Terremoto: piogge e disagi nelle tendopoli

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Sisma: piogge e disagi nelle tendopoli

Sisma: piogge e disagi nelle tendopoli

AMATRICE (RIETI) – Le prime piogge sulle tendopoli, le strade rese ancora più impraticabili dal fango, i disagi di una vita senza più nulla, la terra che continua a tremare, con una scossa di magnitudo 3.8 in provincia di Macerata e una 3.9 in quella di Ascoli che hanno fatto rivivere l’incubo del 24 agosto a migliaia di persone: una settimana dopo il terremoto che ha squassato il centro Italia è chiaro a tutti che bisogna accelerare, per consentire alla gente che ha perso familiari e case di tornare alla normalità.

Di ricominciare a lavorare, avere relazioni libere e non imposte dalla convivenza forzata. Anche perché l’orrore non è ancora finito: dalle macerie dell’hotel Roma i vigili del fuoco hanno estratto l’ultima vittima ufficiale dell’albergo, un uomo che era sotto 10 metri di macerie. E all’ospedale di Pescara è morto il 23enne Filippo Sanna, rimasto per ore sotto i resti della sua casa, la vittima numero 294 di quel maledetto mercoledì.

Lo sa bene Matteo Renzi che durante l’incontro con la Merkel ha annunciato che il governo, nonostante le polemiche, procederà alla nomina di Vasco Errani a commissario per la ricostruzione. Un compito, quello che attende l’ex governatore dell’Emilia Romagna, tutt’altro che facile: non sarà semplice, passata l’emozione, far mantenere alla politica le promesse fatte sulle macerie.

Il premier, al termine dei funerali ad Amatrice, ha garantito che i soldi ci sono: la legge di stabilità sarà il primo banco di prova per capire se alle parole seguiranno i fatti, ma saranno soprattutto gli stanziamenti per i prossimi anni a dire se l’Italia avrà imparato o meno la lezione.

– Per ricostruire – ammette il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio – ci vorranno anni. Ma noi siamo già al lavoro.

Prima della ricostruzione, però, la politica e sopratutto il governo dovranno affrontare un altro problema: dove sistemare gli sfollati – ad oggi, secondo i dati della Protezione Civile, circa quattromila, in tre regioni – in attesa che, non prima di 4 mesi, siano pronte le casette di legno.

Al momento una decisione non è ancora stata presa: le riunioni di questi giorni serviranno per capire se far arrivare le roulotte nelle zone terremotate oppure spostare la gente negli alberghi. Ma quel che è certo è che non è pensabile lasciare i terremotati per più di un mese nelle tende: dunque entro qualche giorno al massimo la soluzione deve essere individuata.

Ad Amatrice e negli altri comuni terremotati, intanto, si prova a ripartire. Domani, negli uffici mobili delle Poste, sarà possibile ritirare la pensione, il Credito cooperativo di Roma aprirà sempre da domani un’agenzia mobile proprio ad Amatrice e sono in arrivo tre container per ospitare altrettante farmacie. Con la messa in sicurezza di un muro, inoltre, potrebbe riaprire anche uno dei caseifici del paese.

Anche alcune attività economiche cominciano pian piano a riaprire e poco importa che i clienti sono soprattutto soccorritori e non cittadini. Ha riaperto la ferramenta e ha riaperto il ristorante del villaggio ‘Scoiattolo’, a due passi dal ponte dei Tre occhi ad Amatrice. Il menù propone tre primi, amatriciana, gricia e cacio e pepe; tre secondi, bistecca di vitella, braciola di maiale e salsicce, due contorni, patate fritte e insalata.

– Non accettiamo prenotazioni – dice Laura – finché c’è cibo si mangia. C’è stato chiesto dalla protezione civile di dare una parvenza di normalità e questo stiamo facendo, se volete venire a cena le porte sono aperte.

Il tentativo di normalità è pure la prima convocazione del consiglio comunale di Arquata del Tronto anche se il segno forse più tangibile della ripartenza è l’inizio dei lavori per la realizzazione della scuola di Amatrice, nella zona di San Cipriano. La stanno realizzando 50 uomini della Protezione Civile del Trentino, con due ingegneri che lavorano a titolo gratuito. 24 moduli prefabbricati coperti da un tetto in legno, consentiranno di realizzare 10 aule per materne, elementari e medie, oltre ai servizi igienici.

– Stiamo predisponendo il terreno – spiega il responsabile del campo Giovanni Tomati -, subito dopo dovremmo gettare la base di cemento in cui passeranno tutti i servizi, acqua, luce, fognature, e poi montare i prefabbricati. Le cose vanno fatte bene e a norma, ma cercheremo di far entrare i ragazzi il 14 settembre”.

(Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

22:58Atletica: Europei a squadre, l’Italia è settima

(ANSA) - LILLA (FRANCIA), 25 GIU - Il secondo posto di Giordano Benedetti negli 800 metri, e l'1.94 superato da Alessia Trost (terza) nell'alto, sono le note liete della terza e ultima giornata degli Europei a squadre di Lilla. La notizia più negativa è invece l'infortunio muscolare patito da Fabrizio Donato: per il triplista azzurro, lo stop - avvenuto al secondo salto - ha significato l'abbandono della gara (a referto il 15,98 del primo tentativo). Nella classifica a squadre, l'Italia chiude al settimo posto: vittoria per la Germania, sul gradino più alto del podio davanti a Polonia e Francia. I tedeschi, malgrado lo 'zero' nell'asta donne, sono un rullo compressore (7 vittorie e 23 volte sul podio nelle 40 gare del programma), mentre gli azzurri ottengono complessivamente quattro secondi posti (ai tre di ieri, Pedroso, Santiusti e Fassinotti, si aggiunge oggi quello di Benedetti). Rispetto al 2015, la formazione italiana scende un gradino nella graduatoria finale.

Archivio Ultima ora