - Stagione finita, e dunque niente Mondiali di St. Moritz a febbraio, per il campione norvegese Aksel Svindal che ad Oslo è stato sottoposto ad una seconda operazione al ginocchio destro. Svindal, uno dei grandi protagonisti della coppa del mondo soprattutto per le discipline veloci, aveva lasciato Wengen la scorsa settimana lamentando dolori. Stessa cosa era successa alla vigilia delle gare di Santa Caterina Valfurva. Il norvegese - 34 anni e 32 vittorie in coppa del mondo oltre ad un oro olimpico e cinque titoli mondiali - si era infortunato un anno fa proprio nella discesa di Kitzbuehel con rottura dei legamenti e lesioni al menisco. Era rientrato ad inizio stagione con ottimi risultati conquistando tre podi nelle quattro gare veloci che aveva disputato. Poi sono tornati i problemi all'articolazione.

15:21Carceri, tentata rivolta al minorile Beccaria di Milano

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Un tentativo di rivolta è stato sedato nella mattinata di ieri nel carcere minorile Beccaria di Milano. A darne notizia sono i sindacati della Polizia penitenziaria Sappe e Sinappe. "Durante la permanenza all'aria - ricostruisce il Sinappe - i detenuti hanno iniziato a manifestare, rifiutandosi di rientrare nelle proprie celle e solo grazie ad un intervento da parte dell' Ispettore di sorveglianza generale e del preposto, rientravano. Appena giunti in sezione, i detenuti hanno iniziato a creare disordini e ad incendiare capi di abbigliamento, coperte e cuscini e a danneggiare il locale adibito a sala TV, gli arredi delle celle, televisori, lanciare tavoli dalle scale, sputi e minacce a carico degli agenti etc.". La situazione è rientrata dopo l'intervento della Polizia Penitenziaria "ma all'ora di pranzo i detenuti hanno ricominciato a protestare gettando nel corridoio del refettorio i cibo e incendiando materiale di varia natura presente in sezione".

15:20Cucchi: pm,morte determinata da schiaffi,pugni e calci

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Stefano Cucchi fu colpito dai tre carabinieri che lo avevano arrestato con "schiaffi, pugni e calci". Lo scrivono il procuratore della repubblica Giuseppe Pignatone ed il sostituto Giovanni Musarò nell'avviso di chiusura indagine. Le botte, per l'accusa, provocarono "una rovinosa caduta con impatto al suolo in regione sacrale" che "unitamente alla condotta omissiva dei sanitari che avevano in cura Cucchi presso la struttura protetta dell'ospedale Sandro Pertini, ne determinavano la morte". L'attacco epilettico del quale è stato vittima Stefano Cucchi nei giorni di detenzione dopo il suo arresto, citato in una perizia fatta in incidente probatorio, non figura tra le cause che ne hanno causato il decesso. Nella perizia svolta dal professore Francesco Introna, su incarico del gip, si faceva invece riferimento ad un attacco epilettico come una probabile causa della morte del giovane.

15:18Maltempo: Abruzzo, emergenza a Teramo senza luce da ore

(ANSA) - TERAMO, 17 GEN - Emergenza nel Teramano dove il capoluogo con i suoi 55mila abitanti e buona parte della provincia sono senza luce e quindi senza riscaldamento, dove non c'è possibilità di usare gruppi elettrogeni, in alcune zone anche dalle 4 di questa mattina. Le maggiori emergenze, al momento, sono per quanti vivono in casa attaccati a macchine salvavita. Sta cercando di intervenire la Protezione Civile. La Prefettura ha attivato il 'Centro di coordinamento dei soccorsi' (CCS) quale struttura provvisoria per il tempo dell'emergenza. Alle 8, il sindaco del capoluogo Maurizio Brucchi ha emesso un'ordinanza urgente con cui ha chiuso tutti gli uffici pubblici, tranne quelli comunali che stanno gestendo l'emergenza, dopo aver sentito il Prefetto. Chiuse scuole e università. Il sindaco sta valutando un'eventuale ordinanza anche per domani. Il manto nevoso in alcuni quartieri di Teramo ha superato i 70 centimetri. In centro ce ne sono al momento tra i 30 e i 40. La fascia collinare registra altezze superiori al metro.

15:11Bimba uccisa da eliche yacht, papà e comandante a processo

(ANSA) - CAGLIARI, 17 GEN - Sarà un processo a stabilire le responsabilità della morte di Letizia Trudu, la bambina di 11 anni uccisa nell'estate del 2015 dall'elica dello yacht dal quale si era tuffata assieme al padre e alla sorellina nelle acque di Santa Margherita di Pula. Il Gup del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha rinviato a giudizio il papà Andrea Trudu, 48 anni, di Assemini, e il comandante dell'imbarcazione, Maurizio Loi, di 59 anni, di Serdiana, ex campione di windsurf. Dovranno comparire il 10 maggio prossimo davanti al giudice monocratico della prima sezione penale per rispondere del reato di omicidio colposo contestato dal sostituto procuratore Sandro Pili. A rappresentare le parti civili (madre, sorella e zia della vittima) è l'avvocato Guido Manca Bitti, mentre gli imputati sono difesi da Massimiliano Carboni e Leonardo Filippi. Secondo la ricostruzione del pubblico ministero, il padre della piccola le avrebbe detto di tuffarsi nonostante lo yacht avesse ancora i motori accesi, mentre al capitano dell'imbarcazione si contestano violazioni di norme sulla sicurezza della navigazione. (ANSA).

15:09Brexit: May annuncia uscita dal mercato unico europeo

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - "Non vogliamo più essere membri del mercato unico europeo". Lo ha detto la premier britannica Theresa May annunciando i piani per i negoziati sulla Brexit in un discorso alla Lancaster House di Londra. La Gran Bretagna punta ad un accordo di libero scambio con l'Ue ma non intende contribuire al bilancio europeo, ha aggiunto la premier, precisando di volere un accordo con la Ue sulla Brexit "entro due anni" con una implementazione "graduale" delle intese,

Archivio Ultima ora