Renzi, Merkel e Hollande a Ventotene per recuperare l’Europa

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

 Italian Prime Minister Matteo Renzi  Germany (L-R), German Chancellor Angela Merkel, and French President Francois Hollande arrive at the start of an extraordinary EU Summit  on the current migration and refugees crisis in Europe, in Brussels, Belgium, 23 September 2015. EPA/OLIVIER HOSLET

Italian Prime Minister Matteo Renzi Germany (L-R), German Chancellor Angela Merkel, and French President Francois Hollande arrive at the start of an extraordinary EU Summit on the current migration and refugees crisis in Europe, in Brussels, Belgium, 23 September 2015. EPA/OLIVIER HOSLET

NAPOLI. – L’Europa dei simboli e di un’identità da ritrovare, l’Europa della crescita e non più dell’austerity, l’Europa di una difesa finalmente comune. Sono diversi, complessi e tutti da ultimare gli strati che compongono il vertice di Ventotene. Matteo Renzi, Angela Merkel e Francois Hollande si rivedranno, dopo il trilaterale post-Brexit del 27 giugno, nell’isola simbolo dell’Europa unita con il chiaro obiettivo di portare un’Ue fiaccata su più fronti fuori dallo status quo e provando così ad impostare quel rilancio che sarà al centro del vertice a 27 di settembre a Bratislava.

Per Renzi, Merkel e Hollande la posta in gioco è altissima, sia a livello europeo sia a livello nazionale: il premier italiano si avvia ad una nuova partita con Bruxelles sui margini di flessibilità sul deficit/Pil; Hollande punta al raddoppio del piano Juncker sugli investimenti e a rilanciarsi in tempo per le elezioni del 2017; Merkel deve far fronte alle esigenze dei Paesi membri dell’Est e alle spinte populiste interne che la insidiano in vista del turno elettorale del prossimo anno.

E poi ci sono i temi comuni, quelli già messi sul tavolo nelle frenetiche ore post-Brexit: sicurezza e difesa, crescita e investimenti, lavoro e giovani.

Saranno questi i tre binari sui quali navigherà un vertice che non potrà non toccare le emergenze dell’estate: il rapporto tra migrazione e terrorismo, il fronte libico e quello siriano. “Gli italiani devono essere orgogliosi che domani, in un luogo simbolo di un grande ideale dell’Europa, Merkel e Hollande verranno per rilanciare dal basso l’Unione europea”, sottolinea Renzi parlando ai Caffè della Versiliana e rimarcando come, a partire dalla questione dei migranti, l’Europa “abbia tanto bisogno dei valori dell’Italia”.

Per il premier, che oggi può contare sul rinnovato ruolo chiave dato all’Italia in campo europeo, gli obiettivi sono diversi. “Bisogna far ripartire gli investimenti, la parola austerity in Europa ha creato solo danni”, è la netta posizione di Renzi.

Una posizione che il premier ribadirà soprattutto alla Bundeskanzlerin – che rivedrà nel bilaterale del 31 agosto – per puntare a ottenere, per il 2017, quella flessibilità sul bilancio che vede proprio Berlino tra le cancellerie più scettiche.

E Renzi, allo stesso tempo, chiamerà i suoi interlocutori ad un’accelerazione sul Migration Compact. “Il problema dei migranti è europeo, non italiano”, scandisce il premier mentre il sottosegretario Sandro Gozi spiega: “prima l’Europa sui migranti era muta, ora si tratta di attuare, con coraggio quello che ha detto”.

A Ventotene Renzi potrebbe anche avanzare la proposta di un piano straordinario della cultura, svincolato dal patto di stabilità e legato al piano Juncker, che porti a recuperare e valorizzare i luoghi simbolo dell’Ue. Un’iniziativa che – rimarca il ministro della Cultura Dario Franceschini – “colmerebbe un vuoto di anni nelle politiche europee”.

E se la partita per un ministro europeo delle Finanze (che vede Italia e Francia in un convinto sostegno) appare difficile e di lungo periodo, passi avanti si potrebbero registrare sulla cosiddetta ‘Schengen della Difesa’: con primi esperimenti di battaglioni comuni, una più stretta collaborazione tra le intelligence, la cessione – che ha avuto già l’ok di Strasburgo – di maggiori poteri all’Europol.

La carne al fuoco, insomma, è tanta, per un vertice complesso nella sua stessa organizzazione, che vedrà Renzi accogliere Merkel e Hollande a Capodichino alle ore 16, volare con loro in elicottero a Ventotene per omaggiare la tomba di Altiero Spinelli e recarsi quindi sulla nave Garibaldi, flagship dell’operazione Ue ‘Sophia’.

Lì terranno una conferenza stampa davanti ai circa 300 giornalisti italiani e stranieri accreditati, prima di intrattenersi a cena. Attorno a loro, quel Mediterraneo che l’Italia vuole parte integrante dell’agenda e della rinnovata visione europea.

(dell’inviato Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

19:09Calcio: Defrel e Under raggiungono la Roma negli Usa

(ANSA) - FIUMICINO, 20 LUG - I neo acquisti della Roma, Gregoire Defrel e Cengiz Under, più il giovane senegalese Sidy Coly Keba, sono partiti oggi dall’aeroporto di Fiumicino per raggiungere la squadra impegnata nella tournee estiva negli Stati Uniti d’America. Ad accompagnarli, il dg Mauro Baldissoni. Tante le foto e le richieste di autografi e selfie da parte dei passeggeri in transito, di chiara fede giallorossa, per i tre giocatori. Tra i più gettonati, l’attaccante Defrel che proprio questa mattina si è sottoposto alle consuete visite mediche prima di partire quindi nel pomeriggio per gli Usa.

