Dilma “la rossa” destituita, fine di un’era in Brasile

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Dilma Rousseff durante un'intervista a Brasília, il 3 giugno 2014. (Mauricio Lima, The New York Times/Contrasto)

Dilma Rousseff durante un’intervista a Brasília, il 3 giugno 2014. (Mauricio Lima, The New York Times/Contrasto)

SAN PAOLO – La più grave crisi istituzionale del Brasile post dittatura si è conclusa con la destituzione della presidente Dilma Rousseff, prima donna a guidare la maggiore economia sudamericana, che pone fine a 13 anni di governi di sinistra.

Il Senato di Brasilia ha infatti ritenuto fondata l’accusa, presentata da tre giuristi e accolta nel dicembre scorso dall’allora presidente della Camera Eduardo Cunha, dimessosi dopo essere stato travolto da accuse di corruzione, di aver avallato manovre contabili illegali per mascherare la recessione in vista della campagna elettorale per la sua rielezione nel 2014.

I voti a favore sono stati 61, ben oltre il quorum dei due terzi dei senatori di 54, ed i contrari solo 20, uno in meno di quelli dati per certi alla vigilia dallo staff di Dilma. I senatori hanno però respinto la richiesta di cassare i diritti politici di Dilma per otto anni, che la difesa della presidente deposta era riuscita a far scorporare dal presidente della Corte suprema, Ricardo Lewandovsi, dalla prima votazione.

Un punto importante a favore della ex presidente, almeno sul piano morale. Visto che l’impeachment – per sua stessa ammissione – costituisce “una condanna a morte politica”.

Dilma, un’ex guerrigliera marxista di origine bulgara arrestata e torturata in carcere durante la dittatura militare, si è sempre dichiarata innocente, ricordando che le pratiche fiscali alla base del procedimento di impeachment “sono state utilizzate da tutti i miei predecessori”.

Durante i nove mesi del procedimento, che hanno di fatto paralizzato l’attività parlamentare, le basi legali dell’impeachment sono state in effetti giudicate piuttosto fragili da molti giuristi e costituzionalisti. Ma in un parlamento polarizzato come quello brasiliano, le opposizioni hanno usato l’impeachment come una clava contro Dilma, ritenuta responsabile di una lunga serie di errori che hanno acuito la crisi economica e politica.

Aggravata ulteriormente dalle inchieste sugli scandali di mazzette elargite ai partiti dal colosso petrolifero Petrobras che hanno decapitato i vertici del Partito dei lavoratori, coinvolgendo anche il fondatore Lula. Da qui le accuse dell’ormai ex presidente Dilma di essere vittima di un “golpe costituzionale ordito da Michel Temer, dall’ex presidente della Camera, Eduardo Cunha, e dalle elite ultraconservatrici per prendere il potere senza passare dalle urne”.

Rousseff, 68 anni, mai indagata nelle inchieste di corruzione che hanno portato in carcere decine di politici di tutto l’arco costituzionale, è stata processata e condannata da un parlamento composto al 60 per cento da inquisiti.

E proprio questo aspetto, secondo Dilma, nasconderebbe il vero motivo dell’impeachment: prendere il potere per insabbiare l’inchiesta Lava Jato, la Mani Pulite brasiliana, condotta dal giudice Sergio Moro. Un sospetto che ha trovato conferma nella dimissioni di due ministri del governo di Temer, intercettati mentre discutevano su come ostacolare gli inquirenti.

Temer, che giurerà in una sobria cerimonia prima di partire per il vertice del G20 in Cina, ha detto che il suo sarà un governo di “pacificazione nazionale”, ed ha teso la mano alla nuova opposizione, guidata dal Pt.

Il nuovo presidente, 75 anni, leader del maggiore partito brasiliano che tuttavia non è mai riuscito a far eleggere attraverso le urne un proprio esponente alla più alta carica dello stato, non solo non avrà il sostegno del Pt, ma dovrà fare i conti anche con un Paese diviso e alle prese con un’economia in recessione da sei trimestri consecutivi, un’inflazione in doppia cifra e con un mercato del lavoro che ha perso due milioni di posti negli ultimi 12 mesi.

Senza contare le accuse rivoltegli da alcuni pentiti dell’inchiesta Lava Jato, che lo indicano come collettore di tangenti.

(Marco Brancaccia/ANSA)

Ultima ora

08:08Filippine: Duterte, sarò duro come Marcos con legge marziale

(ANSA) - BANGKOK, 24 MAG - La legge marziale a Mindanao "non sarà diversa da quella di Marcos. Sarò duro". Lo ha detto questa mattina il presidente filippino Rodrigo Duterte, dopo aver annunciato l'imposizione del provvedimento nell'isola del sud del Paese in seguito all'assalto di un gruppo ribelle islamico nella città di Marawi. "Ho detto a tutti, 'non costringetemi a farlo'. Ho detto che sarò duro", ha dichiarato Duterte, come riportato su Facbeook da un membro del suo staff. Il leader di Manila ha anche commentato sulla durata della legge marziale, aggiungendo che "se ci vuole un anno, allora lo faremo. Se finisce tutto in un mese, ne sarei felice". Secondo la Costituzione, il provvedimento - che dà maggiori poteri alle forze di sicurezza e permette di incarcerare sospetti senza accuse formali per lunghi periodi - è però valido per 60 giorni, ed eventuali estensioni devono essere approvate dal Congresso.

