Sisma: bimbi i più a rischio di traumi della psiche da ansia

Pubblicato il 24 agosto 2016 da ansa

A mother embraces his son in Amatrice, central Italy, where a 6.1 earthquake struck just after 3:30 a.m.,Italy, 24 August 2016.ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

A mother embraces his son in Amatrice, central Italy, where a 6.1 earthquake struck just after 3:30 a.m.,Italy, 24 August 2016.ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – La paura, ansia e panico, ma anche rabbia per essere stati colpiti da una tragedia inspiegabile. Questi i sentimenti prevalenti nella popolazione colpita dal terremoto, su cui gli psicologi devono iniziare a lavorare da subito per evitare, nel medio termine, che emergano vere e proprie patologie.

Lo afferma la presidentessa della Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza (Sipem) Cristiana Dentone, secondo cui i primi a cui prestare attenzione sono i bambini. “Nella prima fase dell’emergenza le persone affrontano il trauma con una mobilitazione interiore, dove tutti cercano di aiutare e darsi da fare – spiega l’esperta -. I bambini si cerca sempre di lasciarli in sicurezza quando possibile, magari con dei parenti.

Un assetto differente nasce quando poi verranno istituite le tendopoli, in quel caso vengono attuati interventi specifici con la finalità di rielaborare il vissuto traumatico per contenerne la sintomatologia. Sono programmi che è importante iniziare il prima possibile e che vanno attuati nel tempo, rinforzati e studiati a seconda delle esigenze”.

La fascia a cui prestare maggiore attenzione, conferma Dentone, è quella dei più piccoli. “I più deboli sono ovviamente i bambini – spiega -, ma bisogna fare particolare attenzione anche agli anziani e ai malati cronici, persone già in difficoltà prima del sisma.

E’ utile che si sappia che ci sono dei metodi che permettono di normalizzare l’esperienza traumatica, e di evitare lo sviluppo di problemi a medio e lungo termine. Nei bambini il sentimento prevalente in queste ore è l’ansia, con il rischio di attacchi di panico, ma c’è anche rabbia, si tende a pensare perchè proprio a me.

Un intervento precoce è la chiave per evitare il cristallizzarsi delle sintomatologie, che possono portare a problemi a livello somatico, cognitivo, comportamentale, emozionale”.

Come in occasione di altre tragedie simili alcune squadre di psicologi sono pronte ad attivarsi. “Alcune squadre della nostra sezione delle Marche sono già partite, mentre altre sono in preparazione nel resto d’Italia pronte a intervenire – spiega Dentone -.

In questi casi il primo giorno è sempre un po’ caotico, l’attività principale è una assistenza finalizzata all’appoggio e al supporto alle squadre di soccorritori già operanti, spesso direttamente sul luogo delle macerie per assistere i parenti o chi cerca i propri cari, che si rifiuta di lasciare i luoghi del disastro.

Successivamente si lavora insieme al 118 per l’assistenza e il supporto psicologico a feriti e parenti, oltre a un lavoro di vicinanza alle vittime”.

(di Pier David Malloni/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora