Primo settembre, l’Opposizione lima gli ultimi dettagli

Pubblicato il 30 agosto 2016 da redazione

CARACAS – Elezioni amministrative, mancanza di generi alimentari, carenza di medicine, collasso delle cliniche e degli ospedali. Argomenti che, in questi giorni, sono stati messi da parte. La partita politica, oggi, si gioca tutta il primo settembre. Così, mentre gli esponenti del Psuv si schierano incondizionalmente col governo; il ministero degli Esteri accusa gli Stati Uniti di promuovere, assieme a frange radicali dell’Opposizione, un “golpe” per destituire il presidente Maduro e il deputato Diosdado Cabello offre dettagli sull’arresto di Yon Goicochea, mentre familiari e avvocati non conoscono ancora ufficialmente le ragioni del suo arresto; i leader del Tavolo dell’Unità limano gli ultimi dettagli relativi la “Toma de Caracas”. Alla grande manifestazione, organizzata per reclamare al Consiglio Nazionale Elettorale maggiore celerità nel decidere la data della raccolta delle firme per il Referendum, stando agli esponenti dell’eterogenea coalizione dovrebbe partecipare oltre un milione di persone.
– Questa – ha detto il deputato Freddy Guevara – non sarà una semplice manifestazione. Sarà un corteo con oltre un milione di persone.
Il deputato, poi, ha esortato il Consiglio Nazionale Elettorale a non indugiare oltre nel rendere noto la data della raccolta del 20 per cento delle firme, per procedere al referendum revocatorio prima dello scadere dell’anno.
La direttrice dell’organismo elettorale, Socorro Hernàndez, ha risposto indirettamente al deputato dell’Opposizione sostenendo, in un’intervista concessa ai colleghi di “Venevisión”, che l’Opposizione potrà procedere a raccogliere il 20 per cento delle firme, quasi quattro milioni di iscritti nelle liste elettorali, dal 24 al 30 ottobre. Ovvero, ribadendo quanto speculato a suo tempo dalla presidente del Cne Tibisay Lucena, durante l’ultima settimana di ottobre.
Ma ancora non c’è nulla di ufficiale. Solo dichiarazione di esponenti dell’organismo elettorale e i loro apprezzamenti. Per questo, la decisione del Tavolo dell’Unità di giocarsi la propria credibilità con una manifestazione che il deputato Freddy Guevara ha definito “la mamà de todas las marchas” (la madre di tutti i cortei, ndr) e che il Segretario Escutivo del Tavolo dell’Unità non ha dubitato a dichiarare:
– Quella del primo settembre sarà una delle più importanti manifestazioni politiche mai organizzate nel Paese.
Di fronte al clima di tensione che si vive nel Paese, il clero venezuelano, rappresentato dai suoi vescovi, ha esortato Governo e Opposizione a evitare la violenza.
L’Arcivescovo di Merida, Baltazar Porras, con parole prudenti ma assai chiare ha condannato la militarizzazione del Paese, ha affermato che la figura del referendum è contemplata dalla Costituzione e sottolineato che l’esercizio di un diritto non deve essere catalogato come “tentativo di golpe” e non può essere “oggetto di provvedimenti indimidatori o repressivi”.
Dal canto suo, il ministro degli Interni, Nestor Reverol, dopo aver affermato che il “diritto a manifestare non è assoluto ed è condizionato” ha reso noto che “sono state date disposizioni alle polizie di El Hatillo, Baruta, Chacao e Sucre” di assumere la responsabilità del controllo e della difesa dell’ordine pubblico. Ha quindi commentato:
– Si ha la presunzione che durante la manifestazione vi saranno atti di vandalismo e di violenza.
E aggiunto che la violenza potrà essere repressa opportunamente con gas tossici e l’uso delle armi.
A questo proposito, il Direttore del Comune di Caracas, Daniel Aponte, ha reiterato che l’Opposizione non ha i permessi necessari per manifestare a Caracas.

