Spari contro il dormitorio per immigrati a Brindisi

Pubblicato il 23 agosto 2016 da ansa

Spari contro il dormitorio per immigrati a Brindisi

Spari contro il dormitorio per immigrati a Brindisi

BRINDISI. – Due colpi di pistola contro la porta d’ingresso di un dormitorio che accoglie, in sovrannumero costante, duecento migranti che di giorno lavorano nei campi, di notte stanno lì. Ad attendere l’alba di un nuovo giorno di speranza, la speranza di ottenere l’assenso alla loro richiesta d’asilo.

E’ accaduto a Brindisi, nella notte di ieri. Nello sconcerto generale di una terra che sin dai tempi degli sbarchi dei profughi albanesi si è fregiata dell’appellativo di terra d’accoglienza.

Sull’episodio indagano i carabinieri di Brindisi che hanno ascoltato le testimonianze, sul posto, in via Provinciale San Vito, zona centrale della città. Non si esclude nulla: che si tratti di un gesto xenofobo, innanzitutto. Ma si ritiene più probabile che i due colpi che hanno frantumato una parte della vetrata della porta e della finestra che dà accesso alla struttura siano da ritenersi un avvertimento da inquadrarsi in una vicenda del tutto personale.

A quanto gli investigatori hanno appreso, infatti, nei giorni scorsi qualcuno degli ospiti del dormitorio avrebbe subito minacce. Per aver frequentato, pare, una donna del posto. Su queste circostanze sono in corso accertamenti: non escludono i militari dell’Arma, pur non potendo contare sull’apporto di telecamere di videosorveglianza in quanto l’edificio non ne è dotato, di poter dare una rapida soluzione al caso.

Il dormitorio di via Provinciale San Vito, un tempo gestito dalla Caritas diocesana e oggi invece affidato a una cooperativa, dovrebbe ospitare un’ottantina di persone. Trovano un tetto per trascorrere la notte circa 200 immigrati che hanno vissuto una notte di paura dopo aver udito il fragore degli spari.

Stando alle ricostruzioni qualcuno, poco dopo le 23 di ieri, è entrato nel piazzale antistante all’ingresso. Probabilmente a bordo di un’autovettura. Ha sparato contro la vetrata mandandola in frantumi almeno due colpi. Sul posto non sono stati trovati bossoli, né tantomeno le ogive che potrebbero far risalire alla tipologia di arma usata. Si suppone che ad agire sia stata gente del posto. Sul movente sono in corso indagini.

Ultima ora

06:23Man Booker Prize ad un americano per il secondo anno

LONDRA - L'americano George Saunders ha vinto il Man Booker Prize con il romanzo "Lincoln in the Bardo", diventando il secondo autore americano ad aggiudicarsi il prestigioso premio britannico. Il libro parte dalla visita realmente compiuta dal presidente Abraham Lincoln nel 1862 in un cimitero di Washington sulla tomba del figlio di undici anni Willie e da lì si sviluppa con un coro di personaggi, tutti morti che non riescono a lasciare questa vita.

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

Archivio Ultima ora