Terremoto: piogge e disagi nelle tendopoli

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Sisma: piogge e disagi nelle tendopoli

Sisma: piogge e disagi nelle tendopoli

AMATRICE (RIETI) – Le prime piogge sulle tendopoli, le strade rese ancora più impraticabili dal fango, i disagi di una vita senza più nulla, la terra che continua a tremare, con una scossa di magnitudo 3.8 in provincia di Macerata e una 3.9 in quella di Ascoli che hanno fatto rivivere l’incubo del 24 agosto a migliaia di persone: una settimana dopo il terremoto che ha squassato il centro Italia è chiaro a tutti che bisogna accelerare, per consentire alla gente che ha perso familiari e case di tornare alla normalità.

Di ricominciare a lavorare, avere relazioni libere e non imposte dalla convivenza forzata. Anche perché l’orrore non è ancora finito: dalle macerie dell’hotel Roma i vigili del fuoco hanno estratto l’ultima vittima ufficiale dell’albergo, un uomo che era sotto 10 metri di macerie. E all’ospedale di Pescara è morto il 23enne Filippo Sanna, rimasto per ore sotto i resti della sua casa, la vittima numero 294 di quel maledetto mercoledì.

Lo sa bene Matteo Renzi che durante l’incontro con la Merkel ha annunciato che il governo, nonostante le polemiche, procederà alla nomina di Vasco Errani a commissario per la ricostruzione. Un compito, quello che attende l’ex governatore dell’Emilia Romagna, tutt’altro che facile: non sarà semplice, passata l’emozione, far mantenere alla politica le promesse fatte sulle macerie.

Il premier, al termine dei funerali ad Amatrice, ha garantito che i soldi ci sono: la legge di stabilità sarà il primo banco di prova per capire se alle parole seguiranno i fatti, ma saranno soprattutto gli stanziamenti per i prossimi anni a dire se l’Italia avrà imparato o meno la lezione.

– Per ricostruire – ammette il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio – ci vorranno anni. Ma noi siamo già al lavoro.

Prima della ricostruzione, però, la politica e sopratutto il governo dovranno affrontare un altro problema: dove sistemare gli sfollati – ad oggi, secondo i dati della Protezione Civile, circa quattromila, in tre regioni – in attesa che, non prima di 4 mesi, siano pronte le casette di legno.

Al momento una decisione non è ancora stata presa: le riunioni di questi giorni serviranno per capire se far arrivare le roulotte nelle zone terremotate oppure spostare la gente negli alberghi. Ma quel che è certo è che non è pensabile lasciare i terremotati per più di un mese nelle tende: dunque entro qualche giorno al massimo la soluzione deve essere individuata.

Ad Amatrice e negli altri comuni terremotati, intanto, si prova a ripartire. Domani, negli uffici mobili delle Poste, sarà possibile ritirare la pensione, il Credito cooperativo di Roma aprirà sempre da domani un’agenzia mobile proprio ad Amatrice e sono in arrivo tre container per ospitare altrettante farmacie. Con la messa in sicurezza di un muro, inoltre, potrebbe riaprire anche uno dei caseifici del paese.

Anche alcune attività economiche cominciano pian piano a riaprire e poco importa che i clienti sono soprattutto soccorritori e non cittadini. Ha riaperto la ferramenta e ha riaperto il ristorante del villaggio ‘Scoiattolo’, a due passi dal ponte dei Tre occhi ad Amatrice. Il menù propone tre primi, amatriciana, gricia e cacio e pepe; tre secondi, bistecca di vitella, braciola di maiale e salsicce, due contorni, patate fritte e insalata.

– Non accettiamo prenotazioni – dice Laura – finché c’è cibo si mangia. C’è stato chiesto dalla protezione civile di dare una parvenza di normalità e questo stiamo facendo, se volete venire a cena le porte sono aperte.

Il tentativo di normalità è pure la prima convocazione del consiglio comunale di Arquata del Tronto anche se il segno forse più tangibile della ripartenza è l’inizio dei lavori per la realizzazione della scuola di Amatrice, nella zona di San Cipriano. La stanno realizzando 50 uomini della Protezione Civile del Trentino, con due ingegneri che lavorano a titolo gratuito. 24 moduli prefabbricati coperti da un tetto in legno, consentiranno di realizzare 10 aule per materne, elementari e medie, oltre ai servizi igienici.

– Stiamo predisponendo il terreno – spiega il responsabile del campo Giovanni Tomati -, subito dopo dovremmo gettare la base di cemento in cui passeranno tutti i servizi, acqua, luce, fognature, e poi montare i prefabbricati. Le cose vanno fatte bene e a norma, ma cercheremo di far entrare i ragazzi il 14 settembre”.

(Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

06:56Corea Nord: Francia a Onu, linea dura Consiglio sicurezza

(ANSA) - NEW YORK, 29 APR - L' ambasciatore francese all' Onu, Francois Delattre, ha detto, dopo il fallito lancio di un missile a medio raggio da parte di Pyongyang, che il Consiglio di sicurezza è "mobilitato" e unanime sulla necessità di denuclearizzare la Corea del Nord. "Anche se ci sono delle 'sfumature' sulle politiche da attuare tra i membri del Consiglio - ha detto - c'è unanimità sulla necessità che la Corea del Nord rinunci alle sue armi nucleari!. "Il Consiglio - ha aggiunto - deve essere "molto fermo" nell'implementare sanzioni, adottarne di nuove se necessario e denunciando le violazioni dei diritti umani da parte della Corea del Nord".

