Dilma “la rossa” destituita, fine di un’era in Brasile

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Dilma Rousseff durante un'intervista a Brasília, il 3 giugno 2014. (Mauricio Lima, The New York Times/Contrasto)

Dilma Rousseff durante un’intervista a Brasília, il 3 giugno 2014. (Mauricio Lima, The New York Times/Contrasto)

SAN PAOLO – La più grave crisi istituzionale del Brasile post dittatura si è conclusa con la destituzione della presidente Dilma Rousseff, prima donna a guidare la maggiore economia sudamericana, che pone fine a 13 anni di governi di sinistra.

Il Senato di Brasilia ha infatti ritenuto fondata l’accusa, presentata da tre giuristi e accolta nel dicembre scorso dall’allora presidente della Camera Eduardo Cunha, dimessosi dopo essere stato travolto da accuse di corruzione, di aver avallato manovre contabili illegali per mascherare la recessione in vista della campagna elettorale per la sua rielezione nel 2014.

I voti a favore sono stati 61, ben oltre il quorum dei due terzi dei senatori di 54, ed i contrari solo 20, uno in meno di quelli dati per certi alla vigilia dallo staff di Dilma. I senatori hanno però respinto la richiesta di cassare i diritti politici di Dilma per otto anni, che la difesa della presidente deposta era riuscita a far scorporare dal presidente della Corte suprema, Ricardo Lewandovsi, dalla prima votazione.

Un punto importante a favore della ex presidente, almeno sul piano morale. Visto che l’impeachment – per sua stessa ammissione – costituisce “una condanna a morte politica”.

Dilma, un’ex guerrigliera marxista di origine bulgara arrestata e torturata in carcere durante la dittatura militare, si è sempre dichiarata innocente, ricordando che le pratiche fiscali alla base del procedimento di impeachment “sono state utilizzate da tutti i miei predecessori”.

Durante i nove mesi del procedimento, che hanno di fatto paralizzato l’attività parlamentare, le basi legali dell’impeachment sono state in effetti giudicate piuttosto fragili da molti giuristi e costituzionalisti. Ma in un parlamento polarizzato come quello brasiliano, le opposizioni hanno usato l’impeachment come una clava contro Dilma, ritenuta responsabile di una lunga serie di errori che hanno acuito la crisi economica e politica.

Aggravata ulteriormente dalle inchieste sugli scandali di mazzette elargite ai partiti dal colosso petrolifero Petrobras che hanno decapitato i vertici del Partito dei lavoratori, coinvolgendo anche il fondatore Lula. Da qui le accuse dell’ormai ex presidente Dilma di essere vittima di un “golpe costituzionale ordito da Michel Temer, dall’ex presidente della Camera, Eduardo Cunha, e dalle elite ultraconservatrici per prendere il potere senza passare dalle urne”.

Rousseff, 68 anni, mai indagata nelle inchieste di corruzione che hanno portato in carcere decine di politici di tutto l’arco costituzionale, è stata processata e condannata da un parlamento composto al 60 per cento da inquisiti.

E proprio questo aspetto, secondo Dilma, nasconderebbe il vero motivo dell’impeachment: prendere il potere per insabbiare l’inchiesta Lava Jato, la Mani Pulite brasiliana, condotta dal giudice Sergio Moro. Un sospetto che ha trovato conferma nella dimissioni di due ministri del governo di Temer, intercettati mentre discutevano su come ostacolare gli inquirenti.

Temer, che giurerà in una sobria cerimonia prima di partire per il vertice del G20 in Cina, ha detto che il suo sarà un governo di “pacificazione nazionale”, ed ha teso la mano alla nuova opposizione, guidata dal Pt.

Il nuovo presidente, 75 anni, leader del maggiore partito brasiliano che tuttavia non è mai riuscito a far eleggere attraverso le urne un proprio esponente alla più alta carica dello stato, non solo non avrà il sostegno del Pt, ma dovrà fare i conti anche con un Paese diviso e alle prese con un’economia in recessione da sei trimestri consecutivi, un’inflazione in doppia cifra e con un mercato del lavoro che ha perso due milioni di posti negli ultimi 12 mesi.

Senza contare le accuse rivoltegli da alcuni pentiti dell’inchiesta Lava Jato, che lo indicano come collettore di tangenti.

(Marco Brancaccia/ANSA)

Ultima ora

11:40Londra: altri 2 arresti per attentato metro, totale a 5

(ANSA) - LONDRA, 20 SET - Altre due persone sono state arrestate nelle ultime ore dalla polizia britannica nel'ambito delle indagini sull'attentato di Parsons Green, nella metropolitana di Londra, di venerdì scorso, portando il totale dei fermati a 5. Lo riportano fonti investigative, precisando che un 48enne e un 30enne sono finiti in manette durante un blitz condotto in un edificio della località di Newport, in Galles dove ieri sera era stato compiuto un altro arresto, e sono sospettate sulla base del Terrorism Act, la legge sul terrorismo.

