Provea: Más de 200 despidos en el Seniat

Pubblicato il 25 agosto 2016 da redazione

Provea: Más de 200 despidos en el Seniat

Provea: Más de 200 despidos en el Seniat

CARACAS- Más de 200 funcionarios de cargos de confianza del Seniat han sido despedidos por haber firmado para activar el referéndum revocatorio. Esta situación fue calificada por Rafael Uzcategui, coordinador de la ONG Provea “una política sistemática de violación de derechos humanos”.

El coordinador de Provea recalcó que es necesario que la gente denuncie:

“Hay decenas de casos, sin embargo necesitamos el testimonio directo de la víctima, aunque sea resguardando su identidad. Hasta ahora el caso más grave de discriminación ha ocurrido en el Seniat (donde la ONG totaliza 200 casos de despidos). Insistimos en que formalicen las denuncias, pues es la manera fijar responsabilidades a futuro”.

Los funcionarios considerados como “trabajadores de confianza” en la administración pública, también como conocidos como los cargos 99, son aquellos que tienen conocimiento personal de los secretos comerciales o industriales del patrono, también podrían estar a cargo de la supervisión de otros empleados.

Ultima ora

15:24Sisma: lunedì visita Presidente Mattarella in Emilia

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAG - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sarà in Emilia lunedì 29 maggio, a cinque anni dalla seconda scossa che inferse un ennesimo, duro colpo a un territorio già ferito dal sisma del 20 maggio. Lo ricorda un comunicato della Regione Emilia-Romagna. Il filo rosso della visita del capo dello Stato sarà la ricostruzione dei luoghi del sapere e toccherà Mirandola nel modenese e Pieve di Cento nel bolognese, due luoghi fortemente colpiti dalla devastazione del sisma, ma anche simbolo della ricostruzione e della rinascita. Nella stessa giornata sarà in Emilia anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che visiterà la "Casa della salute Terre d'Acqua Barberini" a Crevalcore (Bologna), anch'essa ricostruita dopo il terremoto del 2012. (ANSA).

15:16Bullismo: estorcono soldi a compagno scuola, 5 indagati

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 26 MAG - All'inizio la cifra 'pattuita' settimanalmente era di 20 euro ma poi con il trascorrere del tempo le richieste sono aumentate, passando a 40, 50 e fino ad arrivare a 500 euro. Vittima delle richieste estorsive uno studente, minorenne, di un istituto superiore di Empoli che in cinque mesi è stato costretto a versare 1300 euro ai suoi 'aguzzini', cinque ragazzi, anche loro minori, che frequentano il suo stesso istituto e che ora risultano indagati. L'ultima richiesta è stata di 500 euro. La banconota è stata notata da un suo compagno di scuola che insospettito si è rivolto ad un professore che a sua volta ha ascoltato la vittima che, in lacrime, ha raccontato quello che stava accadendo. L'insegnante ha allertato la polizia che ha iniziato le indagini. Gli agenti del commissariato di Empoli, diretti dal Francesco Zunino e coordinati dalla Procura della Repubblica, Tribunale per i minorenni, sono riusciti a risalire ai cinque ora indagati per estorsione continuata aggravata in concorso tra loro.

15:08Calcio: Agnelli-ultras, al via il processo in Figc

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Al via in Figc il processo sportivo alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli per il caso dei rapporti con gli ultrà. Agnelli è giunto al Tribunale federale nazionale alle 13:30 per il procedimento di fronte alla Sezione disciplinare presieduta da Cesare Mastrocola. Agnelli è stato deferito dalla Procura federale per la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi); la Juventus per responsabilità diretta. Secondo il procuratore Giuseppe Pecoraro, il presidente della Juventus avrebbe autorizzato la fornitura di abbonamenti e biglietti in numero superiore al consentito, favorendo così il bagarinaggio, e partecipato ad incontri con ultras, tra cui Rocco Dominello, imputato al processo "Alto Piemonte" per legami con la criminalità organizzata. Con il n.1 bianconero sono a processo Francesco Calvo, all'epoca direttore commerciale della Juventus, Alessandro Nicola D'Angelo, security manager bianconero, e Stefano Merulla, responsabile del ticket office del club.

15:05Kushner e Ivanka non sono al G7

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Ivanka Trump con il marito Jared Kushner non sono a Taormina ma sono già rientrati a Washington. Lo riferiscono fonti della Casa Bianca, spiegando come genero e figlia del presidente hanno lasciato la delegazione Usa subito dopo la visita a Roma. Su Kushner nelle ultime ore si è abbattuta la tempesta del Russiagate.

15:00G7: centri sociali da Napoli verso Taormina

(ANSA) - NAPOLI, 26 MAG - Partiranno questa sera per Catania circa 150 appartenenti a Centri sociali di Napoli per unirsi a Taormina alle manifestazioni contro il G7. Si tratta degli appartenenti al Centro sociale Insurgencia, che saranno accompagnati dai consiglieri comunali Eleonora di Majo e Rosario Andreozzi, del Movimento Dema del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che stamattina ha salutato i manifestanti in partenza. L'imbarco per Catania è previsto per le ore 21.

14:56Moto: Valentino Rossi, meno dolore al petto e all’addome

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Secondo il comunicato sulle condizioni di salute del pilota di Tavullia pubblicato sul proprio sito dalla scuderia Yamaha, Valentino Rossi "ha passato serenamente la notte all'ospedale Infermi di Rimini ed è stato visitato questa mattina dai dottori. Valentino ha spiegato di sentire minore dolore sia al petto, sia all'addome rispetto alla scorsa notte. Il dolore è il risultato di lievi lesioni al fegato e al rene che non si sono sviluppate in ulteriori complicazioni". Sempre secondo il comunicato emesso dal team per cui corre in MotoGp, "Valentino continuerà a ricevere il sostegno per il dolore per le prossime 12 ore e, nel corso della giornata, sosterrà test diagnostici di routine. Se i risultati saranno positivi - conclude il comunicato - potrebbe essere dimesso dall'ospedale entro la giornata".

14:45Budapest, non cambieremo la legge anti-Soros

(ANSA) - BUDAPEST, 26 MAG - Un netto rifiuto: è questo il contenuto della lettera inviata dal governo ungherese alla richiesta della Commissione europea di cambiare la legge che mira a liquidare l'università centro-europea (Ceu), fondata dal miliardario filantropo americano George Soros a Budapest. "Non vediamo argomenti validi nella richiesta della Commissione", ha detto il vicepremier Janos Lazar alla stampa, annunciando la posizione ungherese.

Archivio Ultima ora