06:52Corea Nord: Giappone in stato d’allerta dopo lancio missile

(ANSA) - TOKYO, 29 APR - Il governo giapponese rimane in stato di allerta dopo il fallito lancio di un missile balistico da parte della Corea del Nord. I ministri dell'esecutivo si sono riuniti urgentemente nella sede del Consiglio nazionale di sicurezza, nella mattinata di sabato, e hanno confermato che si sta analizzando ogni tipo di informazione, incluso il tipo di missile utilizzato nell'esperimento di Pyongyang, e il governo continuerà a tenere i cittadini informati, garantendo la sicurezza dello spazio aereo e i confini navali. Il capo di Gabinetto Yoshihide Suga ha affermato in una conferenza stampa che il Giappone è "preparato a rispondere a ulteriori provocazioni della Corea del Nord". Il sistema dei trasporti della metropolitana di Tokyo, per la prima volta ha interrotto i servizi per 10 minuti alle 6.07 del mattino, quando è stata rilasciata l'informazione del lancio del missile, così come il servizio dei treni veloci Shinkansen, lungo il versante occidentale dell'arcipelago, nella prefettura di Ishikawa.

06:45Filippine: ucciso in scontri noto esponente Abu Sayyaf

(ANSA) - MANILA, 29 APR - I marines filippini hanno ucciso un comandante del gruppo terrorista di Abu Sayyaf ritenuto responsabile di un gran numero di rapimenti nel sud del Paese. Il generale Eduardo Ano ha detto all'Ap che Alhabsy Misaya è stato ucciso durante uno scontro nella giungla tra le città di Indanan e Parang, nella provincia di Sulu. Misaya è accusato del rapimento di decine di ostalli malesi e indonesiani, due dei quali sono stati decapitati. Il suo corpo è stato identificato da alcuni militanti di Abu Sayyaf catturati. L' esercito filippino ha intrapreso una pesante offensiva contro l' organizzazione terroristica, nella lista nera di Stati Uniti e Filippine.

06:41Papa: conclude visita in Egitto

(ANSA) - IL CAIRO, 29 APR - Papa Francesco conclude oggi la sua visita in Egitto dedicandosi interamente, sempre al Cairo, all'aspetto pastorale, con l'abbraccio della piccola ma vivace comunità copto cattolica. Il programma prevede la messa del Pontefice alle 10.00 nello stadio dell'Aeronautica, in un contesto praticamente 'blindato'. Vi parteciperanno, oltre a rappresentanti governativi, anche molti musulmani e copto ortodossi. Alle 12.15 Francesco sarà poi a pranzo in Nunziatura con i 15 vescovi copto cattolici. Alle 15.15, nel seminario patriarcale, è invece in programma l'incontro di preghiera con il clero, i religiosi, le religiose e i seminaristi. Alle 16.45 la cerimonia di congedo all'aeroporto internazionale del Cairo e alle 17.00 la partenza del volo di ritorno per Roma, con arrivo previsto a Ciampino alle 20.30. Durante il volo, il Papa dovrebbe come sempre rispondere alle domande dei giornalisti.

02:22Corea Nord: Usa, missile esploso in volo, non era minaccia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il missile lanciato dalla Corea del Nord è esploso in volo sopra la terraferma, non è uscito dal territorio nordcoreano e quindi non ha rappresentato una minaccia per l'America del nord: lo afferma il comando Usa del Pacifico. Il lancio è avvenuto dalla base di Pukchang, nella Corea del nord e non ha neanche raggiunto il Mar del Giappone, secondo quanto riferiscono dirigenti Usa citati dalla Cnn. Secondo questi, il missile era probabilmente un vettore balistico di medio raggio del tipo Kn-17 il cui volo sarebbe durato solo 30-40 chilometri. ''La Corea del nord ha mancato di rispetto agli auspici della Cina e al suo altamente rispettato presidente lanciando oggi, anche se senza successo, un missile. Male!'': ha twittato Donald Trump subito dopo essere stato informato. Secondo alcuni media, che citano fonti della Casa Bianca, l'amministrazione Trump potrebbe comunque accelerare l'ipotesi di nuove sanzioni o decidere ulteriori esercitazioni navali o l'invio di aerei o navi come prova di forza.

01:14Spara ai Cc e si barrica in casa, poi anziano si arrende

(ANSA) - RAVENNA, 29 APR - Si è arreso l'uomo di 86 anni che nella serata di venerdì si era barricato con un fucile nella sua villetta a Bagnacavallo, nel ravennate, dopo avere sparato alcuni colpi contro i carabinieri che si erano recati all'abitazione per rintracciare la sua badante e che sono rimasti illesi. L'epilogo è giunto grazie all'intervento di un negoziatore del comando provinciale dell'Arma, che ha suggerito come comportarsi ad un parente che poi 'traduceva' in dialetto romagnolo all'anziano, in questo modo rassicurandolo. L'86enne a quel punto si è convinto a uscire e ad arrendersi ai militari. Sono ancora al vaglio le ragioni del suo gesto.

00:36Afghanistan: Pentagono, forse ucciso capo Isis locale

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il Pentagono ritiene che Abdul Hasib, considerato il capo dell'Isis nel Paese, possa essere stato ucciso durante una operazione in Afghanistan nel quale sono morti anche due militari americani, probabilmente vittime di 'fuoco amico'. Insieme ad Hasib sarebbero stati uccisi "diversi alti responsabili dell'Isis e di Khorassan, la sua filiale locale'' e "sino a 35 militanti", secondo fonti del Pentagono.

Archivio Ultima ora