Ultima ora

11:45Fatture false, nove arresti a Bari e altri 18 indagati

(ANSA) - BARI, 18 OTT - Avrebbero costituito società cartiere sui cui conti correnti far transitare i flussi di denaro illecitamente accumulai mediante l'emissione di fatture per operazioni inesistenti il cui valore è di 107 milioni di euro in due anni traendo un profitto di 18 mln. Con queste accuse i finanzieri di Bari hanno messo agli arresti domiciliari otto imprenditori di Bari e provincia e un commercialista per i reati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata all'emissione di fatture per operazioni inesistenti, alla dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, alla dichiarazione infedele e all'omessa dichiarazione ai fini delle imposte dirette e dell'Iva, all'occultamento e alla distruzione di documenti contabili e simulazione di reato. Le imprese di comodo hanno accumulato fondi in nero depositati anche all'estero che in parte venivano intascati dai componenti del gruppo, e in parte utilizzati per pagamenti in nero di lavoratori e fornitori.

11:42Inchiesta Sauvignon: 41 patteggiamenti per persone e aziende

(ANSA) - UDINE, 18 OTT - Si è chiusa ieri sera tardi con 41 patteggiamenti, per 31 persone fisiche e dieci aziende, l'inchiesta della Procura di Udine sul presunto caso di sofisticazione del Sauvignon con un esaltatore dei normali aromi del vino bianco, non dannoso per la salute dei consumatori ma non previsto dal disciplinare di produzione. Hanno scelto la via del patteggiamento l'enologo che aveva inventato l'esaltatore di aromi (sei mesi; pena sospesa) e 30 produttori che hanno concordato il pagamento di una somma variabile tra tremila e diecimila euro. Sanzione pecuniaria anche per le dieci aziende coinvolte. Solo un produttore non ha scelto la via del patteggiamento e affronterà dunque il processo. Altre posizioni, tra cui quella della moglie dell'enologo e quattro produttori, erano state già archiviate nei mesi scorsi. L'inchiesta era stata avviata nel settembre del 2015 con una serie di perquisizioni delegate dal pm titolare del fascicolo Marco Panzeri ed eseguite dai Carabinieri del Nas di Udine.

11:39Stalking: molestava studentesse, bidello a processo

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - Molestava con messaggi, inviti espliciti, fotografie anche a sfondo sessuale due studentesse, una delle quali minorenne. Per questo, un bidello cinquantenne, originario di Avellino, ma residente nel Bergamasco, è ora a processo con l'accusa di atti persecutori ai danni due ragazze che all'epoca dei fatti frequentavano due distinti istituti superiori della Brianza lecchese. La prima udienza si è tenuta ieri in tribunale a Lecco con l'audizione protetta della più giovane. Dopo di lei sono sfilati i testi, le compagne di scuola, alcune minorenni accompagnate dai genitori e i dirigenti scolastici dei due istituti. A intervenire era stata inizialmente la scuola frequentata dalla minore: il tutor di una delle due classi avrebbe raccolto le confidenze della minorenne, avvertendo il preside che ha fatto scattare le indagini. L'uomo, allontanato dall'istituto, avrebbe continuato a molestare in un'altra scuola la ragazza più grande. Da qui un altro procedimento che è stato riunito al precedente.

11:37Fisco: Gdf Milano arresta 5 persone in operazione Good job

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - I finanzieri del Gruppo Milano hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelate nei confronti di cinque persone, emesse su richiesta del pm Stefano Civardi nell'ambito dell'operazione 'Good Job'. I militari hanno eseguito numerose perquisizioni e il sequestro di conti correnti, di una collezione di auto di lusso e moto d'epoca e di nove immobili, tra cui una villa con piscina e centro benessere, per un valore di 7,3 milioni di euro. Le indagini, avviate nel febbraio 2016, hanno individuato un'associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e omesso versamento dell'Iva, con 21 indagati. Il meccanismo era basato su una società che assumeva manodopera (oltre 100 dipendenti), che in realtà era impiegata in altre aziende. Su questa srl, poi fatta fallire, ricadevano tutti gli oneri tributari e contributivi mai corrisposti. La frode ha permesso agli indagati di evadere oltre 3,4 milioni di euro.

