Sisma: la mappa dei primi interventi per l’arte

Pubblicato il 24 agosto 2016 da ansa

Persone in piazza a Norcia dopo la forte scossa di terremoto della notte. Norcia, 24 agosto 2016. ANSA/MATTEO CROCCHIONI

Persone in piazza a Norcia dopo la forte scossa di terremoto della notte. Norcia, 24 agosto 2016. ANSA/MATTEO CROCCHIONI

ROMA. – Dalle decine di sopralluoghi da fare in Umbria, alla verifica della situazione del Duomo di Urbino nelle Marche e dell’infinito patrimonio diffuso dell’Abruzzo. Mentre nel Lazio in particolare, dove la situazione è più grave, si pensa ad organizzare il ‘dopo’ e sono scesi in campo i carabinieri del Comando per la tutela del Patrimonio, incaricati di tenere lontani ladri e sciacalli.

Il danno inferto all’arte dal terremoto della notte scorsa, sottolineano dal ministero guidato da Franceschini, è molto grave anche perchè riguarda una zona vasta e ricchissima di testimonianze storico artistiche. Di seguito, divisa per regioni la prima organizzazione degli interventi:

UMBRIA – Ci sono richieste di sopralluoghi da parte della prefettura di Perugia (per edifici a Norcia, Monteleone di Spoleto, Cascia, Cerreto di Spoleto e Spoleto appartenenti al FEC); dal Comune di Sellano per la Torre di san Martino, dal Comune di Scheggino per diverse chiese. Il personale Mibact del Centro emergenze di Foligno sta predisponendo materiali e dati in vista della riunione di domani. E’ stato già verificato che non ci sono danni nella Galleria nazionale dell’Umbria.

MARCHE – Le strutture MiBACT hanno attivato l’unità di crisi e partecipato ad una riunione operativa con il Presidente della Regione Abruzzo, il Direttore dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione per l’Aquila e Cratere, con il Presidente della Provincia dell’Aquilae con i Sindaci dei Comuni interessati della Provincia dell’Aquila a Montereale (AQ), a mezzogiorno. Poi sopralluogo nelle frazioni di Montereale.

Tra i centri più colpiti ci sono Santa Lucia di Montereale e Aringo di Montereale con danni limitati al patrimonio culturale. Sono in corso verifiche in altri comuni del Teramano. Intanto l’Unità di crisi, che si è riunita questa mattina ha affrontato le prime emergenze. Il nucleo tutela del patrimonio culturale dei carabinieri ha fatto sopralluoghi.

I danni sono soprattutto concentrati nella zona di Arquata del Tronto e Pescara del Tronto. Qui però i sopralluoghi dei funzionari Mibact verranno fatti dopo che sarà risolta l’emergenza umana. E’ stato verificato che non ci sono danni alla Galleria nazionale di Urbino. I danni effettivi al Duomo di Urbino devono essere verificati domattina dal Soprintendente.

LAZIO – L’unità di crisi si è riunita in tarda mattinata. Anche qui è impossibile al momento fare i sopralluoghi. Si è cominciato quindi dalle zone più lontane dall’epicentro. Si sono esaminate le diverse possibilità di ricovero dei beni mobili, dove poter anche impiantare laboratori di restauro, sul modello di quanto fatto a Sassuolo dopo il terremoto del 2012 in Emilia.

Le verifiche riguarderanno anche i luoghi di conservazione di beni librari e archivistici, d’intesa con gli Ordinari diocesani per quanto riguarda gli archivi parrocchiali. I Carabinieri dei nuclei regionali sono già attivi per evitare danneggiamenti da furti e sciacallaggi di beni mobili. Sono pronte le schede di rilevamento danni tutti gli apparati documentari e si sono individuate le risorse per i primissimi approvvigionamenti per le squadre di rilievo danni.

Ultima ora

10:33F1: Australia, Hamilton vola in prime libere, Raikkonen 5/o

(ANSA) - MELBOURNE, 24 MAR - Lewis Hamilton segna il miglior tempo sulla sua Mercedes nella prima sessione di prove libere del Gran premio d'Australia, prima prova del Mondiale di Formula 1. Nel suo giro più veloce Hamilton ha segnato 1'24"220, quasi sei decimi di secondo più veloce del compagno di squadra Valtteri Bottas. Dietro le due Mercedes si sono piazzate le Red Bull di Daniel Ricciardo e Max Verstapen, poi le Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel.