19:08Calcio: finale Europeo U21 del 2019 sarà giocata a Udine

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Sarà Udine la sede della finale del Campionato Europeo Under 21 del 2019 che verrà organizzato in Italia. La scelta è stata annunciata nel corso del Consiglio federale della Figc svoltosi oggi a Roma. A Bologna, che insieme a Reggio Emilia ospiterà le parte della Nazionale Italiana, si svolgerà invece la gara inaugurale della manifestazione Uefa. Nel corso del Consiglio, poi, il direttore generale Michele Uva ha presentato il report realizzato dal Centro Studi e Formazione in merito ai casi di discriminazione razziale e territoriale nel calcio professionistico italiano. Dall'analisi si evince che durante il periodo di riferimento esaminato (compreso tra il 2010-11 e il 2016-17) i giudici sportivi di primo grado di Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro hanno registrato complessivamente 264 episodi di discriminazione, di cui 130 avvenuti nei campi della Serie A, 34 in quelli appartenenti alla serie cadetta ed i restanti 100 negli stadi di Lega Pro. Il fenomeno discriminatorio è in diminuzione

19:04Scherma: Mondiali, azzurri tutti avanti nelle qualificazioni

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - En plein azzurro dopo le prime due giornate di qualificazione ai Campionati del Mondo a Lipsia. Tutti e ventiquattro gli atleti italiani sono entrati nei tabelloni principali delle rispettive competizioni. Dopo che nella prima giornata Andrea Santarelli e Camilla Mancini avevano ottenuto il pass rispettivamente nella spada maschile e nel fioretto femminile, anche nella seconda giornata l'Italia festeggia il raggiungimento dell'obiettivo minimo. Alberta Santuccio, Mara Navarria e Giulia Rizzi hanno infatti superato la fase di qualificazione, approdando al main draw dove era già ammessa, come testa di serie Rossella Fiamingo. Da domani si assegnano titoli e medaglie. Si inizia con la sciavole maschile, e subito dopo il fioretto femminile. L'Italia sarà in pedana con gli sciabolatori Luigi Samele, Luca Curatoli, Enrico Berrè ed Aldo Montano, mentre nel fioretto femminile occhi puntati su Arianna Errigo, Martina Batini, Alice Volpi e Camilla Mancini.

18:56Calcio: Fiorentina, Bernardeschi non va in ritiro

(ANSA) - MOENA (TRENTO), 20 LUG - Federico Bernardeschi non raggiungerà il ritiro di Moena. L'attaccante della Fiorentina, che avrebbe dovuto riprendere tra oggi e domani dopo il periodo di vacanze, ha inviato un certificato medico confermato dalla stessa società viola: il giocatore, spiega la nota ufficiale del club, è affetto da gastroenterite acuta che lo costringe ad osservare quattro giorni di riposo. Bernardeschi è da tempo al centro di una trattativa per il suo trasferimento alla Juventus, per questo negli ultimi giorni è stato bersaglio di striscioni di protesta.

15:18Legali Carminati, certificato mafia capitale non c’è

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "E' stato certificato che mafia capitale non esiste, sono riconosciute due associazioni una del 'benzinaro' (ovvero la stazione la stazione di servizio a Corso Francia dove gravitavano i personaggi della malavita legati all'associazione, ndr) e un'altra legata al mondo delle cooperative". Così gli avvocati di Massimo Carminati, Ippolita e Giosuè Naso. "Oltre all'associazione è caduto anche il metodo mafioso", hanno aggiunto. I giudici hanno detto che "la mafia a Roma non esiste, come andiamo dicendo da 30 mesi" ha aggiunto Naso. "La presa d'atto della inesistenza dell'associazione mafiosa - ha aggiunto - ha provocato una severità assurda e insolita. Mai visto che a nessuno di 46 imputati non venissero date attenuanti. Sono pene date per compensare lo schiaffo morale dato alla procura". Per Naso "certamente lo sconfitto è Pignatone", il procuratore capo di Roma, "non so se ci sono dei vincitori".

15:08L.elettorale: Grasso, a settembre riprenda dialogo

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Auspico che da settembre riprenda, alla Camera o in Senato, il dialogo tra i Gruppi per dare al Paese una legge chiara e funzionale, che tenga nel giusto equilibrio il principio costituzionale della rappresentanza e l'esigenza politica della governabilità". Così il presidente del Senato Pietro Grasso nel corso della cerimonia del Ventaglio.

15:08Comuni: ddl per ballottaggio al 40%, il sì del Pd

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Arriva in Commissione Affari costituzionali il testo base della legge che abbassa dal 50% al 40% la soglia necessaria per vincere le elezioni comunali senza ballottaggio. Lo ha depositato il relatore Massimo Parisi (Sc-Ala) il giorno dopo in cui il Pd, con il responsabile Enti Locali Matteo Ricci, in una audizione in qualità di vicepresidente dell'Anci, ha dato il via libera all'abbassamento. Durante la discussione generale il Pd non si era pronunciato mentre M5s, con Andrea Cecconi, ha detto No.

Archivio Ultima ora