07:55Manchester: Empire State Building spento per vittime

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - L'empire State Building ha spento le sue luci questa notte, che illuminano lo skyline di New York, in segno di lutto per le vittime dell'attacco a Manchester, in Inghilterra. "In segno di profonda compassione per le vite perse a Manchester, rimarremo spenti", si legge sul profilo social dell'edificio icona di New York.

07:53Manchester: anche Yankee Stadium a Ny ricorda vittime

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - Un ricordo per le vittime dell'attacco a Manchester, in Inghilterra, anche allo Yankee Stadium di New York, dove ieri sera e' stato eseguito l'inno nazionale britannico 'God Save the Queen' insieme con 'The Star-Spangled Banner', prima dell'incontro tra le squadre di baseball degli New York Yankees e dei Kansas City Royals. "I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alle vittime a Manchester", e' la scritta comparsa sul tabellone dello stadio.

07:49India: autobus in un fiume in Uttarakhand, 21 morti

(ANSA) - NEW DELHI, 24 MAG - Un autobus che trasportava pellegrini è caduto ieri in India in un fiume dello Stato settentrionale di Uttarakhand, con un bilancio di almeno 21 morti e sette feriti. Lo ha reso noto la tv India Today. L'incidente à avvenuto quando il veicolo, che aveva a bordo 28 passeggeri provenienti dal santuario di Gangotri nell'Himalaya, è uscito per cause imprecisate dalla sede stradale finendo, vicino alla località di Nalupani, nelle acque del fiume Bhagirathi dopo un volo di 300 metri. Lo Stato di Uttarakhand e' ricco di templi indu' ma e' anche la meta di decine di migliaia di persone che fuggono dal clima torrido dei mesi di maggio e giugno per sfruttare la frescura delle localita' di alta collina e di montagna.

23:15Calcio:playoff Serie B,2-1 a Spezia, Benevento in semifinale

(ANSA) - BENEVENTO, 23 MAG - Nel secondo turno preliminare dei playoff di Serie B, il Benevento supera 2-1 lo Spezia e stacca il pass per la semifinale contro il Perugia. Di Ceravolo e Puscas le reti decisive per avere la meglio sui liguri, a segno con Nenè nella ripresa. Dopo una buona chance mancata dallo spezzino Vignali in avvio, i locali sfiorano il vantaggio con un traversone di Lopez su cui Chichizola si fa cogliere impreparato. L'impressione è che il portiere si trascini la sfera oltre la linea ma in B non c'è la goal line e si prosegue. La rete arriva al 21': Djokovic stende in piena area Eramo, l'arbitro non ha esitazioni ed assegna il penalty. Dal dischetto Ceravolo si fa parare il rigore ma sugli sviluppi del corner successivo trova l'1-0 di testa. Lo Spezia accusa il colpo e incassa il raddoppio al 24' con una bordata dalla distanza di Puscas. Nella ripresa gli ospiti accorciano le distanze al 68' con una conclusione da fuori del neoentrato Nenè.

21:53Migranti: media, 6,6 milioni in attesa di venire in Europa

(ANSA) - BERLINO, 23 MAG - Fino a 6,66 milioni di migranti attendono nei Paesi nordafricani, in Turchia e in Giordania di mettersi in viaggio verso l'Europa. Secondo la Bild il dato, aggiornato a fine aprile, è contenuto in un documento riservato delle autorità di sicurezza tedesche. A fine gennaio si trattava di 5,95 milioni di persone. In concreto fino a 3,3 milioni di migranti sono in attesa in Turchia (400.000 in più rispetto a gennaio), fino a un milione in Libia (-200.000), altrettanti in Egitto (+500.000), fino a 720.000 in Giordania (+10.000), fino a 430.000 in Algeria (+30.000), fino a 160.000 in Tunisia (+10.000) e fino a 50.000 in Marocco (-10.000). Inoltre 79.000 rifugiati (+1.000) sono bloccati lungo la rotta balcanica, di cui 62.500 in Grecia. Stando al documento, fino alla fine di aprile sono sbarcati in Italia 37.300 migranti, il 55% dei quali arrivano da Nigeria, Bangladesh, Guinea, Costa d'Avorio e Gambia.

21:38Calcio: Lega di Serie B, Corradino candidato alla Presidenza

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - ''Una candidatura per unire la Lega e trovare una soluzione politica alla nostra governance''. Parola di Andrea Corradino, candidato alla presidenza della Lega di Serie B, che a due giorni dalla Assemblea Elettiva della LNPB, prevista per giovedì 25 maggio, aggiunge: ''sento il dovere istituzionale e morale di offrire, in prima persona, una soluzione alla complessa situazione che la nostra Lega sta fronteggiando da qualche settimana, nella ricerca della ricostituzione dell'organo di presidenza dopo le dimissioni di Abodi''. ''Ho cercato in questi mesi di Vice Presidente facente funzioni - aggiunge Corradino - di garantire, con senso di responsabilità, rispetto per il ruolo e impegno, la più alta rappresentatività della Lega, supportato dal prezioso contributo dei consiglieri, ai quali ho costantemente riportato le risultanze della mia attività, coadiuvato dall'operato del Direttore generale e della sua struttura''.

Archivio Ultima ora