10:06Brexit: Juncker a Bbc, ‘un fallimento e una tragedia’

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il 29 marzo, quando la Gran Bretagna consegnerà a Bruxelles la lettera che dà l'avvio alla Brexit, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sarà "triste" perchè l'uscita di Londra dall'Ue "è una tragedia, un fallimento e una tragedia". Lo stesso Juncker lo ha detto alla Bbc in una lunga intervista che andrà in onda oggi. L'emittente ne ha anticipato alcuni brevi stralci.

09:42Terremoto: Marini, Parlamento Ue a Norcia è vicinanza gente

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 MAR - "Oggi a Norcia si riunisce la presidenza del Parlamento europeo (presidente, vicepresidenti e presidenti del gruppo politici) nell'ambito delle cerimonie per il 60/O anniversario dei Trattati di Roma. È un gesto simbolico e di vicinanza delle istituzioni europee alla nostra gente colpita dal sisma": è quanto scrive questa mattina sul proprio profilo facebook, Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria. Secondo la quale "dobbiamo ricostruire ciò che il terremoto ha distrutto e lacerato, sostenere la forza resiliente della popolazione, ma anche ricostruire il progetto europeo che ha bisogno della fiducia e del consenso dei cittadini". Marini sarà a Norcia, assieme agli altri presidenti di Regione colpite dal sisma, per accogliere i parlamentari europei, con il presidente Antonio Tajani. Gli esponenti del Parlamento europeo al termine dei lavori visiteranno la città di San Benedetto, recandosi davanti alla Basilica quasi completamente distrutta dal sisma. (ANSA).

08:55Trump: Senato conferma Friedman ambasciatore Usa in Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - Il Senato degli Stati Uniti ha confermato la nomina avanzata dal presidente Donald Trump di David Friedman come ambasciatore americano in Israele, nonostante le critiche espresse dai democratici. I senatori hanno approvato la nomina con 52 voti favorevoli e 46 contrari. Friedman, avvocato di New York molto legato a Trump che e' stato suo cliente, e' noto per la sua posizione a sostegno degli insediamenti israeliani e contraria alla creazione di uno Stato palestinese.

08:51Trump: Casa Bianca spinge per voto oggi contro Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - La Casa Bianca insiste affinche' si voti già oggi sulla legge che dovrebbe sostituire l'Obamacare, dopo che la Camera del Congresso Usa ha deciso di rimandare il voto previsto nelle scorse ore, attribuito da più parti al fallimento dell'ennesimo pressing del presidente Donald Trump e dello speaker Paul Ryan sui membri del Congresso repubblicani riluttanti. Eppure fino all'ultimo momento il portavoce della Casa Bianca si era detto certo che il voto ci sarebbe stato e fiducioso che il testo sarebbe passato, ma questa volta Trump non sembra essere stato capace di 'chiudere l'affare', almeno per ora: stando ai media l'amministrazione ha lanciato un ultimatum ai leader repubblicani al Congresso affermando che "la trattativa e' chiusa" ed esortando al voto già nelle prossime ore, con le pressioni protrattesi fino a tarda sera in incontri a porte chiuse a Capitol Hill, alla presenza anche dei più stretti collaboratori di Trump, dal suo stratega Steve Bannon al chief of staff Rience Priebus.

01:33Calcio: Mondiali 2018, Colombia-Bolivia 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - La Colombia ha battuto la Bolivia 1-0 in una gara valida per le qualificazioni mondiali dell'America del sud. Decide la rete su rigore dell'attaccante del Real, James Rodriguez, al 38' del secondo tempo. Si fa male invece Muriel: il giocatore della Samp è stato infatti costretto a uscire per un infortunio dopo mezzora di gioco.

00:41Iraq: tv curda, almeno 200 uccisi in raid a Mosul

(ANSA) - BEIRUT, 23 MAR - La televisione curdo-irachena Rudaw afferma che almeno 200 persone, la maggior parte civili, sono state uccise in raid aerei nell'ovest di Mosul ancora controllato dall'Isis. L'emittente non precisa se i raid siano stati compiuti dall'aviazione irachena o da jet della Coalizione internazionale a guida Usa, che appoggia l'offensiva lealista con pesanti bombardamenti. La settimana scorsa l'ong Osservatorio iracheno per i diritti umani aveva parlato di almeno 299 civili già uccisi dai raid della Coalizione a guida americana a Mosul ovest da febbraio, quando ha avuto inizio l'offensiva governativa per strapparla allo Stato islamico. L'inviato di Rudaw a Mosul, Hevidar Ahmed, ha detto che i raid hanno colpito il quartiere di Al Jadida e fino a 230 persone potrebbero essere state uccise. Di queste, 130 si trovavano in un solo edificio e 100 in un altro.

Archivio Ultima ora