11:38Promoter uccisa: Ris al lavoro nella villa del reo confesso

(ANSA) - MILANO, 20 SET - I carabinieri del Ris di Parma sono al lavoro nella villetta di Vito Clericó, il 65enne che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Il cadavere decapitato era stato trovato sepolto il 12 settembre scorso nell'orto del 65enne, a Garbagnate Milanese (Milano). Era stato lo stesso Clericò a indicare agli investigatori dove scavare. Sul posto è presente anche l'avvocato dell'uomo, Daniela D'Emilio. Inquirenti e investigatori proseguono le indagini anche perché l'uomo ha cambiato più volte versione. Accertamenti e sopralluoghi andranno quindi avanti sia nella sua villa di Garbagnate sia nell' abitazione di Marilena Re, a Castellanza. "Ha reso una nuova versione dei fatti, ancora diversa rispetto a quelle precedenti. Ora dobbiamo attendere l'esito degli accertamenti dei Ris". È il commento dell'avvocato Daniela D'Emilio, a margine del sopralluogo dei carabinieri a casa di Vito Clericó (che lei difende).

11:3315enne ferita al volto con colpo pistola, uomo in fuga

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Una ragazzina di 15 anni è stata ferita al volto da un colpo di arma da fuoco sparato a distanza ravvicinata da un uomo non ancora identificato mentre la giovane percorreva via Zuppetta, a Ischitella, per andare a scuola. Le condizioni della ragazza sono disperate. E' stata trasportata tramite elisoccorso agli ospedali Riuniti di Foggia. A quanto si è saputo, la ragazza era uscita di casa intorno alle 7,30 e stava attraversando il centro storico del paese per raggiungere la scuola che frequenta. In via Zuppetta è stata raggiunta alle spalle da una persona che poi le ha sparato un colpo di pistola in faccia. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri del Comando provincia di Foggia. La ragazzina è stata trasportata in elisoccorso agli Ospedali Riuniti di Foggia dove la stanno sottoponendo ad un delicato intervento chirurgico. La vittima era seguita dai servizi sociali ed era stata affidata ai nonni.

11:32Gioielleria Capri truffata da due turisti per 125 mila euro

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 SET - Una coppia di turisti inglesi è stata scoperta a Capri (Napoli) dalla Polizia dopo aver truffato una gioielleria di una nota strada dello shopping dell'isola effettuando, a più riprese, acquisti con una carta di credito clonata intestata ad una terza persona del tutto ignara, per circa 125mila euro. La ragazza, 23 anni, è stata bloccata dai poliziotti del commissariato guidati dal vicequestore Maria Edvige Strina all'uscita dalla gioielleria, mentre il compagno, che ha 35 anni, è stato fermato sul porto di Capri mentre si apprestava a lasciare l'isola. Addosso avevano cinque orologi Rolex, orecchini, anelli e un bracciale. Le transazioni erano in un primo momento andate a buon fine consentendo alla coppia di lasciare il negozio con il sostanzioso bottino, ma successivamente il gestore della carta di credito ha contattato il negoziante bloccando l'avvenuto pagamento in quanto il reale titolare della carta si era reso conto che era stata oggetto di clonazione.

11:03Violenza sessuale: abusava di figlia, condannato a 12 anni

(ANSA) - BOLZANO, 20 SET - Il tribunale di Bolzano ha condannato un uomo a 12 anni di reclusione, per aver abusato ripetutamente della propria figlia. Gli abusi, secondo l'accusa, erano iniziati nel 2009, quando la bimba aveva appena 5 anni e sono andati avanti per tre anni. I genitori all'epoca dei fatti erano già separati e il padre approfittava dei giorni nei quali si occupava della figlia. I fatti sono venuti alla luce, quando la bambina ha iniziato a rifiutare di andare da sua padre e ha raccontato tutto al tribunale dei minori, in presenza di una psicologa. La dichiarazione è stata ritenuta credibile. L'imputato, che ha invece sempre respinto ogni addebito, affermando di essere vittima di una vendetta dell'ex compagna, dovrà pagare una provvisionale di 50.000 euro a favore della figlia e di 10.000 euro a favore della donna. L'accusa aveva chiesto 20 anni di pena.

11:03Turchia: 2 agenti servizi segreti rapiti dal Pkk in Iraq

(ANSA) - ISTANBUL, 20 SET - Due agenti dei servizi segreti turchi sono stati rapiti da militanti del Pkk curdo in nord Iraq. A confermarlo, dopo diverse indiscrezioni apparse su media locali, è stato il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu. La Turchia sta lavorando per il rilascio di "tutti i suoi cittadini che il Pkk ha rapito", ha spiegato Cavusoglu, negando tuttavia trattative dirette con il gruppo ribelle, che Ankara considera "terrorista". Secondo la stampa curda, gli 007 sarebbero finiti nelle mani della guerriglia il mese scorso durante un'operazione oltreconfine.

11:00Catalogna: Rajoy, unica risposta possibile

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto davanti al Congresso dei deputati dopo il blitz della Guardia Civil contro il governo catalano che la risposta alla sfida indipendentista di Barcellona "non può essere diversa da quella decisa". "A nessuno piace questa situazione, e a me neppure" ha aggiunto.

Archivio Ultima ora