11:34Scuola: Tar annulla bocciatura,alunno verso classe superiore

(ANSA) - TRIESTE, 18 OTT - Il Tar annulla la bocciatura di un alunno di seconda media perché il padre non era stato informato dalla scuola dell'andamento scolastico negativo del figlio, che ora può ottenere l'iscrizione alla terza media. Succede in Friuli Venezia Giulia dove il Tar ha accolto il ricorso presentato dall'uomo e ha annullato la bocciatura del figlio decisa lo scorso 13 giugno dall'Istituto Comprensivo di Gorizia 1. La decisione dei giudici amministrativi - anticipata stamani da Il Piccolo e Messaggero Veneto - è stata già notificata alla scuola dal legale dell'uomo, l'avv. Alessandro Tudor. "A questo punto - ha spiegato l'avv. Tudor, interpellato dall'ANSA - se la scuola non dovesse eseguire la sentenza del Tar, presenterei un altro ricorso per la nomina di un commissario ad acta per l'esecuzione della sentenza e l'iscrizione del ragazzo alla terza media". Dopo la bocciatura, il ragazzo è stato iscritto e frequenta la seconda media in una scuola diversa.

11:32Basket: Nba, Golden State ko in casa con Houston

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Esordio choc per i Warriors campioni in carica dell'Nba: Golden State, nella seconda gara della regular season scattata ieri sera, è stata battuta in casa per un solo punto dagli Houston Rockets: 121-122 il risultato finale. E pensare che Kevin Durant e compagni erano partiti più che bene, presentandosi all'ultimo quarto con un rassicurante +13 sugli uomini di Mike D'Antoni; ma proprio lì è iniziata la rimonta texana che ha finito con il rovinare ai californiani, come nel 2015 fece San Antonio, la festa della consegna degli anelli (il trofeo per il titolo Nba della scorsa stagione). E con tanto di beffa finale per il canestro di Durant annullato perché su tiro partito fuori tempo massimo, dopo aver rivisto il tutto al replay. Miglior marcatore del match, e vero trascinatore di Houston, è stato James Harden con 27 punti, ma ottima è stata, sempre per i Rockets, anche la prova dell'attesissimo Chris Paul. Per Golden State, 23 punti di Nick Young, 22 di Stephen Curry e 20 di Durant.

11:30Calcio: Cagliari, sulla panchina torna Lopez

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Si attende solo l'ufficialità, ma ormai è fatta: Diego Lopez, ex capitano e allenatore rossoblù, guiderà il Cagliari al posto di Massimo Rastelli con un accordo fino a giugno, con opzione legata al piazzamento in campionato. L'uruguaiano ieri sera ha scavalcato la concorrenza di Massimo Oddo e Giuseppe Iachini ed ora si è alle formalità. Il suo secondo - confermano all'Ansa i vertici del club - sarà Michele Fini, anch'egli ex rossoblù e già al fianco di Lopez nelle avventure di Bologna e Palermo. La rescissione del contratto con i rosanero (Lopez ha guidato la squadra siciliana la scorsa stagione per un breve periodo) aveva dirottato riflettori e attenzioni sul tecnico sudamericano. Da calciatore, Lopez è arrivato in Sardegna nella stagione 1998/'99: fino al 2010, tra campionato e coppe, ha totalizzato 344 presenze e 9 gol. Anche come allenatore è cresciuto ad Assemini: prima con le giovanili, poi in prima squadra dal 2012 al 2014. Quindi, due anni tra il Bologna in B e il Palermo in A e ora il ritorno.

Archivio Ultima ora