Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

Pubblicato il 29 agosto 2016 da redazione

Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

Primo settembre: accusano gli Stati Uniti di volere un “golpe”

CARACAS – Lo spettro del “Golpe” é sempre presente, nonostante la realtá dei fatti smentisca la presenza di presunti complotti orditi dall’esterno per destituire il capo dello Stato. Qualche giorno fa, lo stesso presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, dopo una breve tregua, ha chiamato in causa la Casa Bianca, accusandola di voler promuovere un nuovo “Plan Condor” e di tramare ai danni del governo che presiede. Ora, a tornare sull’argomento è stato il ministero degli Esteri, attraverso un comunicato.

Gli esponenti del governo e i rappresentanti del Psuv, da giorni insistono nel dire che la “Toma de Caracas”, organizzata dal Tavolo dell’Unità per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale la data della raccolta del 20 per cento delle firme per il Referendum, ha un unico obiettivo: creare le condizioni per un “golpe”.

E addirittura, come nel caso del Direttore del Distretto Capitale, Daniel Aponte, sostenere che non si può permettere all’Opposizione di manifestare poichè avrebbe dimostrato, in occasioni precedenti, la sua vocazione violenta. Aponte, inoltre, ha annunciato che giovedì primo settembre, anche il Psuv organizzerà una grande manifestazione a Caracas.

Tornando allo spettro del “Golpe”, il ministero degli Esteri, con un comunicato, ha ritenuto “insolenti” le dichiarazioni del portavoce del Dipartimento di Stato, John Kirby. Questi, durante una conferenza stampa, ha espresso la preoccupazione del governo Obama per le sorti di Daniel Ceballos, esponente di Voluntad Popular, trasferito nel carcere di San Juan de los Morros. Il ministero ha accusato il colosso del Nord di promuovere un “golpe” con la complicitá delle frange radicali dell’Opposizione.

La Cancelleria venezuelana sostiene che gli Stati Uniti sono impegnati a ripetere l’esperienza dell’11 aprile del 2002. Ma sono accuse ripetute tante volte che ormai riscuotono sempre meno seguito tra i venezuelani. Anche la notizia dell’arresto di due presunti cospiratori è stata accolta con scetticismo e indifferenza.

Il governo del presidente Obama, sostiene il ministero degli Esteri, procura creare le condizioni per “indebolire e destabilizzare il sistema democratico e così poter destituire il presidente Maduro”.

Dal canto suo, il deputato Elías Jaua ha affermato categorico che la manifestazione organizzata dall’Opposizione non ha i permessi indispensabili e, quindi, non potrá “entrare a Caracas”.

La risposta alle dichiarazioni dell’ex vice-presidente della Repubblica non si è fatta attendere. Enrique Capriles Radonsky, esponente del Tavolo dell’Unità, ha precisato che “le garanzie costituzionali non sono state ancora sospese. Quindi i venezuelani hanno tutto il diritto a circolare liberamente”.

– E’ un diritto che ci corrisponde – ha detto -. Ed è responsabilità del governo permettere che si rispetti.

Capriles Radonsky ha accusato gli esponenti del Psuv e i rappresentanti del governo di voler creare un clima di paura e di tensione e assicurato che i venezuelani, nonostante tutto, scenderanno in piazza a manifestare il proprio malconteto e a esigere dal Consiglio Nazionale Elettorale la data della raccolta delle firme per il Referendum.

Ultima ora

11:45G7: Trump vede Abe prima dell’inizio del summit

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Donald Trump apre la sua giornata a Taormina con un incontro col primo ministro giapponese Shinzo Abe, prima dell'inizio della cerimonia di apertura del G7. Al momento quello con Abe all'Hotel Villa Diodoro è l'unico bilaterale nel programma ufficiale del presidente statunitense in questa prima giornata del summit. Il premier giapponese è stato di recente alla Casa Bianca e poi ospite di Trump nella residenza di Mar-a-Lago in Florida.

11:44Terremoto: Zingaretti, entro giugno consegneremo 350 casette

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 26 MAG - "Le cose stanno andando avanti, il tema più complesso era la definizione delle aree e l'avvio delle opere di urbanizzazione. Entro maggio consegneremo ad Amatrice altri 150 alloggi provvisori ai quali si aggiungeranno, entro giugno, almeno altri 150-200 alloggi, anche per Accumoli, più le aree commerciali di Amatrice. Confido che anche questa sfida possa essere vinta". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a margine della visita del Comitato europeo delle Regioni (CdR) ad Amatrice. (ANSA).

11:29Macron a May, al fianco del Regno Unito contro terrorismo

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - "Siamo al fianco del Regno Unito. Conosciamo questo genere di attacchi. Faremo tutto ciò che possiamo per rafforzare la cooperazione contro il terrorismo". Lo scrive su Twitter il presidente francese Emmanuel Macron, dopo l'incontro bilaterale con la premier britannica Theresa May, a Taormina prima dell'inizio del vertice G7.

11:17G7: Tusk, è il Summit più difficile

(ANSA) - Taormina, 26 MAG - "Non c'è dubbio che è il più difficile dei G7": COsì Donald Tusk, presidente del COnsiglio Ue, in una conferenza stampa all'inizio dei lavori. Tusk ha evidenziato divergenze nelle posizioni su clima, commercio, sicurezza promettendo che "la Ue farà di tutto per un'accordo" e lavorerà per l'unità.

11:14G7: Gentiloni, su terrorismo dichiarazione importante

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - "La straordinaria storia e bellezza che ci circonda credo possa dare un contributo molto importante ai leader del G7 e aiutare la comunità internazionale a dare risposte ai cittadini: sul terrorismo e sicurezza faremo una dichiarazione importante" e si affronteranno i temi del "cambiamento climatico, dei grandi flussi migratori e del commercio mondiale dal quale dipendono tanti posti di commercio nel mondo". Così il premier Paolo Gentiloni nel videomessaggio dal teatro antico di Taormina.

11:10G7: Juncker a Trump, attuare l’accordo di Parigi

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - "Per noi l'accordo di Parigi è da applicare interamente". Lo ha detto il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker in risposta alle domande dei giornalisti sulle differenze fra Usa ed Europa sul cambiamento climatico al G7.

11:05G7: consorti partono alle 12 per sorvolo dell’Etna

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Partenza alle 12 dall'eliporto di Catania, sorvolo dell'Etna e arrivo nella città attorno alle 13. Confermato, considerate anche le favorevoli condizioni meteo, il programma mattutino dei consorti dei leader del G7. Melania Trump, Brigitte Macron, Joachim Sauer, Sophie Trudeau e Aki Abe, saranno ricevuti dalla moglie del premier Manuela Gentiloni e dal sindaco di Catania Enzo Bianco al palazzo degli Elefanti.

Archivio Ultima ora