Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

Pubblicato il 29 agosto 2016 da redazione

Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

CARACAS – Lo spettro del “Golpe” é sempre presente, nonostante la realtá dei fatti smentisca la presenza di presunti complotti orditi dall’esterno per destituire il capo dello Stato. Qualche giorno fa, lo stesso presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, dopo una breve tregua, ha chiamato in causa la Casa Bianca, accusandola di voler promuovere un nuovo “Plan Condor” e di tramare ai danni del governo che presiede. Ora, a tornare sull’argomento è stato il ministero degli Esteri, attraverso un comunicato.

Gli esponenti del governo e i rappresentanti del Psuv, da giorni insistono nel dire che la “Toma de Caracas”, organizzata dal Tavolo dell’Unità per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale la data della raccolta del 20 per cento delle firme per il Referendum, ha un unico obiettivo: creare le condizioni per un “golpe”.

E addirittura, come nel caso del Direttore del Distretto Capitale, Daniel Aponte, sostenere che non si può permettere all’Opposizione di manifestare poichè avrebbe dimostrato, in occasioni precedenti, la sua vocazione violenta. Aponte, inoltre, ha annunciato che giovedì primo settembre, anche il Psuv organizzerà una grande manifestazione a Caracas.

Tornando allo spettro del “Golpe”, il ministero degli Esteri, con un comunicato, ha ritenuto “insolenti” le dichiarazioni del portavoce del Dipartimento di Stato, John Kirby. Questi, durante una conferenza stampa, ha espresso la preoccupazione del governo Obama per le sorti di Daniel Ceballos, esponente di Voluntad Popular, trasferito nel carcere di San Juan de los Morros. Il ministero ha accusato il colosso del Nord di promuovere un “golpe” con la complicitá delle frange radicali dell’Opposizione.

La Cancelleria venezuelana sostiene che gli Stati Uniti sono impegnati a ripetere l’esperienza dell’11 aprile del 2002. Ma sono accuse ripetute tante volte che ormai riscuotono sempre meno seguito tra i venezuelani. Anche la notizia dell’arresto di due presunti cospiratori è stata accolta con scetticismo e indifferenza.

Il governo del presidente Obama, sostiene il ministero degli Esteri, procura creare le condizioni per “indebolire e destabilizzare il sistema democratico e così poter destituire il presidente Maduro”.

Dal canto suo, il deputato Elías Jaua ha affermato categorico che la manifestazione organizzata dall’Opposizione non ha i permessi indispensabili e, quindi, non potrá “entrare a Caracas”.

La risposta alle dichiarazioni dell’ex vice-presidente della Repubblica non si è fatta attendere. Enrique Capriles Radonsky, esponente del Tavolo dell’Unità, ha precisato che “le garanzie costituzionali non sono state ancora sospese. Quindi i venezuelani hanno tutto il diritto a circolare liberamente”.

– E’ un diritto che ci corrisponde – ha detto -. Ed è responsabilità del governo permettere che si rispetti.

Capriles Radonsky ha accusato gli esponenti del Psuv e i rappresentanti del governo di voler creare un clima di paura e di tensione e assicurato che i venezuelani, nonostante tutto, scenderanno in piazza a manifestare il proprio malconteto e a esigere dal Consiglio Nazionale Elettorale la data della raccolta delle firme per il Referendum.

Ultima ora

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

Archivio Ultima ora