Corsa contro il tempo, oltre 250 morti. “Rischio peggio dell’Aquila”

Pubblicato il 25 agosto 2016 da ansa

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata, il giorno dopo il terremoto, Rieti 25 agosto 2016.       ANSA/ANGELO CARCONI

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata, il giorno dopo il terremoto, Rieti 25 agosto 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA – La terra continua a tremare: nel primo pomeriggio una nuova forte scossa, di grado 4.3, ha angosciato la gente già provata di Amatrice, Accumoli, Pescara e Arquata del Tronto. Ancora crolli soprattutto nel reatino. Ed è una corsa contro il tempo per estrarre gente viva dalle macerie. Oggi non è successo.

Il bilancio delle vittime cresce di ora in ora: 250 i morti, per l’ultimo bilancio della Protezione Civile, secondo la quale a pagare il tributo più pesante è Amatrice con 193 morti, 11 ad Accumoli, 46 nella zona di Arquata nelle Marche. Ma da Amatrice arriva l’aggiornamento a 204 vittime e dunque si tratterebbe di un numero complessivo destinato ancora a crescere.

I feriti sono 365. Stasera sono arrivate le prime misure decise dal Consiglio dei Ministri.

– Deliberato lo stato d’emergenza con un primo stanziamento – ha annunciato il premier Matteo Renzi – di 50 milioni di euro. Gli interventi saranno coordinati dalla Protezione civile.

Stabilita anche la sospensione, nelle aree interessate dal sisma, degli adempimenti fiscali. Oggi si è riunita la Commissione Grandi Rischi per fare un’analisi di quanto accaduto. Da aggiornare dunque la conta delle vittime. E Fabrizio Curcio, capo del Dipartimento della Protezione Civile, non nasconde che questo sisma che ha colpito ieri l’Italia centrale possa avere alla fine, in termini di vittime, “dimensioni peggiori di quello dell’Aquila”, dove i morti furono 309.

Stessa sensazione è espressa dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti:
¬- Temo che le vittime aumenteranno e non di poco.

Comunque estratte vive finora 215 persone. L’opera dei soccorritori prosegue senza soste nonostante le 600 scosse che colpiscono l’area dalla scorsa notte.

– Oltre 2mila – ha riferito il ministro dell’Interno Angelino Alfano – le persone impegnate giorno e notte tra vigili del fuoco e operatori della sicurezza.

E purtroppo oggi si registra anche il primo arresto, ad Amatrice, per sciacallaggio. I carabinieri hanno fermato un 45enne originario di Napoli, pluripregiudicato, che tentava di introdursi in un’abitazione forzandone la porta con un cacciavite.

Ma accanto all’emergenza, con le tendopoli già allestite vicino ai paesi colpiti, e la macchina della solidarietà che si è attivata in tutta Italia, arriva anche il momento della ricerca delle responsabilità e per questo la Procura di Rieti ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di disastro colposo.

L’inchiesta dovrà far luce anche sui crolli che hanno interessato edifici ristrutturati di recente, come il campanile di Accumoli e la scuola di Amatrice. E a proposito di scuola, è una lotta contro il tempo per far sì che i ragazzi non perdano giorni in queste condizioni di emergenza.

Questa notte saranno oltre 1.200 le persone a dormire nelle tendopoli. Questo il numero almeno di quanti hanno chiesto assistenza alla Protezione Civile. La prima notte solo in 600 hanno scelto la tenda (a disposizione in teoria ci sono 3.500 posti letto). Molti hanno dormito nelle auto per stare più vicini alle loro case. Altri ancora hanno trovato ospitalità da amici o parenti.

(Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

20:29Terremoto: Curcio, stiamo lavorando al limite del proibitivo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "C'è la difficoltà di operare, tutto è reso più difficile dalla viabilità complicata dalla neve". Lo ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio nella sede Dicomac a Rieti. "Stiamo lavorando al limite del proibitivo" ha osservato aggiungendo che "diverse zone non sono state raggiunte, abbiamo contatti ma molte zone sono isolate. Il tutto reso più difficile dalla viabilità". Il Capo della Protezione civile ha quindi chiesto di evitare spostamenti: "Chi si deve muovere lo faccia dopo essersi informato. Non si deve forzare ciò che non è forzabile". E chi può - ha aggiunto - vada in strutture alberghiere. "Noi abbiamo riaperto tutte le possibilità di assistenza alla popolazione che avevamo ristretto. Regioni e sindaci hanno attivato percorsi di ricovero" ha detto. Curcio ha quindi confermato che non risultano decessi. Sull'uomo che sarebbe stato travolto dalla slavina a Campotosto "sono in corso verifiche".

