Spari contro il dormitorio per immigrati a Brindisi

Pubblicato il 23 agosto 2016 da ansa

Spari contro il dormitorio per immigrati a Brindisi

Spari contro il dormitorio per immigrati a Brindisi

BRINDISI. – Due colpi di pistola contro la porta d’ingresso di un dormitorio che accoglie, in sovrannumero costante, duecento migranti che di giorno lavorano nei campi, di notte stanno lì. Ad attendere l’alba di un nuovo giorno di speranza, la speranza di ottenere l’assenso alla loro richiesta d’asilo.

E’ accaduto a Brindisi, nella notte di ieri. Nello sconcerto generale di una terra che sin dai tempi degli sbarchi dei profughi albanesi si è fregiata dell’appellativo di terra d’accoglienza.

Sull’episodio indagano i carabinieri di Brindisi che hanno ascoltato le testimonianze, sul posto, in via Provinciale San Vito, zona centrale della città. Non si esclude nulla: che si tratti di un gesto xenofobo, innanzitutto. Ma si ritiene più probabile che i due colpi che hanno frantumato una parte della vetrata della porta e della finestra che dà accesso alla struttura siano da ritenersi un avvertimento da inquadrarsi in una vicenda del tutto personale.

A quanto gli investigatori hanno appreso, infatti, nei giorni scorsi qualcuno degli ospiti del dormitorio avrebbe subito minacce. Per aver frequentato, pare, una donna del posto. Su queste circostanze sono in corso accertamenti: non escludono i militari dell’Arma, pur non potendo contare sull’apporto di telecamere di videosorveglianza in quanto l’edificio non ne è dotato, di poter dare una rapida soluzione al caso.

Il dormitorio di via Provinciale San Vito, un tempo gestito dalla Caritas diocesana e oggi invece affidato a una cooperativa, dovrebbe ospitare un’ottantina di persone. Trovano un tetto per trascorrere la notte circa 200 immigrati che hanno vissuto una notte di paura dopo aver udito il fragore degli spari.

Stando alle ricostruzioni qualcuno, poco dopo le 23 di ieri, è entrato nel piazzale antistante all’ingresso. Probabilmente a bordo di un’autovettura. Ha sparato contro la vetrata mandandola in frantumi almeno due colpi. Sul posto non sono stati trovati bossoli, né tantomeno le ogive che potrebbero far risalire alla tipologia di arma usata. Si suppone che ad agire sia stata gente del posto. Sul movente sono in corso indagini.

Ultima ora

09:14Barcellona: si teme per un italiano di Legnano

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Si teme per la vita di un italiano dopo l'attentato che ha colpito Barcellona: si tratta di Bruno Gulotta, residente a Legnano, in Lombardia, che era in vacanza nella città catalana con la moglie e i figli. Gulotta, 35 anni, al momento dell'attacco si trovava sulla Rambla e sarebbe rimasto ucciso dal furgone killer che è piombato sulla folla provocando almeno 13 morti. Al momento tuttavia non ci sono conferme ufficiali della notizia.

08:53Barcellona: ambasciatore a Madrid,3 italiani feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - 'All'ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell'attentato a Barcellona'. Lo ha detto a '6 su Radio 1' l'ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

08:15Barcellona: la Rambla riaperta al pubblico

BARCELLONA - La Rambla di Barcellona, colpita a morte da un attentato terroristico ieri, e' stata riaperta al pubblico dopo essere stata completamente ripulita durante la notte. Lo ha constatato un giornalista dell'ANSA. La passeggiata che dal centro conduce al porto della città' rimane pero' chiusa al traffico delle auto. Centinaia di turisti stanno lasciando gli alberghi o gli appartamenti affittati nel centro della citta'.

08:10Barcellona: governo Catalogna, attacco Cambrils legato

BARCELLONA - L'attacco della scorsa notte nella localita' turistica di Cambrils e' legato a quello di ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona. Lo ha detto il ministro regionale degli Interni della Catalogna Joaquim Forn alla radio RA C1 nelle prime ore del mattino precisando che l'attacco ''segue la stessa traccia. C'e' un collegamento''. La polizia non ha dato dettagli dell'attacco a Cambrils ma i media locali affermano che un'automobile ha investito un mezzo della polizia e la gente che si trovava nelle vicinanze.

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

Archivio Ultima ora