Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

Pubblicato il 29 agosto 2016 da redazione

Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

CARACAS – Lo spettro del “Golpe” é sempre presente, nonostante la realtá dei fatti smentisca la presenza di presunti complotti orditi dall’esterno per destituire il capo dello Stato. Qualche giorno fa, lo stesso presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, dopo una breve tregua, ha chiamato in causa la Casa Bianca, accusandola di voler promuovere un nuovo “Plan Condor” e di tramare ai danni del governo che presiede. Ora, a tornare sull’argomento è stato il ministero degli Esteri, attraverso un comunicato.

Gli esponenti del governo e i rappresentanti del Psuv, da giorni insistono nel dire che la “Toma de Caracas”, organizzata dal Tavolo dell’Unità per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale la data della raccolta del 20 per cento delle firme per il Referendum, ha un unico obiettivo: creare le condizioni per un “golpe”.

E addirittura, come nel caso del Direttore del Distretto Capitale, Daniel Aponte, sostenere che non si può permettere all’Opposizione di manifestare poichè avrebbe dimostrato, in occasioni precedenti, la sua vocazione violenta. Aponte, inoltre, ha annunciato che giovedì primo settembre, anche il Psuv organizzerà una grande manifestazione a Caracas.

Tornando allo spettro del “Golpe”, il ministero degli Esteri, con un comunicato, ha ritenuto “insolenti” le dichiarazioni del portavoce del Dipartimento di Stato, John Kirby. Questi, durante una conferenza stampa, ha espresso la preoccupazione del governo Obama per le sorti di Daniel Ceballos, esponente di Voluntad Popular, trasferito nel carcere di San Juan de los Morros. Il ministero ha accusato il colosso del Nord di promuovere un “golpe” con la complicitá delle frange radicali dell’Opposizione.

La Cancelleria venezuelana sostiene che gli Stati Uniti sono impegnati a ripetere l’esperienza dell’11 aprile del 2002. Ma sono accuse ripetute tante volte che ormai riscuotono sempre meno seguito tra i venezuelani. Anche la notizia dell’arresto di due presunti cospiratori è stata accolta con scetticismo e indifferenza.

Il governo del presidente Obama, sostiene il ministero degli Esteri, procura creare le condizioni per “indebolire e destabilizzare il sistema democratico e così poter destituire il presidente Maduro”.

Dal canto suo, il deputato Elías Jaua ha affermato categorico che la manifestazione organizzata dall’Opposizione non ha i permessi indispensabili e, quindi, non potrá “entrare a Caracas”.

La risposta alle dichiarazioni dell’ex vice-presidente della Repubblica non si è fatta attendere. Enrique Capriles Radonsky, esponente del Tavolo dell’Unità, ha precisato che “le garanzie costituzionali non sono state ancora sospese. Quindi i venezuelani hanno tutto il diritto a circolare liberamente”.

– E’ un diritto che ci corrisponde – ha detto -. Ed è responsabilità del governo permettere che si rispetti.

Capriles Radonsky ha accusato gli esponenti del Psuv e i rappresentanti del governo di voler creare un clima di paura e di tensione e assicurato che i venezuelani, nonostante tutto, scenderanno in piazza a manifestare il proprio malconteto e a esigere dal Consiglio Nazionale Elettorale la data della raccolta delle firme per il Referendum.

Ultima ora

01:05Cadavere a Prato, probabile omicidio

(ANSA) - PRATO, 31 MAR - Il corpo di un uomo, un pratese 42enne, è stato trovato davanti al tribunale di Prato. L'ipotesi che viene ritenuta più probabile è quella dell'omicidio. Il corpo, insanguinato, presenta una grossa ferita alla testa ma non è chiaro se a provocarla sia stato un colpo d'arma da fuoco o una lama. A segnalare la presenza del cadavere è stata, verso e 21, una telefonata anonima ai carabinieri. Poco dopo una nuova segnalazione da parte di una coppia di giovanissimi che passavano in auto e hanno scorto il cadavere insanguinato. Ancora non è chiaro se l'uomo sia morto sul posto o se il cadavere sia stato portato davanti al tribunale.

00:55Venezuela: deputati opposizione aggrediti davanti Alta Corte

(ANSA) - CARACAS, 31 MAR - Un gruppo di deputati dell'opposizione venezuelana è stato aggredito da militari della Guardia Nazionale e membri di gruppi irregolari pro governativi mentre tentavano di avvicinarsi alla sede del Tribunale Supremo di Giustizia (Tsj), nel centro di Caracas. I parlamentari volevano protestare contro la sentenza del Tsj, allineato sulle posizioni del governo di Nicolas Maduro, che si è attribuito i poteri dell'Assemblea Nazionale. Unità antisommossa della Guardia Nazionale hanno però impedito loro di avvicinarsi alla sede del Tsj, mentre i militanti chavisti li attaccavano con pietre e bastoni. Il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, ha denunciato che a Caracas è in atto un "autocolpo di Stato perpetrato dal regime venezuelano contro l'Assemblea Nazionale". Il segretario dell'Osa ha lanciato un appello ai leader del continente perché reagiscano a quanto avviene a Caracas.

00:20Tennis: Miami, anche Berdych ko, Federer in semifinale

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Roger Federer agguanta la semifinale del torneo di Miami, secondo Master 1000 dell'anno. Il fuoriclasse svizzero, n.4 del seeding, ha avuto la meglio in tre set sul ceco Thomas Berdych (n.10): 6-2 3-6 7-6 in poco meno di due ore. Affronterà il vincente dell'altro quarto tra il tedesco Zverev (16) e l'australiano Kyrgios (12).

23:28Usa: bagni transgender, abolita legge North Carolina

(ANSA) - NEW YORK, 30 MAR - La controversa legge sui bagni per i transgender in North Carolina è stata ufficialmente abrogata. Come ci si aspettava, dopo il via libera dell'assemblea parlamentare dello Stato anche il governatore democratico Roy Cooper ha messo la sua firma sotto il provvedimento. I transgender saranno ora liberi di usare i bagni pubblici a seconda dell'identità di genere e non secondo quella assegnata alla nascita.(ANSA).

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

Archivio Ultima ora