“La rana Encantada” di Linsabel Noguera

Linsabel Noguera

“Me considero una persona privilegiada por vivir en Chacao. El servicio de salud es excelente, gratuito, los medicos son atentos y competentes. Los eventos en las plazas, son de primera categoría, con participantes reconocidos, entre ellos: Leonardo Padròn, Mariaca Semprun, Laureano Marquez, Claudio Nazoa. ”Cierran los teatros y abren las plazas…” como dijo Laureano Marquez”….
(Deanna Albano – “El papel y su magia”)

Linsabel Noguera
Linsabel Noguera

CARACAS.- L’ascoltiamo attenti… mentre una marea di gente (in gran parte ragazze giovanissime, con bambini tra le braccia) riempie la piazza più grande del Municipo Chacao.

Sono li, “in fila”, aspettando il proprio turno per entrare nel supermercato. Scene, che si ripetono, purtroppo, senza sosta, in ogni quartiere di Caracas.

Ma, in fondo: “ci si abitua a tutto e “qualcosa”, dovrà pur “cambiare”, è questa, l’idea che attraversa per qualche istante il pensiero di molti… Così si va avanti, senza smettere di sorridere alla vita, narrando favole, inventando giochi, nuotando con la fantasia tra i “colori dell’infanzia”, per raccontare, con allegria, come “La rana encantada” è diventata realtà.

Ascoltando Linsabel Noguera, alla quale dobbiamo la nascita della “famosa rana”, i pensieri tornano a correre tra i colori dell’arcobaleno e… la speranza… si sa, “è ultima a morire”.

– La mia bisnonna, Isabella Rovati, era italiana – afferma con orgoglio Linsabel che ama la musica di Giuseppe Verdi.

È nata a Valencia; ha vissuto per alcuni anni a Maracay, dove l’impronta dell’italianità in Venezuela è più evidente che mai.

Libros artesanales_niños LRE

Direttrice e fondatrice di “La rana encantada”, è narratrice orale e promotrice del noto programma di lettura, arte, cittadinanza e cultura di pace dedicato a bambini, giovani e adulti…..

– Siamo itineranti – afferma – come i “trovatori”!

Ne è appunto prova, la simpaticissima iniziativa di Linsabel, che ha come titolo “Leer en bici” (“Biblioteca Infantil Comunitaria Itinerante”).

La nostra intervistata afferma: – Oltre a lavorare in Chacao, ci adoperiamo moltissimo in altre cinque Municipalità di Caracas-.

Ha scritto un libro dal titolo :”Jugando entre libros”, in vendita presso varie librerie del Venezuela : “Leer y crear para convivir”… afferma convinta.

– Adoro, promuovere l’unione attraverso la cultura. – spiega – È un desiderio che mi accompagna fin da quando ero piccina e mio papà stimolava in noi l’amore per la lettura, attraverso il gioco.

Frequentando l’Università, in seguito, ho “scoperto” il fascino del “racconto orale” (il mio preferito)-.

Ecomural Chacao.jpg

Attraverso “Radio – Caracas – Radio”, ogni domenica, alle ore 11,00 potremo “saperne di più” ascoltando il programma intitolato: “Libreria Sonica” ed anche ogni mattina, alle ore 8,oo, (sempre Radio- Caracas- Radio), con Diego Bautista Urbaneja, che ci diletta con “Historiador”.

I programmi futuri della nostra intervistata sono entusiasmanti e variano dagli incontri dal vivo durante i quali vengono narrate storie antiche e nuove fiabe, proprio come facevano i trovatori, ai libri e ai programmi radio. Ascoltandola ci trascina in un “bosco colorato” di gioia e speranza.

“Tutto passa”, pensiamo, mentre valutiamo l’intensità della fila alle porte del supermercato in questa bella Piazza di Chacao… La fantasia sa fare “miracoli”!!!

Anna Maria Tiziano

Condividi: