Storico accordo di pace tra la Colombia e le Farc

Pubblicato il 25 agosto 2016 da ansa

Colombians hold signs reading "Peace is my, your, our business" and celebrate in Bogota as they watch on a giant screen the signing of the agreement at the conclusion of the peace talks between the government and the FARC on August 24, 2016.   / AFP PHOTO / GUILLERMO LEGARIA

Colombians hold signs reading “Peace is my, your, our business” and celebrate in Bogota as they watch on a giant screen the signing of the agreement at the conclusion of the peace talks between the government and the FARC on August 24, 2016.
/ AFP PHOTO / GUILLERMO LEGARIA

BOGOTÀ – “La guerra è finita”. Con queste parole il governo di Juan Manuel Santos ha annunciato lo storico accordo tra la Colombia e le Farc, la guerriglia marxista che combatteva dal lontano 1964 nelle aree più povere del paese sudamericano.

Dall’Avana, dove si sono svolti i colloqui bilaterali, il negoziatore del governo, Humberto de la Calle, ha detto che “ora è il momento di dare un’opportunità alla pace”. Il suo omologo delle Forze Armate Rivoluzionarie, Ivan Marquez, gli ha fatto eco, sottolineando che “abbiamo vinto la battaglia più bella, quella della pace”.

Malgrado la pioggia battente, centinaia di persone sono scese in piazza a Bogotà per celebrare l’accordo, che pone fine a quello che era il più lungo conflitto militare al mondo.

– Questo è l’inizio della fine, la fine della sofferenza del nostro popolo – ha annunciato Santos in tv.

Il presidente colombiano, che si è giocato la carriera politica con questo processo di pace, ha aggiunto che l’intesa con la guerriglia sarà sottoposta all’approvazione dei cittadini attraverso un referendum che si svolgerà il prossimo 2 ottobre.

Da tutto il mondo sono cominciati ad arrivare i messaggi di congratulazioni, primo fra tutti quello di Barack Obama, che ha parlato di “un giorno storico per il popolo colombiano”, nel quale si è dimostrato che “un duraturo impegno per la diplomazia e la riconciliazione può superare anche i conflitti più radicati”.

Dopo l’euforia dell’annuncio di un accordo – quattro anni dopo l’apertura delle trattative – resta ora da vedere quali sono le possibilità che venga confermato nelle urne, e, se fosse approvato, che difficoltà comporterà la sua applicazione.

I sondaggi sulle intenzioni di voto mostrano cifre ballerine. Una vittoria del ‘sì’ con il 74% dei voti per Radio Caracol, lo scorso 2 luglio, un virtuale pareggio fra le due opzioni, con 31,5% per il ‘sì’ contro 30,1% per il ‘no’, secondo il quotidiano El Tiempo, la settimana scorsa.

Il punto che ha scatenato più polemiche, e dunque il principale motivo evocato da chi voterà ‘no’ è quello che concerne la giustizia per i responsabili di crimini di guerra e violazione dei diritti umani duranti i decenni di conflitto.

Secondo i termini dell’accordo, i guerriglieri che accettino di dichiararsi colpevoli non andranno in prigione, e potranno scontare una pena più leggera con “lavori a favore della comunità”.

L’accordo prevede anche un forte impegno del governo a favore delle zone rurali, e maggiori diritti per i partiti politici più piccoli, come richiesto dalle Farc, che in cambio garantiscono il disarmo della guerriglia e la cooperazione con le autorità per l’eliminazione della produzione ed esportazione di cocaina.

– Non è il migliore degli accordi, ma è l’accordo che abbiamo – ha sintetizzato Carlos Romero, un cameriere di un quartiere popolare di Bogotà, che dice di voler votare per il ‘sì’ anche se ha un parente che è morto in un attentato delle Farc.

Ultima ora

18:20Migranti: corteo antirazzista a Roma con Arci,Fiom,Si,Baobab

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Un corteo antirazzista si sta svolgendo nel centro di Roma, da piazza della Repubblica a piazza Vittorio, diverse centinaia i partecipanti. Alla manifestazione hanno aderito centinaia di realtà tra cui Arci, Fiom, Sinistra italiana, Baobab, Libera di Don Ciotti, Amnesty International, Medici Senza Frontiere. "In un momento difficile della storia del paese e del pianeta intero, dobbiamo decidere fra due modelli di società - si legge nell'appello dei promotori -. Quello includente, con le sue contraddizioni, e quello che si chiude dentro ai privilegi di pochi".

18:13Calcio: Milan, Montella cita Churchill

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 21 OTT - "Il rischio non mi spaventa, fa parte del mio Dna e quando c'è il rischio dò il meglio di me": in bilico alla vigilia della sfida con il Genoa, l'allenatore del Milan Vincenzo Montella, si presenta citando uno storico premier britannico: "Mi sento molto motivato e lucido. Per sintetizzare il mio stato d'animo, userei una frase di Churchill: 'Il successo è l'abilità di passare da un fallimento all'altro senza perdere l'entusiasmo'. Sono felice di allenare il Milan come il primo giorno. Conosco i rischi del mestiere".

18:05Calcio: serie B, Venezia aggancia Empoli in testa

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Classifica del campionato di Serie B dopo la 10/a giornata: Empoli e Venezia 17; Cremonese, Bari, Pescara, Frosinone e Novara 16; Palermo e Carpi 15; Parma 14; Salernitana, Perugia, Cittadella, Avellino e Spezia 13; Entella 12; Ternana e Foggia 11; Pro Vercelli, Ascoli e Brescia 10; Cesena 8.

18:03Calcio: Montella, Milan coraggioso per accendere scintilla

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 21 OTT - "Mi piacerebbe che i ragazzi giocassero con più coraggio, liberi di testa. E' la chiave per accendere la scintilla che ci manca". Così Vincenzo Montella carica il suo Milan alla vigilia della sfida con il Genoa, delicata per il futuro dell'allenatore. "Ci può mancare qualche punto, qualche sprazzo di prestazione, ma - ha osservato - siamo la squadra che ha tirato più in porta dopo il Napoli. La squadra deve liberarsi di testa, dobbiamo prendere questa vittoria anche attraverso la rabbia. L'unione fra società, allenatore e giocatori bisogna farla vivere ancora di più".

17:53Calcio:Pioli, Fiorentina a Benevento, occasione da sfruttare

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - Contro l'ultima in classifica i rischi sono doppi. Ecco l'avvertimento di Stefano Pioli alla vigilia della trasferta-trappola di Benevento. "Sarebbe un grosso errore dare per scontato di averla già vinta e non avrei fatto un buon lavoro se non avessi preparato la mia squadra alle difficoltà di domani -ha detto il tecnico della Fiorentina. A parte contro la Roma che è una grande squadra, il Benevento sul proprio campo non ha mai perso in modo netto. Il calcio è pieno di esempi, l'ultimo è il Crystal Palace capace dopo 7 ko di fila di battere il Chelsea campione della Premier. Di sicuro questa gara per noi è un'occasione da sfruttare". Ai suoi Pioli chiede identità, intensità, concretezza, crescita nel gestire la palla e il match. "Nessuna formazione, neppure il City e il Napoli, riescono a sostenere gli stessi ritmi per tutti i 90'. Noi però ogni tanto facciamo qualche pausa, lavoriamo più da singoli che da squadra e finiamo per pagarla a caro prezzo come col Chievo".

17:49Calcio: Chelsea batte 4-2 Watford in rimonta,e Conte respira

(ANSA) - LONDRA, 21 OTT - Pericolo scampato: come già contro la Roma, il Chelsea prima sblocca il risultato, poi è costretto a rincorrere contro il Watford, che si arrende solo nel finale. Dopo due sconfitte di file i Blues di Antonio Conte tornano alla vittoria in Premier League, 3 punti che valgono il 4/o posto in classifica. Una vittoria indispensabile per scongiurare la crisi, ma che non cancella le attuali difficoltà dei campioni d'Inghilterra. Che vincono solo nel finale, con merito ma anche con un pò di fortuna. Perché gli ospiti dominano per lunghi tratti della gara, sprecando con il brasiliano Richarlison almeno due clamorose occasioni da rete. "Ma oggi i miei giocatori hanno dimostrato il loro grande carattere, il desiderio di lottare fino alla fine - la soddisfazione di Conte -. Il modo in cui abbiamo vinto questa partita è un segno dello spirito della squadra. Non sono preoccupato per il mio futuro, l'unica pressione che sento è la responsabilità che la mia squadra renda felici i nostri tifosi".

17:46Calcio: Genoa, Juric “Centurion fuori può fare come vuole”

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - "Fuori dal campo per me i giocatori possono fare quello che vogliono, hanno totale libertà di espressione. Quando si allenano invece devono dare sempre il massimo". Ivan Juric risponde così ai media argentini che lo hanno accusato di aver emarginato Ricardo Centurion per alcuni video che il giocatore ha pubblicato sul proprio profilo Instagram, in orari notturni e raccontando momenti di nostalgia. Juric ha poi lasciato aperta la porta ad un giocatore finito comunque ai margini e in campo sino ad ora solo in due spezzoni con Lazio e Juve. "Se ritengo che un giocatore possa dare contributi non escludo nessuno. L'importante è che quando arriva l'occasione ogni giocatore si faccia trovare pronto. E la mia storia qui al Genoa dimostra che ci sono occasioni per tutti. Io non escludo nessuno, compreso Ricardo che si allena regolarmente con la squadra".

Archivio Ultima ora