20:27Maltempo: mille senza luce in piccoli centri del Nuorese

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - A seguito delle abbondanti nevicate di questa notte nelle province di Nuoro e dell' Ogliastra il servizio elettrico ha subito diverse interruzioni per gran parte ripristinate dopo l'intervento dei tecnici e degli operai di e-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce le reti di media e bassa tensione, coadiuvati dalle imprese appaltatrici. Si tratta complessivamente di un migliaio di utenze nei paesi di montagna. Le operazioni di riattivazione sono ostacolate dall'impraticabilità di alcuni tratti della rete stradale per la presenza di neve e ghiaccio. Le squadre, supportate da mezzi speciali, stanno intervenendo per riparare i guasti causati principalmente dalla formazione di manicotti di ghiaccio intorno ai conduttori e dalla caduta di alberi ad alto fusto situati al di fuori della fascia di rispetto. E-distribuzione comunica che il servizio nella quasi totalità dei casi verrà ripristinato entro la giornata odierna e ripreso totalmente non prima del pomeriggio di domani.(ANSA).

20:25Calcio: Dramé, del Palermo non so nulla

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - "Il Palermo? Non ne so niente". L'esterno sinistro dell'Atalanta Boukary Dramé smentisce di essere al centro di ipotetiche manovre di calciomercato: "Lo dice la gente, io non leggo nemmeno i giornali - precisa il senegalese -. Non ho avuto notizie in tal senso, anche perché voglio rimanere qui". Dramé è alle prese con un persistente fastidio al ginocchio destro, che fatica a sgonfiarsi: "È un infortunio un po' strano, sto lavorando per recuperare. Certamente non ci sarò con la la Sampdoria". Una parola sul mercato, argomento d'attualità: "Non mi stupisco che Gagliardini abbia subito iniziato benissimo all'Inter, sapevamo quant'è forte e mi fa piacere che lo stia dimostrando".

20:16Gambia: truppe Senegal in movimento verso il confine

(ANSA) - DAKAR, 18 GEN - Truppe senegalesi si stanno spostando verso il confine con il Gambia, affermano testimoni, mentre salgono le pressioni per convincere il presidente Yahia Jammeh, che ha perso le elezioni del dicembre scorso, a lasciare il potere al vincitore Adama Barrow, che attualmente si trova proprio in Senegal. Il passaggio di consegne è previsto per domani, ma Jammeh - che si rifiuta di accettare l'esito del voto - ieri ha proclamato uno stato d'emergenza di 90 giorni. L'Ecowas, l'Organizzazione degli Stati dell'Africa occidentale, ha minacciato di ricorrere all'uso della forza per rimuovere Jameeh, se necessario.

20:16Maltempo: Puglia, in piena fiumi Fortore e Lato

(ANSA) - BARI, 18 GEN - Precipitazioni temporalesche sono in atto in Puglia dove sono in piena il fiume Fortore e i principali corsi d'acqua della zona settentrionale. E' in piena anche il fiume Lato, nel Tarantino. La Protezione civile pugliese ha emesso: un'allerta arancione per rischio idraulico sulla zona del Basso Fortore; un'allerta gialla per rischio idraulico sulla zona del Tavoliere per i Bacini del Lato e Lenne; allerta gialla per rischio idrogeologico sulle restanti zone di allerta per la giornata di domani. Resta in vigore l'Avviso di condizioni meteorologiche avverse pubblicato ieri dal Dipartimento nazionale della Protezione Civile, per il quale è stata emessa una preallerta per rischio meteo su tutta la Puglia. (ANSA).

20:10Furto in villa Agnelli, patteggiano tre kosovari

(ANSA) - IVREA (TORINO), 18 GEN - Hanno patteggiato gli autori del furto nella villa di Allegra Agnelli, avvenuto a Fiano (Torino) la notte di Pasqua del 2015. I kosovari Sedat Kurda, 50 anni, e Femi Makolli, 48, entrambi residenti a Milano, hanno patteggiato rispettivamente 4 anni e 4 mesi e 4 anni e 5 mesi di carcere. Il complice Flijorim Redzepi, 41 anni, domiciliato a Cinisello Balsamo, ha invece patteggiato una penna di 3 anni e 2 mesi di reclusione. Redzepi era stato scarcerato, tempo fa, per decorrenza dei termini. Ai tre non sono state concesse le attenuanti generiche dal momento che non hanno collaborato per il recupero dei gioielli rubati nella villa di Fiano. La banda era specializzata in furti in abitazioni di pregio. Una decina i colpi contestati ai kosovari dalla procura di Ivrea che ha coordinato le indagini.

20:07Mose: Pm Corte Conti chiede 5,8 mln a Galan

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - Il Pm della Corte dei Conti del Veneto Alberto Mingarelli ha chiesto oggi di condannare al pagamento di 5,8 mln di euro l'ex governatore del Veneto e ministro Giancarlo Galan per il danno di immagine e di servizio in seguito al suo coinvolgimento nella vicenda Mose. Lo ha fatto in udienza, davanti al collegio presieduto dal giudice Guido Carlino. La Regione Veneto si è costituita parte civile nel procedimento. Da parte sua, la difesa, guidata dall'avv. Franco Zambelli, ha rigettato l'accusa, rilevando che il danno di immagine può essere riconosciuto solo ai dipendenti pubblici e non ai politici, mentre quello di servizio - ha sostenuto - è inesistente.

Archivio Ultima ora